Mercato semiconduttori: Samsung di nuovo in testa, Intel insegue

23 Agosto 2021 14

Il 2021 sarà ricordato probabilmente come uno degli anni più neri per il settore dei semiconduttori: nel corso di questi mesi la crisi legata alla pandemia ha colpito forte sul mercato dei chip, con pesanti conseguenze che si sono estese praticamente a tutti i rami dell'industria globale. In questo contesto il mercato IT è stato sicuramente quello più penalizzato: da un lato la scarsa disponibilità di materie prime e i problemi sulla catena produttiva, dall'altro disponibilità ai minimi storici e prezzi alle stelle, ulteriormente disturbati da elementi secondari - se così vogliamo chiamarli - come il mining di criptovalute e gli speculatori.

Nonostante questo "calderone" di problemi, il mercato dei semiconduttori ha mostrato buoni segnali di ripresa nel secondo trimestre, un dato confermato dagli ultimi dati forniti da icinsights nel mensile McClean Report; quest'ultimo in sostanza stila una classifica dei primi 25 produttori del settore, in questo caso con una particolare attenzione per le prime dieci aziende.


Stando a quanto riportato, il secondo trimestre dell'anno ha visto le vendite salire di circa il 10% su base trimestrale, un dato importante che in primis fa ben sperare in ottica futura. Il report, che fa riferimento alle vendite di circuiti stampati, optoelettronica e sensori sottolinea come i tra i primi dieci fornitori ci siano ben sei aziende statunitensi, affiancate da due coreane (Corea del Sud) e due taiwanesi.


I dieci big di settore hanno totalizzato vendite per ben 95,5 miliardi di dollari, di questi ben 20,3 miliardi di dollari sono finiti nelle tasche di Samsung, attualmente leader di mercato davanti al competitor di sempre Intel, ora al secondo posto con 19,3 miliardi di dollari di vendite su base trimestrale. Samsung ha tratto beneficio dall'aumento di domanda per memorie DRAM e Flash, nonchè dall'incremento dei prezzi registrate durante il corso di questo primo semestre.

Le previsioni per l'imminente futuro sono altrettanto ottime secondo icinsights: per il terzo trimestre si stima una crescita di un ulteriore 10%, soprattutto per Samsung che, calcolatrice alla mano, dovrebbe rimanere salda in testa sulla rivale Intel. Tra gli altri dieci grandi nomi troviamo poi TSMC (terza) e Qualcomm, al sesto posto davanti ad NVIDIA.


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Pistacchio
Iena_Reloaded

vero, da me quando lo si fa a casa da tralascia la soda....

SteDS

Oppure "Pirlo"

xan

samsung è ancora piu un casino, perchè produce sia gli exynos internamente che altro per conto terzi. ahahha un bordello

Maurizio Mugelli

stronz4te.
il 2021 e' stato un anno record per la produzione di semiconduttori, tmsc ha quasi duplicato il fatturato rispetto al 2019 e tutti gli altri non sono stati da meno.

e' la domanda ad essere quadruplicata, non l'offerta ridotta.

Watta

assolutamente no!

Iena_Reloaded

dicasi "spritz campari" o "campari spritz"...

centrale

1 volta anche per Samsung

xan

mai capito il senso di questo report in cui vengono mischiate le fabless con le foundry.

cioè un chip snapdragon lo contano 2 volte? 1 volta per TSMC ed 1 volta per qualcomm ??

vai vai... arrivo subito, ho un sacco di buone nuove ho incontrato un amico espertissimo di politica, poi ti racconto.

Watta

io intanto ordino anche per te.
campari col prosecco??

Ti raggiungo dopo faccio prima un giro sul sito della gazzetta

Wakizashi

E' la qualità del silicio che fa la differenza.

Watta

bene a sapersi! vado a fare il figo al bar adesso

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo