Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Antitrust contro offerte operator attack, dubbi su limiti emissioni elettromagnetiche

11 Luglio 2023 34

L'Antitrust italiano manifesta la sua contrarietà alle offerte operator attack, considerandole discriminatorie e pericolose per il corretto funzionamento del mercato. La responsabilità di tali comportamenti ricade sugli operatori gestori di rete (incumbent) e sulle loro offerte con molti GIGA a poco prezzo rivolte ai clienti MVNO e con meno GIGA a prezzi più alti a quelli provenienti dagli altri operatori principali.

Ad essere criticato è anche il modo in cui le telco raccolgono informazioni sul gestore di provenienza dell'utente interessato ad effettuare la portabilità del suo numero: in sede di richiesta online di MNP, infatti, è necessario indicare numero di telefono, ICCID, SIM e operatore di provenienza. Quest'ultima informazione viene utilizzata per fare in modo che la procedura di portabilità si blocchi qualora non vi sia corrispondenza tra i dati (l'operatore di provenienza indicato) e l'offerta specifica. La stessa Commissione Europea aveva definito in passato questa tipologia di comportamento "potenzialmente idonea a sostenere un equilibrio collusivo".

Tale procedura può prestarsi a un utilizzo improprio delle informazioni sulla portabilità raccolte nel database per esigenze di carattere propriamente operativo (in particolare, l'associazione tra il numero di telefono dell'utente e l'operatore telefonico che gli fornisce il servizio), mettendo gli operatori principali nelle condizioni di commercializzare offerte selettivamente definite in funzione del concorrente da cui proviene il cliente. Si tratta di elementi informativi non disponibili agli operatori virtuali.

Secondo l'AGCM questo comportamento rischia di limitare lo sviluppo degli operatori virtuali e l'ingresso di nuovi soggetti. Per impedire che ciò accada viene proposta un'integrazione al già esistente divieto di discriminazione (Codice europeo delle comunicazioni elettroniche) "aggiungendo un comma relativo alla discriminazione, anche nelle condizioni tecnico-economiche, basate sul fornitore di rete o servizio di comunicazione elettronica di provenienza".

In sostanza si chiede che gli operatori incumbent non possano proporre offerte che differiscono tra loro in base al fornitore di rete o al servizio di comunicazione elettronica da cui proviene il cliente.

EMISSIONI ELETTROMAGNETICHE

Un altro aspetto toccato da AGCM è quello delle emissioni elettromagnetiche e dei limiti di esposizione. Si rende dunque necessario che la disciplina italiana si adegui a quella internazionale e dell'Unione Europea: tra i Paesi membri, il nostro è l'unico a non averlo ancora fatto. L'Italia è il Paese europeo con i limiti di emissione più bassi, in quanto la disciplina nazionale è basata esclusivamente sul principio di precauzione previsto dal Trattato UE e non sulla Raccomandazione del Consiglio europeo del 12 luglio 1999 che ha recepito le "Linee Guida per la protezione dell'uomo dai campi elettromagnetici nell'intervallo di frequenza 0Hz - 300GHz". La normativa più recente sulle emissioni (2003) ha confermato di fatto i "limiti estremamente più stringenti" rispetto a quelli vigenti nel resto d'Europa.

AGCM definisce troppo stringenti questi limiti imposti dall'Italia: "l'Autorità ha in più occasioni espresso la necessità di verificare la validità degli attuali limiti delle emissioni elettromagnetiche previsti dalle norme nazionali [...] al fine di evitare che la maggiore restrittività di tali limiti possa disincentivare nuovi investimenti e l'entrata di nuovi operatori". Pertanto, l'Antitrust propone di aggiornare la normativa attuale inserendo, tra le altre, la seguente modifica:

Per garantire la tutela della popolazione dall'esposizione ai campi elettromagnetici generati dalle stazioni e sistemi o impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, impianti fissi per radiodiffusione, si applicano i livelli di riferimento indicati nella raccomandazione del Consiglio dell’Unione europea del 12 luglio 1999 relativa alla limitazione dell’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici da 0Hz a 300GHz.


34

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
iTunexify

Fidati, con quello che paghiamo per l'ENPAM, lo sconto è l'ultimo dei nostri pensieri

T. P.

vero!

Chirurgo Plastico

Come te lo faccio presente da un bel po’ che è comunque incostituzionale una cosa del genere così discriminatoria.
Non capisco comunque perché le autorità si sveglino nel 2023.
Meglio tardi che mai

Chirurgo Plastico
T. P.

sei rimasto moooolto indietro! :)

oceanoweb

Questo è stato il prezzo dell'allarmismo sul 5G , sulle emissioni elettromagnetiche dello pseudo - istituto ramazzini. Ma veramente si ha paura di 60w di potenza di emissione perchè questa significa 60v/m della media Europea.

Maurob

Sono 10 volte inferiori a quelle 50 volte inferiori che sono "raccomandate" dall'OMS. Cioè una roba da pazzi.

In quasi tutta Europa sono 30 anni che viaggiano a x10 rispetto a noi. Maggior costo e minore qualità.

Per ironia i nostri telefoni, durante la ricerca o il mantenimento del segnale debole, emettono molto di più e quelli sono a contatto con la nostra testa e il nostro corpo.

ally

spero che sotto questo ombrello ricada anche la questione di non poter cambiare offerta con lo stesso operatore. Pratiche da sciacalli...

ally

a me l'astrazeneca funziona alla grande, prendo benissimo. Peccato per il roaming che è limitato a 8GB a bimestre...

sw3ntrax

si, vero, ma sono più simili ad Agevolazioni, per i giovani, anziani, etc...

Gabriele

Comunque promozioni discriminatorie c é ne sono tante, hyundai sconto extra se hai una hyundai, le offerte under 25,o le offerte under 65 nei supermercati,ma c è ne sono tante altre,anche allo stadio paghi il biglietto in maniera differenza per sesso ed età(anche lo stesso abbonamento)

sw3ntrax

ma quello vale per tutti gli acquirenti!.. non chi prima aveva magari una toyota o una honda.............

Gabriele

https://uploads.disquscdn.c... é scritto nero su bianco.

Gabriele

Per dire ancora oggi i medici hanno un % di sconto prefissata, sconto empam

sw3ntrax

quella magari era contrattazione... e si parla di migliaia di euro... questa è diversa. Anche quando vado al mercato magari chiedo lo sconto... ma se su una bancarella c'è uno sconto, quello vale per tutti!

Gabriele
LAM

mio cugino ha fatto il vaccino ed ora quando prende in mano il telefono ha più copertura 5g

Gabriele

In concessionaria fino a poco tempo fa lavoro che fai sconto che trovi.... Ora vabbé non fanno quasi più sconto,anche quella é discriminazione.

Willie

Che devo dirti, hai ragione, ma sta roba esiste.

Per esempio ci sono i supermercati che fanno sconti agli anziani

sw3ntrax

è sempre discriminante: io se vado alla Coop e ci sono gli sconti, quelli valgono per tutti... magari con carta fedeltà, che è sempre gratuita........
altrimenti io commerciante posso dire: sei maschio? prezzo pieno... sei femmina? prezzo scontato

Background 07122017

Infatti non ha senso, ad oggi neanche con valori di gran lunga superiore sono riusciti a verificare una possibile correlazione alla formazione di tumori

Background 07122017

La questione dei limiti di emissione elettromagnetica la trovo priva di ogni logica, sembra più una sorta ci tetto per coloro che indossano la carta stagnola nella testa, già ad oggi i limiti sono se non erro 10 volte inferiore rispetto ai trials dove sono stati riscontrati problemi... Vabbè come se sulla nostra testa non ci fosse una sfera che ci irradia con radiazioni ionizzanti... Oppure per gli idrocarburi che al contrario delle radiazioni elettromagnetiche, ci sono evidenze dell'attività cancerogena sempre le solite date da rimandare a rimandare, come per le tecnologie delle batterie a litio attuali

Willie

Il problema è che potrebbero usare un cavillo: il prezzo è uguale per tutti, ma se vieni da un certo operatore hai lo sconto.

Ci sono diverse attività che mettono in pratica comportamenti simili

sw3ntrax

vedo che lavori per loro XD

uncletoma

da denunciare per.... cosa????????????????????????? https://media4.giphy.com/me...

MariaAnnetta

Da quando c'è Iliad vedo sempre fuori dai negozi la promo specifica "sei cliente iliad? Per te bla bla bla".
Praticamente la triade non si fa concorrenza e c'è chi la venera.

sw3ntrax

che poi è un cartello... tutti contro iliad, che non è un virtuale, ma tra loro poca roba

sarebbero da denunciare per anticostituzionale: hai un prodotto? bene, costo? PUNTO!

Willie

Speriamo si muovano con sta cosa dei limiti delle emissioni elettromagnetiche.

In Italia siamo terrorizzati da un'antenna, però andare a prendere la tintarella al mare...

Gianluca Olla

è come se esselunga facesse offerte migliori ai clienti Lidl, e offerte peggiori ai clienti coop. Non ha senso... (Cioè, lo ha per loro)

sw3ntrax

E' quello che sostengo da anni: non puoi discriminare il costo di vendita di un prodotto a seconda dell'operatore... a quanto so nessuna azienda fa una cosa simile. Il costo del prodotto è TOT e vale per tutti.. altrimenti è discriminazione

da ora in poi quando vendo una fototessera nel mio negozio chiedo il 730: se è ricco raddoppio la cifra, se è povero lascio la base..........

Maurob
Autorità ha in più occasioni espresso la necessità di verificare la validità degli attuali limiti delle emissioni elettromagnetiche previsti dalle norme nazionali

Da una parte c'è il fatto di dover verificare, dall'altra che in 30 anni di limiti dievi volte ai nostri nessun cittadino europeo non italiano è scoppiato come un popcorn al microonde.

Chissà qual è la verità!

BerlusconiFica

La rivoluzione Iliad non si ferma :)

Recensione e Riprova Google Pixel Buds Pro, rinate con l'aggiornamento

24H con Oppo Find N2 Flip, la sfida a Samsung è servita | VIDEO

Abbiamo provato i nuovi Galaxy Z Fold4 e Z Flip4, ecco le novità! | VIDEO

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città