Google: vita e morte delle app in un'infografica

13 Novembre 2019 129

Google ha, notoriamente, la tendenza di lanciare diverse app e servizi per poi abbandonarli quando si rende conto che non hanno avuto il successo sperato: tanto che esistono ben due siti che, tra il serio e il faceto, tengono traccia di tutte le "condanne" pronunciate da Mountain View (si chiamano Killed By Google e The Google Cemetery).

Oggi condividiamo un'infografica che aiuta a capire in modo più immediato la durata del loro ciclo vitale. L'hanno realizzata i colleghi di RS Components, concentrandosi naturalmente sulle app più importanti e tenendo un occhio di riguardo verso il mercato consumer. L'abbiamo suddivisa qui di seguito per una visione più comoda, soprattutto su desktop.




È facile osservare come la maggior parte dei protagonisti dell'elenco abbiano avuto una vita piuttosto breve - Solo 7 delle 24 app analizzate è sopravvissuta più di 5 anni. La statistica non considera tuttavia Google+ (che ha chiuso lo scorso aprile), e non è ben chiaro perché. In effetti tecnicamente il social non è chiuso - sopravvive nel mondo aziendale, almeno per ora. Da grandi fan del servizio, tra l'altro, segnaliamo anche la mancanza di Google Reader, il lettore di feed RSS su cui si basano le odierne Feedly e così via. Arrivato nel 2005, fu abbandonato nel 2013.

La data a cui si riferisce Hangouts, invece, ovvero la fine di ottobre 2019, riguarda solo il settore business: gli utenti sono stati trasferiti a Hangouts Chat e Meet. Lo stesso dovrebbe accadere nel mondo consumer l'anno prossimo.


129

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Massimiliano Frampi

certo,ma il futuro è quello quindi difficilmente morirà come servizio perchè è innegabile che sia il futuro,alcune cose di google invece be se son morte parecchie erano perchè arrivata tardi o inutili.. notizia di oggi pure Amazon aprirà al gaming in cloud

andrewm87

Per dire da Google+ (che tra l'altro fino ad un certo punto stava andando anche bene, ma non al punto da soppiantare FB) sono usciti fuori: Google Foto, Hangouts (seguito poi da Hangouts Chat ed Hangouts Meet, e probabilmente in parte anche Duo), Google My Business, Play Games e Google+ for G Suite

TocToc

Allora ti eri espresso male :) oppure avevo capito male io. Anche io uso solo Gmail ma solo perchè è da così tanto tempo che lo uso che non riesco più ad abituarmi a nessun altro servizio di posta elettronica (ne ho provati alcuni ma sempre tutti molto macchinosi e sono ritornato poi a Gmail. Per esempio, una cavolata, ma il fatto che Outlook non permetta di visualizzare il testo di una mail a tutto schermo o quasi, come fa gmail, mi manda in bestia. Non posso vedere il contenuto di una mail sul 50% del display di un pc)

Neanche io ricevo telefonate da call center da anni sul mio numero telefonico adesso che mi ci fai pensare, però non ho fatto niente di "particolare" :)
Significa forse che sto facendo le cose per bene per quanto riguarda la mia privacy? Boh

Di che contributi parli se posso?:)

enricocid

Guarda, dal mio piccolo io sono attivo e chi mi conosce sa quale è stato ed è (ora sono meno presente rispetto al passato per motivi vari) il mio contributo nella community Android, soprattutto lato open source. Trasparenza sulla richiesta di permessi in app, semplicità, condivisione della conoscenza/codice e disponibilità sono parte della mia filosofia.
Da passivo io ho eliminato da secoli i social, uso i servizi google col contagocce (gmail e drive) ma li ho impostati cosi bene che manco mi arrivano le pubblicità ad-hoc. Inoltre, se posso, installo app open source o che so essere rispettose della privacy.

Pensa che non ricevo chiamate da call-center da una vita...

Detto questo, la condivisione dei dati oramai è necessaria anche per candidarsi ad una offerta di lavoro, ma basta leggersi la sezione privacy policy e far valere i propri diritti, tramite GDPR. Fino ad oggi non ho trovato una azienda che abbia risposto alle mie questioni sui dati/privacy. Sarà un caso che da quando ho cominciato a mandare mail e a restringere l'accesso per il solo scopo per cui li ho condivisi io non riceva più da mesi e mesi chiamate da call center???

TocToc

No tra me e te c'è una bella differenza. Io non la penso ma nemmeno minimamente come te, quindi non devo staccare proprio niente.

AntonioSM77

Ti do un upvote anche per dimostrarti che quel down non l'ho dato io. La conversazione è su toni piacevoli e rispettosi (ti ringrazio di questo, solitamente si leggono risse per nulla), quindi non mi permetterei mai.

L'abitudine sicuramente fa tanto, ma è pur vero che io immagino situazioni di utilizzo particolari che possono aiutarne l'adozione.
Ad esempio immagino il classico rifiuto di telefonata con invio di messaggio (ti chiamo più tardi, sono in riunione etc). Con RCS non lo pagheresti, con sms si.
Anche quello che lo riceve, se deve risponderti, con RCS lo fa ed è gratis, con l'sms dipende dal suo piano.

Quindi, secondo me, a livello di integrazione il sistema RCS ha un bel vantaggio competitivo, poi certo che l'inserimento sarà molto lento, ma una volta che l'avremo tutti vedrai che prenderà piede.

enricocid

Esatto, "Semmai selezioni il ristorante" è la giusta sintesi :)

alessandro scapuzzi

In realtà molti progetti sono confluiti,.come tecnologia, in altri più grandi (in male,.chiare, translate, mybusiness...etc) forse è proprio un modo di lavoro di Google:e sviluppa prima autonomamente e poi le integra nell'ecosistema mantenendo poche grandi a favore della facilità di uso degli utenti

GM82

Ovviamente no... ma lasciamo che lo credano.
Ancora la gente non ha compreso che google è l’unica azienda multiservizio che ti consente di scegliere cosa condividere e cosa no... ma poi ci sono quelli che credono nella Mela e nella Zucchinaberg senza mai preoccuparsi minimamente di dare un occhio a come sono composte le aziende e a chi danno realmente i loro dati, senza pensare che su un iPhone non vi è possibilità di scelta o che su facebook i dati una volta immessi non sono neanche più di tua proprietà, alla faccia della privacy e della sicurezza. Il copia incolla di toc toc non lo commento neanche...

GM82

@enricocid Probabilmente visto la risposta precedente preferisce usare facebook... e qui si chiosa un discorso senza arte ne parte. Non usare un servizio per paura dei dati è come andare al ristorante e portarsi le posate da casa, semplicemente assurdo. Semmai selezioni il ristorante. Traduzione: Se usi internet i tuoi dati li stai fornendo comunque quindi puoi solo scegliere in parte con chi condividerli. Che tu lo creda o meno, google a differenza di facebook, che sicuramente @Toctoc utilizzi assiduamente credendo di esser al sicuro, ti da modo di definire e scegliere come utilizzare in tuoi dati, i vari social assolutamente no! Addirittura vanno oltre il loro cercando di gestire in toto il telefono, dai messaggi alle chiamate passando per rubrica, memoria e galleria... mi sa che è meglio che rivedi il ragionamento privacy e aziende sicure o meno sicure...

ale

La crittografia non deve interessare agli utenti ma esserci, è questo il punto. Il fatto che gli SMS erano in chiaro e nessuno se ne lamentava era vero, ma anche perché non c'erano alternative (visto che SMS era un protocollo semplice pensato per funzionare con i primi cellulari che avevano nulla potenza di calcolo) sia perché una volta i dati avevano meno rilevanza rispetto ad oggi visto che non c'erano i software in grado di analizzarli e farli fruttare. Al giorno d'oggi non è più accettabile a mio modo di vedere.

Riguardo agli operatori che non attivano RCS per convenienza, non credo, se uno non usa RCS non è che va a mandare SMS, ma piuttosto usa WhatsApp o altri sistemi. Anche se RCS fosse gratuito non cambierebbe nulla, visto che si continuerebbero vuoi per abitudine nel caso di WhatsApp o vuoi per funzionalità extra come Telegram ad usare altri sistemi.

enricocid

Lo stesso potresti farlo tu visto che hai tutta questa paura che ti vengono a spiare. Fatto sta che non hai risposto alla mia domanda, cosa vorresti o fai tu da attivo del mondo?

TocToc

Ti ripeto che un conto dare i dati a Google un conto è darli ad altri.
Poi se tu stesso dici che sei attento alla privacy e che in questo mondo non c'è scampo allora cosa ci fai con una connessione internet?
Spegni tutto, butta tutto e vivi con mio Nonno, no?
Corriiiii prima che sia troppo tardi!

Praticamente è sparita perché Google foto non ha tutte le funzioni di Picasa. Magari ne ha altre, ma è molto meno utilizzabile come visualizzatore di foto

enricocid

E quindi? Cosa vorresti fare "attivo del mondo"?
Io sono una persona molto attenta soprattutto in riferimento alla condivisione dei dati personali.
Facilitare no, non ho detto questo, ma dal momento che tu sei su internet, installi e usi app sul tuo telefono, fornisci autorizzazioni e quanto altro i tuoi dati sono accessibili ad aziende e non solo.
Oramai per fare qualsiasi cosa bisogna condividere dati personali. La cosa è sfuggita al controllo degli organi di controllo tempo fa, oramai la frittata è fatta. Aziende come Facebook, Apple, Google etc oramai sono potentissime.

Maurizio Tosetti

Devo capire ancora come funzionano questi messaggi Rcs...

TocToc

Ma semttetela di dire sempre la solita frase.
Quindi visto che non si ha la certezza di esere spiati bisogna facilitare le cose dando GRATIS i dati ad una azienda che dice CHIARAMENTE che vende i tuoi dati per campare"?

Classico atteggiamento da passivo del mondo

TocToc

E quindi? mi stai dicendo che "visto che non si ha la certezza di esere spiati bisogna facilitare le cose dando GRATIS i dati ad una azienda che dice CHIARAMENTE che vende i tuoi dati per campare"?
A bhè, classico ragionamento da passivo del mondo..

enricocid

Sembra come se non ci sia un piano condiviso ma che diversi team portino avanti dei prodotti. Uno se ne rende conto quando va a vedere le interfacce che spesso non condividono molto a parte la font.

Luca

E' il primo dei due link in parentesi nell'articolo! ;)

enricocid

C'è ancora gente che crede nel 2019 di essere padrona dei propri dati personali?

Luca

E' stata rebrandizzata in Google Photo

Luca

Manca Stadia, 2019-2019!11!11!

AntonioSM77

Il meccanismo di WhatsApp non è il massimo, ma è il sw più utilizzato lo stesso, quindi, come ti dicevo prima, alla massa non interessano funzionalità più evolute.
Per il cambio numero non penso ci siano problemi, uso l'app messaggi da parecchio tempo e quando ripristino un dispositivo mi vengono trasferiti tutti i messaggi indipendentemente dal numero che li ha inviati/ricevuti, quindi dal punto di vista trasporto dati è collegato all'account Google seppur il servizio RCS lavori a livello di numero.

È vero i messaggi RCS non sono criptati end-to-end, ma non penso che la maggior parte degli utilizzatori di WhatsApp si preoccupi e si ponga il problema della crittografia (noi siamo utenti evoluti). Tra l'altro quando c'erano solo gli sms nessuno si poneva il problema della crittografia end-to-end e comunque era un servizio utilizzatissimo.

Gli operatori al contrario di ciò che dici tu sono riluttanti ad attivare RCS perché perderebbero gli SMS sia dal punto di vista di coloro che ancora li pagano e ogni tanto li utilizzano, sia perché non avrebbe più senso nei bundle ficcarci il classico "sms illimitati" che quindi avrebbero un po' meno appeal.
Calcola che ancora oggi ci sono tariffe di TIM e Vodafone che si differenziano solo per l'avere gli "sms illimitati" inclusi e costano uno o due euro in più al mese rispetto alla tariffa senza.

ale

Sì appunto con lo stesso meccanismo di WhatsApp che richiede sempre il telefono attivo, non è il massimo. Ma poi se cambio numero almeno WhatsApp posso trasferirlo sul nuovo, per RCS come funziona? Dubito si possa essendo una funzionalità legata all'operatore.

La base di utenti di RCS dubito sarà superiore a WhatsApp: chi ha già uno smartphone al giorno d'oggi ha sicuramente WhatsApp, al contrario dubito che qualcuno installi un'app Messaggi con supporto RCS (anche tutti i produttori Android si accordassero per supportarlo, ci sarebbero comunque milioni di persone con telefoni vecchi che non lo avrebbero).

Il rimpiazzo agli SMS si è già affermato ed è WhatsApp, come detto fosse arrivato prima magari oggi useremmo tutti RCS, ma è arrivato tardi e non se lo filerà nessuno.

stefanoc

è quella che sto usando ma rispetto a gmail è più lenta a scaricare la posta, le notifiche a volte arrivano altre no e mi è capitato qualche volta che le email lette non finissero in "lette" ma in punti imprecisati.
La smart inbox la trovo ottima però i colori "alla google", per quanto non mi piacciano, facilitavano di parecchio il colpo d'occhio sulla tipologie di email.

Babcock&Wilkox

Tecnicamente è confluita in Google Foto

AntonioSM77

RCS è utilizzabile da client desktop tramite la sincronizzazione con Messaggi in stile WhatsApp.
La base utenti, quando gli operatori la supporteranno, sarà maggiore di quella di WhatsApp.

diego

E credete veramente che siano miglior di Google ? lol

diego

peccato

PistacchioScemo

Idem. Piano piano mi sono staccato da Google ed è molto meglio ora. Solo a YouTube non riesco a rinunciare. Del resto iCloud, apple Maps, Firefox, DuckDuckGo, safari, eccc

PistacchioScemo

Ahahaha sono più quelle chiuse che quelle ancora attive ormai

Andrea65485

A dire il vero google now esiste ancora, sepolto da qualche parte in android. Pochissime app riescono a richiamarlo fuori, ma tra queste per esempio, figura nova launcher

Crash Nebula

Spark. Un po' lenti con gli aggiornamenti (si parla da tempo di nuovo design e dark mode ma ancora non arrivano) ma ottima ed ha la smart inbox.

Crash Nebula

Sì. Da iOS 12. Più di un anno.

TocToc

Ah tutto chiaro :(
quel è la funzione che ti manca di più?

matteventu

No :(
Google Voice Actions é diventato Google Assistant.

Google Now é inizialmente sparito... Ora sono tornate in Assistant ed integrate in Android *alcune* funzioni dell'originale Google Now, ma assolutamente niente a che vedere con la funzionalità e convenienza di Google Now periodo 2012-2014.

TocToc

Personalmente non uso nessun servizio di Google perchè:
1) spesso non mi piace l'idea e non riesco a crederci (e come darmi torto, dopo 1 anno le cancellano)
2) spesso ci sono alternative migliori
3) cerco di dare il meno possibile i miei dati sensibili in pasto a Google

(ad esempio non ho mai scaricato la Gboard prorpio per non permettergli di sapere tutto ciò che scrivo in privato nelle mie Chat)

TocToc

Ma Now non è poi diventato google Assistant? non fa le stesse cose?

Mattia

Rip Google Hangouts...

ale

RCS non soppianterà WhatsApp ne tantomeno Telegram per un semplice motivo: chi usa WhatsApp lo fa per la base di utenti o per riluttanza nell'aggiornarsi, e continuerà a farlo. Chi usa Telegram lo fa per le funzionalità che offre rispetto agli altri servizi di messaggistica, e che RCS non potrà mai offrire (si tratta sempre di qualcosa dipendente dal tuo operatore telefonico, quindi non usabile da client desktop ad esempio).

marco

A me piaceva tantissimo :/

virtual

E con le immagini allegabili inline (se non sbaglio), cosa che GMail ancora non ha!

matteventu

Google Helpouts! Me lo ero dimenticato.
Concept bellissimo, peccato che non abbia preso piede (ovviamente a causa della pessima promozione da parte di Google).

Francesco Vitti

Ah sì e perché le note di iOS invece la hanno?

Desmond Hume

comunque Google Trips avevo giusto fatto in tempo a scaricarlo dal playstore lol

uncletoma

Io sono passato ad altro: Nikon VX2(anche questo non più sviluppato), perché si integra alla perfezione con Nikon NX2 (come sopra)

Opera_OA

Avranno dimenticato che esista

ADM90

Io lo uso ancora

Una delle migliori app per la gestione delle foto. Davvero un peccato che l'abbiano tolta

L'identikit degli smartphone TOP di gamma 2020: più cari, più grandi, 20:9 e 5G | Video

Motorola Razr 2019: un tuffo nel passato e uno sguardo al futuro | Anteprima Video

Recensione Google Pixel 4 e confronto con iPhone 11 Pro

Xiaomi Mi Note 10: live batteria (5260 mAh) | Fine ore 22:45 con il 14% rimanente