App Defense Alliance: Google si allea con società esterne per combattere i malware

07 Novembre 2019 2

Google ha annunciato la App Defense Alliance, una nuova iniziativa per incrementare la sicurezza delle app nell'ecosistema Android. Si tratta sostanzialmente di una collaborazione con aziende di cybersecurity esterne, nello specifico ESET, Lookout e Zimperium.

L'ecosistema Android prospera, con oltre 2,5 miliardi di dispositivi, ma questa popolarità lo rende anche un bersaglio ideale per i malintenzionati, osserva Dave Kleidermacher, responsabile della sicurezza di Android. "Questo è vero per tutte le piattaforme globali: dove c'è software popolare in tutto il mondo, ci sono truffatori pronti ad abusarne per il proprio tornaconto personale".

In concreto, l'App Defense Alliance si concentrerà primariamente sul Play Store, affiancandosi agli strumenti automatizzati di Google Play Protect. Ciò significa che minacce "esterne" come i recenti xHelper o Agent Smith, che si contraggono installando app scaricate da altri siti, non saranno l'obiettivo principale. Anche i partner di Google ricorrono a un misto di strumenti di machine learning e analisi più approfondita condotta da esseri umani. La teoria è che la sinergia di più sistemi euristici incrementerà l'efficienza del processo di individuazione e neutralizzazione di app pericolose, in modo tale che non si verifichino più episodi come ExpensiveWall o Guerrilla.

Google dice di aver scelto con cura i partner su cui basare l'Alliance basandosi sui loro meriti passati e sulla loro dedizione nel migliorare l'ecosistema. Google ribadisce che la collaborazione e la condivisione di informazioni sono elementi chiave per avere successo nella lotta al malware.


2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Comitato_no_Disqus

Sperando che serva a qualcosa, in modo tangibile

Tony Carichi

Per me è GO!

Recensione Google Pixel 4 e confronto con iPhone 11 Pro

Xiaomi Mi Note 10: live batteria (5260 mAh) | Fine ore 22:45 con il 14% rimanente

Samsung Galaxy M30s: live batteria (6000 mAh) | Fine ore 23 con il 32% rimanente

Recensione Huawei Nova 5T: il top da 429€ euro che fa gola