Bill Gates sull'AI: rivoluzione del decennio, supremazia di Google a rischio

22 Febbraio 2023 29

I profitti di Google generati dal motore di ricerca sono destinati a calare in futuro: ne è convinto Bill Gates, che nel corso di un podcast ha espresso il suo punto di vista riguardo gli ultimi sviluppi nel settore dell'intelligenza artificiale. "Microsoft è stata capace di muoversi per prima", ha detto il co-fondatore della società di Redmond, e questo potrebbe ridefinire gli equilibri sul mercato con conseguenti minori entrate per Mountain View.

AI COME I PC E INTERNET

Secondo Gates l'intelligenza artificiale sarà "la cosa più importante in questo decennio", equiparando il suo peso a quello avuto in passato dal personal computer e da internet. E il fatto che Microsoft si sia mossa prima della concorrenza può davvero stravolgere il mercato, attualmente monopolizzato da Google che con il suo motore di ricerca detiene il 93% delle quote. Per intenderci, ad oggi Bing è fermo al 3%.

UN FUTURO DIVERSO

L'intelligenza artificiale di nuova generazione viene considerata un "potenziale rimescolamento dei mercati tecnologici", dunque capace di stravolgere il modo in cui gli utenti si sono sino ad ora rivolti alla rete per soddisfare i loro bisogni. Gates spiega che se le soluzioni attualmente in fase di test su Bing - ma anche sulla stessa Google con Bard - prenderanno davvero piede, in futuro non si ragionerà più per compartimenti stagni, per settore: oggi - spiega - tendiamo a rivolgerci a Google per fare ricerche, ad Amazon per acquistare, a Microsoft per gli strumenti di produttività e ad Apple per i dispositivi. Ma...

... tra un decennio non penseremo a queste attività come separate, perché l'intelligenza artificiale ti conoscerà così bene che quando comprerai regali o organizzerai viaggi non gli importerà se Amazon ha il prezzo migliore, o se qualcun altro ha un prezzo migliore: non avrai nemmeno bisogno di pensarci.

Credits immagine d'apertura: Pixabay


29

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
tulipanonero1990

Ci stiamo tutti fasciando la testa troppo in anticipo. Mi sento di aggiungere che tutta questa morbosità verso l'argomento non la percepisco su analoghi siti statunitensi. Sarà forse per questo che noi le innovazioni le subiamo invece che cavalcarle. Finora il mercato ha sempre assorbito molto bene questi cambiamenti. Siamo talmente abituati a parlare di produttività bassa che quando ci si prospetta la possibilità che cresca a dismisura pensiamo subito al peggio. Veramente buffa come cosa. Banalmente la cosa più probabile, così come successo in passato, sarà che un maggiore accesso ai beni di consumo (materiali o tecnologici) porterà le persone ad investire maggiormente in beni e servizi offerti da altre persone. La ricchezza non è una torta finita da spartire, è una pasticcerie in cui le torte si possono anche creare più grandi (così come è successo negli ultimi 50 anni, mi pare evidente). Anzi il grosso vantaggio di queste soluzioni sarà proprio l'essere user friendly e quindi anche persone, giovani, in condizione di analfabetismo informatico (ed in Italia ne abbiamo a pacchi) saranno in condizione di trarne giovamento in ambito professionale.

Torzius

Si, ma il discordo è sempre quello. Se l'IA riuscirà a sostituire miliardi di "lavori/lavoratori", questi "miliardi" di persone come camperanno, visto che oggi tutto il mondo si basa su "REDDITO da LAVORO" ? Allora è giusto, come affermano molti oggi, che si debba instaurare un reddito universale, che vada a spostare il carico fiscale su chi il lavoro lo ha "rubato", cioè robot e automazioni varie, giusto? Anche perché chi cacchio li comprerà sti prodotti e servizi che le multinazionali continueranno a produrre se la gente non avrà soldi? Questo è l'unico modo per far si che il progresso tecnologico sia veramente un bene per l'umanità e non un problema.

tulipanonero1990

Poco sopra ho descritto possibili campi d'uso di IA nei settori della lotta alla desertificazione.... Guarda gli sforzi immani che hanno compiuto fino ad ora Cina, paesi arabi e in misura minore Marocco per incrementare la produzione agricola, senza citare i miracoli che ha messo in piedi Israele con le sue innovative serre verticali. Credi davvero che laddove la manodopera non fosse più un parametro discriminante non ci butteremo in massa nella realizzazione di progetti volti in tal senso? Dai su, un pò di pragmatismo. La verità è che l'IA è proprio l'aiuto enorme che ci serviva per affrontare le grandi sfide che le nostre generazioni hanno di fronte. Chissà se non ci aiuti anche a velocizzare un pò la ricerca sulla fusione nucleare.... Ovviamente, proprio come con internet, ci vorrà un pò, anche se credo che sarà tutto molto più rapido. Ormai il mondo è abituato a gestire cambiamenti repentini ed esistono decine di milioni di professionisti che capacità informatiche, cosa che ai tempi del .com invece era tutto da costruire.

pinoc

Le risorse non sono solo minerarie o similari. Tu mangi bevi e respiri.

tulipanonero1990

Le risorse sono davvero infinite, una volta avviata l'estrazione extra planetaria. Diverse aziende ci stanno investendo miliardi da anni e anni. Crediamo davvero non sia il vero fine ultimo di aziende come SpaceX e Blue Origin? Anche Google ha finanziato parecchio progetti del genere. Nel mentre, il pianeta terra continua a tirarci fuori giganteschi giacimenti di qualsiasi cosa cerchiamo, senza sosta, proprio perché è un pianeta enorme e ben lungi dall'essere esausto.

pinoc

Se le risorse fossero davvero infinite, forse. Ma non è così.
Poi io non sono così disfattista come altri, ma nemmeno credo a quello che sostieni tu.

momentarybliss

Comunque mi pareva stranio, giusto oggi pomeriggio ho letto che

Amazon Web Services ha siglato una partnership con Hugging Face, società specializzata in Intelligenza Artificiale generativa per sviluppare il suo chatbot

Marco

Stessa fiducia indefessa sulle illuministiche et progressive sorti per l'umanità...poi smentita dai fatti...

pako8x

Su Alexa sono uscite alcune notizie nelle settimane passate. A quanto pare Amazon sembra abbastanza scoraggiata dal fatto che gli utenti non la utilizzino per fare ordini sullo store, e questo potrebbe cambiare i loro piani sugli investimenti futuri del servizio.

dragatoresullaluna

"l'esperto di salute pubblica" con i rotolini di grasso sulla pancia e del "i vaccini prevengono il contagio" è meglio che si preoccupi del suo Bing motore di ricerca.
è imbarazzante, manco una scimmia potrebbe usare una roba del genere

c1p8HD

Il problema vero e che ci tocca tutti è un altro e molto grande perché le AI sono in piena evoluzioni e diventano sempre più efficienti, mentre l'intelligenza umana va indietro, boh speriamo bene ma io sono abbastanza preoccupato...

tulipanonero1990

Stessi discorsi ad ogni balzo tecnologico. Sempre puntualmente smentiti. Ricordo quando studiai i primi casi di luddismo contro i telai meccanizzati in Francia.

admersc

chi arriva dopo e meglio di solito inizia per A non per G. Detto questo, penso che google abbia un pochino dormito... basta vedere tutti i progetti aperti e chiusi negli ultimi 10 anni. Sundar non è il CEO giusto, è lo steve Ballmer di Google..

ermo87

Alexa è sempre stata una schifezza, doveva evolvere per monetizzare l'amazon store ma è un buco nell'acqua. Con Assistant cavano dati in coerenza con il business Google

Marco

Si ma non serviranno più persone solo programmi e macchine

tulipanonero1990

"Invece qua stiamo prendendo confidenza con strumenti in a grado di
apprendende , adattarsi e migliorarsi, mai esistiti prima nella storia
dell'uomo. Inolte cosa più importante il grado di miglioramento non è
costante, ma esponenziale."
Infatti mi attendo una crescita di benessere e prosperità esponenziale e mai esistita prima nella storia dell'uomo. Un pò come l'avvento dell'era dell'informazione (che a detto di moltissimi negli anni '90 avrebbe fatto perdere il lavoro a quasi tutti) ma sotto steroidi. IA di queste dimensioni messe a macinare h24 senza sosta in tutti i settori della ricerca, previsione terremoti, esplorazione spaziale, cura di malattie che oggi non possiamo curare, unità mediche totalmente automatizzate capaci di operare in autonomia, assistenza alla terza età, aiutare l'incontro di domanda ed offerta. Aiutare aziende che oggi pur avendo idee e capitali faticano a reperire personale qualificato. IA specializzate nella lotta alla desertificazione con mezzi autopilotati che ti fanno opere di riforestazione no stop. Cantieristica immobiliare e industriale velocizzate (con conseguente crollo dei prezzi delle case). I campi di applicazione sono solo limitati dal nostro ingegno, un pò come internet ci ha messo un pò a stravolgere le nostre vite.

Marco

la storia non è un cerchio che si ripete, come tanti sono portati a credere, cercando analogie con qunto già visto prima. Invece qua stiamo prendendo confidenza con strumenti in a grado di apprendende , adattarsi e migliorarsi, mai esistiti prima nella storia dell'uomo. Inolte cosa più importante il grado di miglioramento non è costante, ma esponenziale. Probabilmente tra un decennio avremo prima software e poi robot in grado di repliceare qualsiasi lavoro esistente , anche futuro, propio in virtu della crescita esponenziale. Un chat GPT oggi surclassa ogni aspetto della versione precedente. probalmente tra 4/5 anni sarà virtualmente indistinguibile da un uomo medio , e tra 10 anni avrà dentro la conoscenza e sopratutto la comprensione della conoscenza di tutto lo scibile umano. l'ipotesi più realista è mondo diviso tra elite poche e super ricche ( terribilmente molto piu di oggi, che già siamo messi male... ) propietarie di questi strumenti e di tutto ciò che ne deriva. e resto dei peones che va avanti a sussidi o chissà ...

momentarybliss

Beh non è detto che Google sia a rischio, potrebbe arrivare un po' dopo
ma arrivare meglio, dubito che abbia dormito in questi anni. Piuttosto
mi sembra strano che dalle parti di Amazon non si muova foglia, è Alexa
che rischia di essere tagliata fuori

tulipanonero1990

Al contrario, sarà il preludio per un periodo di prosperità umana senza precedenti, secondo me. Non è che esiste un preciso limite alle attività, soprattutto nel terziario, raggiunto il quale ci si ferma. Banalmente se oggi una azienda con 100 dipendenti produce X tra 10 anni produrrà 10X. Mezzi di produzione migliori, storicamente parlando, non hanno mai tolto ma sempre aggiunto, complessivamente. Per ogni stalliere che perdeva il lavoro c'erano almeno 2 nuovi operai in catena di montaggio. Per ogni piccolo negoziante che ha chiuso per l'e-commerce ci sono svariati web developer, designer, corrieri nella logistica, magazzinieri etc...

Pmadmax

:(

Andrej Peribar

Non t'è uscita bene.

Andreoid
acitre

Io ho iniziato ad usare l'integrazione di chatgpt su bing "per gioco" ma mi rendo conto che la comincio ad usare sempre più spesso al posto delle ricerche tradizionali. Proprio stamattina mi ha lasciato di stucco. Cercavo come disinstallare "snap" da una una distro arch (endevourOS) che conosco poco e dopo qualche tentativo fallito (e tempo perso in varie discussioni, topic, roba vecchia, roba riguardante altre distro etc... Insomma la solita trafila con le ricerche tradizionali) l'ho chiesto come lo avrei chiesto ad un mio amico con più esperienza su quella distro... Bam! in 2 righe il comando e la spiegazione.

unbe

forse non ce ne rendiamo ancora perfettamente conto ma l'intelligenza artificiale ci travolgerà come fuscelli in un alluvione. Mala tempora currunt.

Maurizio

Speriamo che l'A.I. non diventi una dittatura ma ci sia una pruralità di A.I.

T. P.

grazie! :)

Maurizio

Che tu sia benedetto

Maurizio

Nessuno usa Alexa per fare acquisti

T. P.

parole sante! :)

https://media0.giphy.com/me...

Games

Recensione Lenovo Legion Go, sfida ROG Ally a viso aperto

Tecnologia

Cyber Monday 2023: tutte le offerte, sconti, promo e acquisti da fare in diretta live

Games

Recensione Corsair Platform:6, modulare, regolabile e super robusta!

Articolo

Prime Video: tutti i film e le serie TV in arrivo a dicembre 2023