Android 13 Beta 1: tutte le novità ufficiali, nascoste e non documentate

27 Aprile 2022 44

Ieri sera Google ha rilasciato la prima Beta di Android 13, che nella timeline di sviluppo è la terza build pubblica dopo due Developer Preview. Come per le precedenti build, abbiamo deciso di raccogliere tutte le novità, sia quelle ufficiali sia quelle nascoste o non documentate, in un singolo articolo che aggiorneremo man mano che emergono altri dettagli. Partiamo da una notizia piuttosto grossa:

TUTTI POSSONO PROVARE ANDROID 13 BETA

Beh, più o meno. Bisogna avere uno smartphone ragionevolmente recente e bisogna avere un po' di esperienza nello smanettare. In concreto, Google ha rilasciato le GSI (Generic System Image) di Android 13 Beta 1. Le GSI sono parte del cosiddetto Project Treble: già da qualche anno, tutti gli smartphone con il Play Store devono essere in grado di avviare una GSI, che è sostanzialmente una versione "base" di Android senza personalizzazioni software, senza grossi problemi di driver o compatibilità hardware.

Sostanzialmente ogni smartphone nativo Android 9 e successivi che ha il Play Store supporta obbligatoriamente Project Treble, quindi chiunque ne possiede uno con queste caratteristiche ed è interessato non deve far altro che scaricare la build dal sito ufficiale di Android Developers, facendo attenzione di scegliere la build giusta per il proprio processore, e installarla manualmente. La procedura precisa varia da un dispositivo all'altro, e richiede in genere lo sblocco del bootloader e l'installazione di una custom recovery. Google indica che ci sono almeno tre problemi noti da tenere in considerazione:

  • Audio telefono: potrebbe non sentirsi alcun suono in entrata durante una chiamata se si usa l'app telefono preinstallata.
  • Boot loop: il riavvio della GSI potrebbe non funzionare in alcuni smartphone. Bisogna entrare nella recovery e cancellare i dati utente, eseguire un ripristino alle impostazioni di fabbrica e poi riavviare.
  • Partizioni troppo piccole: su alcuni smartphone le GSI di Android 13 che includono anche i servizi Google (GMS) potrebbero essere troppo grandi per le partizioni preesistenti. Una soluzione può essere di cancellare alcune partizioni dinamiche non essenziali.
  • Ritorno del "Non disturbare". Con la Developer Preview 2 la funzionalità era stata rinominata in "Priority Mode"; Google ha deciso di tornare sui propri passi.
  • Animazione della barra di riproduzione nel player audio. A quanto pare non si sincronizza con la musica attualmente in riproduzione e non è dinamica.
  • Material You più colorato. Una delle novità principali di Android 12 è la possibilità di applicare combinazioni di colore a moltissime parti dell'interfaccia del sistema operativo. Ci sono quattro combinazioni "preconfezionate" e l'opzione del tema dinamico, che genera una palette in base ai colori dell'immagine di sfondo. Con la Beta 1, da quattro opzioni standard si passa a 16, e contemporaneamente l'algoritmo di tema dinamico, chiamato Monet, ora può usare 16 diversi set di parametri per generare le palette (calcolando anche le varianti tema scuro/tema chiaro).
  • Controlli smart home più comodi. Si possono attivare dal Lock Screen senza bisogno di sbloccare il dispositivo. Tuttavia, allo stato attuale è un'opzione che è disattiva per default e che l'utente deve cercare nel menu delle impostazioni (sezione dedicata al Lock Screen, appunto); inoltre, gli sviluppatori devono implementarla espressamente nelle loro app di gestione della smart home.
  • Clipboard più versatile. Nella Developer Preview 2 erano emerse le prime tracce di un nuovo "editor" degli elementi copiati. Sostanzialmente funziona in modo analogo a quando si cattura uno screenshot: compare una notifica flottante in basso a sinistra che permette di modificare l'elemento copiato, oppure aprirlo (in caso di link) e altre azioni utili in base al contesto o tipologia.
  • Clipboard più sicura. Tutti gli elementi copiati vengono eliminati dopo un'ora di persistenza nella clipboard. È una funzione che già Gboard offriva, ma ora è "universale" per l'intero OS.

  • È scomparsa la possibilità di impostare la lingua individualmente per ogni app. Era emersa con la Developer Preview 2. Al momento non si sa il perché di questo passo indietro.
  • Sblocco col volto su Pixel 6 Pro. Anche qui, erano emersi diversi indizi nel corso delle scorse settimane, e con l'arrivo della nuova Beta si sono moltiplicate le segnalazioni della comparsa della schermata di configurazione. Per chiarire, al momento non funziona, ma per lo meno c'è. In effetti alcuni utenti ne segnalano l'arrivo anche su Pixel più vecchi, in particolare il 5. A questo punto non è chiaro come procederà Google.
  • Spatial Audio su Pixel 6. Nemmeno questo funziona, ma tra i vari file del sistema c'è una libreria proprio con questo nome.

  • Possibile unificazione della ricerca. Con Android 12 ha debuttato la cosiddetta "on-device search" - essenzialmente dall'app drawer è possibile cercare app, contenuti dello smartphone, contatti, immagini e, tramite un link, effettuare la stessa ricerca su Google. Con Android 13 Beta 1, si è tornati alla vecchia interfaccia di ricerca che si limita alle sole app. Tuttavia, tracce nel codice indicano che Google stia lavorando per una funzionalità più avanzata, in cui sostanzialmente non esisterà più differenza tra il widget di ricerca nella home screen e quello nel drawer - o in qualsiasi altra posizione. In altre parole: ogni ricerca includerà in modo organico risultati dal Web e dal proprio dispositivo. Questa è la teoria, per lo meno.
  • Possibilità di cambiare la risoluzione dello schermo (immagine 1 qui sotto). Per ora non compare effettivamente, ma la grafica scoperta suggerisce che ci sono almeno due opzioni: "High resolution", ovvero FHD+ 1080p, e "Highest resolution", che dovrebbe corrispondere alla risoluzione nativa del pannello (naturalmente quando questa è superiore al FHD+).
  • App suggerite nella taskbar nei dispositivi con schermi grandi (immagine 2). Più precisamente: nel drawer che si richiama dalla taskbar nel caso di dispositivi con display grandi, come tablet. Le app suggerite contestuali sono una funzionalità che ormai diamo per scontata sugli smartphone, e la sua mancanza, anche in Android 12L, nel drawer per tablet risultava piuttosto singolare.
  • Nuova icona per il debug USB (immagine 3), con la "T" che contraddistingue Android 13.
  • Possibilità di mantenere la vibrazione nella modalità silenziosa (immagine 4).

  • Possibilità di disabilitare lo Screen Saver nelle relative opzioni.
  • Screen Saver più versatili. Le complicazioni ora possono mostrare, tramite icone:
    • Se c'è una sveglia attiva
    • Se è attiva la modalità non disturbare
    • Se è attiva la videocamera
    • Se è attivo il microfono
  • Ancora più privacy dalle app. Con Android 13 Beta 1 le app non possono più accedere genericamente ai file multimediali: devono richiedere il consenso specifico dell'utente per tre categorie di contenuti - audio, video e immagini. Se un'app necessita di accedere a più di una categoria, il sistema mostrerà all'utente un prompt unico, in modo da semplificare l'esperienza d'uso generale.

ANDROID 13 BETA 1: LE ULTIME NOVITÀ
28/04
  • Scanner QR Code nei Quick Settings. Era emerso già con la Developer Preview 1, ma finora non aveva funzionato in modo ragionevolmente consistente. È molto più veloce del metodo tradizionale di Android - ovvero aprire l'app fotocamera e aspettare che in qualche modo venga identificato un codice. Naturalmente funziona anche con i barcode tradizionali, non solo con i QR.
VIDEO


44

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
xoryzont

Android sbattiminTerra :)

niccolò

hai ragione ora provo a mettermi gli occhiali

AndreA

Come no? Perché non vuoi vederla!

ale

? sulle custom rom c'è da una vita...

niccolò

non ne vedo l' utilità sinceramente

BadBlooddd

Leggete meglio: c'è scritto che è stata RE-introdotta, l'avevano solo modificata; sono anni che esiste.. se non erro, fu introdotta con Lollipop

Ed_Randax

Possibilità di settare separatamente il volume della suoneria chiamate e quello delle notifiche (sms, WA...)? Ci arriveremo a questo incredibile livello di software?

asd555

Resta nella tua ignoranza, ciao.

d4N
asd555

Non devo insegnare niente a nessuno, semplicemente dai tuoi discorsi fai capire che non sai di cosa parli e te l'ho detto.
Poi puoi fare tutte le figure da cioccolataio che vuoi, ogni tanto si può anche prendere la vita con maturità e ammettere i propri limiti invece di stizzirsi quando qualcuno ci fa notare di sapere poco di quell'argomento.
Non è che la pensiamo in maniera diversa, non è questione "di pensiero", non sai di che parli, tutto qui.
Ti saluto.

d4N
momentarybliss

Sui Pixel attualmente non si può cambiare la risoluzione del display?

T. P.

anche quella di motorola mi dicono! :)

MikaHakkinen

Magari.. DeX è ottima, se utilizzasse la sua base ne sarei felicissimo

Dario Prince

Ovunque da huawei anni fa a xiaomi

Undertaker

BREAKING NEWS,,,,,HOT.

Don't miss the Big event.
https://uploads.disquscdn.c...

Alessandro De Filippo

Una funzione già inserita su Samsung .. è NON DISTURBARE..e pure su OPPO

draconian

Più che altro, adesso, il problema maggiore è che difficilmente si riescono a fare riconoscere le fotocamere accessorie (zoom e grandangolare, per esempio). Mentre la principale funziona sul 90% dei terminali.

T. P.

ah si ok...
però di questo passo a google tanto varrebbe mettere tutto in mano a samsung e cambiargli giusto il nome per far vedere che sono due cose diverse, no? :)
naturalmente google si dovrebbe tenere per se l'app fotocamera...

MikaHakkinen

Si hai ragione, ma sarebbe ottimale se anche google ne facesse una di default, magari in stile ChromeOS, ed i produttori che non hanno voglia di crearne una ex novo (vedi Xiaomi) così l'avrebbero già pronta da inserire nelle proprie interfacce

Tiwi

affinamenti

T. P.

Alcuni lo fanno già e anche piuttosto bene, no?

Paolo
Torto

Se aspettano la release finale per far arrivare il face unlock su pixel 6 siamo a posto......

niccolò

ah ecco ora mi sembra più ragionevole però molti smartphone necessitano del root non se non erro per sbloccare la api 2

asd555

Non ti seccare ma hai detto un mare di castronerie palesando che non sai minimamente come funziona un sistema.
Non è come dici tu nella maniera più assoluta, sistema (e la sua struttura) e interfaccia non sono cose legate per forza, tant'è infatti che Android può vantare una decina di interfacce diverse.
Ho cercato di spiegartelo in una maniera semplificata al massimo ma ti invito ad approfondire l'argomento perché così non ci fai una gran figura, non ti offendere.

d4N

Si ma queste personalizzazioni sono solo uno strato sopra all'Android di base, se ci fossero cambiamenti grossi non potrebbero mantenere esattamente tutto come prima, come già successo anni fa con gli sviluppi più grossi.
Oggigiorno non cambia una cippa perché è proprio Android stesso che non muta minimamente, se non il numero di versione e altre cose sottopelle non così visibili all'utente.

H6

No, aspé. Se il tuo telefono ha le api 2 già abilitate, questa app non fa altro che farti scaricare la versione adatta per te e ti notifica i relativi aggiornamenti. Se il tuo telefono non ha le api 2, o le ha disattivate non puoi fare molto senza modificare col root.

novità sconvolgenti insomma, anche a questo giro niente modalità desktop stock

niccolò

è davvero così semplice ora??? niente modifica delle api o roba simile??

H6

C'è un'app sul playstore che ti fa scaricare la versione modificata per ogni cellulare. Gcamator

niccolò
niccolò
MikaHakkinen

Sarebbe ora che implementassero la modalità desktop

H6

Diciamo che ormai questi aggiornamenti non è che apportino chissà cosa ma come per qualsiasi cosa più si va avanti e più l'aumento è sempre minore.
Personalmente credo che ad android serva un equalizzatore stock fatto come si deve, visualizzare cicli carica batteria, popup stock della batteria degli apparecchi bluetooth e gcam installabile da tutti (o quasi) senza troppi giri.

ErCipolla
È scomparsa la possibilità di impostare la lingua individualmente per ogni app. Era emersa con la Developer Preview 2. Al momento non si sa il perché di questo passo indietro.

Spero ritorni, molto utile per quelle app che sono chiaramente tradotte con Google Translate e non permettono il cambio della lingua in-app

Mako

aggiornamento dove cambia molto poco, normale che la beta sia stabilissima

Felix

E questo sarebbe un major update?

Francesco Dell'Ombra

francamente mi pare che i telefonini ormai facciano tutto quello che possono fare, almeno prima di una nuova rivoluzione. Io mi concentrerei sul migliorare le funzioni che esistono già

Portobello

vediamo se sarà implementata come si deve, come anche un nokia da 4 soldi fa

Mako

hanno separato la vibrazione per notifiche e suonerie se ti interessa ahahah

Portobello

ci fosse una cosa che mi serve

asd555

Questo è Android stock, o per meglio dire, quello montato sui Pixel di Google, la MIUI è un'altra cosa.
Tutte le UI segnate come Android 12 cambiano poco rispetto alle versioni precedenti, anche la ColorOS di OPPO ad esempio.

d4N

Ho da poco aggiornato il POCO F2 Pro alla MIUI 13 con Android 12, sinceramente ho avuto difficoltà a capire cosa fosse cambiato dalla versione precedente. Con tantissima attenzione ora sto notando le lievi differenze.
Diciamo che può essere forse un pro considerando che probabilmente hanno migliorato molto tanti aspetti e che così è indolore il passaggio per l'utente, però un po' rimpiango i tempi dove il passaggio di versione Android comportava un notevole cambiamento ... a questo punto però mi chiedo se sia necessario fare un cambio di versione annuale e non dei semplici update ogni tot mesi ...

Samsung Galaxy S22 Ultra Snapdragon vs Exynos: il nostro test | VIDEO

Recensione OnePlus Nord CE 2 Lite 5G: provatelo, prima di giudicarlo

In vacanza con tre Oppo Find X5: confronto foto e... il risultato non è scontato

Recensione Black Shark 5 Pro: ottimo gaming phone, ma quanto costa!