Google Drive, rimosso limite 5 milioni di elementi per ogni account

04 Aprile 2023 70

Google Drive ha introdotto alcuni giorni fa un limite al numero di elementi, tra file e cartelle, che si possono immagazzinare: 5 milioni. La società non l’ha mai annunciato formalmente: è emersa solo perché alcuni utenti hanno iniziato a lamentarsene sui forum di supporto ufficiale, e l’assistenza di Google l’ha confermata.

La posizione ufficiale della società è che il provvedimento si è rivelato necessario per garantire gli standard di prestazioni e affidabilità del servizio, e che poche persone se ne accorgeranno; tuttavia ci sono alcune modalità dell’implementazione che fanno storcere un po’ il naso - oltre alla scarsa comunicazione e all’assenza di preavviso, per esempio, il limite è uguale per tutti, a prescindere dalla quantità di spazio acquistato.

Gli abbonamenti Google One, che ruotano prevalentemente attorno al cloud storage su Drive, partono da 100 GB e possono arrivare fino a 30 TB. In questo caso estremo, servono file da 6 MB l’uno (in media, naturalmente) per raggiungere il limite di 5 milioni, non contando le cartelle. Nel caso di 2 TB si scende a soli 400 kb. È chiaro che chi usa Drive prevalentemente per immagazzinare foto, video e in generale file di grandi dimensioni non dovrebbe avere grossi problemi, ma le imprese grandi e piccole che lo usano soprattutto per i documenti potrebbero trovarsi in difficoltà. È il caso per esempio di uno studio veterinario del Regno Unito, la cui testimonianza si trova, insieme a quelle di molti altri, nell’Issue Tracker ufficiale (basta seguire il link FONTE in fondo all'articolo).

Al momento non sembrano esserci molte soluzioni concrete a parte organizzare i file in archivi compressi, come ZIP e RAR, che naturalmente contano come un file solo, oppure cambiare fornitore di cloud storage. A questo proposito vale la pena osservare che Dropbox dice che non ci sono limiti, mentre OneDrive dice che non si possono inserire più di 50.000 file per ogni cartella, ma non sembrano esserci limiti globali.

AGGIORNAMENTO: PASSO INDIETRO DI GOOGLE
4/4

Google torna sui suoi passi ed elimina il limite di 5 milioni di elementi che possono essere salvati su Drive. Lo ha comunicato la stessa società con base a Mountain View su Twitter:

Recentemente abbiamo implementato un aggiornamento di sistema sui limiti di elementi di Drive per preservare la stabilità e ottimizzare le prestazioni. Nonostante questo abbia avuto un impatto solo su un numero limitato di persone, stiamo annullando questo cambiamento mentre esploriamo approcci alternativi per garantire un'esperienza elevata per tutti.

In un secondo tweet Google ha affermato che la prossima volta che verranno fatti cambiamenti gli utenti verranno avvisati per tempo:

Se avremo bisogno di apportare modifiche, le comunicheremo agli utenti in anticipo.


70

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Con Azure mai avuto problemi e gestiamo anche dati dell'ordine dei TB. Considera che la quasi totalità dell'installato nuovo è sul cloud, a partire dal nostro ERP ed a tutti i file dei clienti, ogni loro dispositivo integrato e validato in Azure AD, compresi tutti i servizi aggiuntivi, dalla posta alla messaggistica. Anzi, più il cliente è grande e più trovi economie di scala, sia in termini economici che (e soprattutto) tecnici di implementazione e manutenzione. Ormai server fisici li offriamo solo per realtà molto particolari e dove, se il cliente ha problemi di linea, non arriviamo con le antenne.

salvatore esposito

Va bene, tu continua a installare NAS così ho più lavoro io, vai, grazie :D

salvatore esposito

quanto spazio ha bisogno per gli snapshot? percentuale irrisoria rispetto alla mole di dati, fare una domanda simile equivale a non sapere di cosa si sta parlando

Lavorare da anni non significa non essere autodidatti. Significa aver imparato da soli, senza aver fatto una formazione specifica.

DangerNet

Probabilmente sei un autodidatta e cerchi di barcamenarti ogni volta che devi fare qualcosa. Se ti mancano le conoscenze, ovviamente qualsiasi strumento diventa confusionario.

Snapshot... e di quanto spazio ha bisogno? Sinceramente non capisco chi insiste a continuare per la strada vecchia a prescindere... col cloud, che devi imparare a conoscere altrimenti non puoi parlarne, ne guadagni in termini di costi, manutenzione, sicurezza e flessibilità. I colleghi che si occupano prevalentemente di IT boccheggiano quando qualche cliente insiste nel volere tutto on premises. Un sistema cloud anche complesso si implementa in ore, raramente una giornata quando è davvero complesso... quanto tempo ci metti ad implementare una Active Directory locale con un data center in VMWare e 50 utenti, exchange, ERP ecc. fisico, da solo? Quanto ti costa? Quando ti chiamano e dicono che il loro ERP va lento? Quanto tempo ci metti per capire il collo di bottiglia? Lasciamo stare :)

salvatore esposito

snapshot, firewall, antivirus integrati, etc... parlo di sinology e qnap non di robette tipo wd

Marco

Che i nas possano essere più costosi di un abbonamento cloud si diciamo di si, sempre in proporzione a quanto spazio vuoi in cloud se vuoi 2 TB in cloud sono 100€ anno con google quindi non proprio poco, a parte questo, tutti i difetti da te elencati a mio avviso l'hai sparata grossa. migliaia di euro, calore rumore, dai non più di un pc acceso se no significa che hai un nas di m...
A perte tutto ciò anche io uso servizi di cloud ma ogni tanto penso che i miei dati sono in mano a terzi e se non avessi copie locali e sciaguratamente per X motivi il provider dovesse andare offline? Per carità evento molto drastico....però...

DangerNet

Noi lo usiamo da anni e lo usava anche l'azienda dove lavoravo prima. Semplice, perché funziona bene e non devi stare a smadonnare 10000h a capire come funzionano i tools o a fare i login mille volte (o a sentire Teams che si disconnette ogni 3x2, mai capitato con Meet).

DangerNet

Io non so cosa usate voi di MS o di Gsuite ma ogni volta che devo usare uno strumento Microsoft (Word, excel, ppt, teams, OneDrive) impazzisco. È completamente inusabile e confusionario, rispetto a Gsuite e Keynote. E io li uso quotidianamente tutti (purtroppo anche MS)

DangerNet
Tx888

vedo spesso questa emoji della testa di pietra, lo usa spesso anche mia figlia su instagram, ma che vuol dire di preciso?

Ikaro

In realtà ad uso lavorativo non deve essere un solo nas ma almeno 2 in 2 località differenti e con misure di sicurezza antincendio e antintrusione adeguate

Lo uso on premises su VM come spazio transitorio per file di poco conto e lo conosco bene. Nulla ha a che fare con ms365 ma nemmeno con workspace. C'è sempre owncloud sotto ed è relativamente poverino di feature se messo in confronto. Sharepoint, teams, office, ecc. ecc. ecc.

Vuoi dirmi che un nas in rete, col bellissimo protocollo SMB esposto ad ogni client e rischio di rottura disco, i dati sono più sicuri rispetto ad un Azure AD con dispositivi controllati e accesso MFA? Con l'archiviazione ed il versionamento dei file? Sicuro sicuro?

JustATiredMan

nextcloud

Esatto, rimaniamo nel 1998, perché lavorare in collaborazione con i colleghi, anche da remoto, perché avere backup e versionamento dei file? Naa, roba troppo futuristica.

hSeph

Molti paletti che portano infatti a non poche disattivazioni permanenti di account per violazione delle ToS (e conseguente perdita dei file).

Fosse condivisibile con la famiglia sarebbe molto interessante effettivamente, così non molto. 2TB di dati live non li ha quasi nessuno e usare una piattaforma con offerte "a vita" ovviamente non sostenibili nel lungo termine, non mi da sicurezza in termini di backup.

Probabilmente pensavano che avrebbe fatto meno scalpore e che le aziende si sarebbero chinate. Peccato che la concorrenza è tanta e spesso anche migliore in termini di offerta, ms365 >>>>> workspace.

Microsoft in ambito business è su un altro livello, l'unica cosa interessante di Google One è la condivisione dello spazio in famiglia anche del piano da 20 euro ed ora la VPN inclusa non solo col piano da 100 euro ma con tutti.

boosook

E' molto strano che non abbiano previsto la cosa in anticipo... come gli è venuto in mente di farlo senza dire niente? Voglio dire, immagino che abbiano delle statistiche su quanti utenti hanno più di 5M di file...

Un dietrofront quasi obbligato

Filo

Da dentro la console di amministrazione di Google Workspace c'è una sezione backup: ti invio i link della documentazione di Google:
support. google. com/a/answer/7376096?hl=it
support. google. com/a/answer/6052340?hl=it

RitornoAlFuturo

Non parlarmi dei Nas che sono spesso solo uno spreco enorme di soldi (e mai sicuri come un cloud) per il semplice utente domestico. Rumore e calore in estate, devo avere sempre dischi doppi per non perdere dati e se si rompe lui non hai accesso veloce ai dati da un'altro pc. Sono esposti ad attacchi più che i pc, e le app non avranno mai l'efficienza del cloud, oltre al fatto di dover avere una buona fibra poterli sfruttare un minimo.
Li ho avuti e sono giunto a questa conclusione: devo spendere centinaia se non migliaia di euro per avere un hardware della mutua fisso spesso non decodifica nemmeno i video, a quel punto con un mini PC fisso assemblato posso avere un hardware molto più potente a un terzo della spesa e faccio quello che voglio. Questo per sfruttare gli archivi multimediali o fare backup di foto video. Ma comunque sia, per me il cloud (purtroppo o per fortuna) vince sempre

Gian Dei Brughi
Dani Man

Peccato che la stragrande maggioranza delle PMI sono composte da accattoni, che girano in Maserati e poi fanno lavorare i dipendenti su pc del 2011.

Se parli così è perché non credo tu abbia tutta questa esperienza con le aziende.

Il NAS non è un modo per effettuare il backup dei dati, perché è un single point of failure. Ti si corrompe il RAID e butti tutto. Ti arriva una scarica di corrente e bruci tutto. Ti arriva un cryptolocker e butti tutto se mal configurato con gli snapshot. I backup, quelli veri, si fanno con il 3-2-1.

Basandosi su uno dei tanti servizi cloud come Google Drive, è pressoché impossibile perdere dati lato hardware (per ovvi motivi di ridondanza che hanno). L'unico modo è a causa dell'utente, cosa che avverrebbe anche on permise se non viene configurato tutto a dovere.

salvatore esposito

per le aziende la sicurezza dei dati non ha prezzo, se poi parli dell'accattone di turno che tra un pc performante (tipo r5) e un bidone (tipo celeron) si prende il celeron per lamentarsi dopo 6 mesi che non riesce a tenere aperte 4 schede di Chrome e 2 file word... allora hai ragione tu

Marcello Aglieri

Per curiosità, com'è possibile farlo? Sapevo che era possibile farlo solo per singolo file

Elia

Penso sia una scelta della tua università, io ho ancora 5TB con l'università (di cui 216 occupati, capisco bene il tuo discorso).

Dani Man

Forse non hai capito. Per le aziende è FONDAMENTALE la questione di costi/benefici. Comprando un NAS per fare il backup di pochi dati è controproducente, inutile e rientri nei costi dopo un decennio (minimo).
Secondo te le aziende hanno soldi e tempo da buttare per star dietro ad un NAS tra aggiornamenti, bug vari, sistemisti e costi sempre crescenti?

Marco

Esistono soluzioni di backup anche per gli storage locali..

salvatore esposito

non ne ho fatto una questione di costi. Se un'azienda o pmi fa una questione di costi su queste cose, allora è giusto che si affidi ammiocuggggino e ritrovarsi con tutto crittografato perché l'antivirus è una truffa e l'uac disabilitato perché mi scoccia confermare alcuni eseguibili

VaDetto

Costa troppo. Anche una azienda internazionale per la quale ho lavorato, in ambito sanitario, ha dovuto ridurre lo spazio a 5 giga per utente... Un casino unico

Callea

Ma con tutti questi cloud non fai confusione? O riesci a sincronizzarli tutti?

Eric Cartman

No. Non serve. L'app di OneDrive ti legge nel pensiero basta aprirla e fissarla intensamente per qualche secondo... dopo di che avrai il tuo backup delle foto sul cloud

Nicola Ramoso

Installi OneDrive, lo apri e ti chiede di sincronizzare le foto, fatto.

Davide

nettamente inferiore a OneDrive

Danitkd

A vita fino a quando non sarà più sostenibile economicamente.. Magari l'anno prossimo magari tra 10 anni eh. Però non puoi saperlo ma è ovvio che un sistema del genere non è sostenibile nel lungo periodo... Se il servizio richiede alti costi mensili per tutta la sua durata è difficile sopperire con un pagamento una tantum PER SEMPRE.

Abel

https://uploads.disquscdn.c...
Google... no no no no no, avrei più fiducia in Wanda Nara che in google...

ADM90

500 GB 200 euro
2 TB 400 euro
10 TB 1200 euro

Tuone

Cioè? vai in galleria di iphone/samsung e dici di sincronizzare su onedrive?

Filo

Se usi Google Workaspace puoi ripristinare tutti i tuoi file e cartelle in un unico colpo

Nicola Ramoso

Con Onedrive per esempio é semplicissimo

Mako

È una citazione immagino

Tuone

Ma il backup delle foto dove lo fai con quei cloud?

Dani Man

Se hai 100 GB di roba da backuppare (e 100 GB già è un bel po' di roba per la stragrande maggioranza dell'utenza media e delle PMI), non c'è NAS che tenga a livello di costo comparativo con un cloud.

I NAS convengono solamente in caso di svariate centinaia di GB.

Con Google Drive 100 GB costano 19,99 euro l'anno. Il costo di un nas con due HDD specifici per nas da 1 TB l'uno viene MINIMO 200 euro ivato.

Quindi, solo per rientrare nel costo dell'hardware fisico impieghi 10 anni. In questi 10 anni devi aggiungerci il costo di tenere il NAS 24/7 acceso, connessione ad internet, costo di un UPS che garantisca quanto meno continuità, manutenzione software e hardware (pulizia dalla polvere sulla ventola) e, se non sai configurarlo a dovere, il costo del tizio che te lo configura e manutiene nel tempo (consideriamo solo 60 euro di configurazione iniziale).

Tutto questo, ovviamente, escludendo malfunzionamenti hardware o HDD fallati dopo qualche anno.

Confronto smartphone fascia media 2023: il vincitore che non ti aspetti | Video

Recensione POCO F5: si sceglie per peso, batteria e prestazioni | Video

Honor Magic 5 Pro (5100mAh): live batteria fine ore 23.20

Recensione Honor Magic 5 Pro: centrato in tutto ma non per tutti | Confronto S23 Ultra