Apple: annuncio del passaggio ad ARM alla WWDC 2020 | Rumor

09 Giugno 2020 385

La WWDC 2020 potrebbe rivelarsi un evento epocale per Apple, stando a quanto riferito da Mark Gurman sulle pagine di Bloomberg. Da sempre molto vicino al mondo della mela morsicata, il giornalista è solito fare anticipazioni puntuali su ciò che sta avvenendo in casa Apple, motivo per cui le indiscrezioni riportate oggi assumono un peso importante.

Sembra che Apple sia pronta ad annunciare la transizione di macOS verso i processori basati su architettura ARM, più precisamente verso le sue soluzioni realizzate internamente. L’annuncio non dovrebbe essere accompagnato dalla presentazione del nuovo hardware, in quanto lo scopo sembra essere solo quello di preparare il campo in vista del rilascio del primo MacBook dotato di SoC Apple nel corso del 2021. Le informazioni rivelate oggi sembrano confermare quanto emerso in precedenza, ovvero che la casa di Cupertino stia lavorando su 3 diversi SoC basati sul prossimo Apple A14 a 5nm.

Sarà l’erede del MacBook 12 il primo Mac ad usare un SoC ARM?

Secondo la fonte, i primi test svolti internamente dimostrano una netta superiorità dei SoC Apple rispetto alle controparti Intel, specialmente in campi come le prestazioni grafiche, i bassi consumi e le operazioni di intelligenza artificiale (grazie al Neural Engine). Il progetto ha nome in codice Kalamata e sembra seguire in maniera abbastanza fedele quanto già accaduto nel 2005, quando Jobs annunciò il passaggio dall’architettura PowerPC a quelle sviluppate di Intel; anche in quel caso il primo prodotto arrivò solo un anno dopo.

Le motivazioni di questo importante cambio di rotta risiedono principalmente nel forte rallentamento della roadmap di Intel, che non si sta più dimostrando un partner affidabile per Apple. La casa di Cupertino vuole quindi eliminare del tutto la dipendenza dalla casa di Santa Clara, in modo da poter programmare con più efficacia l’aggiornamento della sua lineup di computer.

La transizione riguarderà nel lungo periodo ogni Mac progettato da Apple (che continueranno ad usare macOS e non una variante di iOS), anche se inizialmente partirà interessando solo prodotti specifici. Pare che una nuova versione del MacBook 12 sia tra i candidati scelti. Non ci resta quindi che attendere la settimana del 22 giugno per scoprire se l’annuncio arriverà o meno. La fonte sembra esserne abbastanza certa, ma lascia comunque intendere che le date potrebbero variare leggermente dato che il progetto non si concretizzerà a breve.

Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2, in offerta oggi da ASUS eShop a 699 euro oppure da Unieuro a 899 euro.

385

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Federico

Gian, immagino non ti sia sfuggita la notizia (se mi consenti abbastanza dirompente) che Microsoft sta lavorando all'accelerazione grafica su WSL-2.
Redmond è in procinto di capitilare Gian, ELF-64.

Posso chiederti se hai poi letto il mio articolo di due anni fa?

GianTT

Ma chi è fanboy? Pensa che non ho più manco un pc personale perché uso solo l'iPad per il caxxeggio, vedi tu se sono fanboy Microsoft.
Comunque Windows 10 non inglobba Windows 7, siamo d'accordo, così come Windows 7 non inglobbava Windows XP, sono semplicemente evoluzioni. E come tale perché doveva esserci la morte di Win32 con W10? Microsoft avrà anche sponsorizzato UWP e menate varie, ma mai ha messo in dubbio la centralità di queste sui computer e specialmente sui server. I sistemi come WinRT sono versioni limitate di Windows, non è W10 ad essere un'estensione.
Quindi smettila di arrampicarti sugli specchi, hai detto una vaccata titolando di percentuali paurose di diffusione di W7 nelle aziende, e no, W7 non è diffuso nelle aziende al 60% come dicevi. Prossima volta meno spavaldo quando spari cifre

PS: Io non vendo software :) francamente ho dubbi sul dire esattamente cosa faccio in un luogo pubblico, anche perché maneggio informazioni private di molte aziende in Italia, e specialmente delle divisioni locali dei fornitori di software

Federico

Va bene, hai ragione tu... inutile discutere con i fanboy.
Non ti entra in testa che Windows 10 non ingoloba Windows 7, ma visto che l'unico software esistente per Windows è quello Win32 il tuo amato Windows 10 è una versione peggiorata di Windows 7.
Ora perdonami, ho da fare... abbiamo oltre 250 download del file di autoconfigurazione di FydeOS dalla sola Italia e mi stanno massacrando di domande in privato.
Tu continua pure a vendere le tonnellate di software presenti nel Microsoft Store.
Baci & Abbracci.

GianTT

Ti sei fissato con Windows 7, se fossi coerente diresti allora che stanno eseguendo un Windows XP aggiornato, altro che Win7, visto che il Win32 attuale proviene dalle modifiche fatte al sistema in quegli anni lì. Però risulterebbe meno credibile e te ne esci con W7. Il fatto è che te ne eri uscito con numeri inverosimili sulla diffusione di W7 nelle aziende e stai coprendoti dicendo che W10 inglobba W7, come se W10 fosse un sistema differente e non la sua diretta evoluzione.

E rispetto il tuo incipit, no non hai visto tutto e fidati che gli sviluppatori hanno un grosso ruolo ma non sono gli unici a muovere verso una o più tecnologia, ci stanno anche le necessità delle aziende e le politiche dei software vendor, perché non hai idea del lato commerciale dell'IT, non hai idea di come funzionino gli accordi di licenza e dei pro e contro dei vari contratti che ogni fornitore di software ti mette davanti, queste sono importanti tanto quanto l'aspetto tecnologico per far si che le aziende facciano determinate scelte sui software a livello di business. E tornando ancora su ELF-64, non è questo il punto, il punto non è tecnologico. Microsoft è costretta a mantenere un approccio conservativo perché ha un enorme base di applicativi che non possono essere buttati o semplicemente emulati rovinandone le prestazioni o rischiando una compatibilità parziale. Microsoft è core nelle infrastruttura IT della maggioranza delle imprese, non è Apple che vende perché fa il pc fighetto e sottile.

E quello che vedi in Microsoft lo noti facilmente anche sulle citate IBM e Oracle, ritornando alla prima ripeto il primo esempio, pensi che offra supporto ai sistemi AS400 perchè è un sistema adatto al business del presente o perché ci sarebbe una rivolta nelle tantissime aziende che hanno ancora questi sistemi?

Federico

Dubito fortemente vi sia qualcosa che io non abbia visto, e se stessimo parlando di Xbox mi vedresti totalmente d'accordo con te: l'impiego personale ed il Gaming sono segmenti di mercato strategici e vincenti per Windows 10, che ormai li ha come target.

Però tu non puoi liquidare le scelte degli sviluppatori con un "non contano niente"... è semplicemente assurdo. Anzi, arrogante ed assurdo.
E' l'atteggiamento che alla fine ha costretto Microsoft a capitolare su UWP!
Il mercato va dove noi sviluppatori lo conduciamo, e noi sviluppatori siamo a nostra volta condotti dalle richieste del nostro mercato, che è rappresentato dalle richieste della clientela.
Tu, probabilmente a causa della tua poca conoscenza dell'architettura dei sistemi operativi Windows, liquidi il mancato supporto generalizzato al Subsystem RT con un "non ha importanza, il software Win32 viene comunque eseguito su Windows 10",, che in linea di principio potrebbe essere pure corretto. Tuttavia così facendo sembri non renderti conto di due cose:
A) L'adozione di RT (quindi la tecnologia UWP) è l'unico modo per offrire un reale supporto a Windows 10. Se non si utilizza RT ma Win32 in realtà si sta impiegando la macchina Windows 10 in quella che non è scorretto definire un'emulazione di Windows 7
B) Microsoft, proprio ben conscia di (A) ha fatto il possibile e pure l'impossibile per convincere il mondo dello sviluppo software (compresa sè stessa) alla migrazione da Win32 ad RT.
Ci è stato offerto di tutto, dai corsi gratuiti agli strumenti di conversione automatica del codice sorgente scritto per Win32.
I risultati di questa operazione sono stati nulli, così modesti che la stessa Microsoft ha lasciato perdere il porting del proprio software.

Tant'è che IBM da una decina d'anni ormai ha spostato il focus del suo business sulle tecnologie AI e con l'acquisizione di Red Hat sul cloud computing, altro che System z-
... ma un paio di passaggi fa non eri stato tu ad indicare IBM (poi seguita da Oracle) come azienda che sviluppa principalmente per Windows???
Eddai Gian, tutto il mondo del software sta andando verso ELF-64. Si stanno spostando perfino i pachidermi dei pacchetti gestionali!

Gian, a mio avviso tu non comprendi una cosa: il sistema operativo non è dato dalla grafica che hai davanti agli occhi, ma dalle API usate dal software.
Quando esegui un applicativo Win32 tu stai usando Windows 7 anche se ufficialmente l'OS che hai sotto le mani si chiama Windows 10.
Allo stesso modo un utente che esegue una Contabilità Generale su una macchina con OS Google in realtà sta usando Linux anche se il nome ufficiale del sistema operativo è ChromeOS.

Fino a quando Microsoft non riuscirà a liberarsi dell'obsoleto Win32 tutto il parco aziendale e professionale dei sistemi eseguirà Windows 7, ed è questo che vediamo noi sviluppatori: esistono solo Windows 7 ed ELF-64.

Torno a pregarti di leggere il mio vecchio articolo, lo troverai facilmente tramite Google: "Un formato per unirli: ELF-64" e leggilo, magari ti farai un'idea più precisa di quallo di cui parliamo (e del perchè Microsoft ha ripreso a puntare con forza su WSL).
Scrissi quell'articolo ben due anni fa, e già allora la strada era tracciata.

GianTT

Win32 non è Windows 7, ma una tecnologia Microsoft sviluppata negli anni 90 e che si è evoluta nel corso degli anni. Windows 10 è un sistema Microsoft che integra Win32 e anche il supporto a nuove tecnologie che però non hanno avuto successo. Ma Windows 7 è da una gran bel pezzo un OS in caduta libera nei numeri di diffusione (grazie al cielo direi), e nelle aziende ci sta Windows 10 altro che "60% di diffusione di W7" come dicevi altrove.
Ed hai risposto con il tuo commento al topic iniziale, le software house continuano a vedere Win32 come punto di riferimento, perché ci sono miliardi di dispositivi compatibili. Microsoft non può eliminarne il supporto nettamente, e una "rivoluzione" come il passaggio ad ARM è per forza di cose difficoltà da percorrere. Sono convinto abbiano sbagliato l'approccio, se mi vendi un sistema ARM compatibile con meno software me lo devi proporre con un buon hardware ad un prezzo basso, assicurandomi sviluppo nel medio-lungo termine. Ma il prezzo basso era il punto di partenza per creare una base di installato

GianTT

Ma perché il discorso è chiaro, puoi fantasticare quanto vuoi su quanto sia avanti Apple a far il passaggio ad ARM, Microsoft è LEADER nel settore enterprise e certi passaggi netti non può farli perché ha la necessità ai clienti business di assicurare continuità, senza contare che anche lato consumer avere il 90% del mercato è diverso da averne il 10%.

E te hai lanciato altre aziende in gioco dicenco che Microsoft è minoritaria nel settore business, come se fosse quotata mille miliardi solo perché vende XBOX. C'è un universo di applicativi server e cloud che sviluppa che sono di fatto lo standard o i più diffusi.

Poi te ne sei uscito pure con la storia di Windows 7 diffuso capilarmente, e Microsoft che ha fallito con Windows 10, addirittura improvvisandoti statistico con cifre che non si sa da dove ti son venute fuori.

Per quanto riguarda il resto del discorso su IBM e Oracle, nessuno ha sminuito il loro valore o il fatto che siano focalizzati su ambienti Unix, ma se te non sai che IBM sviluppa quasi ogni suo software in multi piattaforma allora informati e vatti a fare un giro sugli store, perché non esprimo pareri sul colore delle pareti, ma lavoro nel software compliance, quindi ogni mese analizzo i dati sull'inventario software di quasi 10 aziende diverse, e so di cosa parlo quando ti dico che Windows 7 non è diffuso nelle aziende come spacci te, che Domino non è leader di mercato, che Microsoft ha una posizione forte nel mondo enterprise.

(tra l'altro parlassimo anche di IBM e Oracle, per gli stessi motivi di MS anche loro sono obbligate a mantenere il supporto a sistemi e applicativi ormai vecchi, o pensi che gli AS400 siano il futuro per IBM e che ci stia monetizzando?)

Per quanto riguarda il fatturato, anche lì, il mainframe costa ma quanti ne vedi in giro? Ho i numeri di quanti ce ne sono in Italia, non posso sicuramente girarteli perché sono dati riservati, ma dico solo che non stiamo parlando di una diffusione capillare. Anche nelle grandi aziende, chi ce l'ha continua ad averlo e aggiornarlo, chi non l'ha mai avuto sta guardando altrove. Tant'è che IBM da una decina d'anni ormai ha spostato il focus del suo business sulle tecnologie AI e con l'acquisizione di Red Hat sul cloud computing, altro che System z-

Tu sviluppi e sarai il miglior di questo mondo nel programmare, e infatti non ti ho mai neanche accennato ad una superiorità tecnologica di determinate scelte di una società rispetto l'altra, ma c'è tanto altro che probabilmente non hai visto

spino1970

Ripeto, però: anche basta.

Apple progetta il suo SoC ARM per Mac? Sarà il migliore del mondo.

MIcrosoft progetta il suo SoC con Qualcomm per farci girare Windows ed emulare le app x86? E' un SoC mobile modificato...

E dai, su :D

PS:
A me Matebook, Surface o Zenbook danno la stessa identica sensazione "premium" di un macbook...

Federico

e non penso proprio che lo Store di Microsoft sia il futuro.

Ma allora di che parliamo????
Supportare Windows 10 significa pubblicare sofware per il Subsustem RT, ossia software installabile tramite Store o sideload.
Ad oggi NESSUNA SOFTWARE HOUSE supporta Windows 10 ma tutte e sottolineo TUTTE nella piattaforma Windows pubblicano per il Subsystem Win32, che è quello di Windows 7.
Non esiste possibilità per un'azienda di far funzionare una macchina Windows 10 in modalità diversa da quella Desktop, perchè non esiste e mai esisterà supporto per RT.
La mia impressione è che tu affermi di essere un "consulente aziendale" misteriosa posizione che va da quello che esprime un'opinione riguardo al colore di una parete fino allo strapagato ingegnere del software passando per marketer e job manager, ma in realtà non conosci minimamente l'architettura del prodotto di cui stiamo parlando. Se la conoscessi ti renderesti conto di ciò che sto invano tentando di farti capire da una settimana, ossia che esiste supporto software solo ed esclusivamente per Windows 7!

Quanto al resto... decidi, stai parlando di Microsoft, di IBM o di Oracle? no perchè di volta in volta cambi axienda usata a titolo di esempio.

IBM e la vastissima galassia di produttori di software che le ruotano attorno hanno come target preferenziale Linux e non certo Windows che non è neppure supportato nè dai Midrange di Armonk nè dai Mainframe.

Oracle sviluppa in particolar modo per Linux, visto che gran parte dei suoi prodotti sia server che Desktop è orientata in particolar modo all'utenza di questo sistema opetivo.
DBMS il numero di installazioni di SQL Server non è neppure confrontabile a quello di MySQL di Oracle, quindi non diciamo fesserie.

O forse parliamo di fatturati?
No perch se parliamo di fatturati sono lieto di tornare su IBM da te proposta in fase iniziale e confrontare il fatturato del software Linux che viene eseguito sui suoi Mainframe con quello dei corrispondenti Win32... magari scopriresti che il software di gestione di una singola compagnia aerea costa annualmente quanto tutti i pacchetti installati su qualche centomila desktop Windows.

Fuor ci polemica Gian, tantissimi di noi hanno iniziato a scrivere per ELF-64 perchè questa piattaforma è il futuro; creo il codice una volta e può essere eseguito ovunque, dal piccolissimo sistema che uso per la domotica al Mainframe.
Esattamente due anni fa scrissi un articolo nel quale spiegavo le ragioni che stavano portando tanti di noi a fare questa scelta... magari prima di andare avanti dovresti leggerlo.

Federico

Ma guarda che i numeri li hai pure tu, il supporto su Windows wsiste solo ed esclusivamente per il Subsystem Win32, ossia Windows 7.
Il numero di pacchetti adatti ad essere eseguiti sul Subsystem RT, ossia il supporto Windows 10, è assimilabile zero (0!).
Se poi vuoi sostenere che le cose non stanno così e che tutte le software house sono invece impegnate nel pubblicare software RT...vabbè io non ho tempo da perdere con chi campa nel mondo dei sogni.

GianTT

Siamo sempre lì, o porti numeri o parli del tuo intorno. Io ce li ho, e quei numeri me li commissiona la stessa MS (insieme a tante altre cose e ad altre aziende come IBM se ti interessa saperlo), per cui le mie non sono affermazioni, ma osservazioni analitiche fatte su clienti italiani e multinazionali con sedi in Italia. Se tu invece pensi che ancora nelle aziende i pc girino nella grande maggioranza con Windows 7, allora ti sei interfacciato solo con piccole aziende che non cambiano il parco hardware dei loro client device da 5 anni almeno. Ma se te ne esci addirittura dicendo che Domino, nel 2020, è leader di mercato, c'è poco da commentare

GianTT

Io non sviluppo, e non penso proprio che lo Store di Microsoft sia il futuro. Probabilmente mi hai confuso con qualcun altro, io considero Microsoft aver fallito in tanti contesti, tra cui l'evoluzione del suo sistema lato consumer verso funzionalità più in linea con il nostro tempo, obbligando anche gli sviluppatori ad adottare strategie di distribuzione e sviluppo più efficienti.
Ma Microsoft lato enterprise ha sbagliato veramente nulla negli ultimi anni, Windows Server non è il sistema più diffuso, però probabilmente è quello che monetizza di più e non è mica così tanto minoritario (ci sono interi datacenter dedicati agli ambienti WS nelle aziende). SQL Server continua ad essere venduto a palate, perché è relativamente economico (rispetto Oracle o DB2) e non necessità di architetture hardware particolari, Exchange e Visual Studio sono standard nei loro settori di riferimento (Domino è un ricordo, altro che leader di mercato suvvia) e la suite 365 ha diffusione capillare e sta macinando risultati economici eccellenti, che uniti a quelli in grossa crescita di Azure (leader di mercato insieme AWS) rende MS nel settore Enterprise palesemente la società leader per la fornitura di software e servizi. E non lo dico io, ma la capitalizzazione in borsa di Microsoft esplosa letteralmente negli ultimi 4 anni, che oggi la porta ad essere pari ad Apple come valutazione degli investitori, nonostante non abbia un prodotto lato consumer di successo come iPhone.
Ed è per questo che Apple può caxxeggiare con ARM anche rischiando di perdere la retrocompatibilità x86 e MS no, perché il suo software è essenziale al business di tantissime società che avrebbero costi assurdi a doverlo ricompilare o riprogettare

spino1970

Certo,. Un altro accessorio da doversi portare in giro, con l'aggravante di poterlo perdere facilmente...

PistacchioScemo

invece con il dongle (incluso nella confezione) posso avere il jack sull' iphone, ammesso io decida di abbandonare le cuffie/auricolari wireless

GinoGinoPilotino

???? Ma i chip Arm son cosa diversa rispetto ad x86 tanto è vero che le attuali implementazioni di computer con ARM non crescono con le vendite.
Possono andare bene per compiti basilari ma non per certi carichi pesanti matematici

Alfredo

Fare un paragone dei possibili futuri chip ARM paragonandoli alla situazione pre-intel è pura follia calcolando quanto sia cresciuta Apple dal punto di vista dei processori, iPhone ne è un esempio. Il mio primo Mac se non vado errato era un vetusto Macintosh IIx

tuamadre

No, no, per carità gli Atom no. Io parlavo proprio di un bel i9, magari con una 2080 e Max-q. Batteria da un quarto d'ora, così alimentiamo il mercato dei powerbank e sistema di raffreddamento ibrido con radiatore esterno. Poi non avresti problemi coi programmi, unifichi tutto e hai il primo desktop mobile. ahahahah

teo-f78

La mossa giusta da fare con i giusti tempi , partendo dalla fascia bassa e anno dopo anno mentre i se vengono rilasciati passare verso alto . Molto bene curiosissimo di vederli

teo-f78
Federico

Gian, ripeto, continua pure a sviluppare per lo Store Microsoft credendo che quello sia il futuro.
Auguri

Federico

Gian, continua felicemente ad attendere che le aziende produttrici di software si decidano ad offrire supporto a Windows 10.
Anzi, magari associati a WBI che festeggia le dodici (12!) app sbarcate sul Microsoft Store.
Nel frattempo io ed il resto del mondo continueremo a fare ottimi affari portando software e clienti da Win32 verso ELF-64.
Con la benedizione di Microsoft, che a sua volta ha iniziato la virata verso quel supporto.

GianTT

Va be chiudiamola qui, o mi porti cifre e numeri o stai sparando sul mucchio. Onestamente dopo la storia di Domino leader di mercato e Windows 7 che è il più installato nelle aziende ho smesso di seguirti con molta attenzione, non volermene, ma tu di lavoro fai lo sviluppatore ma io faccio il consulente aziendale su tutte le tematiche inerenti le licenze software, e quotidianamente mastico inventari hardware e software da ogni azienda possibile per spararli in analisi ai rispettivi CTO e CIO.

PS: Se non si fosse capito dai discorsi fatti prima, i miei clienti principali sono proprio IBM e MS, e con loro si ragiona proprio degli andamenti dei rispettivi prodotti sul mercato.

GianTT

Ma veramente pensi che Domino sia leader di mercato? Scusami, ma in che decennio siamo? E' talmente marginale che IBM l'ha smollato agli indiani di HCL l'anno scorso, in un pacchetto con un altro centinaio di licenze software e per un prezzo abbastanza modesto. Ormai le aziende stanno su Exchange Onpremise/365 o su GMail con GSuite, ma non da poco, ma da un bel po' di anni.
Poi torniamo sempre lì, Oracle e IBM sviluppano principalmente per Linux? Ti voglio dar ragione perché mi son stancato di ripetere che soprattutto IBM ha quasi tutti i suoi software per 2-3 piattaforme (Win, Linux, Aix), ma quindi cosa significherebbe che in ambito enterprise Linux è forte? E chi l'ha mai negato, sui server la maggioranza sta con Red Hat o distribuzioni simili, ma dire che Microsoft non sia il player più importante in questo settore con Office, SQL, Exchange, Visual Studio e pure con Windows Server e Azure significa far finta di non vedere la realtà degli ultimi 15 anni. Se MS ha raggiunto negli ultimi tempi Apple per la sua valutazione in borsa non è per il numero di XBOX vendute sicuramente

misano

se l' "ambito di programmazione" è mac osx o ios forse si, se devi sviluppare sotto windows o linux, web ecc. forse trovi qualcosa di più adatto e spendi meno... magari con la batteria sostituibile, in modo tale da "tirare" gli ultimi anni con una batteria più fresca !

misano

Io ho già dato, passaggio da powerpc a intel da powerbook G4 a macbook pro ... ho già dato con Rosetta e compagnia cantante, largo ai nuovi betatester !
Sicuramente i nuovi betatester saranno più bravi ad ottenere in tempi ragionevoli il porting del software nella nuova architettura senza farsi taglieggiare dalle sw house per aggiornare la licenza... sicuramente la nuova rosetta sarà più veloce ecc. In bocca al lupo e buon lavoro a tutti i nuovi betatester Apple !

Shaffler

Solo se sei sicuro al 100% di aver bisogno di MacOS, altrimenti sono solo soldi sprecati (poi i gusti personali non si discutono)

Guccia

Finalmente, auspico una convergenza tra MacOS e iPadOS ed un futuro in cui anche su Mac le app possano essere scaricate solo da App Store in un'ottica di sicurezza e di azzeramento della pirateria.

Federico

Domino era e resta leader.
E non andiamo affatto fuori tema, visto che il tema è se sia più conveniente sviluppare software aziendale per Windows 10 o migrare da Win32 a Linux.
Da sviluppatote ti assicuro che Linux vince a mani basse, e difatti è la scelta che hanno fatto un po'tutti.
Oracle, a sua volta, svuluppa soprattutto per Linux.

Federico

Un ottavo di misura?
Passare ad ARM significherebbe cambiare completamente architettura alla macchina.
Un sistema basato su SoC ARM ha poco a che vedere sotto il profilo circuitale con uno Intel.
Quello AMD è fondamentalmente la stessa macchina.

Alex

Si, boom

Francesco

Salve, ha senso acquistare un macbook pro 16 base con una proiezione di utilizzo di 6-7 anni? (utilizzo universitario/lavorativo in ambito di programmazione)

Ikaro

Considerando che html5 video è arrivato nel 2009 come supporto e che html5 è diventato standard nel 2012 (prima navigavi a vista col rischio di vederti deprecare regole e in pochi si infognavano a fare siti della stessa complessità del flash) direi che è facile fare gli audaci col cul0 degli acquirenti... e comunque l'abbandono di flash non ha nulla a che vedere con le scelte scellerat3 di apple

wic2

Diciamo che apple ha la possibilità di forzare la propria nicchia, nel caso dei mac. Di certo non forza nulla a nessun pc user, tutto ciò che è windows resterà su x86 ancora per mooooolto tempo. MS al momento sta solo sperimentando, ma non ha alcun bisogno di correre o anticipare i tempi, soprattutto adesso che i processori x86 stanno facendo passi da gigante sul mobile con prestazioni incredibili a bassi consumi

Il SoC del surface x è probabile che sia più vicino a quello di uno smartphone che a quello che userà apple con design proprietario e a 5nm. ma ripeto, poco importa quanto sia buono o meno quello del surface, se ci vuoi far girare roba x86 fa quel che può

Per il feeling premium (per quel che vale) imho quelle scocche unibody continuano ad essere il top. e ho avuto diversi portatili windows da 2-3000 euro.

Frà

per una volta sto con apple
vediamo che combinano

è indubbio che serve una svolta in campo mobile

Ikaro

Ancora con sta storia di flash? flash è morto 10 anni dopo la scelta di non usarlo su iphone, ci sono un sacco di altri motivi per cui è morto e nel frattempo i loro utenti ne hanno pagato le spese (basti vedere i tweak che giravano su internet), la scelta di apple è stata a dir poco prematura, non essendoci ancora una valida alternativa all'epoca...

spino1970

Che Apple abbia più possibilità di forzare il mercato lo abbiamo già detto. Che questo sia un bene, anche no.

E comunque il SoC del Surface X non è un processore da cellulare.

E basta pure col feeling Premium, davvero. Ormai sono anni che la concorrenza non produce solo plasticoni. L'unica vera differenza è l'ecosistema in cui decidi di muoverti.

Ikaro

Ti ricordo che son riusciti a far girare degli i7 come degli i3 ;)

wic2

La differenza tra Apple e MS è che apple può forzare i produttori dei software più usati su mac a rilasciarne una versione ARM. Nessuno di questi rinuncerebbe alla fetta di mercato che hanno su Mac:

E per quanto riguarda la potenza a disposizione, non abbiamo ancora visto nessun SoC nato per Notebook.
Per ora abbiamo visto solo dei tentativi da parte di MS usando processori da smartphone che cercavano di far girare programmi x86 con risultati scadentissimi (ma qui è ovvio, processore scarsino ed istruzioni non native)

il mio pensiero è che Apple DEVE differenziarsi dalla concorrenza, magari il passaggio ad arm è la strada giusta o magari no. L'unica cosa in cui ad oggi Apple è ancora una spanna sopra, è la costruzione generale dei loro portatili (tralasciando le problematiche interne di dissipazione) sono veramente oggetti che hanno quel feeling premium.

Federico

Ma certo che ci gira, nessuno dice che non ci giri.
Magari pure qualcuno in più visto che vanno aggiunti i sistemi delle casse, alcuni elettromedicali ed i bancomat che solitamente non vengono computati.
Non è Windows nel suo complesso ad aver fallito ma Windows 10.

spino1970

Nì... HTML5 era già a buon punto e la transizione era imminente (già tempo prima Youtube aveva iniziato a farlo). Come spesso accade Apple "forza" il passaggio a suo vantaggio. Che ci sta, dal loro punto di vista. Ma solo perchè sanno che poi la gente li segue.

Sul fatto che ARM sia il futuro dei notebook, anche qui, nì. Per assurdo poteva esserlo anni fa, quando i notebook erano la "seconda macchina". Oggi che con un portatile con scheda grafica dedicata ci puoi anche fare gaming, montaggio video ed elaborazione dati pesante, la potenza di calcolo non è più così secondaria, anche perchè molti ormai sono passati al portatile e hanno abbandonato il fisso. In ufficio usiamo un MSI tamarro e pompato per fare le demo con Oculus Rift o HTC Vive in giro dai clienti.

Concordo sul discorso del differenziarsi, ma è pur vero che come dici tu dall'altra parte non c'è più questo divario prestazionale e la gente potrebbe cominciare a domandarsi perchè li paga di più...

E anche Windows ha i primi approcci con ARm, ma non essendo "costretti" ad una scelta di campo, potrebbe essere un boomerang per Apple.

GianTT

Che Windows giri su qualche miliardo di device mi pare ci possiamo arrivare per logica, tra Europa, USA, Giappone e Australia siamo prossimi al miliardo e praticamente ogni individuo ha un computer, di questi il 90% è Windows. Mettiamo Cina, India, Sud America, siamo a 3.5 miliardi, se anche solo 1/3 ha un computer, di cui il 90% è Windows, sono altri 900 milioni. Mettici tu i conti con i paesi arabi, africani e rimanenti asiatici e non solo. Il tutto ignorando chi ha più computer e i PC aziendali.

GianTT

Tra i prodotti di punta di IBM ci sono sicuramente i Mainframe e le macchine Power con sistema AIX. Hanno pure acquistato Red Hat (più per le proprietà intellettuali di JBoss e Open Shift che per il sistema in se) e hanno quasi tutto il proprio software disponibile su sistemi Linux E su sistemi Windows. Mi viene da escludere come compatibili su Windows solo i software dedicati a System z e gli appliance virtuali, per il resto praticamente ogni suo software è disponibile multi piattaforma.

In merito al tuo commento finale, andrmemo OT, ma IBM non è più lo standard nelle aziende, lo era negli anni 90. Ma è vista eccessivamente ancorata al passato con soluzioni di decenni fa, insegue da lontano sul mondo cloud, ha dovuto abbandonare un botto di soluzioni storiche (tra cui Domino, che era leader 20 anni fa) e sta cercando rilancio con l'acquisizione di Red Hat e le tecnologie di AI (Watson). Ma nel mondo corporate oggi sta dietro non solo Microsoft, ma anche società come Oracle

iTunexify

Comunque, a prescindere dalle possibili considerazioni tecniche, non penso possano essere così idioti da sostituire sui Mac i processori Intel Core vari con processori meno potenti. Lo faranno se il gioco vale la candela, altrimenti aspetterebbero. Se annunceranno questo passaggio, lo faranno secondo me con dati alla mano per giustificare il tutto

wic2

Concordo in parte. Se apple non si fosse imposta, o se avesse ceduto supportando flash player come aggiornamento, ancora oggi avremmo un quantitativo considerevole di flash. Invece in 5 anni si è debellato il 70% dell'uso di flash e in 8 anni era sparito quasi del tutto.

ARM è il futuro, è un dato di fatto. Non dei desktop, ma di tutte le macchine portatili: cellulari, tablet ed anche i notebook verranno come conseguenza naturale.
Ovviamente è necessario il supporto arm da tutti gli applicativi principali, cosa che su mac è molto più facile da ottenere dato che non c'è un infinità di programmi. E quelli rilevanti per i mac user sono forse 10 in totale.

Io dico che SE riescono ad avere il supporto, e le prestazioni in termini di potenza ma anche consumi.. allora hanno davvero un arma per differenziarsi dalla concorrenza.

Oggi un portatile mac imho ha poco senso, nella stessa fascia di prezzo quelli windows hanno prestazioni paragonabili e sono ormai tutti reattivi e scattanti tra win10 ed il largo utilizzo di ssd.
Magari col passaggio ad ARM riescono a dare più senso alla propria nicchia di mercato, offrendo durata della batteria inarrivabile per altri e/o prestazioni simili ma form factor ancora più leggeri e compatti di quelli attuali

Fiore97

Beh troveranno sempre il modo di farli scaldare

spino1970

Non a caso ho citato un sobrio Inspiron o Matebook o Zenbook...

spino1970

Non è vero.
lo hanno anche su PC e Tablet.

Il discorso di flash fa davvero ridere, perchè anche se ormai abbandonato da tutti, da quando Jobs si cagliò contro il prodotto adobe, sono passati quasi 10 anni prima che Flash fosse definitivamente abbandonato. Diciamo che in ambito tecnologico, saremmo tutti bravi a fare previsioni del genere. All'epoca dell'abiura, HTML non era nemmeno ancora uno standard!

Io non sto contestando la scelta di ARM.
Sto dicendo che per l'ennesima volta chiuderanno ancora di più le distanze delle sbarre della gabbia dorata, convincendo gli utenti che "Gabbia è bello!"

Ecco, se gli devo fare un complimento è che sono più efficaci di una setta :)

Nicola Ramoso

Aaah vero vero.
Ubuntu ha cercato di fare tanto ma è sempre stata affossata dalla community di "puristi" ed è per quello che ci troviamo ancora dopo tutti questi anni senza una distro che possa essere un "vero" sostituto di Windows. Lo usai per diversi anni fino alla 14-15 e ora ho ricominciato a riutilizzarlo ma vedo che molte cose non sono cambiate.
Guardare un video su Youtube manda la CPU al 100% manco stessi facendo rendering matti, per cambiare la velocità dello scrolling del mouse ho dovuto copiare-incollare uno script bash trovato su internet, insomma non ci sono stati grossi passi avanti in generale.
Però secondo me la "colpa" è stata anche degli smartphone che ha spostato i riflettori dai PC ai telefoni perché ricordo che una volta la release di una nuova versione di Ubuntu era un evento, adesso invece è niente di più di un changelog.
Inoltre addirittura ci sono figure di spicco della Linux Foundation che fanno conferenze proiettando le loro slide da dei MacBook su cui gira MacOs e questo ci dice che bisogna rassegnarsi e smettere di sperare che Linux valga qualcosa nel campo desktop. A meno che Valve con Proton non riesca a prendere almeno il pubblico gaming, quello potrebbe essere un vero punto di svolta, ma senza una direzione unica non credo che si possa fare molto.

Marco Longobardi

io prenderei più seriamente una persona con un inspiron che trovo una macchina concreta, piuttosto che una con il macbook, ma non ti dimenticare che entrambi stiamo commentando su un sito di tecnologia, è più facile trovare in giro persone attratte più dalla moda che dalla tecnologia, e per loro potrebbe esserci differenza.
Rimango comunque dell'idea che un pc sobrio sia fondamentale per presentarsi ad un cliente, se dovessi andare in uno studio di avvocati, tutto scicchettosi e trovassi sulla scrivania un msi con dragone e tastiera arcobaleno credo stonerebbe un po'

Miki_73

Si, ma poi i software? Coi PC Windows stanno già uscendo dispositivi del genere ma già si scontra la teoria con la pratica: teoricamente hai un dispositivo sempre connesso e che ti dura tutto il giorno, in pratica non girandoci tutti i software rimangono un po' degli esercizi di stile...

Apple annuncia i processori proprietari per Mac basati su architettura ARM

macOS Big Sur ufficiale: benvenuti processori Apple

iPadOS 14 ufficiale: ecco come cambia iPad

iOS 14 ufficiale: tutte le novità, widget inclusi