ASUS: supporto per Windows 11 anche su vecchie CPU e schede madri

27 Agosto 2021 75

La diatriba sui requisiti hardware per Windows 11 va avanti e vede aziende di calibro come ASUS (ma non solo) cercare in qualche modo di "aggirare" i suggerimenti di Microsoft riguardo la possibilità di estendere il supporto a prodotti di vecchia generazione (CPU/schede madri), spesso ancora validi sotto il profilo prestazionale, meno su quello della sicurezza.

Chi ha seguito la vicenda da quando Microsoft ha annunciato Windows 11 si sarà fatto sicuramente un'idea sulla situazione: sostanzialmente l'esclusione di alcune piattaforme hardware è legata a una questione di sicurezza e di TPM (ne abbiamo parlato QUI), lasciando di fatto "fuori dalla lista" le piattaforme AMD pre-Ryzen e quelle Intel antecedenti ai Core di 8a generazione (parliamo di desktop per comodità).


In realtà le varie aziende produttrici hanno da subito cercato di cambiare le carte in tavola, e nonostante una prima "lista" di componenti e PC compatibili che sposavano le linee guida Microsoft, hanno iniziato ad estendere il supporto per Windows 11 a prodotti che si spingono per esempio sino agli Intel Core di 6a e 7a generazione, ufficialmente non raccomandati da Redmond per la prossima versione di Windows.

Tra i vari produttori c'è ovviamente chi ha un peso maggiore in questi casi, ASUS sembra essere tra questi visto che nella pagina ufficiale dedicata ai prodotti compatibili con Windows 11 (schede madri) continua ad aggiungere a questa lista diversi modelli di schede madri (con relative CPU quindi) basati su piattaforma Skylake e Kaby Lake con chipset Intel serie 100 e 200.


Nella lista in questione (trovate il link nel VIA) notiamo che in fondo alla pagina si trova una sezione dedicata solo ai vecchi modelli sopracitati, allo stesso tempo l'azienda si tutela specificando che tali prodotti sono tuttora in fase di test e che la stabilità/funzionalità degli stessi potrebbe dipendere anche dalla disponibilità o meno di driver di terze parti.

Questa mossa di ASUS - seguita a ruota dai competitor anche se in misura minore - da un lato è da elogiare, allo stesso tempo però potrebbe creare ulteriore confusione tra gli utenti che, con un numero così cospicuo di prodotti "non ufficialmente compatibili", potrebbe iniziare a chiedersi se la stessa Microsoft abbia le idee perfettamente chiare a proposito. Del resto le polemiche non sono mancate neanche tra gli Insider, decisamente attratti dalla nuova versione di Windows, ma non proprio contenti delle scelte effettuate finora da Microsoft.

VIDEO


75

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Nonno Simpson

Lo so che non è necessario formattare. Sono io che periodicamente lo faccio. Major update o meno

Romolo

Comunque ancora oggi IL TERMINE CHIAREZZA e MICROSOFT fanno a pugni.

M D

mi pare che sul bios della mia z97 hero c'è pure la voce "secure boot".
anche io ho un i7 4790k, occato a 4,5 tutti i core e 4,2 per la cache, con meno 50 mv per entrambi. ancora oggi ottimi processori... altro che win11 potrebbero far girare...

STAFF

Sì, sono per la GPU integrata. Non ti servivano questi?

Carlettodj

ok grazie

al3xb3rg

L'unico problema è che non si avvierà il sistema operativo, quindi dovrai formattare e reinstallare da capo. Ti conviene aspettare e farlo con Windows 11 stabile.

STAFF

https://www.intel.com/content/www/us/en/download/19344/intel-graphics-windows-10-windows-11-dch-drivers.html

cosmon560

Sto usando Windows 11 su un i5-4590 e gira benissimo, forse meglio anche del 10.
Questi requisiti minimi per il processore non hanno assolutamente senso.

FabioGr

non è necessario formattare... basta solo attivare la relativa voce nel bios

Nonno Simpson

non era tenuta ma sarebbe stato da sc.e.mi non farlo.

Nonno Simpson

possibilità o meno, comunque non lo avrei acquistato xD è una macchina sulla quale non credo di volerci investire. Fosse costato 5/10 euro avrei potuto farci un pensierino ma ovviamente sarebbe stato solo per sfizio, non mi serve.
Per quanto riguarda il TPM firmware non saprei, quando dovrò formattare mi porrò il problema

FabioGr

La tua mobo ha, quasi sicuramente, la possibilità di attivare il modulo TPM firmware integrato dal BIOS... non c'è necessariamente bisogno del TPM hardware

STAFF

Ovvio, saputo della notizia certa gente ha comprato tutti i TPM che poteva, ed ora li rivende al 1000%. Come quelli che vendono le PS5 a 1000 Euro, se nessuno comprasse queste cose sovraprezzate questi rimarebbero con un pugno di mosche in mano ed uno scatolone di TMP/PS5/quellocheè invenduti.

STAFF

No, Intel non era tenuta a supportare quelli di sesta e settima generazione, soprattutto se Microsoft non cambia idea. Se Microsoft decide che il requisito minimo è avere un Intel di ottava generazione, perché dai per scontato che Intel rilasci i driver per Windows 11 per le CPU di sesta e settima generazione? Io sapevo che se si fa un installazione pulita la CPU non conta basta avere il TPM 2.0, e il Secure Boot.

Nonno Simpson

per sfizio sono andato a vedere,senza alcuna intenzione di acquistarlo, quanto potesse costare un modulo TPM 2.0 per la mia Mobo, una AsRock h170 Perfotmance/ Hyper fatal1ty... niente raga, sta più della scheda madre :D altro che poche decine di euro, penso che in questo momento ci si stia speculando sopra alla grandissima.

Nonno Simpson

e ti pare poco? il Sistema operativo lo fa microsoft. Che intel rilasci i driver mi pare il minimo.

Nonno Simpson

non posso installare windows 11 in modo ufficiale senza giocare con le chiavi di registro sul mio 6700K. Microsoft, almeno fino a qualche tempo fa, non so se ora ha cambiato posizione, ha deciso di supportare dall' 8th gen in poi.

Salvatore Provino

Okay, non lo sapevo. Fortunatamente https://youtu.be/1w3biMwl9m4

saturn3000

Se è per questo ha tolto anche la limitazione sulle CPU ma solo per testare come insider, questo perché gli serve testare Windows 11 su quanti più computer possibili, ciò non vuol dire che quando uscirà la versione definitiva di Windows 11 queste limitazioni non ci saranno.

Per ora nessuno lo sa. Io so solo che quando cambiai da W7 64bit a W10 64bit ho guadagnato + o - un 10% nei videogiochi, nello specifico TW3. :)

Just.In.Time

Avevo scritto sopra la configurazione abbastanza vecchia...
Da capire se sul 4790k win11 girerà benissimo o perderà performance.

ADeltaX

https://uploads.disquscdn.c...

Invece lo supporta, magia!

Salvatore Provino

Allora Windows 11 sarà disponibile al lancio per la tua CPU!

Jacksoft

Per quanto riguarda l'obsolescenza "nì". Solitamente questi macchinari girano offline o al massimo in una intranet e ci sono contratti (salati) per ricevere ancora patch di sicurezza. Il modulo TPM esiste già dai tempi di Vista, se non sbaglio, anche se mai usato (ricordate la disinformazione su Palladium?). Alcuni portatili business con Windows 7, per esempio, avevano AES e TPM per usare BitLocker. Quindi una mezza cosa c'era. Manca però il supporto al UEFI+Secure Boot, più altre cose che ci sono nei sistemi più moderni.
Ad ogni modo un ATM difficilmente verrà aggiornato ad un nuovo OS che rischia di far "non funzionare" il software di gestione e l'hardware su cui gira, perché paradossalmente si perderebbero MOLTI più soldi che usare un sistema "obsoleto".

STAFF

Non ho mai nominato la 4th gen. Ho detto che Intel dà il supporto ufficiale a Windows 11 per le CPU di 6th gen in poi. Devi andare sul sito di Intel per scaricare i driver Intel. Che poi Microsoft non supporti ufficialmente le CPU di 6th e 7th gen è diverso. Ma sai che i driver ufficiali ci sono. Anche la serie 8 delle schede Wi-Fi Intel (roba dell'era Windows 7) è compatibile con Windows 11...

Salvatore Provino

AMD non supporta HVCI sui Ryzen 1xxx, idem Intel su 7500U. È software, certo, ma il problema non è Microsoft cattiva. Lungi da me difenderlo che sono il primo dei loro critici, ma questa polemica su Windows 11 lascia davvero il tempo che trova.

Roberto

sono passato a Linux....era ora...mi chiedo perchè non l'ho fatto prima

Su B550 occhio perchè potrebbe avere un nome diverso e va attivato in due passaggi. :\

Just.In.Time

Nel bios c'è la voce nella scheda boot, sarà quello boh

Serve anche il secureboot.
;)

Stuzzica

intanto MICROSOFT ha tolto la limitazione del TPM 2.0 cosi da testare le prestazioni per tutte le macchine insider -_-

Just.In.Time

Sul sito ufficiale microsoft la serie 4th 6th e 7th non compaiono.

Just.In.Time

Il mio sistema 4790k e z97 ha un bios che abilità il tpm, non dovrebbero esserci problemi se forniscono il bios con il tpm.

Romolo

Ok ma sicuramente obsolete e non sicure allora. Perchè sprovviste del modulo TPM

Carlettodj

domanda, ho un mini pc con ryzen 7 3750h, tutto ok tranne che secure boot e modulo tpm disabilitato, se li abilito entrambi avrò problemi con il sistema già installato?

Jacksoft

Sono versioni Enterprise che viaggiano separatamente dai canali mainstream.

Alexv

Quello si attiva tramite Windows, al processore serve che supporti la virtualizzazione.

SpiritoInquieto

Verissimo, qui c'è gente che dice il contrario. Ma invece è così, i Ryzen 1st gen supportano TUTTO.

Romolo

pure la mia Asus H97 ME ha lo slot per il modulo, peccato che il mio i7 4790k non è supportato e di moduli a prezzi umani non ne vendono.

Anto

Anche i Ryzen di prima generazione

Dave

Asus ha aggiornato anche i Bios delle schede madri per CPU AMD. La mia Prima X470 Pro ha disponibile la versione 5854 che elenca proprio "Compatibilità con Windows 11". Io avevo già l'fTPM attivato :)

STAFF

Le CPU di Intel dalla 6th gen in poi supportano ufficialmente Windows 11. Sono stati rilasciati già i driver.

Migliorate Apple music

C’è un articolo su Dday che lo spiegava

Migliorate Apple music

Per ora no, ma infuturo si potrà usare direct storage

Ritornoalfuturo

con Windows 11 e dischi mnve c'è qualche vantaggio prestazionale ?

Andrea

Qualcuno può spiegarmi nello specifico perché tutta sta roba sulla sicurezza con Windows 11?
Perché da come interpreto dai commenti, Windows 10 (e in genere i computer senza tpm o hvci) sono meno sicuri a sto punto.

(Premessa, ho un Sueface Go2 compatibile e ho già ricevuto più volte la notifica di avviso)

RoRo

Si resta con Windows 10 allora, non è un gran problema, sarà supportato ancora a lungo. Tanto fra 4-5 anni facile che si cambierà comunque l'hardware, quindi comprare un TPM adesso sono soldi buttati (e regalati agli scalper, che non meritano nulla se non perdere soldi).

RoRo

Un altro ottimo motivo allora per non comprare moduli TPM.

Goose

Tra 3-4 anni avrò cambiato computer

Goose

Anche Haswell supporta perfettamente il TPM 2.0, l'ASUS Z87 Deluxe ha lo slot per il modulo ed è ufficialmente supportato secondo le caratteristiche sul sito ASUS. Il problema è che non si trovano più.

Recensione Samsung Galaxy Book Pro 360, convertibile super sottile e leggero

Facciamo il punto su Windows 11: tutto ciò che bisogna sapere

Windows 11, Microsoft cambia idea sui requisiti: solo sistemi recenti

Recensione ASUS ROG Zephyrus S17, tanta roba ma che prezzo!