Google Duo sul viale del tramonto: si pensa ad una fusione con Meet

17 Agosto 2020 150

Google Duo potrebbe già essere sul viale del tramonto: a quanto pare il responsabile del nuovo team unificato dedicato alle app e servizi di comunicazione, Javier Soltero, starebbe valutando di abbandonarlo in favore di Google Meet. Non si dovrebbe trattare di un cambiamento improvviso: la fase di transizione potrebbe durare un paio di anni, e ne dovrebbe nascere un servizio diverso da entrambi, con funzioni prese dall'uno e dall'altro. Le indiscrezioni sono state diffuse dai colleghi di 9to5google, citando fonti interne.

Non c'è certo bisogno di ricordare che la strategia di Google sulla questione delle app e servizi di comunicazione è stata estremamente sfaccettata e costellata di cancellazioni, rimpasti e ripartenze. Anche questo è un motivo per cui qualche mese fa si è deciso di riunire tutto sotto l'egida di Javier Soltero, che si è fatto un nome sviluppando l'apprezzato client di posta elettronica Acompli e poi lavorando in Microsoft per diversi anni.

Duo sta avendo un buon successo - e non solo perché lo si trova preinstallato su un gran numero di smartphone Android: è facile, immediato e funziona molto bene. Un'alternativa valida a FaceTime, nata inizialmente per le chiamate 1-1 (come sta introducendo Telegram adesso, per capirci) e in seguito espansa anche ai gruppi. Include poi sticker, animazioni, filtri, effetti e tutta quella serie di caratteristiche che aiutano molto nel settore consumer.

Poi è arrivato il coronavirus, e con esso si sono largamente riassettati equilibri e priorità. L'ascesa delle applicazioni di videoconferenza è stata vertiginosa. Tra tutti i servizi in competizione Zoom è diventato il leader praticamente dall'oggi al domani, e Google (insieme ad altri) ha iniziato a spingere tantissimo sulla propria proposta per erodere quote di mercato. Le app di videoconferenza sono più ricche di funzionalità, e sono chiaramente più indicate per riunioni e lavoro da remoto. È vero che le sovrapposizioni con servizi più orientati al mondo consumer sono molte, ma non complete.

Quindi l'idea di Google non è tanto chiudere un servizio in favore dell'altro, ma crearne uno in grado di rispondere alle esigenze sia del mondo del lavoro sia di quello consumer. Il nome in codice interno del progetto sarebbe infatti "Duet", un'unione delle parole Duo e Meet. È comprensibile che Google scelta Meet come base di partenza perché lo sta spingendo molto, e lo sta addirittura integrando in servizi web come Gmail. Si riporta comunque che la notizia abbia colto di sorpresa il team Duo - che rimane comunque un prodotto molto apprezzato e diffuso. Naturalmente al momento non ci sono conferme ufficiali.


150

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
RitornoAlFuturo

Sempre idee molto chiare in Google

Federico

Ho letto la fonte, ovviamente

boosook

leggi la fonte originale

Mr. M

bene, inutile avere 1000 app tutte identiche, fatene una unica e basta

Federico

Nel virgolettato non trovo alcun "cureent usage"

Federico

Whatsapp è uno standard di fatto, in particolar modo qui in occidente.
Si incontrano le stesse difficoltà che troverebbe un nuovo gestore telefonico che proponesse una rete proprietaria non collegata a quella pubblica.
È una cosa che non tenta nessuno perché le possibilità di successo sono nulle.

Troppi soldi mandano il cervello a p

Potrebbero farlo. Solo che non fai tempo a creare una base di utenza che appare un altra app che fa le stesse cose. Hangouts a un certo punto stava iniziando a diffondersi, di queste nuove non conosco nessuno che le usi

Frazzngarth

è un'app eccezionale e ovviamente la segano...
Google top

Le cose non cambiano, Hangouts, duo meet, allo e sicuramente ne dimentico. Ok che ora li fondono, ma l'utente ha ragione che continuano a fare app tutte uguali

Mako

"current usage of Duo" è chiarissimo

Rick Deckard®

Secondo me solamente meet integrato a gmail e a pagamento per professionisti è un modello migliore di business

Federico

Ah ti riferivi a Duo, avevo frainteso.
Si le fa molto bene e lo uso di frequente, ma è probabile che il suo tallone d'Achille sia proprio quello.

Rick Deckard®

Si, concorso, ma duo fa le videochiamate soltanto. E le fa hene

Federico

E scambio di contenuti multimediali, documenti, foto e qualsiasi cosa passi per la testa.
Il modo più pratico di inviare un documento a qualcuno o lasciargli un messaggio vocale è spedirli via Whatsapp.

Federico

Credo che la larghissima diffusione di Android li abbia portati a credere di poter competere con Whatsapp.
Evidentemente non è così.

Federico

Se fondessero le due piattaforme non ci sarebbe slcuna interruzione.
Nessuno ha parlato di cessazione del servizio.

Mako

hanno smentito

Mako

Google has “no plans to interrupt” current usage of Duo with its current timeline. It does say that it will “invest in building new Duo features,” and we’re currently aware of plans to keep adding fun, seasonal face filters.

Giovanni S.

fondere va bene, ancora meglio pensare prima di aprire decine di servizi nati morti

Giovanni S.

si scrive google, si legge "come avere le idee chiare"

Andrea Z.

forse ce lo siamo scambiato per incontrarci, ma non credo che siamo stati al telefono a parlare, prima.

Rick Deckard®

Ma non fa tutte quelle cose.. solo chiamate e videochiamate

Dalem

Guarda, sono 10 anni che Google apre, chiude, fonde, ecc. decine e decine di progetti piuttosto che focalizzarsi su uno. Anche se è un rumor questo è il modus operandi di Google e non mi stupirebbe dato che di Duo e Allo non se ne è infischiato nessuno.

Rick Deckard®

O semplicemente è uno che porta dei risultati.
Avendo reso gratuito meet e unito a gmail è probabile, ma non è quello che hanno detto

provolino

Confermiamo che sei tu.

provolino

Che la gente legge gli articoli senza capirli? Che l'italiano medio non conosce la differenza tra "chiusura - fusione" o tra "rumor - ufficiale"?
Hai ragione, me ne stupisco anche io

provolino

Sì verissimo, io uso tantissimo l'integrazione con gli speaker Home che ho a casa

provolino

L'articolo lo hai letto almeno o ti sei fermato al titolo?

ermo87

curioso, di solito si passa prima dal numero di telefono...

Andrea Z.

beh c'è gente che si conosce anche così, non sarà il tuo caso ma avviene. Mia moglie l'ho conosciuta in chat 17 anni fa, 2 mail e ci siamo incontrati. Tutto bene fino ad oggi.

ermo87

certo ma evito call con gente con cui non mi sono mai conosciuto di persona oppure non ho rapporti di lavoro. insomma completi estranei

Andrea Z.

banalmente ci sono chat di gruppo e poi volendo la gente si vuole sentire o vedere in call prima di decidere di condividere un numero di telefono o altri account

ermo87

non mi garba comunque, ma per il mio uso avere telegram, whatsapp, duo per tre usi diversi mi viene comodo e mi fa stare tranquillo dove serve

ermo87

addirittura.. non riesco a immaginarla proprio ma sicuramente sarà così. certo mi fiderei poco in questi casi

Andrea Z.

le autorità ti possono rintracciare sempre perchè telegram il tuo numero lo ha.. ma chi ti trovi in chat no

Federico

per adesso hanno esplicitamente dichiarato che non le uniscono

Dove?

Andrea Z.

eehhh dipende! non per molti!

ermo87

in realtà questa è una cosa che non amo di telegram, favorisce molti lati oscuri della piattaforma.

ermo87

in realtà credo anche con duo puoi restare anonimo, certo che una videochiamata con uno sconosciuto è un'ipotesi insolita

Andrea Z.

Con telegram non cambiando il numero puoi eliminare e ricreare l'account in un attimo e sparisci nel nulla. Il numero con i gruppi puoi non condividerlo... sei nessuno.

Andrea Z.

in un gruppo telegram puoi non condividere niente di te a parte un nick... certo è vero anche con skype ma che giri il tuo account skype secondo me è meno sicuro di un account telegram che cambi facilmente. E poi se già sono appunto in un gruppo telegram e un account di me lo hai... preferisco non dartene un altro se posso farne a meno

Federico

*scambio dati verso mobile, evidentemente

Federico

Whatsapp è la principale piattaforma di scambio di dati del mondo, definirla messaggistica mi pare un po' riduttivo.
Comunque qui il punto è che non è stata posta sotto il controllo di un manager qualsiasi ma del responsabile della divisione che in questo momento è la più strategica per Alphabet perché al centro del confronto con Microsoft: G Suite.
La volontà di fondere i due servizi è evidente, altrimenti questo cambiamento di collocazione non avrebbe senso.

boosook

Io credo che abbia senso mettere due app di videoconferenza sotto lo stesso management, di solito si rimprovera a Google il fatto che spesso i team agiscono in maniera scoordinata e ora l'opposto? Per adesso mantengono i target aziendale e consumer differenziati, ma potranno unire gli sforzi e magari l'una beneficiare delle feature dell'altra, per adesso hanno esplicitamente dichiarato che non le uniscono, quindi non vedo perché lamentarsi e se un giorno lo faranno significherà che l'esigenza di mantenere i target separati è caduta.

Rick Deckard®

Sicuro? A me non sembra un'app di messaggistica...
Forse vuole offrire un'app di videochiamate di livello, che funziona bene anche con relativamente poca rete

Federico

Paragone inappropriato.

Federico

Anche io lo uso, e mi ci trovo bene.
Questo non significa che non abbia totalmente mancato il target, che contando sulla larga diffusione nei dispositivi Android, era quello di sottrarre quote di mercato significative a WhatsApp.

Rick Deckard®

Appunto

MarcoF

Cioè ma sono seri?

Samsung Galaxy S20 FE è ufficiale: 5G con Snapdragon 865 a 769 euro

Abbiamo messo alla prova la Flip camera di Zenfone 7 Pro e questo è il risultato | Video

Recensione Samsung Galaxy Note 20: S-Pen, schermo piatto e qualche "ma"

Recensione Asus Zenfone 7 Pro: Flip Camera con OIS e prestazioni al top!