Intel presenta i nuovi processori Nervana per IA e cloud computing

13 Novembre 2019 15

Intel ha annunciato nuovi processori di rete neurale Neural Network Processors (NNP) Intel Nervana per l’addestramento (NNP-T1000) e l’inferenza (NNP-I1000): sono i primi ASIC di Intel sviluppati appositamente per il deep learning complesso, con i quali la società punta ad offrire elevati livelli di scalabilità e efficienza per il settore data center e cloud. Si tratta dei successori del Nervana Spring Hill di cui si era parlato ad agosto.

Per quanto riguarda Intel Nervana NNP-T - di cui potete vedere un'immagine poco sotto - si tratta di una soluzione che offre un buon equilibrio tra computing, comunicazione e memoria, consentendo scalabilità quasi lineare ed efficienza energetica dai piccoli cluster fino ai più grandi supercomputer per POD (Performance Optimized Datacenter).

Intel NNP-T1000

Intel Nervana NNP-I - a confronto con una moneta nell'immagine a seguire - è invece un chip particolarmente efficiente per quanto riguarda i consumi ed è ideale per eseguire inferenze multimodali intensive su scala reale, utilizzando fattori di forma flessibili. A detta di Intel, si tratta di una piattaforma particolarmente conveniente anche in relazione al costo, anche se non è stato svelato il prezzo per i propri partner. Tra questi troviamo realtà come Facebook e Baidu, che fanno sempre più affidamento sull'Intelligenza Artificiale all'interno delle loro piattaforme.

Intel NNP-I1000

Assieme ai nuovi processori, Intel ha svelato la prossima generazione di unità di elaborazione visiva (Vision Processoing Unit, VPU) Intel Movidius Myriad per applicazioni multimediali, di visione artificiale (computer vision) e inferenza in edge, prevista per la prima metà del 2020.

Questa includerà rinnovamenti architetturali che puntano all'efficienza, volti ad offrire prestazioni di inferenza oltre 10 volte superiori alla generazione precedente e con efficienza energetica fino a 6 volte superiore rispetto ai processori della concorrenza. La società sottolinea che le esigenze più avanzate di addestramento del deep learning da parte dei suoi clienti - come Facebook e Baidu - richiedono che le prestazioni raddoppino ogni 3 mesi e mezzo, motivo per cui questo grosso incremento di prestazioni fatto segnalare da Intel non deve stupire.

Per finire, la società ha anche annunciato il nuovo Intel DevCloud for the Edge, che, insieme alla distribuzione Intel del toolkit OpenVINO, permetterà agli sviluppatori di sperimentare, creare prototipi e testare soluzioni di intelligenza artificiale su un'ampia gamma di processori Intel prima di procedere all'acquisto dell'hardware.


15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Boronius

Ok, ma nel campo dell'informatica siamo da tempo oltre la soglia della tollerabilità

Panteghino

Ok, ma se non impari ... ti lasceranno indietro.
Mai smettere di imparare.

Boronius

Ultimamente faccio più gestione che programmazione, queste cose ormai le lascio ai giovani

Federico

Idem

CoreyTaylor

Amd ha già la contromossa pronta, i nuovi Foo Fighters

DeeoK

Le API sono interfacce per sfruttare un software.
Va da sé che delle API le espongono per forza altrimenti non ci faresti nulla con prodotti simili. Dare accesso diretto al runtime invece è una bestialità.

DeeoK

Li hanno presentati insieme a 77 nuove falle, lol.

Riccardo sacchetti

In realtà dipende a che livello programmi. Un mio amico lavora a vari progetti di ricerca su IA e, a detta sua, non é una cosa così assurda. Ma loro si appoggiano a vari servizi, come quelli di Amazon. In pratica "configurano" un servizio per fare determinate cose. Diverso se invece programmi I servizi. In quel caso devi creare dal nulla tutto..

Panteghino

Il tuo problema è piccolino se ci metti impegno, te lo dice Panteghino!

Simon Wins

Temo che sia abituato alle parole esotiche, se non sbaglio.

Boronius

Affascinante la informatica che gira attorno alla AI. Peccato che io abbia oltre i 50 anni e il mio cervello ormai sia "inquinato" dalla programmazione basata su flussi. Largo ai giovani...

Francesco Renato

Grande spreco di parole esotiche per annunciare un banale aumento di potenza dei processori per server.

Simon Wins

E per un profano che cosa significherebbe?
Grazie.

manu1234

Se non danno accesso diretto al runtime o espongono qualche API che non siano pacchetti modificati predefiniti non servono a molto

Jon Knows

Darth Movidious.

Lenovo Yoga Slim 7 Carbon, Slim 7 Pro e IdeaPad 5 Chromebook ufficiali

Recensione Samsung Galaxy Book Pro 360, convertibile super sottile e leggero

Recensione Intel Core i7-11700K: potenziale nascosto, ma occhio ai consumi

Recensione ASUS ROG Zephyrus S17, tanta roba ma che prezzo!