Messaggi Google migliora la compatibilità con iMessage di Apple

22 Novembre 2021 10

Messaggi Google ora interagisce meglio con iMessage: se un utente iPhone mette una reazione a un messaggio, a chi possiede un dispositivo Android non arriva più un messaggio descrittivo, ma viene applicata l'icona corretta proprio come sul client ufficiale della Mela. Il precedente approccio era decisamente meno elegante e causava molta più confusione nella visualizzazione della conversazione. Gli screenshot "prima e dopo" dovrebbero fugare qualsiasi ulteriore dubbio sull'effettiva necessità di un intervento.


È interessante osservare che cliccando su uno degli Emoji di reazione l'utente Android vedrà un piccolo avviso in pop-up che dice che il contenuto è stato "tradotto da iPhone". A quanto pare la "traduzione" non è esattamente 1:1, nel senso che alcuni Emoji hanno una sfumatura leggermente diversa tra le due piattaforme. Per esempio, quello che su iPhone viene mostrato come un cuore rosso su Android diventa lo smile con gli occhi a cuore. Il senso, naturalmente, rimane sempre piuttosto semplice da interpretare. Da notare che gli utenti iMessage possono cambiare la propria reazione anche in un secondo momento, e Google Messaggi è in grado di riflettere questo cambiamento.

Dalle nostre parti iMessage non viene usato moltissimo - alla fine, WhatsApp rimane il più diffuso. Tuttavia in altri mercati, come per esempio quello statunitense, è ancora lo standard de facto. Per il momento pare che la distribuzione non sia ancora molto diffusa: forse sono semplicemente in corso dei test A/B come al solito in casa Google, forse (altra consuetudine) si è semplicemente deciso di partire con calma onde evitare il diffondersi eccessivo di bug imprevisti. In ogni caso, la funzionalità era in qualche modo anticipata: tracce erano già state scoperte qualche tempo fa rovistando nel codice di una build Beta.


10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ErCipolla

No, all'atto pratico non è che sia negativo in se, semplicemente per una questione di principio non mi piace assecondare/supportare protocolli chiusi, perché è un incoraggiamento ad adottarli / non pensionarli.
Per fare un esempio: è come se i vari HP, Dell, ecc. avessero cominciato a mettere porte Lightning sui loro portatili. Non è un male in se, ma aiuta a tenere in piedi un formato proprietario non universale, che alla lunga è un male per gli utenti.

Researchspace

Certo, ma lo puoi proporre su qualcosa che ha una piccola percentuale ma chi ha attualmente un 50% nel mercato interno come quello USA fai fatica ignorarlo..
MSN Messenger in pratica alla fine con l’avvento di Messager e Whatsapp non era più utilizzato..
Sinceramente non vedo alcun lato negativo da una parte all’altra di questo intervento di Google..

ErCipolla

Che lo facciano per quello è sicuro, io personalmente sono contrario per il semplice motivo che sono non approvo, a prescindere, il dare corda a protocolli proprietari non multipiattaforma e non interoperabili. Sono pratiche di vent'anni fa che non andrebbero incoraggiate, i client di messaggistica che girano solo su un SO e con protocollo oscurato dovrebbero essere morti e sepolti nella stessa bara dove riposa MSN Messenger

Researchspace

Non mi riferivo al termine “standard de facto" solamente sostenevo che negli USA in confronto a noi iMessage è molto utilizzato da quasi più o meno la metà degli utenti (e non sono pochi) per questo giustamente Google si approccia a questa fetta.

ErCipolla

Certo, ma comunque neanche negli Usa iMessage non è uno "standard de facto", se è supportato da neanche metà dei telefoni. Se sento la frase "standard de facto" penso a qualcosa che si dà per scontato abbiano tutti e chi non ce l'ha è un'eccezione, tipo da noi WhatsApp è lo standard de facto in ambito messaggistica.

Researchspace

Qui da noi.. mentre negli USA iPhone sta praticamente a circa più o meno al 50% per cui Google logicamente guarda anche dall'atra parte..

https://uploads.disquscdn.c...

Researchspace

Qui da noi.. mentre negli USA iPhone sta praticamente a circa più o meno al 50% per cui Google logicamente guarda anche dall'atra parte..
https://uploads.disquscdn.c...

ErCipolla
yepp
ErCipolla

Peccato si abbassino a correre dietro alla mela con queste pezze, quando è Apple che usa un protocollo proprietario incompatibile con il resto del mondo, anziché quello standard RCS. Evidentemente sanno che è una battaglia persa, almeno per ora.

La famiglia Motorola Edge 20 al gran completo, ecco quale scegliere e perché

ROG Phone 5s Pro, la recensione: una questione di dettagli

Ecco quando un tablet può diventare un'ottima soluzione | Video

Recensione Honor 50: solido, bello e concreto, l'esperienza si sente tutta