Western Digital svela Ultrastar DC ZN540, primo SSD con tecnologia ZNS

12 Novembre 2020 20

Western Digital ha svelato Ultrastar DX ZN540, il primo SSD a supportare la tecnologia Zoned Namespaces Storage (ZNS) pensato soprattutto per i datacenter e i sistemi cloud. A differenza di quanto avviene nel mercato consumer, dove si punta molto su prestazioni e capacità, in ambito aziendale contano l'efficienza, la latenza e la resistenza in scrittura, tutti fattori che incidono in modo sostanziale sui costi finali dei sistemi e quindi sui bilanci delle aziende.

L'approccio ZNS nasce proprio per migliorare questi aspetti, per ridurre i costi di archiviazione ed elaborazione dei dati, scalare la capacità e soprattutto ridurre il costo. Secondo Western Digital, grazie alla ZNS, il nuovo Ultrastar DC ZN540 garantisce una velocità effettiva fino a quattro volte superiore rispetto agli SSD tradizionali, con miglioramenti QoS di 2,5 volte.


Lo Zoned Storage è applicabile sia agli SSD che agli hard disk SMR; in sostanza si tratta di un drive con un LBA suddiviso in zone e caratteristiche di I/O diverse rispetto a quelle delle unità di archiviazione convenzionali. Le zone praticamente scrivono solo in sequenza, ogni zona ha un puntatore di scrittura che tiene traccia della posizione della scrittura successiva; i dati in una zona non possono essere sovrascritti in quanto è necessario prima cancellarli utilizzando un apposito comando (reset zone - foto sopra).


Passando al posizionamento selettivo dei dati - dalle piccole operazioni casuali alle letture/scritture sequenziali - e trasferendo la gestione dei dati e le responsabilità di gestione dal dispositivo all'host, gli SSD possono ridurre l'amplificazione di scrittura/archiviazione nonché l'over-provisioning, permettendo di integrare una minore cache DRAM onboard e allo stesso tempo migliorando la latenza e il throughput del dispositivo.

Ultrastar DX ZN540 utilizza sostanzialmente lo stesso stack software di un HDD SMR (Shingled Magnetic Recording) ed è equipaggiato con memorie NAND QLC 3D a 96 strati e un controller custom NVMe 1.3c a doppia porta che supporta ZNS Command Set 1.0. L'SSD arriverà con un form-factor U.2, attualmente è in fase di sampling e dovrebbe debuttare sul mercato nei prossimi mesi, nessuna indicazione sul prezzo.


20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mostra 1 nuova risposta

Non hai capito lui ha un vecchissimo hard disk da 20 GB, vecchissimo, e a suo rischio e pericolo funziona ancora... Con un SSD probabilmente non riesci a meno che non lo accendi ogni anno, io comunque non lo rischierei, la data retention degli SSD da spenti non è il loro punto forte.

Mostra 1 nuova risposta

Il problema al momento è che i QLC per avere le stesse prestazioni di un vero SSD devono usare tanta cache SLC quindi da pieni diventano addirittura più lenti di un HDD.

Questo penso sia intollerabile, pure per uso dati. Magari non te ne accorgerai mai, ma se copi tanta roba si, ad un certo punto le prestazioni crollano a livelli da USB 2

Mostra 1 nuova risposta

Tanto vale comprarsi un phon :D

LeX

Ho ancora due WD Elements del 2011 venduti da Amazon a 55€. In 9 anni i prezzi rimangono invariati.

Abel

Quanto costa? Dopo il Google foto gate, sto valutando alternative...

sk0rpi0n

Hai ragione sulla capacità di mantenere i dati, però quando un SSD sta arrivando a fine vita (già capitato alcune volte) il drive non ti permette più di scrivere e va in sola lettura; è difficile che abbia un guasto tale da non poter più recuperare i dati in maniera agevole (ok, c'è anche il caso che si "bruci", e a quel punto auguri!).
Di contro l'HDD ha il problema della meccanica, che è molto più propensa a guastarsi dei chip di memoria; mi riferisco a motorino, testine, piatti, ecc. oltre che è più sensibile anche a condizioni esterne al drive stesso (urti, temperatura, ecc.) e che per natura (meccanica) presenta una diagnosi preventiva di problemi in arrivo più complicata.
È molto, molto rischioso continuare ad utilizzare un drive meccanico ultradatato...o quantomeno che sia stato usurato patecchio o anche solo che sia rimasto acceso per tanto tempo in qualche PC.
Questo solo per dire che nonostante gli SSD abbiano il problema della vita utile, con i costi già ora irrisori dei tagli più bassi e che scenderanno ulteriormente in futuro in realtà po si porterà difficilmente a fine vita ma lo si sostituirà prima (un po' come è stato per gli HDD meccanici ai tempi, quando le capacità crescevano vertiginosamente).
Oggi invece, con la stagnazione del mercato degli HDD meccanici, ci sono molti utenti finali e aziende che hanno drive da 4-8-ecc. TB da molto tempo e non aggiornano sia per costi elevati che per mancanza di prodotti; sono abbastanza certo che tutti questi drive stiano arrivando tutti insieme alla fine della loro vita utile... purtroppo!
La statistica, nel mio piccolo, è questa (una base di clienti con un 500-1000 macchine inteso vome PC, workstation, server e NAS).

antonio sgambelluri

Scusa hai ragione..Ma i 20 tera ci saranno da 6o 7 anni che io mi
ricordi

Account Anniversario

Se li facessero da 5.25" anche si... Magari a 7200RPM, sai che veloci!

Account Anniversario

E tu non sai leggere... Ho detto 20GB, GIGA BYTE, non tera byte... E gli SSD invece ci sono eccome da 20TB, anche più, ma non garantiscono la ritenzione dei dati per molto tempo se non alimentati.

antonio sgambelluri

Hai scritto...Lettura perfetta dopo anni ed anni di inutilizzo e dati soprattutto integri...Scusa gli hard disk con capienza 20 TB non ci sono da anni e anni!!

L'importanza dei backup! :\

L'introverso

Anche per molto meno tempo... Guarda i datasheet dei modelli economici.

BlackLagoon

la domanda è calata tantissimo, se non addirittura azzerata, ambito consumer. Non a caso gli unici HDD che vendono ancora sono quelli nei box esterni (e molto spesso sono prodotti enterprise.. exos, wd gold etc..)

Kamgusta

ah!!!

Postepay_gialla_di_Giggino

insomma 10 anni fa ho pagato un 2tb segate 50 euro, prezzi statici zero innovazione.
davvero non riescono a fare un 16 tb a prezzi decenti?!?

BlackLagoon

Purtroppo la maggior parte della gente ignora questo importantissimo aspetto.
Un SSD, se non alimentato, rischia di "dimenticarsi" dati già dopo 12 mesi

The Evil Queen

Eh magari, ma oggi costano ancora una follia.

Account Anniversario

I dati però per quanto li trattiene un SSD? Io ho ancora un Maxtor da 20GB IDE Che accendo ogni tanto per aggiornare alcuni dati... Lettura perfetta dopo anni ed anni di inutilizzo e dati soprattutto integri.

The Evil Queen

Io vorrei dischi meccanici da 50 tb.

Giardiniere Willy

Spero che gli SSD sostituiscano gli hdd anche per archiviazione di dati quanto prima. Ad oggi 4tb di hdd si trovano anche a meno di 100€. In sostanza lo stesso prezzo dei più economici SSD da 1tb.

Basterebbe avere SSD con le stesse prestazioni in lettura e scrittura sequenziale di un hdd, ma con con lettura e scrittura casuale più in linea con i classici SSD sarà e con il vantaggio di non subire danni da urti

La (mia) postazione da Creator: dal Desktop MSI al Monitor 5K Prestige

Recensione Mac Mini Apple Silicon M1, ho QUASI sostituito il mio desktop da 2K euro

Recensione HONOR Router 3: il miglior Router Wi-Fi 6 qualità/prezzo

Apple Silicon è il futuro di Apple: da desktop a smartphone, andata e ritorno