CPU Intel Alder Lake-S: consumi in aumento rispetto ai Rocket Lake-S

06 Agosto 2021 31

La notizia, ancora non ufficiale, in realtà non stupisce più di tanto se guardiamo al recente passato, tuttavia, quando si parla di processori Intel e consumi la questione è sempre molto sentita e sotto l'attento occhio degli addetti ai lavori. Negli ultimi anni l'avanzamento tecnologico ha permesso ai produttori di affinare notevolmente i processi produttivi con risultati più o meno lineari che, allo stesso tempo, non sono sempre scontati e semplici da raggiungere.

AMD per esempio ha fatto ottimi progressi passando dai 14 ai 7 nm, mentre Intel dopo anni di sviluppo ha finalmente deciso di passare definitivamente alla tecnologia 10nm SuperFin che, dati alla mano, dovrebbe quantomeno permettere migliorare l'efficienza energetica.

I modelli di punta Intel Rocket Lake-S possono superare anche i 400W di consumo.

Come anticipato sopra, il condizionale è sempre d'obbligo, soprattutto dopo le ultime esperienze con gli Intel Core 11a gen "Rocket Lake-S" capaci in alcune circostanze di toccare e superare un assorbimento di 400W (vedi il Core i7-11700K per esempio). Secondo le ultime indiscrezioni trapelate da FCPOWERUP e provenienti proprio da un documento interno Intel, le cose potrebbero non migliorare con i processori Core 12a gen "Alder Lake-S" che, a quanto pare, avrebbero dei requisiti di corrente (parliamo di picco massimo) più alti degli attuali Core 11a gen desktop.


Nella tabella estrapolata sopra, notiamo come per i modelli Alder Lake-S da 125W (ossia la serie K) il picco massimo di corrente passa da 34 a 39 Ampere che, tradotto in watt, equivale a un consumo massimo teorico di 468 watt contro i 408 watt di un equivalente Rocket Lake-S da 125W (+14,5%).

Le cose non vanno meglio con i modelli con TDP da 35 e 65 watt, con questi ultimi che si avvicinano pericolosamente a un aumento del consumo del 30% (28,3% per la precisione); i processori più "green" della serie saranno appunto quelli della serie 35 (TDP 35W) che però riusciranno a consumare sino a 246W, un serio problema se la guardiamo dal punto di vista dei sistemi di dissipazione. Ribadiamo che siamo di fronte a dati al momento non ufficiali e rimaniamo in attesa di eventuali dichiarazioni/comunicazioni da parte dell'azienda di Santa Clara.


31

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Sebastian Iraola

In realtà quei consumi secondo appunto quei test, sono stati rilevati con applicazioni AVX-512. Ma in uno scenario di uso comune e anche produttivo (senza AVX-512) non si arriverebbe mai ad un consumo così alto. Quindi secondo me è irrealistico presentare questa cpu come una cpu che può consumare fino a 400w dato che un simile scenario si presenterebbe solo su di un test. IMO

Berserker02

Non mi pare che siano situazioni in cui si usino le AVX pesantemente .....

Berserker02

Li venderanno compresi di raffreddamento a bagno d'olio ....

Berserker02

Amd con i ryzen ottiene le stesse prestazioni 8e anche di più) con consumi nettamente più bassi. E gli ARM consumano significativamente di meno. Non è la tecnologia del silicio a essere fallace.

Marco Coletti

Già, ma come hai giustamente detto, tutto va in calore prima o poi.
La vita dell'energia elettrica accumulata nelle capacità parassite è lunga quanto un ciclo di clock.

ghost

Per fortuna, non avevo comprato la legna per questo inverno

Alessio Ferri

Tutto va in calore prima o poi. Però essendo CMOS dinamici una parte serve per caricare i condensatori. Ed essendo connesso e non isolato, un'altra parte va per caricare i bus di interconnessione.

opt3ron

Probabilmente per supportare il pcie 5.0 è stata aumentata la RAM massima da 128GB a 192 o 256GB aumentando i consumi , dopo 4 serie di CPU a 128GB è normale che ciò avvenga .

Marco Coletti

Va in calore per almeno il 99%. Per il resto è un po' di irradiazione elettromagnetica.
Switchare un transistor significa farlo passare da una situazione di corrente prossima a zero e tensione massima (prossima a quella di alimentazione) ad una situazione di corrente alta e tensione prossima a zero (saturazione). In entrambi gli stati e anche durante il passaggio l'energia elettrica si dissipa in calore.

Sistox v2

Immagino già le mobo a 300€ perché l'alimentazione dovrà essere lo stato dell'arte

Leonardo

Pensavo Marte, non si finisce mai di imparare.

Leonardo

Un i7 11700k non consumerà mai 400w, neanche pesantemente overcloccato in un custom loop. Quel numero lo hanno tirato fuori includendo l'intero consumo del sistema in uno stress test. IMO riportare il consumo totale del computer mentre si testa una CPU non ha molto senso; specialmente considerando quanto sia semplice vedere quanto effettivamente consumi il solo processore.
Queste notizie lasciano il tempo che trovano: quando usciranno le CPU si vedrà.

Zeronegativo

Insomma han preso un valore semplice e han iniziato a generare eccezioni.
Comunque in un paragrafo mi pare di aver letto che quando Giove è in transito in prima casa, possono consumare 10w extra.

Alessio Ferri

C'è sempre il sistema di raffreddamento industriale

faber80

Ma questi son pazz i, cpu da 35w che possono raggiungere i 250w.
Pur di spremere un pò di prestazione li fanno diventare forni crematori.
E contro la serie 6xxx di amd che fanno? in bundle un aio da 2 litri ?

Leonardo

Intel ha due TDP: PL1 e PL2. PL2 è il valore più alto adatto per lavori brevi che durano meno di un minuto ( TAU, di solito 56 secondi per i modelli "k", inferiore per gli altri ) e PL1 è quello per i lavori più lunghi senza limiti di tempo.
Quindi con le specifiche Intel la CPU "k", per 56 secondi, consumerà al massimo il valore riportato in PL2 e successivamente il valore riportato in PL1 che è quello di solito pubblicato negli annunci/specifiche varie. Nel PL1 solitamente la CPU ha una frequenza di poco superiore a quella di base ( in base a diversi fattori, come il raffreddamento ). Nel PL2 la frequenza non è quella riportata come "turbo boost max" ma inferiore se vengono usati tutti i core. Ma Watt più, watt meno è quello il consumo.
Se la scheda madre ignora le specifiche Intel la CPU consumerà al massimo il valore in PL2, ma di solito è poco inferiore. Questo però nelle CPU serie "k" e schede madri serie "z". Nelle schede madri di fascia inferiore e CPU serie "t" credo vengano rispettate le specifiche Intel. Queste notizie lasciano il tempo che trovano finché non usciranno le nuove CPU ma di solito, nelle CPU serie "T" ( quindi con PL2 da 35W ) il PL1 è sui 120W circa.

Slartibartfast

Se hanno deciso di pompare tensione e frequenze per poter battere zen3, non c'è niente da fare per i consumi, core piccoli o no.

1984

ho lo stesso aspirapolvere, buono a sapersi che possa anche esser utilizzato a quello scopo!

1984

bah.. intel la vedo davvero maluccio. è ammirevole il lavoro di amd, anche da questo pinto di vista. ad esempio son riuscito ad applicare un undervolt significativo (1,3V vs 1,35V), riducendo consumi e temperatura del mio 5800x con un leggero overclock su tutti i core. se amd continua a lavorar così bene senza tirar troppo sui prezzi sarà dira x intel

Emiliano Frangella

amd e intel lo misurano diversamente.
quello descritto da wiki non e' la regola

Just.In.Time

Ah però, di male in peggio intel.... Nonostante i 10nm.

stefano

c'è qualcosa che non quadra, forse ho letto solo superficialmente, ma i nuovi alder-lake non dovrebbero avendo core ad alta efficienza e quelli più prestanti andare nella direzione proprio del risparmio energetico?

Per carità da utente desktop mi interessa il giusto, sarebbe interessante vedere poi come si comportano nella realtà

giovanni cordioli

Per me è arrivata l'ora di passare ad una nuova tecnologia per i processori.
Non so quale, ma con il silicio ormai ci stiamo avvicinando ai limiti sia termici che elettrici.

Alessio Ferri

Quando i core a basso consumo hanno comunque i datapath a 256 bit per supportare AVX non si possono avere miracoli in fatto di consumo.

Alessio Ferri

Non tutta l'energia viene dissipata in calore si spera, un po' meno della metà serve anche per far switchare i transistors

DeeoK

AMD ed Intel misurano i TDP diversamente. Intel effettivamente usa solo le frequenze di base, AMD usa tutto il range di frequenze. Infatti il TDP reale di AMD sfora di poco quello dichiarato (in relazione poi anche a quanto sta in boost ed alle impostazioni della scheda madre), quello di Intel arriva anche a triplicarsi.

frank700

Il TDP viene misurato da Intel, e da AMD, alla frequenza base, che sarebbe una sorta di frequenza di funzionamento garantita. La quale è molto inferiore alla frequenza massima, la quale non necessariamente è il valore più alto utilizzabile continuamente e da tutti i core. Insomma, per me ci sono gli estremi per affermare che si tratta di pubblicità ingannevolissima.

Zeronegativo

TDP da 35W può consumare fino a 246W.
E che razza di TDP è scusa? I numeri li hanno estratti dal sacchetto della tombola?

da wikipedia:
Il thermal design power (TDP, chiamato anche thermal design point) rappresenta un'indicazione del "calore" (potenza termica) dissipato da un microprocessore, che il sistema di raffreddamento dovrà smaltire per mantenere la temperatura del processore stesso entro una soglia limite di sicurezza per i propri componenti. La sua unità di misura è il watt.

Se calibro un sistema di raffreddamento su una piattaforma da 35W, questa potrà avere dei picchi oltre tale soglia ma dovranno essere dei picchi, non valori tenuti così a lungo da inificiare il sistema di raffreddamento stesso.

No, non si va da nessuna parte.
:|

tony

invece di andare avanti torniamo indietro XD

quando si parla di processori Intel e consumi la questione è sempre molto sentita

https://media1.giphy.com/me...
:|
Ecco che non cominciamo molto bene per la 'nuova' intel.
:(

Recensione AMD Ryzen 9 7900X e Ryzen 5 7600X: Zen4 è tra noi!

Recensione AMD Ryzen 7 6800U, la iGPU ora convince

Recensione AMD Ryzen 7 5800X3D: la V-Cache 3D funziona alla perfezione

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3090 Ti: l'ultimo grido di Ampere