Samsung conferma: è in arrivo il nuovo SoC Exynos 1080 per la fascia media

14 Ottobre 2020 14

Non è esattamente una sorpresa, dal momento che indirettamente Samsung lo aveva già rivelato qualche giorno fa con un video postato su Weibo, ma ora c'è la conferma ufficiale: è in arrivo il nuovo processore Exynos 1080, pensato per i dispositivi di fascia media.

A precisa domanda dei colleghi di Android Authority, infatti, il colosso coreano ha deciso di rispondere per fugare ogni dubbio, aggiungendo peraltro alcune specificazioni. Exynos 1080 sarà equipaggiato con i più recenti CPU core Cortex-A78 e la GPU Mali-G78, e a breve sarà presentato pubblicamente. Per il resto, torniamo nel campo delle indiscrezioni, che immaginano un SoC realizzato con il nuovo processo produttivo a 5nm (come l'A14 degli iPhone 12 presentati proprio ieri da Apple), capace di garantire un minore ingombro e una maggiore efficienza.

Di recente, poi, Exynos 1080 è stato anche pizzicato sulla piattaforma di benchmark AnTuTu, dove ha fatto registrare un punteggio equiparabile a quello dello Snapdragon 865+ di Qualcomm, e quasi identico a quello segnato dal nuovo processore top di Huawei, il Kirin 9000 che esordirà sui Mate 40 (la cui presentazione è confermata per il 22 ottobre). Noi europei, quando si parla di Exynos, siamo spettatori particolarmente interessati, dato che le politiche di Samsung spesso prevedono - invece degli Snapdragon - l'adozione della soluzione proprietaria per il nostro mercato. L'Exynos 980, ad esempio, è stato protagonista su Galaxy A51 5G e A71 5G: è possibile quindi che questo 1080 ne raccolga l'eredità in tutto e per tutto sui prossimi A52 e A72.

La speranza è che ci sia, rispetto alla generazione precedente, un incremento nelle prestazioni e soprattutto nella gestione delle temperature e nell'efficienza energetica, specie per quanto riguarda il top di gamma Exynos 2100 che probabilmente troveremo sotto la scocca dei prossimi Galaxy S21/S30: e in questo senso i rumor promettono bene, e parlano di performance vicine al prossimo Snapdragon 875, soprattutto per quanto riguarda la GPU.

VIDEO


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
olè

la potenza attuale degli exynos, checchè ne dicano gli altri, va già bene, quello che non va bene sono temperature e consumi, e in quesyo senso i 5nm già fanno ben sperare, se risolvessero questi problemi sarebbe tutto ok, ho un s20+ quindi parlo per esperienza diretta, in ogni caso se auentasse la concorrenza farebbe bene a tutti, il vero peccato è il ban huawei, altrimenti altri produttori potrebbero usare i kirin...

ZeroSen

buono il pippotto?

marco

Questa può essere classificata la stronzata dell'anno

mazinga71

samsung fallirà per i suoi mediocri exynos...se qualcomm incomincia a fare smartphone da sola..samsung è finità

Andreunto

Ma perché exynos?

opt3ron

Che la gpu é troppo poco potente basta il single thread nei giochi , per il multithread tipo PC e console i brevetti sono in mano ad amd e Nvidia e se non paghi ad uno dei due non puoi implementare GPU gaming con più thread in parallelo .

Scemo 2.0

Ma che vuol dire?

opt3ron

Intendevo che non usa il multithread .

Scemo 2.0

Il soc più veloce di Qualcomm sia in single che in multi è l'865, non esiste che il 765 sia più veloce in single.

dovremmo attendere le specifiche complete per capire se è P o I :D

opt3ron

Non può andare come un 865+ , le GPU Mali sono single thread nei giochi per questo stanno sviluppando un soc con GPU AMD , il soc più veloce single thread di Qualcomm è il 765, l'845-855-865 sono multithread.

Kamehame

Nel 2020 quasi 2021 ancora con il 1080...

Gabriele

se va come un 865+ penso non sia fascia media

Alessio Ferri

I rumor sono rumor, noi vogliamo vedere i benchmark che svolgeranno in stile VW /s

Recensione Sony Xperia 5 II: il miglior top compatto Android

Recensione Realme 7 Pro: c'è di più oltre ai 65 Watt di ricarica

Recensione Samsung Galaxy Z Fold2: quello che non vi hanno detto, un mese dopo

Recensione Motorola Razr 5G: lo smartphone per distinguersi