Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Google, Meta e Qualcomm si coalizzano per promuovere ecosistemi digitali aperti

15 Dicembre 2023 5

Con una mossa decisamente significativa per rispondere al regolamento sui mercati digitali entrato in vigore nell’Unione Europea (UE), il Digital Markets Act, alcune importanti aziende tecnologiche, tra cui Google di Alphabet, Meta Platforms, Honor e il produttore di processori Qualcomm, hanno annunciato di aver "unito le forze" nella Coalition for Open Digital Ecosystems (CODE), una coalizione che mira a sostenere piattaforme e sistemi più aperti, promuovendo e stimolando la crescita e l’innovazione in Europa.

PROMUOVERE ECOSISTEMI DIGITALI APERTI

La Coalizione ha affermato che mira ad aprire gli ecosistemi digitali attraverso la collaborazione intersettoriale e a promuovere, tra gli altri, connettività senza soluzione di continuità e sistemi interoperabili.

Tra gli altri membri di questa coalizioni ci sono anche il produttore cinese Lenovo, la startup francese Lynx focalizzata su prodotti di realtà aumentata, Motorola, Nothing, la società tecnologica norvegese Opera e il fornitore tedesco di servizi di messaggistica Wire.

Stan Larroque, fondatore di Lynx, ha espresso il suo punto di vista della coalizione:

"Negli ultimi mesi abbiamo avuto una serie di conversazioni su cosa significhi "buono" quando si tratta di ecosistemi digitali in Europa, cosa promuove l'innovazione e cosa sarà incidere positivamente sulla competitività. Riteniamo che l’apertura sia l’elemento cruciale”.

AFFRONTATRE L'ATTUAZIONE DEL DMA

Tutte queste aziende lavoreranno insieme con accademici, politici e aziende sull’apertura digitale e su come ciò possa essere raggiunto in Europa. Ciò, ovviamente, implica anche affrontare l’attuazione del DMA e partecipare all’evoluzione del più ampio quadro normativo dell’UE.

Il DMA, ricordiamo, stabilisce che i colossi tecnologici che agiscono come "gatekeeper" debbano consentire a terze parti di interagire con le loro piattaforme, consentire agli utenti commerciali di accedere ai dati che generano utilizzando la piattaforma, consentire agli utenti commerciali di promuovere la loro offerta e concludere contratti con clienti al di fuori della piattaforma.

Le piattaforme "gatekeeper" sono quelle che fungono da importante punto di accesso tra utenti commerciali e consumatori ma allo stesso tempo godono di significativi vantaggi rispetto ai concorrenti di dimensioni minori e detengono una posizione dominante nel mercato digitale.


5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Disqustoso

Prova l'accoppiata apple+opera (con ublock origin). Ringraziami dopo.

T. P.

aprono solo quello che gli interessa ovviamente!

Unoqualunque

Ovviamente condivido in pieno il discorso, però che sta cosa arrivi da Google mi fa ridere visto che per usare un suo servizio decentemente devi per forza usare o Android o Chrome altrimenti inizia a metterti paletti ovunque. Apple è anche peggio, ma almeno loro hanno la decenza di non ergersi a paladini dell'Open quando non è cosi.

virtual

Pensato esattamente la stessa cosa!

ice.man

Qualcomm che parla di standard condivisi con tutti i suoi codec BT chiusi, il recente Snapdragon Seamless, etc mi sembra un ossimoro

HDMotori.it

Dacia Spring 2024: l'anteprima del restyling, esterni e interni | Video

Games

Xbox, svelate 4 esclusive in arrivo su piattaforme concorrenti

Alta definizione

Recensione Fujifilm X100VI: la regina delle compatte è tornata | VIDEO

Windows

Abbiamo rifatto la nostra workstation, ora è tutta ASUS ProArt!