Android, allerta terremoti in rilascio globale l'anno prossimo

15 Giugno 2021 12

Il sistema di allerta terremoti che Google ha integrato in Android già da qualche mese sarà distribuito in tutto il mondo nel 2022: la società l'ha annunciato oggi pomeriggio. A fine aprile il servizio è stato reso disponibile in Nuova Zelanda e Grecia, mentre da oggi è disponibile nelle Filippine e in diversi Paesi dell'Asia centrale, ovvero Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turchia, Turkmenistan e Uzbekistan. La scelta non è casuale - Google sta dando priorità ai Paesi a elevato rischio sismico.

La funzionalità è parte integrante dei Google Play Service, e si basa sui sensori interni dello smartphone, come gli accelerometri e i giroscopi: Google è riuscita a sviluppare un algoritmo che permette di rilevare con una certa precisione le scosse di avvertimento iniziali (le cosiddette onde P), incrociando i rilevamenti di più dispositivi di una determinata area (i dati vengono raccolti in forma anonima).

In caso di sospetto pericolo imminente, il sistema invia a tutti gli smartphone dell'area interessata una notifica di emergenza ad alto volume, che contiene il possibile epicentro e la possibile magnitudo dell'evento; Google ha dimostrato che tutto questo procedimento generalmente avviene prima dell'arrivo della cosiddetta onda S, che è quella che causa effettivamente il sisma, e che è più lenta delle onde P. La notifica include informazioni su come proteggersi il più efficacemente possibile, ovvero gettandosi a terra, riparandosi sotto un tavolo o un arco, e aggrappandosi a qualcosa di solido (sintetizzata in inglese con Drop, Cover, Hold).

I test sono iniziati in California la scorsa estate. Google spera di riuscire a creare la più grande rete al mondo di rilevamento dei terremoti, ma la scelta finale sta all'utente: è possibile revocare la propria partecipazione all'iniziativa semplicemente andando in Impostazioni > Posizione > Avanzate > Allerta terremoti.

ANDROID: ALTRE NOVITÀ IN ARRIVO

Contestualmente, Google ha annunciato altre cinque novità in arrivo su app e servizi per dispositivi Android. Entro quest'estate, avremo:

  • Possibilità di contrassegnare i messaggi in Messaggi Google come importanti (stellina).

  • Suggerimenti contestuali per gli Emoji creati dall'intelligenza artificiale di Gboard (la cosiddetta Emoji Kitchen, che amalgama più Emoji standard per crearne di nuovi).

  • Ampliamento delle app di sviluppatori terzi compatibili con i comandi vocali di Google Assistant.

  • Rilevamento dello sguardo in Beta: permetterà agli utenti con disabilità di attivare Voice Access solo quando il sistema capisce che l'utente sta effettivamente guardando lo schermo. Voice Access diventerà anche più funzionale nell'inserimento di password: capirà quando si è su un campo di questo tipo e permetterà di specificare maiuscole, simboli, numeri e caratteri speciali.
  • Android Auto sarà più personalizzabile: per esempio si potrà organizzare il launcher direttamente dallo smartphone, attivare manualmente il tema scuro e molto altro. Sono inoltre disponibili app per la ricarica di veicoli elettrici, per la ricerca di parcheggi e per la navigazione. Ora è anche possibile accedere alle app di messaggistica e l'esplorazione di contenuti multimediali è semplificata.

12

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
mail9000it

Mi sa che non hai capito. Deve essere INGV a fare una app e a inviare l'allerta terremoti.

Red 10

La quantità di cellulari fa sicuramente impallidire quella dei sismografi.
Dato l'epicentro di un terremoto, statisticamente le sue onde incontreranno migliaia di cellulari ben prima di un sismografo, e pertanto il sistema di Google ha sicuramente più chance di avvertirti in tempo utile.

Ennio

Grazie dell’informazione

Callea

Perché da noi non si sviluppano terremoti di 7.5-8 magnitudo che possano fare enormi danni anche a distanza di centinaia di km.
I nostri terremoti sono distruttivi in un raggio di una decina di km dall'epicentro che le onde sismiche percorrono in 2-3 secondi, motivo per cui non si fa in tempo a mandare la notifica.

Ennio

Perché?

Callea

Affascinante l'idea, peccato che l'utilità è solo per terremoti di magnitudo elevatissima, oltre 7/7.5 come minimo.
Con i terremoti appenninici a cui siamo abituati l'utilità è zero.
Ma non si può mai sapere, quindi ben venga questo servizio.

Callea

Allestire un sistema di early warning sismico come quello giapponese è complesso e costoso e in Italia peraltro sarebbe poco utile.

BerlusconiFica

é una questione di frequenze, pensala come i suoni, anche se la radio é accesa puoi distinguere il suono di una conversazione o il rumore della caffettiera

BerlusconiFica

la penso esattamente come te

Portobello

non ho capito: i telefoni sono sempre soggetti a movimenti e oscillazioni di ogni tipo, anche forti: come si fa a distinguere un movimento su una persona che corre ed una scossa sismica?

snake

E secondo te l'INGV invierebbe i dati grezzi dei sensori ai civili e per cosa?

mail9000it

Mi sembra una emerita stronzata.
Non l'idea dell'allarme ma la realizzazione.
In un area a rischio sismico ci sono giá dei sensori sismici non serve trasformare un telefono in un sensore. Metti in rete i sensori professionali e mandi ai cell il segnale di allarme.
Perché dovrei avere un cellulare che consuma corrente per fare un monitoraggio continuo dei sensori, una connessione continua per trasmettere questi dati per poi ricevere un messaggio di emergenza. Mi basta una app collegata alla rete di sismografi che mi comunica il messaggio di emergenza.
Ah, giá... giustifica il fatto che il telefono trasmette grandi quantitá di dati sui fatti tuoi mescolandoli ai dati sismici.
Mah!!!!

Recensione OnePlus Nord 2: sarà lo smartphone giusto per molti

Xiaomi Mi 11 Lite come non l'avete mai visto | Video

Recensione Sony Xperia 1 III: super fotocamere e spirito bollente

Recensione vivo X60 Pro: cosa offre lo smartphone ufficiale degli Europei