Microsoft, raffreddamento a liquido per aumentare l'efficienza dei datacenter

07 Aprile 2021 17

Microsoft sta studiando soluzioni alternative per raffreddare i suoi datacenter in modo più efficiente, e una soluzione potrebbe arrivare dal mondo del crypto-mining: si tratta sostanzialmente di immergere i chip in un serbatoio pieno di liquido, naturalmente non conduttore di energia elettrica, realizzato appositamente da 3M, che ha una temperatura di ebollizione di appena 50 gradi centigradi.

Non appena iniziano i carichi di lavoro intenso, i chip si scaldano, fanno bollire il liquido che evapora e raggiunge un condensatore, che viene raffreddato da un sistema esterno, nel coperchio del serbatoio; il vapore si ritrasforma così in liquido e "piove" verso il basso, completando così il circuito, il cui termine tecnico preciso è "raffreddamento a immersione bifase".

In linea teorica, il sistema dovrebbe garantire un'efficienza di dissipazione del calore del 15% superiore alle tradizionali tecniche ad aria; una cifra notevole se si considerano le dimensioni delle server farm di Microsoft. Ma all'atto pratico, questo guadagno è ancora tutto da dimostrare. Microsoft intende condurre test approfonditi nel corso dei prossimi mesi: il primo passo è far sì che il personale coinvolto famigliarizzi con la tecnologia, poi bisogna dimostrarne l'efficacia con carichi di lavoro tipici dei sistemi.

La pandemia di COVID-19 ha messo molta pressione al settore high tech: da una parte, il ricorso al cloud computing è schizzato alle stelle, tra smart working, videochiamate e maggior ricorso all'intrattenimento online, dall'altra ha causato una crisi di disponibilità di processori e chip di memoria senza precedenti. Tutto questo per dire: c'è più bisogno che mai di ottimizzare l'efficienza dei datacenter per sopperire alla domanda che non accenna a diminuire.


17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Internauta

Infatti trovo molto più interessante la sperimentazione di strutture datacenter subacquei.
C'è un discorso sul riscaldamento degli oceani, che è in atto a causa di un'assorbimento maggiore di energia dall'atmosfera e questo sta avvenendo dall'era industriale. Quindi questi datacenter "riscaldano" l'acqua circostante se occorre farne tantissimi, troppi. Però, io opterei per un miglioramento drastico sulla componentistica e sull'ingegneria, prima di cominciare a costruire datancenter sottomarini.
Questo invece è un buco nell'acqua.

Internauta

infatti è un buco nell'acqua secondo me.
Ci vuole qualcosa di più rivoluzionario.

ice.man

li hanno già fatti nelle nazioni del nord europa

ice.man

bisogna anche vedere questa sostanza che stabilità abbia nel tempo
se nel suo continuo evaporare e condensare non lascia per caso delle sedimentaizoni-incrostazioni ceh a lungo andare possano creare problemi, poi bisogna vedere se questa sostanza volatile sia o meno compatibile con la vita o se sia necessario immaginare sistemi completamente sigillati in cui i tecnici della manutenzione per intervenire debbano equipaggairsi di mascherie se non addirittura di respiratori
infine bisogna valutare come questa sostana non attiva elettricamente possa interagire nel corso di anni con gli altri materiali tipicamente utilizzati in un server: pasta conduttiva, pcb, plastiche e colle varie

Tango_TM

esiste già qualche soluzione casalinga

csharpino

Tanto una cosa è il raffreddamento a liquido a circuito chiuso un'altra è questa soluzione. Il circuito chiuso presenta nettamente molti più problemi sia come numero di componenti coinvolte sia per il fatto di dover garantire la tenuta idraulica, tutti problemi che con questa soluzione non ci sono o sono molto ridotti.
In seconda battuta le recenti tecnologie di virtualizzazione portano a paradigmi di progettazione totalmente diversi anche per quel che riguarda la manutenzione, lo dimostrano anche progetti come quelli dei datacenter subacquei.. Si prevede una certa ridondanza e in caso di problemi si "spostano" i processi su un'altra scheda e si va avanti non intervenendo più "su necessità" ma con manutenzioni programmate.

danieleg1

I datacenter grossi consumano anche qualche decina di MW (la maggior parte trasformati in calore), non sarebbe male recuperare parte di quell'energia.

danieleg1

Guarda che esistono gli attacchi rapidi dove per rimuovere l'intero server o i componenti non serve svuotare il circuito.

Pip

È solo una piccola rivisitazione del raffreddamento ad immersione che esiste da una vita.
C'è un motivo se nei server e datacenter non si va mai di raffreddamento a liquido: la manutenzione.
Mantenere migliaia di server immersi in liquido o anche pieni di waterblock è un incubo e i costi per l'infrastruttura e il lavoro in più superano di gran lunga qualsiasi guadagno in termini di calore dissipato.
Chiunque abbia avuto un PC con raffreddamento a liquido custom sa quanto è difficile e dispendioso in termini di tempo Farr manutenzione, figuriamoci interi server immersi in un liquido...
Elimini totalmente qualsiasi possibilità di mantenimento rapido

Mostra 1 nuova risposta

Mac Chip Menu

Toni Coabot

beh, visto quanto si consuma per il mining direi proprio che si arriverà presto

GianlucaA

No sarebbe una gran cosa

Chicco Bentivoglio

E cosa ci sarebbe di sbagliato?

GianlucaA

Attendiamo il teleriscaldamento utilizzando i datacenter.

Cloud387

Questi americani mangiano di tutto

centrale

Sembrava una friggitoria

Homer76

Sempre più convinto che urge il passaggio massiccio ad Arm.

Recensione Alimentatore Corsair RM1000x 80Plus Gold: look rinnovato, stessa qualità

Recensione Intel Core i5-11600K. Rocket Lake-S alla prova dei fatti

Recensione Lenovo Yoga 9i, notebook premium ma a che prezzo!

Recensione Monitor MSI OPTIX MAG274QRF-QD: gaming al top e non solo