Google, l'acquisizione di Fitbit è più vicina

19 Ottobre 2020 36

Google vuole convincere la Commissione Europea sulla bontà dell'acquisizione di Fitbit, operazione da 2,1 miliardi di dollari avviata a fine 2019 e sottoposta ad indagine antitrust per valutarne i potenziali rischi sul mercato, specie riguardo la gestione dei dati degli utenti.

La situazione è in evoluzione, ed entrambe le parti stanno lavorando per trovare un accordo. Già a fine settembre si erano manifestati i primi segnali in tal senso, e secondo quanto riportato da Reuters ora Google avrebbe deciso di accettare alcune richieste dell'UE per offrirle ulteriori garanzie. Questo con l'auspicio di ottenere l'ok definitivo per una chiusura positiva dell'operazione.

L'azienda di Mountain View si impegna in particolare a

  • limitare l'utilizzo dei dati raccolti dai dispositivi Fitbit per la personalizzazione degli annunci pubblicitari sul proprio motore di ricerca
  • garantire l'accesso alla piattaforma Android alle aziende concorrenti
  • garantire l'accesso ai dati degli utenti ad app e servizi di terze parti

La Commissione Europea ha da poco terminato le consultazioni con le società concorrenti di Fitbit e i consumatori, ricevendo utili feedback sulla base dei quali stilare l'accordo definitivo per l'approvazione dell'acquisizione. A quanto pare gli organi preposti non avrebbero intenzione di effettuare altre ricerche, ritenendo sufficienti le informazioni sin qui raccolte.

Google resta fiduciosa e continua a sottolineare il fatto che l'acquisizione non è focalizzata sui dati degli utenti, quanto sull'hardware: "lo spazio degli indossabili è affollato e pensiamo che l'unione degli sforzi di Google e dell'hardware Fitbit aumenterà la concorrenza nel settore, con un beneficio per i consumatori e rendendo la prossima generazione di dispositivi migliore e più accessibile".

L'Unione Europea dovrà comunque placare gli animi della concorrenza e di diverse associazioni di consumatori, nonostante tutto rimaste sul piede di guerra in quanto ritengono che le condizioni per l'approvazione dell'acquisizione non siano state rispettate appieno. Bruxelles intende ad ogni modo prendersi tutto il tempo necessario: la deadline del 23 dicembre è stata per questo motivo posticipata all'8 gennaio.

Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE, in offerta oggi da TeknoZone a 407 euro oppure da Supermedia a 549 euro.

36

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
boosook

Comunque il leader di mercato smartwatch è Apple, a lei hanno chiesto le stesse cose?
Al solito, Apple fa quello che gli pare e nessuno apre bocca.

boosook

Infatti non è chiarissimo, e anche abbastanza assurdo... Io conosco il modo in cui Google protegge i dati, compro un prodotto Google e non voglio darli all'azienda X che magari c'è il tizio che li salva sul portatile o se li rivendono.
Cioè, anziché garantire la nostra privacy, obbligano a diffondere i nostri dati per garantire la concorrenza? Sarebbe assurdo, bisognerebbe capire bene i termini della cosa.

Rendiamociconto

e perchè? se è legale è giusto, se è illegale è sbagliato

virtual

Google è una delusione dietro l'altra e credo abbiano ragione i tanti che dicono che tutto è iniziato da quando c'è Pichai al comando.

Comunque io Wear OS lo uso (su un TicWatch S) e devo dire che per le mie esigenze mi trovo molto bene: dovrebbero sistemare quelle due cosette più grosse, come per esempio il fatto che tocchi resettarlo al cambio di telefono o il ritardo della notifica della chiamata via Bluetooth... ma di novità non se ne vedono: sembra proprio che non ci lavori nessuno.

Mi piacerebbe sapere come passano il tempo gli ingegneri Google addetti a Wear OS e anche quanti sono: due persone?

SuperDuo

è indifferente quello che vuoi. Con google li condividi e basta. E se decideranno che google li dovrà mettere a disposizione di tutti, lo farà e anche li tu non sceglierai nulla ( a meno di rinunciare a tutti i servizi ovviamente)

acca

Certo, lì voglio condividere SOLO con Google, assolutamente non altri!

trodert

Hai descritto perfettamente la situazione di Google, è diventata un'azienda senza visione e senza visionari: Pichai non ha niente a che fare con Page, Brin e Rubin. Ogni prodotto, app o servizio Google di oggi è un pasticcio

matteventu

Mi dispiace ma a dispetto di tutte le dichiarazioni di Qualcomm e non so chi altro, anche Snapdragon 4100 è un SoC del tutto inadeguato ed inadatto all'utilizzo che ne fanno con i wearable.

È per il 60% colpa di Google e 40% colpa di Qualcomm, ma direi che non posso biasimare Qualcomm visto che wearOS é un putt4naio a livello di codice/processi.

Se vogliono essere rilevanti nel mercato wearable, devono completamente uccidere wearOS e rilanciarsi con qualcosa di più (limitato e) leggero che richieda meno risorse (ergo, non basato su Android).
Così potrebbero avere prestazioni/efficenza sufficienti da rendere i prodotti interessanti, partendo dalla fascia bassa e facendosi un nome cosi.

Solo successivamente, potrebbero scalare verso la fascia media e alta, SE il mercato lo richiederà (ricordiamoci che l'utente medio Android spende meno in accessori per fitness rispetto all'utente medio iPhone).

E se il mercato lo richiederà, potranno sviluppare insieme a Qualcomm o chi altro qualcosa di sviluppato precisamente per quello scopo. Cosa che Qualcomm adesso non si sogna di fare viste le irrisorie vendite dei devices wearOS, che non garantiscono un ROI sufficente per scomodare lo sviluppo di una soluzione hardware (SoC) decente.

La mia paura è che - essendo Google da sempre pessima in queste cose - non ci riusciranno mai (perlomeno nel breve periodo).

La fortuna di Google è stata Android (e non viceversa), e la persona che ha fatto la fortuna di Android in Google se ne è andata da tempo, lasciando Google senza una minima visione.

trodert

Wear os finora ha girato su soc antichi, e con ram insufficiente fino al fossil gen5. Adesso il soc per fare girare wear os come si deve c'è con lo snap4100.

SuperDuo

è diverso, tu DEVI condividerli con google anche se non vuoi per usare le app. In più google non ti permette di conviderli con altri, se non con magheggi tecnici non certo alla portata di chiunque.

acca

E sarebbe sbagliato

matteventu

Nextbit (uccisa da Razer) e Pebble (uccisa da Fitbit) erano due vere promesse, un peccato la fine che hanno fatto :(

matteventu

No.
(vedi mio altro commento)

matteventu

Molto probabilmente verrà del tutto abbandonato a favore di un sistema embedded più snello (e meno ricco di funzioni generiche, ma più "mirato").

Fitbit verrà portata al collasso e sparirà dall'universo.

Rendiamociconto

perchè non sarebbe legale

ermo87

Quanti tentennamenti, mi hanno costretto alla mi band, mortacci loro!

trodert

Mi bastano 2 giorni con ricarica rapida così si ricarica in 10 minuti mentre faccio la doccia

acca

Beh, e se io decido di condividere i miei dati biometrici SOLO con Google? Perché non dovrei avere la possibilità?

trodert

Mi auguro che questa acquisizione sia utile per migliiorare wear os che non ha sviluppi significativi da 2 anni: migliori performace, migliore autonomia e dare molto più senso a google fit con sensoristica come ecg, spo2, ecc.

Vive

A Google interessa solo fare un'alternativa all'Apple Watch, e (spero) migliorare l'OS.

Snelfo

si conosco rebble, quando ci fu l'acquisizione pebble lo usai per un po con quel sistema anche se era ancora agli inizi e non aveva molte funzionalità ancora attive, poi mi hanno regalato un Wear os e il pebble è finito nel cassetto...spiacevole fine di un prodotto (e una start up) davvero degno di nota ...

M4nder

Se hai ancora un pebble e ti può interessare renderlo anche funzionale esiste il progetto Rebble che va a sostituire alcuni servizi originali,pagando è possibile ri-avere anche le funzioni meteo e risposte vocali.

Io l'ho utilizzato così per un annetto dopo la chiusura dei server e mi sono trovato bene,ora mi tocca sostituirlo (dopo 3+ anni) causa batteria e perdite di connessione con lo smartphone ma lo rimpiango ogni giorno.

iamagro

a parità di hardware decisamente si

Snelfo

e per acquisire i brevetti su uso di epaper e qualche altra specifica che ora non ricordo...hanno ammazzato un brand...fra l'altro senza nessun preavviso hann killato i server per i comandi vocali e per il meteo...rendendo di fatto inutilizzabili gli orologi ... spero che vengano acquisiti smembrati letteralmente...
adoravo il pebble...

M4nder

Sante parole,spero che l'acquisizione da parte di Google possa dare nuova vita ai brevetti acquisiti da fitbit per lo sviluppo di un nuovo pebble (anche se dubito)

È chiaro che l'acquisizione di pebble fu solo un modo per togliersi un competitor di torno.

GianTT

Certo che se prima si dice che stanno diventando enormi e poi non ci si oppone mai a nessuna acquisizione, non si va da nessuna parte. Mi sembrano blande le richieste della commissione stavolta, avrei preteso che l'azienda restasse separata e indipendente da Google, con una propria governance, e che se anche si decidesse di usare Android su quei device, i dati raccolti non sarebbero dovuti andare a confluire in nessun modo nei DB di Google per arricchirli ancora di informazioni

DangerNet

eh beh, infatti i Pixel sono i dispositivi più costosi per ora

chissà se google riuscirà mai a fare un wear os con autonomia di almeno 5/6 giorni.

ghost
Snelfo

chi di acquisizione ferisce, di acquisizione perisce
(pebble...)

come whitings non c'è nessuno, sono i più belli in assoluto

sa sa prova prova

Guest
L'azienda di Mountain View si impegna in particolare a


limitare l'utilizzo dei dati raccolti dai dispositivi Fitbit per la
personalizzazione degli annunci pubblicitari sul proprio motore di
ricerca


garantire l'accesso alla piattaforma Android alle aziende concorrenti garantire l'accesso ai dati degli utenti ad app e servizi di terze parti

le famose dichiarazioni per acquisizione: quelle che dopo un paio di anni nessuno si ricorda. E loro lo sanno benissimo ;)

iamagro

lo stavo pensando anche io, spero solo che non costino una follia

Walter Minnella

Speriamo in un Pixel watch!

Etichetta energetica, dal 1°marzo si cambia. Guida alla lettura

I 5 migliori servizi Cloud per salvare e condividere file, documenti, foto e altro

Apple e Xiaomi: due storie di posizionamento opposte (ma di successo) | Video

Clubhouse, anatomia di un social network dal grande potenziale | VIDEO