TSMC, investimento per il 2022 da record: 44 miliardi per produrre più chip

13 Gennaio 2022 15

44 miliardi di dollari per incrementare la produzione e rispondere alle richieste di un mercato piegato dalla crisi. O almeno provarci, visto che la curva di domanda resta ben più alta di quella che è la capacità dei produttori, categoria di cui TSMC è il maggior rappresentante.

L'investimento emerge dall'ultimo rapporto sugli utili, nel quale è segnata tra le previsioni di spesa per il 2022 una cifra compresa tra i 40 e i 44 miliardi di dollari, quasi il 50% in più del precedente record che risale all'anno scorso quando TSMC spese 30 miliardi di dollari per incrementare la produzione. E chissà che questi investimenti monstre non finiscano per erodere anzitempo il "tesoretto" da 100 miliardi in tre anni che l'azienda ha annunciato nel corso del 2021.

La cifra record per il 2022 suggerisce che TSMC non prevede un'attenuazione della crisi dei chip nel breve periodo. Anche se la domanda dovesse calare - sarebbe l'idea predominante tra i corridoi dell'azienda taiwanese - crescerà parallelamente la richiesta di silicio per le applicazioni che richiedono tecnologie particolarmente avanzate e raffinate, che sono in aumento. La dichiarazione di CC Wei, CEO di TSMC, raccolta dal Financial Times è piuttosto eloquente:

La domanda potrebbe flettere in termini numerici (di chip richiesti, ndr), ma il contenuto di silicio è in aumento.

Le previsioni di crescita per il 2022 elaborate dall'azienda per l'industria dei chip sono più che buone: ci si aspetta un +20%, con TSMC che prevede per se stessa di bissare il +25% di fianco alla voce ricavi del 2021. E perché no, magari di andare anche oltre. Nonostante il pericolo Intel, che attualmente commissiona i processori a TSMC ma che sta investendo per mettersi in proprio sperando di recuperare il gap tecnologico non solo con TSMC, ma anche con Samsung: il CEO CC Wei ha detto di aver già soppesato il rischio che possa venire a mancare la commissione di "uno dei clienti" (riferimento non troppo velato a Intel).


15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fabio Borsato

Noi siamo nani

Fabio Borsato

40 miliardi e una cifra esorbitante vogliono preparsi in caso Intel se ne va ...
Il mercato e in forte sviluppo ( domotica automazione industriale auto elettrica)
Quindi e un investimento per un futuro di molti microchip.

Sticazziato Davide

Che sia un passo verso la normalità?

Non caleranno.
Inoltre ci vorranno anni perchè questi soldi diventino processi produttivi operativi.

Direi di sì.
un decimo del più grande colosso non é male.

Michela Belmonte

È comunque un inizio

Andrej Peribar

continueranno così

Alexxx

Quindi teoricamente i prezzi caleranno leggermente o sbaglio? o , come sempre, una volta alzati i prezzi i gran furboni continueranno cosi?

Massimo

io proporrei di aspettare, anche perchè conta molto anche quanto sarà presente l'emergenza sanitaria nei paesi che hanno alzato di molto la richiesta di prodotti finiti

Dr. Pepper

Proporrei una loro riunione così s'accordano.

intel e samsung dicono 2023, se proprio dovessi scegliere...

Dr. Pepper

Ma le affermazioni del CEO di Advanced Micro Devices non possono passare inosservate.

c'è anche chi dice almeno tutto il 2022 e parte del 2023.
diciamo che sparando a caso tutte le posssbili combinazioni qualcuno alla fine ci azzecca

Dr. Pepper

Lisa Su dice che già a metà del 2022 la crisi sarà agli sgoccioli.

Intel Alder Lake-H ufficiali al CES: 14 core per i notebook e desktop 16 core da 65W

Recensione NZXT Kraken Z73: ecco come se la cava con l'Intel Core i9-12900K - TEST

Gigabyte RTX 3080 Gaming OC, un anno dopo: recensione e test con NVIDIA NIS

Recensione Apple MacBook Pro 14 con M1 Pro, che goduria!