Samsung, problemi alla produzione di memorie: allarme rientrato, resta il danno

11 Novembre 2019 9

Samsung rischia di veder rallentare la crescita di uno dei suoi comparti chiave - quello delle memorie - a causa di una non meglio identificata contaminazione che avrebbe compromesso il processo produttivo di un intero stabilimento.

A riportare la notizia è il media asiatico Business Korea, secondo cui sarebbe stata coinvolta la produzione di memorie DRAM da 10nm. La fonte riferisce che si tratterebbe di un "difetto causato dall'impiego di materiali contaminati in una linea di produzione di wafer da 200mm localizzata presso l'impianto Giheung di Samsung Electronics in Corea". Il problema - confermato dall'azienda stessa - sarebbe già stato risolto, e il processo produttivo sarebbe tornato a pieno regime.

Nonostante l'allarme sia rientrato, il danno (economico e d'immagine) resta: Samsung parla di "miliardi di won coreani" (si tenga presente che 1 miliardo di won equivale a 777.000 euro circa), dunque si tratterebbe di una perdita tutto sommato limitata. Diversi esperti della filiera riferiscono tuttavia che potrebbe trattarsi di una cifra decisamente più importante, visto che il danno si sarebbe inevitabilmente diffuso coinvolgendo altri processi produttivi ad esso correlati.

Lo stabilimento di Giheung

Non è ancora chiaro quale sia la "contaminazione" che ha coinvolto il processo produttivo di memorie DRAM. Certo è che sono diversi i lotti coinvolti, non commercializzabili in quanto con conformi con le specifiche richieste. Il danno, dunque, è stato fatto e, nonostante l'allarme sia rientrato, potranno esserci conseguenze sia nella fornitura delle memorie nei prossimi mesi che nella rincorsa di Samsung alla leadership del settore. E pensare che proprio nel Q3 la produzione di memorie DRAM era tornata a trainare l'azienda: il rischio che si registri una contrazione nel prossimo trimestre è dunque concreto.

Una contaminazione simile aveva coinvolto anche TSMC: a gennaio di quest'anno, infatti, un prodotto chimico difettoso aveva danneggiato l'intera produzione di uno stabilimento.


9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tecnono

Vabbé non ne facciamo un DRAM-ma!XD

ferragno

guarda un pò, proprio prima di natale...

mig86

Per un attimo ho avuto la tentazione di rispondere ai commenti sui wafer, per fortuna sono riuscito a mantenere l'auto-controllo.

Andrej Peribar

Samsung problemi alla produzione.
Qualcuno l'ha mollata e non si sa chi è stato
Allarme rientrato, è bastato areare il locale.
Ma resta il danno

Andrej Peribar

Non ci credo che hai risposto seriamente

mig86

I lavoratori delle fonderie usano tute apposite ed il processo è completamente automatizzato, proprio per evitare il più possibile il contatto, dato che basta una particella di polvere per rovinare un potenziale chip, ma non interi wafer come in questo caso.
Probabile che si sia trattata di un'impurità nel silicio usato per produrre i wafer.

PCusen

Qualcuno è andato in bagno e non si è lavato le mani!

NOVI é meglio! Altroché Samsung, Loacher e TSMC a fare wafer.

eL_JaiK

Nessuno? Vabbè: https://uploads.disquscdn.c...

Apple e Google, più privacy per le app di tracciamento: cosa cambia per l'utente

Coronavirus e 5G: rischi reali e fake news, facciamo chiarezza | Video

Spesa online: la nostra esperienza a Bergamo, Milano, Roma, Reggio Emilia e Palermo

Scontrino elettronico dal 1° gennaio per tutti, cosa cambia