Apple, invasione di Mac con CPU ARM dal 2021. Anche desktop | Rumor

27 Marzo 2020 324

"Diversi" modelli di Mac con processori basati su architettura ARM sono in arrivo tra il 2021 e il 2022, stando alle ultime previsioni di Ming-Chi Kuo. L'analista di TF Securities dice che arriveranno sia sistemi desktop sia computer portatili.

L'idea dei portatili con SoC mobile non è certo una novità: non solo ce ne sono basati su Windows già sul mercato, ma anche in casa Apple se ne parla già da tempo. D'altra parte, proprio Apple è riuscita a sviluppare dei processori per mobile molto potenti - ci riferiamo alla gamma A*X che si trova negli iPad più prestigiosi, che spesso vengono appunto definiti "più potenti della maggior parte dei laptop Windows in circolazione" (frase usata anche con gli ultimi iPad Pro, per esempio).

I chip ARM sono più efficienti dal punto di vista energetico, quindi aprono le porte a design sempre più sottili, autonomie sempre più elevate e nessun bisogno di ricorrere alla dissipazione attiva del calore, con le ventole. I chip mobile permetterebbero anche ad Apple di abbattere notevolmente i costi di produzione: si stima che rispetto ai processori x86 di Intel o AMD il risparmio sia quantificabile intorno al 40-60%.

La combinazione tra sistemi desktop e chip ARM, invece, è più curiosa e inedita - principalmente perché i vantaggi che forniscono questi chip, come abbiamo visto sopra, sono sostanzialmente irrilevanti per un sistema desktop, che non ha problemi né di spazio né di autonomia. Vero che Apple ha una particolare passione per sottigliezza e minimalismo, per cui possiamo immaginare un iMac o un Mac Mini ancora più compatti. Chiaro che per il Mac Pro le CPU Intel Xeon continuano a sembrare una soluzione più adeguata. Detto questo, non possiamo nemmeno escludere che la Mela stia lavorando a form factor del tutto inediti.


324

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Carlo Cucchiara

Ok, ho perso due ore della mia vita a leggere tutti i commenti, ora posso dire la mia, giusta o sbagliata che sia. Ho sentito parlare di clock di processori come indice di potenza finale, invece dipende da come le operazioni vengano processate, un processore con un clock inferiore ed architettura differente può essere estremamente superiore e più efficiente. Ho sentito parlare di Rolex che fanno schifo come i mac e tratte la conclusione avventata che minor fetta di mercato..., ma che ragionamento è!?; cmq preferisco paragonarli ad una Ferrari, una Porsche, una Maserati... :-). Inoltre posso affermare con cognizione di causa che Os X, sia uno tra i sistemi operativi più efficienti ed ottimizzati che esista, basato su unix (che è un'ottima cosa) ed uno dei più grandi punti di forza dei Mac insieme alla qualità costruttiva (escluso quando si scordano di collegare le ventole al processore).
Detto ciò, negli anni Apple ha dimostrato di saper fare delle scelte, meglio di noi comuni utilizzatori finali, ed anche se così non fosse, esprimere la propria opinione senza avere la presunzione che la propria parola sia legge, da la possibilita di ascoltare le.opinioni altrui e di crescere tutti insieme; una discussione è costruttiva quando si danno dei dati oggettivi e no personali senza fondamenti. Grazie a tutti.

gianni polini

Riscrivere un software costa tempo e denaro, immagini ad esempio la suite Adobe.
Io la transizione non solo la ricordo, ma l'ho vissuta.
Ci sono voluti 3 anni, almeno, per una versione decente di osx, idem, almeno, almeno, per i software Pro.
Ci sarebbe sicuramente una transizione con software emulato e qualche anno per arrivare ad un buon numero di applicazioni native.
Poi dipende molto dal numero di persone che acquisterebbero macchine ARM...lo sviluppo di software nativi sarebbe direttamente proporzionale alla percentuale di possessori di macchine ARM.
Non sono contrario, ma dico che comprerei un mac/pc arm solo quando fossero disponibili tutte le app native ed in ogni caso non prima di qualche anno dall'uscita per evitare gli inevitabili bugs e la lentezza del sistema.

B!G Ph4Rm4

Mmh no, sono tutto il contrario dell'utente base.

E quando poi li hai sviluppati, ci vogliono anni prima che vengano ottimizzati.

Mmh no. Ottimizzazione è una parola che viene spesso usata senza conoscerne il significato. In questo caso già esistono tutte le API che vuoi per sfruttare al meglio l'hw di un Mac (e sarà la stessa cosa con un nuovo OS, anzi, anche meglio da un certo punto di vista) o per sfruttare gli acceleratori sui modelli che ne sono provvisti.
Quindi i nuovi software verranno riscritti in molto meno tempo e subito ottimizzati.

E si ragiona ancora come fosse il 2002, quando le tecnologie di sviluppo sono cambiate in maniera mostruosa e un passaggio del genere sarebbe enormemente meno indolore che un tempo.
Senza contare che nessuno dice che debba avvenire in 50 giorni.

Per il resto, sarebbe una follia rimanere ancora con Intel dopo quello che sta succedendo in questi anni.

B!G Ph4Rm4

No è tutto il contrario dell'utente che usa solo il web.

gianni polini

Ho già dato col passaggio da Motorola /IBM ad Intel.
I software in emulazione fanno schifo e ci vogliono anni per svilupparli nativi.
E quando poi li hai sviluppati, ci vogliono anni prima che vengano ottimizzati.
Ovvio che se il PC per te è email, web, office base e Facebook non cambia nulla, ma per un utente pro è un'altra storia.

Nicola Mastrandrea

Sicuramente, mi sembra che oramai quello sia l'andazzo.

E K

Concordo!

E K
Davide

Chiediti perché! L'output non è mica uguale. Magari per un plebeo che guarda il risultato su smartphone possono assomigliarsi ma i due file derivanti dal rendering sono molto diversi.
Idem tra final cut e Premiere

fabrynet

E chi ha detto che sia facile o veloce il passaggio? Sarà graduale e bisognerà vedere quali applicazioni saranno rifattorizzate.

GianTT

Riscrivere per una piattaforma non è che sia una cosa che fai dall'oggi al domani, servono i numeri intanto. Ed Apple non ce li ha, oggettivamente quanti saranno i possibili Mac di nuova generazione ARM l'anno prossimo? Facciamo l'1% del totale dei pc mondiali? E uno sviluppatore dovrebbe mantenere per circa il 10% dei pc totali due sviluppi paralleli, uno x86 per i device compatibili, e uno ARM per i nuovi. Non è che sto dicendo che non conviene il passaggio, anzi, mi auguro anche io che si crei l'occasione per far dar una mossa ad Intel sul suo terreno tradizionale, ma non sarà ne facile ne rapido

Fabio Barisone

Io non credo. Ad oggi renderizza più velocemente LumaFusion su iPad Pro che final cut su MacBook Pro

MauryG5

Io i Power PC li ho usati probabilmente prima di te bello e a differenza tua so di cosa sto parlando, cosa che invece vedo che non sai tu visto le cose che scrivi e ti lascio nei tuo mondo fatato fatto di X86 perche' tanto, vedo che il tuo intelletto non riesce ad arrivare a quello che si legge ben chiaro e che tra l'altro e' riconosciuto dai veri esperti nel settore delle CPU. Il tuo limite sta nel fatto che ancora non hai capito il mio discorso, proprio non ci arrivi, continui a fare paragoni tra un microprocessore del 2005 mai piu' aggiornato in versione desktop che era appunto il G5 e che quindi ovviamente non poteva piu' competere e grazie al c... e un microprocessore che ha continuato ad essere sviluppato fino ai giorni nostri. Ti invito nuovamente ad andare su internet e a vedere l'altro lato del mondo, forse scoprirai cose che non hai mai visto e non dico altro perche' vedo che l'ignoranza si taglia con il coltello...! Lascia perdere amico, non e' cosa tua il mondo delle CPU senti a me e non si tratta di fanboy o stronzate del genere ma di fatti documentati e ripeto, esiste Google...! Ciao bello...!

Mauro Morichetta

Apple sarebbe la prima Azienda ad offrire una soluzione inedita per molti aspetti se adottasse una tecnologia basata su Arm il problema sarà convincere il mercato che sia una valida alternativa. Sinceramente si perderebbe completamente la modularità, vada per un portatile, su un sistema desktop non vedo molto spazio d'azione.

Gark121

Il supporto dedicato a Power è durato CINQUE ANNI dopo l'uscita di Intel. Ovviamente le versioni più aggiornate dei software singoli venivano man, mano ottimizzate per Intel, e infatti si faceva aggiornamento selettivo, solo degli applicativi che non peggioravano le performance su PPC. Ma qui l'unica cosa logica ed evidente è che te un PPC non l'hai mai usato (o non lo sapevi usare LOL).
Coi mac c'era una generazione di discrepanza tra l'ultimo PPC e il primo intel, ma la differenza di performance era più di quanta ce ne fosse da un "core" di prima generazione ad un ryzen moderno, non so se rende l'idea. META' del consumo (totale del sistema) e almeno il 30-40% di performance in più a pari (quasi) tutto il resto.

Detto ciò, "sei nel mondo dei computer da più di trent'anni" detto dopo il resto delle c o g l i o n a t e che hai scritto non è esattamente fare un complimento al tuo intelletto. e lo "SVEGLIAAAAA!!!!!" finale conferma quel che pensavo, sei della stessa risma di persone che crede che la terra sia piatta, gli alieni siano nascosti tra noi e tante altre c o g l i o n a t e del genere. Non vale la pena perdere altro tempo, addio.

PS, di f a n b o y è pieno il mondo, ma un f a n b o y di powerpc nel 2020 veramente non credevo che potesse esistere. veramente alla s t u p i d i t à non c'è mai fine...

Account Anniversario

Ho anche l'EE 3.73 ma mura a 4.20 circa.

Gark121

mazza ancora campa? notevole (anche se ufficialmente non vale, sei su un PP decisamente migliore del vero prescott XD)

iTunexify

Chissà magari se ti viene in mente che esistono anche persone che non amano Windows? E che magari macOS rappresenta l’unica alternativa credibile, visto che i software saranno pochi (che poi vabbè, su sta cosa ho da risentire), ma sempre più di quelli su Linux

e.Mac
Account Anniversario

https://uploads.disquscdn.c...
io ce l'ho fatta, ad aria. Prescott (cedar mill in verità) ce l'ha fatta

Gark121

"G5 che ormai non viene piu' aggiornato"... Ma che stai dicendo? È stato supportato per anni e anni (addirittura fino a leopard, fine supporto nel 2011), altro che "non più aggiornato". Erano ancora aggiornati i g4 all'epoca!
Erano due macchine operative (servivano due postazioni), sempre usate e sempre aggiornate (con criterio, alcune applicazioni su PPC son diventate velocemente una m e r d a, e ovviamente non le ho aggiornate sul g5). E non appena il dramma di dover emulare tutto è venuta meno, si è vista la realtà: powerpc era uno zombie da anni, obsoleto e senza alcuna speranza di poter competere.
Io non leggo cosa scrive "la gente", a maggior ragione parlando di server (che hanno esigenze totalmente diverse e un moltissimi casi completamente opposte a quelle consumer), io ho provato per circa un paio d'anni le due postazioni affiancate, e la differenza era talmente macroscopica che non basta l'i g n o r a n z a, serve proprio cattiva fede a dire x86 non fosse superiore. Era un altro pianeta, altro che superiore. E hai il coraggio di dire a me di documentarmi?? Ma d'altronde, non serve un genio a capire chi di noi due ha usato davvero powerpc per anni e anni e chi invece ne ha letto "nei forum". Gli stessi forum dove Elvis è ancora vivo, il coronavirus è stato creato in laboratorio e la terra è piatta.
PPC nelle applicazioni ad alte performance era defunta nel 2004. È stata trascinata per i capelli fino al 2006 (lo sai che i g5 erano di alluminio non per design, ma per riuscire a raffreddare meglio?), ma non c'era confronto. Non pensare di poter prendere per il c u l o qualcuno solo perché son passati tanti anni.

MauryG5

Amico mio, allora fare un paragone dopo 1 anno di uso quando hai da una parte, ovvero G5 che ormai non viene piu' aggiornato e dall'altra l'appena aggiornato Intel, ovvio che da quel momento hai un miglioramento delle prestazioni generali e un consumo inferiore! Ma ti sei mai chiesto se dopo un anno avresti avuto un Power aggiornato esattamente come stavi avendo sul lato Intel, come sarebbe andata? Io penso di no! Io ho continuato a seguire l'architettura Power e ti posso dire che non aveva e non ha bisogno di Apple per andare avanti. Ti posso pure invitare, visto che sei convinto, a leggerti quello che dicono coloro che oggi comprano server basati su Power e server basati su X86, vedere cosa scrivono nei confronti che fanno e qual'e' il motivo che li spinge a passare a Power e mollare X86! Faccio presente per l'ennesima volta, che piu' commerciale non significa migliore. Vi hanno riempito a tutti il cervello con X86, facendovi credere che fosse da sempre l'architettura di riferimento, beh sono BALLE al cubo! Chi conosce davvero a fondo le CPU, sa di cosa parlo! ripeto, Apple ha fatto il passaggio per fare diventare piu' commerciale il Mac e perche' i Power non erano adatti ai portatili, mercato principale dei Mac da sempre, quindi ecco perche' sono passati e non per questioni prestazionali ricordatevelo sempre. E' quello che vi vogliono fare credere ma chi conosce davvero le architetture, sa di cosa parlo...! Documentatevi bene prima di dire certe cose...

Ivan Clemente Cabrera

Finalmente!

Davide

Il problema saranno sia le prestazioni sia i programmi

Peppol

Finalmente

lKinder_Bueno

Speriamo in bene. Se si diffondono gli ARM anche sul mercato pc sarebbe una bella botta al mercato cpu

Andrea Ciccarello

Un consiglio dato che ormai mi sembri un diso rotto passiamo avati a questa inutile storia?

Andrea Ciccarello

Dove ho mai detto che è un'api mal ottimizzata e Limitata? Almeno riesci a comprendere la mie frasi di senso compiuto?

Andrea Ciccarello
Andrea Ciccarello

Quindi secondo te parlo per sentito dire? Se vuoi ti faccio lo streen dell'app, ma probabilmente sei tu quello che parla senza averlo provato...

Andrea Ciccarello

Potrebbero come anche no. Nessuno lo sa.

ericantona5

Chi ti dice che non lo stiano facendo?

Ivan Clemente Cabrera

E quindi? Puoi anche spegnerla la preview, si parla di rendering video, esportazione, ovvero dove la cpu va sotto al 100% e le performance per wat di A12x sono umilianti in confronto a intel, tanto che performa in modo del tutto simile ai macbook i9 con con lo stesso software (imovie l’unico presente in entrambi) questo a parita’ di bitrate e passing.

Ivan Clemente Cabrera

Ripetitivo e coerent. Mi piacerebbe dire lo stesso di te che invece passi da hardware debole a hardware fantastico ma api debole a overhead da emulazione....diciamo che nn ti piace l’idea. Hai sprecato un occasione per spiegare cosa centra prescot con i 5nm di TMSC su ARM

Ivan Clemente Cabrera

No questo lo dice SPECin2006, lo dicono test su software, lo dicono benchmark sintetici, lo dicono testate serie come anandtech, lo dicono test di esportazione in rendering video o browser set tests, questi sono i fatti, ecco perche’ amazon e altro big del cloud si stanno movendo gia’ da ora con arm su data centers e big data. Ma curiosita’ che studi hai fatto e in quale datacenter hai mai messo piede? Qual’e’ il tuo profilo linkedin?

Ivan Clemente Cabrera

Perche’ la dichiari un api mal ottimizzata e limitata, quando a conti fatti e’ una delle preferite dai devs, tu confondi con porti fatto con due spicci e poche risorse con api mal fatta, fra l’altro su pc i third parties (amd e nvidia) fanno il grosso del lavoro ecco perche i driver su pc sono grossi centinaia di mb al contrario di pochi kb su linux e mac, perche’ non sono piu’ dei driver ma delle librerie con ottimizzazioni e profili ad hoc per ogni gioco, i dev fanno poco e nulla per ottimizzare i giochi sia su pc che su mac, spendono risorse solo su console.

Ivan Clemente Cabrera

Gli sviluppatori fanno miracoli nei porting su switch con opengl ES e un hardware ridicolo a confronto con i chip Apple mentre su Mac os per via della userbase o delegano terze parti per le conversioni o un paio di persone per un mesetto...cosa ti aspetti. Ecco perche’ Apple ha bisogno di questa mossa, nel lungo termine otterra’ proprio il contrario di cio’ che sostieni.

Ivan Clemente Cabrera

Posso anche parlare coi miei colleghi di ste robe invece di perdere tempo in rete...sara’ l’effetto quarantena!

Ivan Clemente Cabrera

Guarda che il workflow riguarda l’os non l’app in se che e’ completa ma manca di ancora alcuni tools (e in beta) non credo tu l’abbia provata ma stai solo ripetento parole lette sopra.

Andrea Ciccarello
Andrea Ciccarello

Non esiste solo l'app store e per adesso è ancora troppo presto per fare un all in. Basta anche soltanto citare Adobe con la sua suite

ale

Sì perché lo sviluppatore non ha ricompilato il programma per ARM. Ma se il software viene ricompilato per ARM (e se lo fa Apple la politica sarà sicuramente che tutti i software che pubblichi nell'app store devono obbligatoriamente essere compilati anche per ARM) non serve alcuna emulazione.

ale

Non sviluppi programmi per X86 da anni perché non si programma più in assembly da anni. Sviluppi programmi in un linguaggio che poi viene compilato per x86 o per ARM o per qualche altra architettura, ma il target di compilazione non fa alcuna differenza.

Non ottimizzi un software per un architettura, o meglio ci pensa il compilatore a fare quel lavoro, tutto quello che lo sviluppatore deve fare è cross-compilare il software per la determinata architettura, che con un ambiente di sviluppo significa lanciare un comando e via.

Il software per ARM non gira peggio del software x86 in sostanza, le distribuzioni Linux da praticamente sempre supportano più architetture senza problemi, l'uncia rogna se così la vogliamo chiamare è che devi compilare i programmi per più architetture e non solo per una, per il resto poi è uguale.

Nicolò D'Evangelista

È chiaro che il problema non saranno le prestazioni. Ma i programmi, stesso problema che c'è su ipad...

Ah secondo te quei tre esempi erano casuali e guarda caso giusto i più clamorosi in cui apple ha avuto ragione... pazzesco.

Andrea Ciccarello

Si spera che il modello di distribuzione di Windows e di MacOS si avvicininino sempre di più a quello di Linux sotto questo punto di vista

CAIO MARIOZ

su quello Apple può solo mettere le scadenze, come fatto in passato, e per ora ha funzionato più che discretamente.

CAIO MARIOZ

no, un Air 2 non ha le prestazioni degli iPad Pro, memorie e processori completamente su un altro livello

Andrea Ciccarello

Recensione Apple MacBook Air 2020: basta finte ventole, scalda troppo!

Recensione Magic Keyboard iPad Pro: come cambia l'esperienza su iOS

Recensione iPhone SE 2020: parola d'ordine familiarità

Recensione Apple iPad Pro 2020: cambia poco, costa sempre tanto ma ha 128GB