Natale lontani? Le idee tech per non guastarci le feste e avvicinarci | Video

02 Dicembre 2020 276

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Le feste sono in arrivo, ma quest'anno saranno un po' diverse dal solito: a causa della pandemia con ogni probabilità infatti le passeremo a ranghi ristretti, con molta meno possibilità di muoverci e, di conseguenza, magari distanti da alcune persone a cui teniamo.

La tecnologia però può venirci in soccorso: e se giusto qualche settimana fa vi abbiamo consigliato qualche attività intelligente da fare online - in alternativa allo scrolling passivo di social network o al binge watching di serie tv - dalle piattaforme per imparare una nuova lingua alle possibilità per mantenersi in forma, questa volta vogliamo darvi qualche idea su attività online basate sulla condivisione con amici e persone care.

Così, nel caso in cui il pomeriggio di Natale - o di qualsiasi altro giorno, festivo o meno, in cui vogliate compagnia - non possiate riunirvi fisicamente con chi vi sta a cuore, se volete potrete invitarlo a fare qualcosa insieme online; e se nulla sostituisce un abbraccio, potrete almeno farvi due risate condividendo giochi, film, video o musica. Insomma, una mano dalla tecnologia perché distanza non implichi necessariamente solitudine: ecco qualche idea.

GIOCHI

E cosa si presta meglio di un gioco per tenersi in contatto e fare qualcosa insieme? D'altro canto, i giochi multiplayer da questo punto di vista hanno fatto storia, dato che gli utenti hanno sfruttato piattaforme apposite per chattare durante le sessioni di gioco, come ad esempio Discord. Se invece vi interessano i giochi di società classici, qui avevamo stilato una guida delle alternative online, da Risiko! a Skribbl (la versione online di Pictionary), dai giochi di carte a Nomi, Cose, Città.

Altrimenti c'è il mondo delle app: ce ne sono tante e sicuramente ognuno ha la sua preferita. Volendone prendere una che valga come esempio per le altre c'è HouseParty, che permette di riunire insieme fino a un massimo di 8 persone in una sessione di gioco. È un po' come una vera e propria festa: si riceve una notifica quando gli amici sono online, e all'interno dell'app è possibile vedere con chi stanno parlando e unirsi alle loro conversazioni - proprio come accadrebbe dal vivo, unendosi ai vari capannelli che si creano alle feste.

L'app offre diverse alternative, e la lista dei giochi si è aggiornata diverse volte negli ultimi mesi: la più recente di tutte è la possibilità di collegarla all'account Fortnite per aggiungere la possibilità di videochiamarsi proiettando i visi degli amici direttamente sulle partite, siano esse su PlayStation 4, PlayStation 5 (le cui scorte dovrebbero tornare disponibile entro l'anno) o PC; d'altronde, HouseParty è stata recentemente acquista da Epic Games, sviluppatore del famosissimo videogioco.

Altrimenti all'interno dell'app potrete trovare diversi altri giochi, per esempio:

  • Karaoke, con i testi delle canzoni in sovraimpressione;
  • UNO, che non necessita di presentazioni;
  • Pick Me, per vedere se la pensate tutti allo stesso modo sul vostro conto e quello degli altri (ad esempio: chi tra voi è il più ritardatario?);
  • Word Racers, per trovare il maggior numero di parole possibile con un dato numero di lettere, a tempo;
  • Heads Up, per far indovinare una parola che non si può dire, in diverse versioni;
  • Trivia, sia classico che con la possibilità di completare i testi delle canzoni;
  • Quick Draw, ovvero una delle versioni online di Pictionary;
  • Chips and Guac, per le associazioni inedite (viene estratta una parola e gli amici devono associarvi un'azione);
  • Magic 8 Ball, ovvero la palla magica che dà una risposta generica alla vostra domanda specifica.

VIDEOCHAT DI GRUPPO

Se la vostra esigenza è quella di videochiamarvi, qualche tempo fa avevamo stilato una lista delle app più usate suddivise per ambito d'uso, dal lavoro alle lezioni online.

Per quanto riguarda la sfera privata, sappiate che Telegram ha introdotto le videochiamate, WhatsApp ha esteso la possibilità di effettuare videochat di gruppo fino a 8 partecipanti e Messenger ha introdotto la funzionalità Rooms che permette di invitare all'interno di una "stanza" fino a 50 utenti, di videochiamarli ma anche di condividere con loro la visione di contenuti, come ad esempio video su YouTube, e commentarli tutti insieme. Da luglio è stata introdotta anche la possibilità di convertire le chiamate in vere e proprie dirette.

L'accesso può essere effettuato sia da desktop che da mobile, a prescindere che si abbia o meno un account Facebook e senza dover scaricare alcun componente aggiuntivo; basta avere il link di accesso fornito da chi ha creato la stanza. Soprattutto, la funzionalità è trasversale a tutto l'universo di Menlo Park, e quindi le stanze possono essere create sia su Facebook che su Messenger; su Instagram e WhatsApp sono invece presenti dei collegamenti che rimandano ai primi due servizi.


A questo proposito, ci sono anche prodotti appositamente pensati per lo scopo come gli Amazon Echo Show, che permettono di chiamare con la funzione Drop-In, o Facebook Portal, che permette di fare videochiamate di qualità su WhatsApp, Messenger (ovviamente supporta la funzionalità Rooms), ma anche Zoom, Workplace, Webex, BlueJeans, GoToMeeting e altre app per lo smartworking.

Si tratta, in poche parole, di un dispositivo pensato proprio per le videochiamate: Portal si appoggia in casa come una semplice cornice (eccetto nella versione che funziona in combo con la TV) ed è pronto all'uso in qualsiasi momento. Può tornare molto utile a persone che magari non sono particolarmente abituate a videochiamare, un po' come una finestra sul mondo, sui nipoti, sui propri cari, o anche a chi vuole avere sottomano un dispositivo apposito.

Tra i pregi c'è la presenza di una smart camera che segue automaticamente le persone presenti nell'inquadratura, aumentando progressivamente la panoramica man mano che più persone entrano nella stanza; inoltre ha Alexa integrata È disponibile in diverse versioni: si parte dal Mini, con un display HD da 8''; poi c'è il Portal classico, con schermo da 10'', il Portal+ con schermo da 15,6'' e il Portal TV che si collega a uno schermo che avete già in casa.

FILM INSIEME: TELEPARTY E DISNEY GROUPWATCH

Per ritrovarsi nuovamente a guardare film o serie TV tutti insieme sul divano o in qualche cineforum casalingo bisognerà portare ancora un po' di pazienza. Nel frattempo però si può condividere la visione di questi contenuti online, grazie a funzionalità, estensioni o app specifiche.

Una di queste è ad esempio TeleParty; forse qualcuno l'avrà già sentita nominare, prima si chiamava NetflixParty. Si tratta di un'estensione per i browser Chrome e MS Edge che permette di sincronizzare la visione di contenuti su Netflix, Disney, Hulu e HBO aggiungendo a lato del player anche una chat di gruppo che permetta di commentare ciò che accade sullo schermo; al momento non funziona su smartphone.

Usarla è semplice: basta installare l'estensione, aggiungerla alla barra degli strumenti, aprire un video su una delle piattaforme sopracitate, cliccare sull'icona TeleParty che si è creata sulla barra e dare il via al cineforum virtuale, invitando gli amici. Non si tratta di nulla di illegale, poiché ognuno dei partecipanti deve avere il proprio account sulle piattaforme di streaming video.

Altrimenti, Disney+ ha anche una funzionalità analoga riservata ai propri abbonati: si chiama Disney Groupwatch, ed è inclusa nella piattaforma, per cui non bisognerà installare nulla. Basta cliccare sull'icona dedicata nella pagina dei dettagli delle serie e dei film contenuti nella vasta libreria Disney e si ottiene un link per invitare fino a sei persone a condividere la visione, purché abbiano tutte un abbonamento attivo.

MUSICA INSIEME: SPOTIFY

Anche Spotify ha compreso l'importanza di poter condividere gli ascolti e qualche tempo fa ha lanciato le sessioni di gruppo, altrimenti note come Group Session. Si tratta di una funzionalità che permette agli utenti di ascoltare musica in tempo reale con i propri amici in remoto.

Attivarne una è semplice: basta iniziare ad ascoltare una traccia, o una playlist, o un podcast, e poi selezionare la piccola icona con il pc e l'altoparlante in basso a sinistra (quella che permette di cambiare il dispositivo su cui riprodurre la musica); qui troverete l'opzione "Avvia una sessione di gruppo" e potrete invitare degli amici tramite qualsiasi app di messaggistica o social elencata, oppure copiare il link e inviarlo come meglio si preferisce, oppure ottenere un codice Spotify che possono scansionare per unirsi.

La funzionalità Sessioni di gruppo è al momento disponibile solo per gli account Premium ed è in Beta, il che significa che in fase di test e quindi passibile di cambiamenti.

VIDEO

In conclusione, saranno delle feste decisamente atipiche: come d'altronde è stato atipico questo 2020. L'unica è portare pazienza e, per quest'anno, adeguarsi. Verranno tempi migliori, ma nel frattempo è lecito organizzarsi, e da questo punto di vista la tecnologia può darci una mano.

Questi erano i nostri spunti per trascorrere le feste insieme agli amici e ai propri cari anche se a distanza, ma la lista è perfettibile e sempre in aggiornamento. Quindi, quali sono i vostri? Se ne avete scriveteli nei commenti, così che tutti possano farne tesoro. Buone feste!


276

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Pockocmoc

80% cloni

Raphael DeLaghetto

ridicolo al quadrato!
sembri essere il sapientoni di turno, invece non sai un c....!
io il lock down l ho fatto....per fare un natale con la mia famiglia! invece no...lockdown e niente natale...cornuto e mazziato!
a differenza degli studenti unversitari che si infettano piu veloci della luce...e possono tornare in sede universitaria per la facolta e a casa perche li residenti... insomma entrano ed escono dalle regioni senza problemi! e sono ipiu contagiosi visto che fanno le feste all universita per poi infettare nonni e genitori!
invece chi ha rispettato tutto, come il sottoscritto, deve vedersi negato anche il natale in famiglia, invece agli universitari no!
i morti sono sulla coscienza dei politici non degli italiani! politici disumani perche incompetenti! e l ipocrisia che questi morti sono sulle spalle degli italiani è abbastanza ridicolo! perche se ci sono morti si sta in lutto e si ferma tutto a partire dal calcio, se no la vita va avanti anche con 1 milione di morti! perche IO ho la coscienza pulita a differenza di certi politici che si sono beccati anche il covid e passeranno il natale in famiglia! a differenza di molti lavoratori che lo passeranno da soli o con inquilini poco graditi!
governo infame! dovrebbero andare tutti in terapia intensiva cosi ce li leviamo di mezzo!

Raphael DeLaghetto

che chi rispetta lo prende in quel posto rispetto a chi si e divertito infettando...vedi gli studenti che possono entrare nelle regioni perche vanno all universita e tornare a casa perche li hanno la residenza...
unpo come la storia delle tasse..

Raphael DeLaghetto

quando votano la fiducia è sempre piena!

VaDetto

Non c'è sanità che regge se la popolazione non rispetta le regole.

Non ci sono ospedali che possono essere costruiti né medici formati in 48 ore che reggono a migliaia di pazienti malati quotidiani.

C'è da riscrivere le leggi della "normale" vita aspettando che un vaccino ci permetta di ammalarci senza morire.

Pazienza infinita e forza di volontà

Stefano

https://uploads.disquscdn.c...
https://uploads.disquscdn.c...

Garrett

Cosa significa decessi di Covid?
Lo sai o non lo sai che il bollettino delle terapie intensive riguarda TUTTI i pazienti, anche quelli usciti da un intervento?
Quindi il "giornale di guerra" non ci serve .

Che cavolo dici, vai ha dirlo all'OMS visto che è un loro dato.

E finiamola con questa follia.

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Tu sei un estimatore di Salvini?
Ho sempre voluto vederne uno da vicino.
Un po' come Augias.

Flyn

Non lo vedo. Se vuoi rimetterlo qui, distanziando i punti del link, lo leggo.

Stefano

Io non mi vergogno proprio di niente, non mi vergognerò mai per non aver smesso di vivere di fronte ad un virus influenzale con una letalità estremamente bassa.
A me dispiace per chi ha perso i propri cari, ma si è sempre morti di moltissime cose e sempre succederà ahimè.
Ma con questa politica criminale di riservare interi reparti di ospedali esclusivamente a dei malati per influenza si stanno generando problemi e ritardi incalcolabili, come appunto il caso di operazioni rimandate ed esami ecc. che rappresentano il vero dramma, altro che covid.
Prenditela con chi ha deciso queste follie piuttosto che fomentare la guerra tra comuni cittadini che tanto piace ai piani alti.

Stefano

Io faccio quello che mi pare e quello che la Costituzione mi permette di fare.
Tu sei libero di passarti il natale da solo come un cane distante dai tuoi cari se lo desideri, idiota.

Stefano

Ho risposto poco sopra a Goose, il commento è in attesa di essere moderato perchè ho messo dei link.

Porcellone

Dovrebbe fare un lavoro su se stesso, maledire sempre queste occasioni non farà altro che peggiorare le cose sempre di più

Porcellone

No vero! é #ColpaDiSalvini sempre e comunque! Anche il covid! mannaggia conte 2 milioni di volte insieme a quell'altro frufru che gli va appresso

MimmoD1

In realta questo mi fa pensare che sei perfettamente normale e felice

MimmoD1

Ma guarda che alla base di tutto c'è solitudine e depressione. C'è gente sola che odia le feste proprio perche è sola e questo periodo gli fa cadere in depressione.

Goose

Quello che non capisci è che se non vengono curate le persone con il covid muoiono, guarda cosa sta succedendo nelle RSA. Abbiamo ancora 20.000 casi al giorno e non siamo in lockdown totale, tu immagina senza lockdown che tragedia avremmo sofferto. Qua a Milano due settimane fa passavano almeno 30 ambulanze al giorno ed anche un bambino capirebbe che non è una situazione normale. Dispiace ancora di più spiegare queste cose nonostante vengano forniti ogni giorno dati che spiegano che le terapie intensive nelle settimane scorse erano al collasso. Una influenza può mai mandare in crisi il sistema sanitario? Tu l'anno scorso con l'influenza finivi in terapia intensiva? Il lockdown serve, che possa piacere o meno, perché esiste gente come te che la pensa così e non rispetta le regole. Se vivessimo in un paese con persone di intelletto che rispetta le regole non avremmo neanche bisogno di un ipotetico lockdown.

Giorgio

Stai a casa cretino e non rompere i koglioni

blablabla

Non sono solo :) Oltretutto dopo 20 minuti mi bollono le orecchie con qualsiasi cuffia, anche le over aperte

Giuseppe Benvenuto

Esci sano di casa ma non sei in grado di garantire che tornerei a casa nella stessa condizione. Non mi pare difficile capire un concetto così semplice. Il problema è che per gli stronzi come te (si insulto è necessario) e come tanti altri, che non riescono a rinunciare all'aperitivo, ci ritroviamo nella condizione attuale. E ti faccio un esempio..per colpa vostra, adesso mi tocca accompagnare mia madre per un intervento importante, lasciarla in ospedale e poi la sera riceverò una chiamata dal medico per sapere se è ancora viva o meno. Gente ha visto morire i propri cari per il covid, qualcuno non li ha neanche visti morire, voi dio....ane! non riuscite a stare a casa un mese!?? Orgoglioso di essere schiavo. Tu di dovresti vergognare

Guido

se sei solo ad ascoltare la TV ti consiglio le cuffie wireless Sennheiser RS160. Sono un incanto. Nessuna soundbar, anche la più costosa può rendere il suono come queste cuffie. Naturalmente ce ne sono anche di prezzo molto più elevato, ma queste sono eccezionali.

Ma che cavolo dici?
In Italia l'anno scorso ci sono stati 8k morti di influenza su 6,9 milioni di casi, quindi 0,11% (e sono incluse anche le concause come si fa per il Covid).
Di Covid abbiamo 58k decessi su 1,6 milioni di casi. Mortalità quindi del 3,5%.
Ora dormi.

Sgnapy

Un signor commento il tuo. Sicuramente non la comprerei mai neanche io. Passi la voglia di averla prima, 50 euro in più ci possono anche stare ma 1000 euro anche no.

Tiwi

no aspe..sto felicemente bene da solo :D

Goose

Una comune influenza? Il virus è completamente diverso da quello della influenza, presenta sintomi diversi ed ha un aspetto diverso con le proteine Spike.

Goose

Eh si giustamente un governo preferisce tenere la gente a casa e danneggiare l'economia a caso. Senti a me, per il bene di tutti, queste cose tienitele per te.

Flyn

Preconcetti quali il cospirazionismo? Ma perchè dovrebbero distruggere l'economia? Ma vi sentite?
La specie umana dovrebbe evolvere ma mi sembra che vi stiate instupidendo.

Stefano

La pioggia di ricorsi è conseguenza del fatto che vietare ad una persona sana di uscire da casa è incostituzionale, fine.
Tu evidentemente non conosci la costituzione e i tuoi diritti e le tue libertà fondamentali, ma questo non è un problema mio.
Sei schiavo e ti piace esserlo, a me e ad altri per fortuna no.

Stefano

La gente come te è il cancro di questo mondo, lo dico davvero.
Devi avere una vita davvero triste per essere ridotto così.
Provo una profonda tenerezza nei tuoi confronti.

Stefano

A 50 anni di Covid non si muore, se non nello 0,5% dei casi.

I dati parlano chiaro, e sono perfettamente in linea con qualsiasi altra influenza stagionale. Basta leggerli senza preconcetti in testa.

I motivi per chiuderci in gabbia possono essere molteplici: distruggere quel poco di economia che ancora si regge in piedi, vedere la nostra reazione in seguito a sempre maggiori privazioni delle libertà più fondamentali, cose di questo genere ad esempio.

Stefano

Pandemia di una comune influenza, come accade da centinaia di anni a questa parte..piccolo particolare
https://uploads.disquscdn.c...

Stefano

Un altro convinto che le misure dei vari governi ed istituzioni abbiano come fine quello di proteggere la popolazione dal "virus".
Come facciate a bervi ogni boiata che vi dicono rimarrà sempre un mistero per me.

Stefano
I soldi andavano dirottati tutti sulla sanità per potenziarla


https://uploads.disquscdn.c...

Stefano

E io non vedo l'ora di non farmelo.

Stefano

Il punto è che finchè rimane una scelta va bene, ma quando scatta l'obbligo (come in questo caso) è sempre sbagliato.

giovanni cordioli

E' meglio il freddo del caldo.
Lavorando sodo ti scaldi, mentre dal caldo non c'è riparo, specie con certi lavori di fatica terribili, dove senti proprio che ti manca l'aria, che non ce la fai a respirare
Anzi io sopra i 30 gradi renderei obbligatorio il lavoro solo notturno o serale per certi lavori infami tipo gli stradini, i muratori ecc ecc
Spesso li vedi a luglio/agosto lungo le strade a stendere catrame bruciato alle 2 del pomeriggio, respirando ogni schifezza , sotto un sole da incubo e con la schiena ridotta come una bistecca dimenticata sulla griglia...
Quasi nessuno di loro arriverà mai alla pensione, moriranno quasi tutti prima.
Fossero donne ci serebbero marce di protesta, interrogazioni parlamentari, leggi di tutela specifiche, prepensionamenti, e i vari servizi giornalistici strillerebbero sul loro sfruttamento H24 tutti i giorni.....
Ma putroppo per loro, sono uomini.

Ciccio

Cantiere al freddo..io ho lavorato in cantiere in Queensland, non so se e meglio il freddo o 45° all'ombra.

Ciccio

Se, ci manca solo che spendo i soldi pure in alcol ;-)

Sì, mi hanno fatto il lavaggio del cervello.
Poteri forti, Soros e Big pharma.
Tante care cose, metti la mascherina e non fare feste in casa.

Garrett

Un altro dato:
Tra il 2007 e il 2017, i morti “diretti” per influenza sono stati in media 460 l’anno; mentre le stime per i decessi “indiretti” vanno dai 4 mila ai 10 mila l’anno.
Fonte ISS

Garrett

Mai visto e non mi interessa ma se lo citi evidentemente la pensano come me e i dati parlano chiaro.

Garrett

Un dato, visto che ti hanno fatto il lavaggio del cervello.

LETALITÀ Covid 0,14%
LETALITA' Influenza stagionale 0,10%

Aristarco

ma roma non è sempre vuota dai politici?

Garrett

Non mi piace parlare senza dati.
Non sarà una finzione ma per quel che mi riguarda è ne più ne meno che poco più di un'influenza e sicuramente il vaccino non cambierà l'esito, dato che se ti vaccino puoi non ammalarti ma continuare a contagiare gli altri.
Non si perde nessuno per via del covid. Il covid può aggravare un quadro patologico già esistente, al pari dell'influenza.
Forse fidarsi meno della tv e dei giornali e andare e leggere i bollettini con i dati veri, aiuterebbe.

Il vaccino non servirà a nulla. Lo dicono tutti, tranne chi ha interessi $$$$

Oramyar (ex Ming-Hi-One)

Almeno bevi bene :D

blablabla

OT: sto cercando una soundbar per la tv. Parto da zero, non ho niente, pensavo alla YAMAHA ATS 2070 / YAS 207 (è lo stesso modello), che magari ha qualche anno, ma con sconti vari arriverei a pagarla 154€. Che è già qualcosa più di quello che mi ero prefissato. Consigli o alternative?

giovanni cordioli

Non và male anche se stiamo a casa dai, ci sono stati dei lunghi periodi della mia vita che avrei dato non so cosa per potermene stare tranquillo e al caldo in casa, ma non potevo starci....
Mi toccava andare a lavorare in cantiere fuori al freddo, e spesso pure sotto le feste.
Quindi adesso non mi lamento.

Giovanni Ravizza

ma che bel servizio incentrato poi sui cellulari molto utile e immersivo :D

Grogu

È solamente onesto.

Ciccio

Scozia

Allora, Choomba, sapete tutto su DLSS e Ray Tracing? | Speciale Cyberpunk 2077

Cyberpunk: storia e opere essenziali

Destiny 2: Oltre la Luce, la nostra prova

CD Projekt: la software house polacca che coccola i suoi clienti | Speciale