Resident Evil: Welcome to Raccoon, prime immagini del film ispirato a RE2 Remake

30 Agosto 2021 19

Resident Evil: Welcome to Raccoon City arriverà su Netflix presto, il prossimo 24 novembre. E oggi finalmente ne sappiamo qualcosa di più, con le prime immagini del film pubblicate da IGN.com che ritraggono, tra gli altri, Avan Jogia nei panni di Leon e Kaya Scodelario in quelli di Claire.


Nel secondo frame, che trovate qui sotto, la scena è ambientata all'interno di Villa Spencer con Albert Wesker (Tom Hopper), Brad Vickers (Nathan Dales), Jill Valentine (Hannah John-Kamen) e Chris Redfield (Robbie Amell). L'atmosfera sembra quella giusta, con le luci e i personaggi che conservano una sorta di patina simile a quella dei videogiochi.


L'ultima, terrifica immagine invece mostra Lisa Trevor (Marina Mazepa) con le sue sembianze rese deformi dagli esperimenti condotti su di lei per ordine della Umbrella Corportaion.


Resident Evil è una saga videoludica che, nonostante l'apparente semplicità dell'operazione, considerando i meccanismi del genere horror, non ha avuto particolare fortuna fino ad oggi con le varie trasposizioni sul grande e sul piccolo schermo cui è stata sottoposta. La speranza per i fan è che questo Welcome to Raccon City tracci una linea netta sul passato e ricominci da zero, come si propone di fare fin dal titolo.

Johannes Roberts, che ha scritto e diretto la pellicola, ha spiegato ad IGN.com come gli eventi siano basati sui primi due giochi della serie, e ha precisato che Resident Evil 2 Remake sia stata la principale fonte di ispirazione. Secondo Roberts, quello che vedremo a novembre su Netflix sarà un film che non avrà nulla a che vedere con gli esperimenti del passato (che proprio come quelli dell'Umbrella hanno spesso prodotto orrori sovrannaturali):

Questo film non ha davvero nulla a che fare con quanto visto in passato. Lo scopo qui era di avvicinarsi ai giochi e creare un film che fosse un film molto più horror rispetto al tipo di azione fantascientifica dei precedenti. Sono stato fortemente influenzato in particolare dal remake del secondo gioco e volevo davvero catturarne le atmosfere cariche e caratteristiche. Era così cinematografico. I film precedenti erano molto luminosi e brillanti, mentre questo film è oscuro e oppressivo, girato interamente di notte. Piove costantemente e la città è avvolta dalla nebbia.

Sono stato enormemente influenzato da film come L'esorcista (e L'esorcista 3!), Don't Look Now e Shining.Si può davvero sentire la grana di questo film. Niente nella città sembra hi-tech. Semmai, tutto ha un aspetto fatiscente. Volevo che Raccoon City offrisse un feeling simila a quello della città di Deer Hunter; una città fantasma dimenticata dal resto del mondo. E l'intera struttura del film è stata decisamente molto influenzata da Assault on Precinct 13.

5G senza compromessi? Oppo Reno 4 Z, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 247 euro oppure da Euronics a 292 euro.

19

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
bianconiglio

Promettente, come per il videogioco secondo me la serie è calata quando la deriva action ha preso il sopravvento

Manolo Miccoli

Vorrei solo sapere cosa ci hanno visto di leon kennedy in quella specie di attore..

Alessio

Andiamo a vedere nella storia del cinema quante volte i film non rispecchiano fino in fondo la trama o del gioco o del libro che li ha ispirati.
Non è detto che la trama di un gioco o di un libro sia facilmente riproducibile, a volte per la complessità di dettagli a volte a causa della resa cinematografica, la visione di un film deve essere fluida, non deve diventare un lavoro seguirla. A volte si devono fare ed accettare dei compromessi e fare delle scelte. Un film dura un'ora e mezza, due ore, e in quel tempo devi creare una storia che in quel tempo si sviluppa e termina, altrimenti fai una SerieTV di 100 episodi e racconti la rava e la fava.
Ma ognuno la vede a modo suo giustamente.

Antonio63333

Allora non dovevano sfruttare il brand del gioco.

Alessio

Ma cosa stai dicendo, qui non si discute sul titolo del film ma sulla scelta o meno di fare un film che segue alla perfezione la trama del gioco o limitarsi a prenderne spunto e poi sviluppare una trama a se.

Tango_TM

allora lo potevano chiamare Resident Evil 11 il ritorno del pescatore

A.Boni

È un misto dei primi due videogiochi

A.Boni

Mi fa storcere il naso che di re hanno giusto il nome, personaggi iconici buttati a caso, trame approssimative, addirittura l'ultimo film è uno scempio di storia.

A.Boni

Il film era carino, mi era piaciuta la parte in prima persona. Non sono fan di Doom quindi non so se sia fedele o meno.

Alessio

Magari non era quello il loro intento !!!

Alessio

Spero solo che per essere fedele al videogioco non faccia la fine di DOOM !!!

Castoremmi

Si ispira a re2 e poi l'ambientazione e il mostro sono del primo capitolo lol

Sono Giapponese!

Basta che non mettano Milla Jojovic tutto va bene

roby

A me apocalypse e' piaciuto

Resident Evil 2 é il gioco horror per eccellenza imho. Ancora dopo 30 anni dalla sua uscita. La saga che ci hanno fatto al cinema é completa spazzatura. Si salva solo la figaggine di Milla.

Antonio63333

Concordo, i film di Resident evil usciti non c'entrano nulla col gioco.

jose manu

Fino al 3 mi sono piaciuti. Il problema del 4 è che improvvisamente tutte le alice scompaiono. Gli altri dimenticabili perchè non me li ricordo

ally

basterebbe prendere RE1 e seguire la stessa storia del gioco con le stesse ambientazioni...non è difficile...

J0k3r_IT

mi auguro solo che seguano il videogioco e non si inventino cretinate come nel precedente

Economia e mercato

Stop al telemarketing sul cellulare: le novità del Registro delle opposizioni | Video

Mobile

Huawei P50 Pro e Pocket, le nostre prime impressioni

Domotica

Reti Fibra 2/5/10Gb/s: solo Marketing o sono davvero sfruttabili in casa?

Recensione

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3050: il ray-tracing arriva anche nella fascia bassa