Google Calendar: l'integrazione con Tasks nell'app Android è sempre più vicina

17 Dicembre 2019 14

Google Calendar e Tasks sono sempre più vicini su Android. Dopo i primi i indizi risalenti alla scorsa estate, infatti, i due servizi di proprietà dell'azienda di Mountain View sembrerebbero essere pronti ad una vera e propria unione.

A riferirlo sono gli sviluppatori di XDA Developers, che nelle scorse ore hanno realizzato un teardown della versione 2019.47.2-284533606 di Google Calendar riuscendo anche ad abilitare manualmente Tasks con la nota app per la gestione degli eventi. L'integrazione tra i due servizi è piuttosto semplice ed immediata: una volta attivato, infatti, gli utenti potranno inserire facilmente i promemoria selezionando una data, l'eventuale ripetizione dell'attività e altre opzioni.

I promemoria aggiunti verranno automaticamente visualizzati nella vista calendario e potranno essere facilmente distinti tra le altre voci presenti grazie alla possibilità di selezionare i colori preferiti. E' bene sottolineare che tutte le funzionalità elencate sino a questo momento, nonché la totale integrazione tra Calendar e Task, possono essere utilizzate anche se quest'ultima non è installata sullo smartphone.

Non è chiaro quando Google deciderà di rendere disponibile pubblicamente l'unione tra i due servizi.

Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2 è in offerta oggi su a 518 euro.

14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Teresa1kiss

vedo che ha anche le versioni a pagamento. Francamente non ho voglia, grazie lo stesso per il suggerimento :)

Filippo Russo

Potresti provare anche Todoist!

Andy M.

Forse sono io che non colgo la differenza sostanziale, in quanto uso google Keep (da smartphone e sul web sia sul sito proprio che direttamente in calendar) e quando ad una lista (checkbox) o ad una semplice nota imposto un promemoria, per ora o per luogo, la stessa oltre ad essere notificata (ovviamente) sullo smartphone, mi risulta come promemoria anche nel calendario. Voglio dire, qual è il senso di fare un'app che, se ho capito bene, fa una parte delle cose di Keep. L'unica cosa che mi sembra molto sensata è la creazione dei promemoria automatici da gmail, tipo quando ti deve arrivare un pacco o il biglietto di un viaggio.

Teresa1kiss

ma orfana di Wunderlist, meglio tasks o microsoft to do?
sto migrando a MS to do e non lo vedo male, però mi chiedevo come fosse tasks

Umberto

Il fatto che non si possano aggiungere altri calendari come quello di Outlook o Facebook è abbastanza ridicolo però

Sauron82

Ma io l'ho fatto, ma vorrei tornare com'era prima di quella cosa, in quel senso intendo se hanno risolto. Cioè era comodo che io prenotavo on-line qualcosa (viaggio, pasto ecc) e me lo ritrovavo in calendario.

Beard

In realtà per evitarlo basta rimuovere l'aggiunta automatica degli eventi da gmail

Sauron82

Hanno risolto il famoso episodio di pishing di inizio autunno in cui ti intasavano l'agenda con appuntamenti spam?

auleia

mancano le notifiche persistenti, o meglio, potrebbero inserirle e poi uno le usa o no. promemoria nella tendina non serve, si possono chiudere facilmente. una notifica in mezzo allo schermo, fino a quando non la chiudi resta lì.

TheTruth

Integrazione integrazione e finalmente integrazione fu! Incredibile che ci sia voluto tutto questo tempo...

virtual

Ma le API per Tasks esistono?

Alessandro Orsini

Speriamo arrivi il prima possibile e sia fatta come si deve, solo così penso che potrei abbandonare To-Do di Microsoft (anche se quest'ultimo dalla sua ha l'app desktop)

sopaug

solo 5 o 6 anni di ritardo dai.

Riccardo Piccinato

Finalmente...

Recensione Samsung Galaxy A51: pronto a conquistare la fascia media

Tre settimane con Huawei Mate 30 Pro: il punto su foto e autonomia

OnePlus Concept One, fotocamere invisibili grazie al vetro elettrocromico | Anteprima

L'identikit degli smartphone TOP di gamma 2020: più cari, più grandi, 20:9 e 5G | Video