Il CEO di Epic loda la Corea per la vittoria su Google. Parole al vetriolo per Apple

17 Novembre 2021 59

Ennesimo paragrafo nel capitolo, che sembra infinito, "Epic Games contro tutti". La casa di sviluppo di Fortnite e compagnia è impegnata da mesi in una lotta all'ultima aula di tribunale contro i due colossi più grandi del panorama tecnologico, Apple e Google. E se nel filone che la vede opporsi a quest'ultima ha già incassato una vittoria storica, nei riguardi della Mela qualcosa si muove anche se ad oggi non c'è ancora nulla di concreto.

Così Tim Sweeney ha "liberato" tutta la sua rabbia nei confronti di Apple e manifestato la sua insoddisfazione nei confronti di Google per il modo in cui ha interpretato la decisione dell'Assemblea nazionale della Corea del Sud. Durante una conferenza sulle app che si è svolta in Corea, il "campo" su cui Google ha perso la battaglia con l'azienda di cui è al timone, il CEO di Epic Games non si è lasciato sfuggire l'occasione di attaccare il "duopolio" - lo ha definito così - di Apple e Google.

Molto dura l'invettiva, riportata da Bloomberg, nei confronti di Cupertino.

Apple vincola un miliardo di persone ad un solo store virtuale e ad un solo sistema di pagamento. Apple rispetta le leggi oppressive di alcuni Paesi in cui opera, leggi che sorvegliano gli utenti e li privano di diritti politici, la stessa azienda che adesso ignora le leggi emanate dalla democrazia coreana. Apple deve essere fermata.

VERSO GOOGLE

Appena più "soft", almeno nel taglio, le dichiarazioni indirizzate a Google, che una settimana fa è stata obbligata dall'Assemblea nazionale della Corea del Sud a contemplare dei sistemi di pagamento alternativi a quello di default del Play Store. A Sweeney non è andato giù però - comprensibilmente - il fatto che a Mountain View si siano allineati alle nuove normative, con lo store di Big G che consente già da qualche giorno di scegliere se pagare contenuti in app tramite Play Store o altre piattaforme, mantenendo però un prelievo (ridotto, l'11% anziché il 15%) sugli importi veicolati da piattaforme alternative.

"È una scelta folle, pazza, quella di Google", ha detto Sweeney prima di lodare il provvedimento dell'Assemblea coreana.

Sono molto fiero di oppormi insieme a voi a questo genere di monopoli. Sono orgoglioso di essere al vostro fianco e di poter dire di essere coreano anch'io.

Né Google né Apple hanno voluto commentare le dichiarazioni del CEO di Epic. In precedenza Apple aveva fatto sapere di non sentirsi obbligata ad apportare modifiche al proprio modo di operare in Corea in seguito alle nuove leggi emanate dall'Assemblea.

Sweeney, durante la sua visita in Corea, ha svelato di essere al lavoro su un negozio "universale".

Ciò di cui il mondo digitale ha bisogno è un unico negozio che funzioni con tutte le piattaforme. Attualmente la proprietà del software è frammentata tra l'App Store di iOS, il Play Store di Google, diversi negozi per console Xbox, PlayStation e Nintendo Switch, e poi ancora Microsoft Store e Mac App Store. [...] Siamo al lavoro con sviluppatori e fornitori di servizi per arrivare ad un sistema che consenta agli utenti di acquistare software in un unico luogo virtuale sapendo che sarà disponibile su tutti i dispositivi e su tutte le piattaforme.

Appuntamento al prossimo paragrafo di una vicenda ancora molto intricata.


59

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Il BaK

No, intendevo che al prezzo finale si arriva con la somma di tutte le fasi, dalla produzione alla distrubuzione.

Faccio un esempio grossolano: "GTA V" per PC sullo store costa 35 euro.
Da questo totale 5 euro vanno allo store per il suo servizio, il resto arriva a Rockstar per pagare la produzione del gioco (semplifico perchè ci saranno sicuramente altri intermediari).
Quindi al prezzo finale che vedi sullo store tu stai pagando la produzione del gioco, cioè il suo costo "crudo", ma anche i costi del servizio (host, piattaforma... Come giustamente scrivevi tu, che comunque non sono oneri da poco).
Questo è il motivo per cui "GTA V" per Playstation 5 ha un prezzo differente e per PS 4 ancora minore...

Nel momento in cui una software house come Epic diventa sia produttore che distributore di se stessa è più comodo offrire un servizio in streaming che comprenda tutto questo percorso... Certo non è comunque una passeggiata.

robin994

Hai le idee un po' confuse. Tu che hosti il servizio hai solo i costi di computer cloud e sviluppo della piattaforma (e vari accordi di vendita) , mentre chi sviluppa il prodotto ha i costi di produzione.

Il BaK

Ok, quindi tu dici che non parla di un negozio globale ma di una iniziativa ristretta ad Epic, è più plausibile hai ragione... Ma a quel punto col prezzo iniziale devi coprire non solo il costo di produzione e della piattaforma ma anche quello di conversione suille varie piattaforme... Quanto ti viene a costare un singolo titolo? E (esclusi streamer e addetti ai lavori) davvero c'è così tanta gente interessata ad avere un servizio così dispendioso? La vedo complicata...

Epic farebbe molto prima a lanciare un suo servizio di gioco in streaming (cosa in cui secondo me sfocerà direttamente o indirettamente questo progetto a cui si riferisce) e mantenere un suo catalogo alle sue condizioni...

Comunque vedremo di cosa si tratterà quando sarà presentato, adesso è un'idea troppo accennata per farsene un'opinione.

Actarus71

E allora ti dico di diffidare di chi vuole dirti di cosa hai bisogno.

HeySiri
E K

Spero di no.

E K

Giusta osservazione, per ora sono ancora troppo acerbi come sistemi, ma in un futuro vicino l'hardware sará molto meno importante e lo streaming funzionerá nativamente multipiattaforma, a quel punto le software-house dovranno ottimizzare per quel paio di piattaforme piú che per configurazioni generiche

HeySiri

Questo non lo so, non ho console :(

Sepp0

GFN e similari funzionano sui browser delle console?

Ryuza

Senza Epic, un buon 50% del mercato dello sviluppo dei videogames non esisterebbe, considerato quanto è utilizzato al momento Unreal Engine e le tecnologie Epic nell'industria (EOS, Metahuman, Megascans, ArtStation, Sketchfab...), quindi ben venga Fortnite se questo dà lavoro a milioni di persone e permette a molti studios (gaming e non) di lavorare

Sepp0

Ci crederò quando lo vedrò. E se mai lo vedrò, credo che la versione "universale" costerà immensamente di più di quelle singole. Figurati se ti mettono a 70 euro un gioco che puoi usare su tutte e tre le console, più il PC, più i device mobili.

Sepp0

Sì, ovvio che tastiera+mouse sia ancora meglio, ma tra un controller fisico e il touch c'è un abisso molto più ampio che tra il controller fisico e la tastiera+mouse.

Sepp0

Usarlo come vuoi = che vuol dire?

HeySiri

Uno store globale lo vedo peggio di un duopolio. La soluzione perfetta è quella del cloud gaming (stadia, xbox game pass, geforce now, ecc.) che permette di acquistare una volta e avere su qualsiasi dispositivo l'app acquistata

Il BaK

Assolutamente, è una bella utopia. Trovando gli accordi tra sviluppatori e piattaforme si può combinare in diversi modi.

Mi hai fatto anche riflettere su un altro fattore che sarà il ruolo dello streaming in questo scenario futuro.
Il gioco in streaming potrebbe avere un ruolo consistente nelle possibilità future del videogiocatore. Se da un lato metti in streaming (quindi a zero costi hardware in un mondo in cui l'hardware sembra essere sempre più risicato per i problemi di produzione) un catalogo di titoli è plausibile che gli store dovranno cercare di tenere il passo e lasciarsi andare un po' di più sulla competitività...
Tutto ancora da capire.

Roby One

Anche se a parole ha ragione, sono sempre contro chi vuole dirci di cosa ho bisogno.
Si limiti a guardare il suo orto

HeySiri

Ma chi lo gestirebbe? Epic?

HeySiri

Lui non ha citato il monopolio, ha solo detto di essere contro il duopolio ;)

BuBy

cosa centra,,, allora tutti quelli che lavorano nel mondo die pc dovrebbero pagare i discendenti di alan turing visto che il computer è nato grazie a lui,
ci sono un sacco di tecnologie che apple sta utilizzando e che non ha inventando ... la maggior parte... ti fa pagare il cellulare e poi non ti da il permesso di usarlo come vuoi ...
costringendo gli sviluppatori a pagare delle royalty ....

bah io nn vi capisco.. invece di essere contenti che ci sia piu concorrenza siete contenti di avere le manette ai polsi

ErCipolla

Intendo che è il bue che dice cornuto all'asino. Anche la sua compagnia "si adegua alle leggi oppressive di alcuni Paesi", a maggior ragione se pensiamo che l'entità che controlla quasi metà di Epic proviene proprio da uno di tali pesi.

Walter

Non si parla di negozi, tu acquisti quello che vuoi nel tuo negozio preferito ma poi lo usi dove vuoi windows, mac, ios, android ecc...
A patto che quel software esista su quella piattaforma

Walter

sarà ma la tua amata deve adeguarsi

Walter

se si parla fi FPS il controller lo butti nel cestino.

Walter

Non la interpreto proprio cosi, ma se compro su app store lo stesso software l' ho su playstore ecc se voglio.
E sarebbe un ottima cosa.

Walter

"Siamo al lavoro con sviluppatori e fornitori di servizi per arrivare ad un sistema che consenta agli utenti di acquistare software in un unico luogo virtuale sapendo che sarà disponibile su tutti i dispositivi e su tutte le piattaforme."
Questo sarebbe il top, vuoi cambiare piattaforma non devi riacquistare tutto

E K

Vero, ma i sogni sono utopici per definizione. Lasciaci sognare.

Quasi quasi la soluzione del log-in sarebbe il taglio della testa del toro,

tutti i giochi/software scaricabili ed installabili gratis, e per essere sbloccati ci si deve loggare (nel caso si acquista il software), si riceve la pass di sblocco e si gioca/lavora (anche offline).

Ci sarebbe comunque il problema della pirateria, ma magari con sblocco biometrico (anche offline) si potrebbe limitare il danno.

Simplyme

Gli sviluppatori si oppongono per una questione di status quo: due store (Google Play ed App Store) non sono perfetti, ma con un’apertura dei sistemi operativi rischiano di passare ad una decina di store diversi (e rischiano anche per eventuali store pirata).

Emanuele

Siamo contro il monopolio
Sempre loro: sviluppiamo lo store multipiattaforma (per avere il monopolio)

robin994

non hai capito forse, lui dice di star lavorando per portare epic su ogni piattaforma come store dove puoi comprare per ogni piattaforma. Pero' questo non esclude che possa succedere anche con gli altri store. E tu da utente finale vai a comprare dove piu' ti conviene. Se ebay fa prezzi migliori di amazon compri da ebay e viceversa. Pero' qui avrai la differenza che su epic/steam/ quello che sara' , compri una volta e lo puoi usare ovunque. Compri Fifa su ps, da epic ? lo tieni pure per xbox e pc. Compri NBA da Steam, lo tieni per le altre piattaforme... cosa c'e' di preoccupante? io ne vedo solo vantaggi per i consumatori

Ansem The Seeker Of Lossless

quando hai qualcuno che detiene il 40% non è che puoi semplicemente non ascoltarlo

Il BaK
"siamo al lavoro con sviluppatori e fornitori di servizi per arrivare ad
un sistema che consenta agli utenti di acquistare software in un unico
luogo virtuale sapendo che sarà disponibile su tutti i dispositivi e su tutte le piattaforme"


..E' un virgolettato con cui l'articolo si conclude e mi sembra che parli in maniera eloquente di un "unico luogo virtuale"...

Poi anche se non ci sarà uno store unico e dovrai riscattare un software su diverse piattaforme il mio dubbio rimane: un titolo che acquisti su una piattaforma e puoi ottenere su altre quattro, quanto dovrebbe costarti per fare contenti tutti, piattaforme e sviluppatori compresi? Siamo sicuri che alla fine converrebbe all'utente "classico" accollarsi tutto?
E nel momento in cui cancelli comunque la concorrenza tra piattaforme non sarà estremamente comodo fare "cartello" su prezzi e offerte?
Non mi convince, aspetterei di vedere cosa hanno esattamente in mente ma non mi sembra un'idea così semplice e congeniale all'utenza di base.

Sepp0

Beh, sì, se si parla di FPS il core principale non potranno essere mai device dove si usa il touch invece del controller.

robin994

guarda che il concetto di store unico e' stato frainteso secondo me. Immagina hai steam e su steam puoi comprare per tutte le piattaforme, poi c'e' epic e puoi comprare per tutte le piattaforme, e cosi' via. Non intendeva che c'e' uno store , uno ed uno solo al mondo XD

nonècosì

e trerzo se usi lo stesso account per tutte le piattaforme le skin le trovi ovunque

Yui Hirasawa

Siamo d'accordo infatti Sweeney è un clown, ma ha iniziato questa battaglia soltanto perché il core principale di Fortnite sono le console.

nonècosì

beh una software house potrebbe anche opporsi a progetti legislativi del genere, negli usa il sistema delle lobby è molto presente e regolamentato

robin994

leggi meglio e ritenta senza essere di parte, il giudice ha detto che non puo' concludere se l'appstore e' un monopolio o meno perche' la causa verte sui metodi di pagamento

Sepp0

Sì, mi riferisco agli acquisti in-game.

Non mi pare di aver mai letto SuperCell lamentarsi di Apple Store o PlayStore.

Se non gli va di pagare commissioni, possono benissimo NON sviluppare per dispositivi mobili, non gliel'ha ordinato il medico.

Yui Hirasawa

E quindi? Quello che ha il potere dentro Epic è Sweeney

Yui Hirasawa

Leggo della leggera confusione, primo fortnite è gratuito (forse ti riferisci agli acquisti in game) secondo il successo è nato su console e non su mobile

Sepp0

Tim Sweeney può illustrarci gentilmente quanto ha guadagnato Epic vendendo le versioni iOS e Android dei loro giochi, che altrimenti non avrebbero mai venduto?

Felix

Continua a parlare di monopoli anche dopo che un giudice gli ha dato contro in tribunale evidenziando la non esistenza di un monopolio, e negando tutte le richieste di Epic… imbarazzante.

Il BaK

Con "accordi di collaborazione"intendevo una soluzione di questo tipo, sì forse non impossibile ma comunque molto difficile perchè una piattaforma incassa il gruzzolo e l'altra deve solo garantire il riscattod el software prendendosi anche gli oneri dell'aggiornamento...
E anche nel momento in cui accada una cosa del genere quanto dovrei pagare un software che compro su una piattaforma e posso scaricare da altre tre? Do per scontato che questi costi andrebbero (più o meno direttamente) a carico dell'utente finale.
Sulla carta bello ma poi guardando la realtà dico che la concorrenza è utile ed è quella che ha permesso a situazioni nuove come GOG di esistere...

BerlusconiFica

Epic vende immondizia ai ragazzini e ancora parla

E K

Hai ragione, mi sono espresso profondamente male, ho corretto il tiro un attimo dopo commentando qui sopra.

ErCipolla

Se a un dev non interessa pubblicare in maniera "multipiattaforma" può semplicemente non farlo, chi dice niente? Ma tu non hai parlato di "disinteresse" degli sviluppatori, hai parlato di "opporsi". Opporsi implica che avere una piattaforma in più dove pubblicare (se vogliono) gli arrechi qualche danno...

NULL
Siamo al lavoro con sviluppatori e fornitori di servizi per arrivare ad un sistema che consenta agli utenti di acquistare software in un unico luogo virtuale sapendo che sarà disponibile su tutti i dispositivi e su tutte le piattaforme.

Non sarebbe male.

nonècosì

no la soluzione sono tanti negozi ed ognuno acquista dove ha convenienza; un pò come nella vita relate dove puoi fare la spesa da conad, lidle, eurospar, esselunga o dal negozietto sotto casa

Andrea

Ma scherzi? Guadagnano il doppio ogni volta che un utente migra da un OS all'altro, visto che tendenzialmente acquista nuovamente le app.

nonècosì

invece di guadagnarci due volte ci guadagnano solo una volta, non serve il disegnino per arrivarci

Riprova Vivo X80 Pro con Android 13: una Vivo sempre più intrigante | Video

Confrontone tra i quasi top 2022, 9 smartphone uno contro l'altro | Video

Rog vs Rog vs Batman: Mediatek 9000 o Snapdragon 8+ gen.1 | Video

Recensione Motorola Razr 2022: finalmente moderno, non per nostalgici