Google chiude un altro servizio: addio One Today dal 6 febbraio

30 Gennaio 2020 18

Seconda chiusura di servizi nel giro di pochi giorni per Google che, dopo aver annunciato l'abbandono di App Maker, si prepara a dire addio anche a One Today.

Lanciato nel lontano 2013 e disponibile esclusivamente negli Stati Uniti, Google One Today era un servizio no profit che consentiva a tutti gli interessati di effettuare donazioni in denaro per una serie di progetti non governativi e con il massimo rispetto della privacy. Proprio come App Maker, anche in questo la chiusura definitiva di One Today si è resa necessaria a causa dello scarso utilizzo da parte degli utenti, che a detta di Google hanno preferito utilizzare altri prodotti per effettuare donazioni nel corso degli ultimi anni.

La saracinesca di One Today verrà abbassata soltanto tra qualche giorno, il prossimo 6 febbraio. Malgrado la chiusura, Google ha assicurato che il 100% dei fondi donati prima del 6 febbraio verranno erogati alle organizzazioni no-profit interessate.

Di seguito il messaggio inviato a tutti i sostenitori del progetto:

Ciao,
Abbiamo un importante aggiornamento da condividere con voi. Abbiamo lanciato Google One Today sette anni fa per aiutare le persone a donare per le cause a cui tengono. Negli ultimi anni, abbiamo visto i donatori scegliere altri prodotti per la raccolta di fondi per le loro organizzazioni no-profit preferite. Di conseguenza, chiuderemo One Today il 6 febbraio 2020. Le nuove organizzazioni no-profit non potranno più iscriversi a One Today. L'app di Google One Today sarà disattivata e tutti i progetti aperti saranno cancellati. Faremo in modo che il 100% dei fondi donati su One Today prima del 6 febbraio venga erogato alle organizzazioni no-profit interessate. Se avete domande, non esitate a contattare il team di One Today.
Grazie per le vostre donazioni e per la collaborazione.
Il team di Google One Today

18

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ice.man

google offre nuovi servizi innovativi su base completamente GRATUITA e spesso li offre multipiattaforma (quindi anche ad utnti iOS)
che cancelli un servizio che pare non essere promettente lo trovo normale
Trovo invece che sia da perseguire da parte delle associazioni di tutela dei consumatori quando ad essere aboliti sono dei servizi proposti dai produttori di cellulari come valore aggiunto per l'acquisto dei propri prodotti: se mi vendi un cellulare vantnado che offri in cluso un TUO servizio cloud (magari con limiti di GB superiori a quelli standard google/ms) e poi dopo 18 mesi non solo me lo metti a pagamento, ma addirittura me lo spegni......io consumatore dovrei essere rimborsato di parte del prezzo di acquisto del prodotto
Visto che tale funzione veniva pubblicizzata come parte integrante del cellulare stesso
Sarebbe come se dopo 18 mesi mi spegnessero la rubrica!!!!!
quindi o mi rimborsi o ti prendi una GRASSA multa perchè la pubblicità iniziale del prodotto era ingannevole

Hey Siri

Io quando ho un pc nuovo disinstallo tutte le app proprietare preinstallate (es. Hp, Acer, Asus, ecc.).
Non servono a nulla e girano in background rallentando il pc.

ermo87

Non riescono proprio a capirlo e prendono pure in giro.

Tiwi

rip

Nicola Ramoso

Ogni volta che mia sorella accende il suo pc viene informata con una finestra a schermo che il servizio di archiviazione cloud di Acer non è più disponibile (dal 2018), ogni volta mi dimentico di disinstallarle il programma.

Darkat

Loro sono molto furbi invece, aprono e chiudono servizi solo perché loro fanno essenzialmente esperimenti, li rilasciano pubblicamente per avere una base di beta tester infinita, raccolgono dati e quando sono soddisfatti chiudono tutto e integrano in altri servizi ciò che hanno imparato. A costi nettamente inferiori dello sviluppo interno come alternativa, è un sistema geniale, anche se fa venire rabbia agli utenti.

Darkat

Il tipico giovedì in casa Google:
- Todd, oggi apriamo un nuovo servizio o ne chiudiamo uno "vecchio"?
- Facciamo testa o croce.

Andhaka

In effetti.

Anche se in questo caso la localizzazione limitata agli Stati Uniti giustifica almeno per noi. ;)

Cheers

Maximus

Il prossomo sarà Stadia.

Anto

Le grandi aziende, hanno bisogno e devono sperimentare per rimanere sempre "avanti". Quindi è normalissimo sperimentare nuovi servizi, alcuni poi decidono di portarli avanti ed altri li chiudono. La mentalità vincente è questa, non fossilizzarsi su poche cose. Non sono progetti che "sprecano solo soldi", perché alcuni progetti che ora son diventati importanti (ad esempio google drive, google foto) sono nati sperimentalmente pure loro.

Pip

Per essere l'azienda che ha in mano la maggior parte della pubblicità mondiale, hanno un reparto marketing praticamente inesistente.
Il 90% delle volte che leggo della chiusura di un loro servizio non so neanche di cosa si parla...

rsMkII

Come ha sempre fatto, d'altronde. ;)

Pietro Smusi

speriamo che chiudendo progetti che sprecano solo soldi all azienda si concentri a spendere per nuovi servizi piu utili / rinforzare quelli già esistenti.

AntonioSM77

Questo non l'avevo mai sentito.

Freddy

Il refresh :) Era saltata una frase

Kilani

"effettuare la" cosa?

Moveon0783 (rhak)

Prima o poi Google chiuderà anche Google per il solo gusto di rifondarla. Farà un ripristino con backup di se stessa.

ice.man

la chiusura dei servizi di Google è poca cosa rispetto a quella dei servizi dei vari brand di telefonia, che ti ritrovi preinstallati sul cellulare, durano max 18-24 mesi, poi il servizio (annunciato a suo tempo in pompa magna come valore aggiunto dei telefoni del brand) viene dismesso

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo

Amazon Prime Day 2021 le date e le offerte già attive: 21 e 22 giugno ufficiale

I migliori smartphone 5G economici | Guida

Recensione Huawei Band 6: eleganza in formato slim