Mercato chip in crisi: se ne parla alla Casa Bianca, presente anche Samsung

02 Aprile 2021 30

La carenza globale di chip, uno dei contraccolpi dell'emergenza sanitaria, sta mettendo a ferro e fuoco il comparto tecnologico. Una crisi aggravata da un improvviso aumento della domanda negli ultimi mesi del 2020, dopo il rallentamento degli investimenti dettato dallo scoppio della pandemia e dalle conseguenti chiusure.

Stando a quanto riporta Reuters, la Casa Bianca ha recentemente affrontato la questione durante una revisione delle catene di approvvigionamento indispensabili per l'industria manifatturiera del Paese e ha pianificato un incontro con alcuni dei principali stakeholder del settore per discutere della penuria di processori a livello globale.

L'incontro si terrà il 12 aprile e includerà i principali player dell'industria elettronica e automobilistica. A presenziare, tra gli altri, sarà anche Samsung, che la prossima estate non rilascerà l'atteso Galaxy Note 21 (anche) a causa di questa criticità. Il colosso coreano, che non ha ancora confermato ufficialmente la sua presenza, aprirà il nuovo mega impianto produttivo di chip da 17 miliardi di dollari a Austin, in Texas. Come riporta Reuters, ci saranno anche rappresentanti del Giappone, Paese con il quale gli Stati Uniti intendono creare una partnership per supplire alla carenza di componenti.

La crisi di semiconduttori è una "preoccupazione prioritaria" del presidente Joe Biden, come dichiarato all'agenzia di stampa da una fonte anonima della Casa Bianca, che ha di recente predisposto investimenti per 50 miliardi di dollari con l'obiettivo di dare impulso al comparto, sollecitando le aziende ad aprire nuovi stabilimenti negli Stati Uniti. Una strategia mossa dalla consapevolezza dell'impatto che la crisi potrebbe avere a lungo termine sull'economia del Paese e sulla possibilità di riaffermarsi come potenza trainante della crescita economica globale, di fronte alla Cina che punta all'autosufficienza tecnologica.

Come riporta la CNBC, alla Casa Bianca si starebbero inoltre effettuando degli "stress test" sulla catena di approvvigionamento di chip al fine di stimolare una corsa alle scorte delle aziende e ad accumulare materiali ed elementi critici.


30

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Egidiangelo

Max

BrunoVM

Contento te, contenti tutti. Goditi il cellulare col nastro adesivo, nessuno ti obbliga a comprare niente... riguardo alla presunta immoralità, ognuno la pensa come vuole. Io penso che l'immoralità sia ben altra cosa.

Internauta

Ma non è affatto vero.
L'economia gira sempre, dipende l'interesse che ha la popolazione.
Il settore alimentare per esempio ci sarà sempre.
E riguardo all'elettronica, che investano allora nella sostituzione dei pezzi quando un dispositivo si guasta.
Io mi sono rotto il caxxo di dover comprare un oggetto elettronico nuovo solo perchè si è rotto una parte di esso.
E' immorale, antiecologico e controproducente.
Difatti ormai non compro più nulla, ho un cellulare da 6 anni che sto tenendo in vita grazie a del semplice nastro adesivo.

giovanni

In tutto questo fervore di investimenti brilla per la sua assenza l'Europa, che aveva ancora negli anni novanta una consistente industria nel settore dei semiconduttori, ma per volontà della Germania venne tutta smantellata (io negli ultimi anni novanta ho lavorato in Siemens Telematica quindi ne ho pagato i danni), forse perchè l'auto elettrica richiede 15 volte la componentistica elettronica di una a motore endotermico, e se in Europa dei produttori che ci volevano investire avessero avuto una filiera del silicio consistente a disposizione avrebbero danneggiato i colossi tedeschi.
Non a caso Tesla ha trovato manodopera e tecnologie adatte nella Silicon Valley.
Adesso mentre le case americane e quelle asiatiche hanno una rete di fornitori adatta vanno alla grande, mentre le case tedesche arrancano.

BrunoVM

Perché, pensi che senza "consumismo" ci sarebbe crescita economica e lavoro? Nell'Unione Sovietica il consumismo non c'era, non avevano quasi niente, infatti sono miseramente falliti a livello economico dopo essersi trascinati nella miseria per decenni.
Se nessuno acquista niente, nessuno lavora per produrlo. Ma forse è troppo difficile arrivarci, per molti di voi.

Internauta

Decrescita? Dove? Quando? Come?

Federico

In effetti non stiamo brillando, in particolar modo noi italiani che siamo stati i peggiori del mondo per ogni parametro di giudizio nel primo ciclo e stiamo facendo il bis nel secondo.
Però proprio questa pessima condizione sta spingendo l'Europa verso la ricerca di soluzioni comuni per superare la crisi.
La UE uscirà dalla pandemia molto migliore di quella che era in precedenza, lo stato di necessità obbliga a superare ostacoli insormontabili in condizioni di normalità.

Francesco Renato

Si, cambieranno in peggio, visto che noi europei abbiamo il record mondiale di morti per covid.

BrunoVM

Certo certo, viva la decrescita felice. Tutti disoccupati col reddito di nullafacenza. Pagato da quelli che ancora hanno un lavoro, finché ce l'hanno.

TocToc

flop? iPhone 12 ha venduto più degli 11

TocToc

Ma la motivazione sarebbe? Non capisco come un sistema cosi grande e ricco possa etrare in crisi nel giro di così poco...bahhhhhhh
Poveri piccoli, diamogli qualche miliardo dai, ne hanno pochi, da soli non riescono

Federico

Ancora due o tre anni di Covid e le cose cambieranno.

Francesco Renato

Si, ma noi ormai non contiamo nulla, siamo terzo mondo, anche l'OMS ci bacchetta perchè siamo indietro nella vaccinazione.

Federico

Ma danneggia noi europei

Francesco Renato

Nessun consumismo, bensì Covid.

Francesco Renato

La guerra è guerra, danneggia entrambi i contendenti, ma serve agli USA per rallentare l'avanzata cinese.

Francesco Renato

Non mercato chip in crisi, bensì produzione chip in crisi, la domanda infatti tira.

jose manu

No, huawei sta per fallire

Homer76

Il problema è che tutto nasce dalle esigenze del settore automobilistico.
In pratica, ti impediscono di cambiare smartphone per incentivanti a cambiare auto...

Apocalypse

Sei ridicolo

Federico
Davide

santoss

Egidiangelo

MEGLIO cosi per apple, dato il flop di iphone 12

Internauta

Meglio così, davvero troppo consumismo. Occorre rallentare drasticamente le vendite e smetterla di cambiare prodotti continuamente.

T. P.

https://media1.giphy.com/me...

halbeeee2

Mancano semiconduttori, la mia tesi è ferma per colpa di questa carenza perché molti componenti sono introvabili, un lavoro che sto seguendo è diventato quasi uno stress perché non si possono reperire ricambi, questi sono i motivi degli arrivi molto a spot della play 5 e in generale quel poco che si trova ha prezzi esorbitanti.

Matteo

qualsiasi tipo di chip prodotto da una fonderia

Rieducational Channel

Anche quello dei ciop?

Boronius

Ovvero? Mancano microprocessori in giro per il mondo??

roby_go

Anche Baiden vuole la sua 3080 XD

Snapdragon 888 vs Exynos 2100: qual è il migliore?

Echo 4° generazione vs Nest Audio: quale scegliere? Tutte le differenze

Il confrontone 2021: Galaxy S21 Ultra vs iPhone 12 Pro Max, Find X3 Pro e Mi 11 5G

5G Standalone: cos'è e quali sono le differenze rispetto all'attuale 5G