Monitor Dell UltraSharp 27 4K PremierColor: ha colorimetro integrato e Thunderbolt 3

04 Novembre 2019 34

In occasione dell'Adobe MAX 2019 (Los Angelese 4-6 novembre) Dell ha presentato al pubblico il nuovo monitor UltraSharp 27 4K PremierColor, una soluzione pensata per i creator e i professionisti dell'immagine che cercano un monitor ad alte prestazioni, personalizzabile e con un'ampia superficie di lavoro.

Dell UltraSharp 27 4K PremierColor si colloca nella fascia alta del mercato, discostandosi sensibilmente da altri modelli appartenenti alla linea UltraSharp destinati al segmento consumer/office che vantano pannelli con diagonale fino a 49 pollici. Caratteristica di rilievo di questo nuovo display Ultra-HD (10 bit) è sicuramente l'ampia resa cromatica, garantita da una copertura 100% Adobe RGB, 98% DCI-P3 e 80% BT2020; a questo poi si aggiunge un colorimetro integrato che permette di personalizzare ulteriormente la calibrazione dei colori, offrendo tra l'altro supporto alla calibrazione CallMAN.


Il nuovo monitor Dell utilizza un pannello di tipo IPS da 27 pollici con risoluzione 3840x2160 pixel (16:9), la luminosità invece arriva a 250 cd/m2; a bordo sono presenti inoltre due HDMI 2.0a, 4 USB 3.0 Type A e due porte Thunderbolt 3 (via USB-C) che permettono di ricaricare dispositivi mobili (fino a 90W) o collegare due ulteriori monitor 4K per espandere le capacità lavorative in multitasking. Dell UltraSharp 27 4K PremierColor sarà disponibile da gennaio 2020 a un prezzo di 1999 dollari.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 545 euro oppure da Amazon a 625 euro.

34

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
uncletoma

Si, ok, ma dato che esistono FHD (anche se a 1200 invece che a 1080), pensavo ci fosse un modo per avere una ratio "tipo 4k" in 16:10

LaVeraVerità

E la risoluzione che definisce la ratio del monitor. Per avere un monitor come dici tu i pixel dovrebbero essere rettangolari deformando l'immagine.

Aster

Ti piace vincere facile

Aster

Io non sottovaluterei gli nec e Fujitsu se riesci a trovarli

uncletoma

Monitor 4K 16:10 esistono?

Fabio Biffo

Un momento, dipende dall'utilizzo. Nei contenuti HDR la luminositá non é ne costante e spesso neanche uniforme. Non é che devi lavorare con un faro sugli occhi, ma per chi lavora professionalmente con questo genere di contenuti deve avere un monitor in grado di supportare fedelmente il volume colore registrato

Cosimo Barletta

Lavorare ad alte luminosità per ore vuol dire probabilmente farsi fuori gli occhi in pochi anni specialmente con illuminazione ISO della stanza dove si lavora... Questo monitor come target non ha clientela che cerca Valori di luminosità enormi.

Ph0t0

Difetti tecnici.
Avevano aloni assurdi sui pannelli che variavano colore da destra a sinistra, alto e basso. Erano pannelli che avevano uniformità veramente zero.
riproducevano in maniera ottima lo spazio del colore, ma non essendo omogeneo il pannello era impossibile avere una buona visione. Ne ho cambiati ben 5 (Dell 2713h) che ai tempi costavano 1000€, la Dell me li cambiò sperando di trovare il pannello giusto ma alla fine ho rinunciato.
Tra l'altro anche calibrandoli avevano un bianco incalibrabile che tendeva sempre al magenta, pur avendolo calibrato sia con lut interna che esterna.

Alla fine mi sono deciso a prendere un Eizo, e l'unica domanda che mi sono fatto è stata "come ho fatto tutti questi anni senza? Perchè l'ho preso così tardi?". Non vale la pena prendersi mezze cose, con Eizo CS/CG/CX come caschi, caschi bene.

Ha detto che va bene anche senza

Simone

Deluso per le caratteristiche tecniche riscontrate, per difetti particolare o semplicemente perché non rispettavano gli standard qualitativi dei suoi occhi?

Ph0t0

Per così poco Simone!
Nec sono i monitor. Prima facevano la fascia "alta" come Eizo, adesso si occupano solo di fascia altissima, vedi ad esempio il monitor da quasi 100 pollici da 30k che si usa in alcuni studi fotografici e che può essere messo anche in verticale.
Fascia che Eizo non tratta, e che è in mano a Nec.
Evidentemente non gli conveniva più stare in una nicchia già ristretta.
La fascia gaming di Eizo farà sicuramente schifo, d'altronde come tutte le fasce gaming. Alla fine sono dei monitor da ufficio con fps più veloci. Sony hai detto bene, probabilmente ora sta facendo solo quelli da broadcast dove sono specializzati.
Io con Dell non mi sono trovato benissimo, gliene ho rimandati molti indietro per pannelli indecenti. Per me l'ultimo Dell provato che valeva la pena acquistare era il Dell u2711, tutti gli altri che ho avuto, anche più costosi, sono rimasto delusissimo.
Eizo (serie CG) è stato amore a prima vista.

Simone

Di monitor da ufficio eizo ne ho avuti e sono comunque prodotti di ottima qualità (seppur hanno altre caratteristiche ovviamente).

Mi riferivo a quei prodotti da 400€(che spesso rivendono come gaming) marchiati eizo che sembrano essere costruiti anche da ditte terze... Tra le altre cose. E che lamentano parecchi problemi spesso da monitor da meno di 100€. Peccato che il mercato porti certi marchi a svendersi così...

Dell fa comunque prodotti ottimi. Secondo me molto più curati e mirati degli Asus, che punta più a vendere che a fare buoni prodotti.
BenQ ha troppi prodotti dalla concezione "Cinese" montano accessori di fascia più alta(in genere quegli accessori appariscenti come paraluce etc..) su prodotti di fascia ben più bassa.

Sai qualcosa riguardo ai Nec? Una volta sui prodotti video professionali era al top, insieme a Sony che se non sbaglio ad ora fa solamente una linea di monitor di fascia altissima per il mercato televisivo. Non so neanche se producano ancora monitor professionali...
Grazie per la chiacchierata costruttiva, ha rarità su HDBlog!

Alex Battocletti

Lg 27uk850 0 34uc99

R41

Non è Thunderbolt

Ph0t0

Barco era leader indiscussa, purtroppo oggi non ha più senso prenderne uno. Eizo fa monitor di categoria bassissima ma quelli sono destinati ad altri professionisti. Vendono ad esempio monitor da ufficio, monitor da geometri, monitor per studi medici etc.
I monitor in assoluto migliori (dove non puoi sbagliarti) sono quelli fotografici. Sono anche quelli che costano più di tutti, perchè coprono uno spazio colore maggiore, ed hanno pannelli con omogeneità selezionate, filtri di luce, colorimetri integrati etc etc.
La linea CS è la linea, più economica (Eizo) nella fascia "fotografica".
La linea CG (color edge) è la più costosa e prevede sia colorimetro, sia paraluce. Fino a poco fa c'era anche una terza linea, la CX che era una via di mezzo tra le due, e rapporto qualità prezzo era la migliore.

Simone

Molto interessante ti ringrazio

Fabio Biffo

NONO, io non mi sto riferendo allo spazio colore, quello come riportato offre il 80% del BT2020 che fa contenti proprio tutti. Anche perché monitor che coprano il 100% non esistono ancora sul mercato, quello é un ottimo risultato.
Io mi riferisco al VOLUME colore, ovvero alla luminositá che ogni colore dello spazio riesce a raggiungere, essenziale per i conenuti HDR cinematografici o in capo scientifico dove é necessario disporre di contrasti elevati a qualsiasi spazio di colore.

Simone

Eizo, monitor eccellenti!! Seppur(da quello che ho sentito) i loro prodotti di fascia bassa(o bassissima visto i loro target) non sono affatto prodotti di gran qualità ma sfruttano il loro marchio.
Visto che lei è più esperto di me, cosa ne pensa dei monitor Barco?
E delle relativa "sottomarche" Asus, BenQ, Acer e compagnia.
Sempre che abbia avuto modo di provarle.

Ph0t0

Sono delle sonde.
Escono fuori dal monitor ed attraverso un meccanismo di calibrazione software, calibrano il monitor a seconda delle esigenze professionali.
Si possono scegliere parametri di nero, spazi colore, si possono scegliere candele per cd/m2, si possono scegliere se bilanciarli in d50/65/75 etc. Solitamente c'è un software interno che provvede alla calibrazione, e le lut sono anche in 3d.

Simone

Come funzionano questi colorimetri? Sono colorimetri chimici?
Grazie

Ph0t0

No forse non ci siamo capiti.
La fascia di questo PRO è esattamente destinata ai fotografi/filmaker.
Altrimenti ci sta la fascia PRO per i geometri (con estensioni colorimetriche inferiori) e poi ci sono le fasce per la medicina etc.
Questa è la fascia PRO destinata al settore sopra citato, nessun errore. I ProArt li uso quando devo fare spostamenti (sono leggeri), ottimo prezzo, pessimi monitor.
Un monitor con colorimetro integrato non puoi paragonarlo ad un Asus, spiacente.

Tolemy

Non puoi mettere tutto nella stessa pentola, non tutti i professionisti fanno la stessa cosa.
La cosa è che questo monitor costa quanto altri monitor professionali che offrono anche luminosità di picco elevate oltre a varie calibrazioni e rese cromatiche.
I due nuovi ProArt display della Asus se lo mangiano questo Dell.

Ph0t0

Sante parole, bravo Marcos (lo scrivo da utilizzatore Eizo, ed ex utilizzatore Dell).

Ph0t0

No è esattamente il contrario.
Il colore prima di tutto non si misura in volume. Quello che si misura in volume è il gamut , se vogliamo italianizzarlo è lo spazio colore, ovvero il range colorimetrico. Ed è scritto nella descrizione lo spazio colore che copre, ed è ESAGERATAMENTE esteso.
In fotografia serve molto meno in termini di colore visto che le stampe sono CMYK/OFFSET, quindi gamma colore minuscola.
Se stampi fine art massimo copertura RGB. Tutto il resto, compreso il DCI-P3 e BT2020 è destinato al cinema, e anche qui copre quasi il 100%.
Ripeto, calibrare le minchiate prima ancora di calibrare il monitor.

U28H750

Fabio Biffo

"Ste m*nchiate" chi lavora in un vero ambito cinematrografico o anche scientifico sono fondamentali.
Forse questi display sono piú indirizzati solo ai fotografi che non hanno bisogno di un volume di colore elevato

Wildcat Hendrix

Qualcuno mi sa consigliare un monitor 4k da utilizzare con Macbook Pro 13"? Possibilmente Thunderbolt 3 (ma anche no se si riesce ad avere qualcosa di buono ad un prezzo conveniente aspettando il Black Friday)

Marcos

A 2000 dollari? EIZO tutta la vita

Ph0t0

Chi lavora con monitor professionali ste minchiate non sa neanche cosa siano, anzi.
Si lavora a 80 candele per la stampa, 100 per vetrine e 120 per il web.
250cd/m2 è un valore impossibile da utilizzare su un monitor professionale visto che funziona esattamente al contrario. Più si lavora professionalmente, meno candele servono.

MartinTech

secondo me un 27" per il 4k è troppo ridotto, su windows almeno non c'è una così buona gestione di risoluzioni così elevate. Ci vorrebbe minimo un 32 per usufruire bene di quella risoluzione senza dover ricorrere a stratagemmi che non funzionano bene come lo zoom dell'interfaccia...

Ph0t0

Madre teresa, quanto è brutto leggere certe minchiate.
Cioè chi acquista questo monitor sai cosa se ne sbatte delle cose che hai scritto?
Di 100 dettagli tecnici che ha non ne comprendi uno, però parli delle prese.

Fabio Biffo
luminosità invece arriva a 250 cd/m2

Ma la gente che spende 2k€ per un monitor professionale, non interessa anche avere un volume colore elevato con HDR 1000 etc?

Salvator3Gallo

niente HDR

Giangiacomo

Cioè 2000$ e nel 2020 ancora nessuna porta HDMI 2.1, assurdo. Ma almeno c’è il supporto all’HDR e Dolby Vision ?

Migliori mouse PC e MAC da comprare al Black Friday 2019: i top 5 scelti da HDblog

Huawei MateBook: X Pro 2019 e 14 ufficiali, prezzi Italia del 13 | VIDEO

Recensione Lenovo Yoga Book C930: il ritorno del convertibile 4 in 1

Devolo Magic 2: Powerline a 2400 Mbps e Wi-Fi Mesh | Video