Dead Space Remake, primi frammenti di terrore: video di gameplay e dettagli

01 Settembre 2021 16

Nel corso dell'EA Play Live che abbiamo seguito in diretta sul canale Twitch di HDBlog, abbiamo scoperto tutti una cosa curiosa. L'estate, il mare, i gelati al biscotto: tutte cose belle, certo. Ma la verità è che se c'era un posto dove veramente ci saremmo voluti trovare, quello non era un atollo caraibico, ma il ventre metallico popolato di necromorfi della USG Ishimura. Strano a dirsi, ma è questo l'effetto che ha fatto a tanti l'annuncio di Dead Space Remake.

Oltre al breve trailer di lancio non abbiamo visto nulla. E ora il team di EA Motive ha cominciato a sbottonarsi sul titolo, parlando dello sviluppo in un lungo developer livestream e mostrando anche varie sequenze di una primissima versione del gioco. Perciò tenete ben presente che la qualità grafica non è indicativa rispetto a quello che sarà il risultato finale, dato che si tratta di una versione definita con prudenza dagli sviluppatori come "molto, molto, molto, molto preliminare". Ad ogni modo, è già possibile cominciare a fare i confronti con l'originale uscito nel 2008.

A confronto il gioco originale (sopra) e la versione preliminare del remake per la nuova generazione.
GAMEPLAY AGGIORNATO

Al di là dei primi scorci nel buio tremante di neon della Ishimura, il developer livestream è stata un'occasione per condividere anche informazioni relative all'approccio adottato in generale nel concepire il lavoro relativo a questo remake.

Per quanto riguarda il gameplay, ad esempio, arriva la conferma che conserverà le stesse basi ma sarà ammodernato, a partire dalla meccanica chiave dello "smembramento" dei necromorfi, che risulterà più rapido e preciso avvicinandolo all'esperienza del secondo e terzo capitolo, con anche la facoltà di attirare gli arti nemici e poi usarli come proiettili.

Ovviamente l'aspetto visivo del gioco sarà implementato anche sotto la superficie, e quindi non solo vedremo un comparto grafico più bello, ma anche più realistico: nei combattimenti la reazione dei necromorfi alle armi usate dal protagonista saranno più coerenti, con brandelli di carne che si separeranno dal corpo a seconda dell'attacco incassato, con gli arti che mostreranno l'osso prima di spezzarsi.

Per quanto riguarda le sezioni a gravità zero, il sistema di movimento sarà mutuato dal secondo capitolo (e quindi dipenderà dai minireattori installati sulla tuta di Isaac): questo comporterà una revisione del level design relativo a queste fasi per adattarle di conseguenza.


QUALCHE RITOCCO ALLA TRAMA

L'intenzione di EA Motive è quella di portare un titolo capace di conservare l'atmosfera originale, valorizzandola. Ma questo non significa che la cornice narrativa non sarà leggermente revisionata, anzi: tuttavia si tratterà a quanto pare di modifiche minime, volte ad ampliare la storia originale con alcuni dialoghi e vicende aggiuntive. Una mossa sensata sempre nella misura in cui non si può ignorare che il gioco ha avuto dei sequel, e che quindi si può tornare alle origine della saga arricchendola e rendendo più solide alcune connessioni. Lo scopo, dopotutto, è quello di rimettere in moto tutto il meccanismo del franchise.

Sebbene nel primo Dead Space Isaac non parlasse, sappiamo che in questo caso non sarà così: per la maggior parte del tempo resterà tuttavia muto, à la Samus Aran, e parlerà solo in alcuni momenti isolati dove la cosa avrà senso. Il doppiatore, inoltre, sarà sempre lo stesso, ovvero Gunner Wright: un'altra scelta che contribuisce a creare una sensazione di continuità.


16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alessandro Peter

Non ho capito se c'è una previsione sull'uscita

Dead Space é stato l'horror fantascientifico per eccellenza (anche se prima c'é stato un FSP di nome Doom3). Mi auguro non rovinino il nome di tale capolavoro.

Sparda

Il primo é stato una pietra miliare degli horror. Claustrofobia e terrore a manetta. Simpatico il doppiaggio di dario argento che ovviamente non sarà presente nel remake. Lo prendo appena esce

ErCipolla

Ma infatti non parlavo della qualità dei giochi (che dipende da tante cose), dicevo che non mi piace supportarli per le loro politiche: in parte per quelle anti-consumer e predatorie legati alle microtransazioni, in parte proprio per la loro abitudine di acquisire studi e poi chiuderli.

AlexDelarge90

Pensavo ( e in parte penso tuttora) la stessa cosa, però poi mi sono ritrovato a giocare a titoli magnifici come "It takes two" e mi sono un filo ricreduto.

MartinTech

twinkle twinkle little star...how I wonder what you are...

Morpheus75

Io dopo 5 minuti avevo una tachicardia che ho dovuto fare una pausa lontano dal pc! :-P

The Brilliant Green

in realtà l'ansia c'è nella prima parte poi diventi una macchina da guerra e il gioco, che resta bellissimo, perde tantissimo della sua natura survival.

edd

Bellissimo, peccato che non l'ho finito, mi faceva venire troppa ansia ahahah. Magari ci riproverò, forse.

David Lo Pan
d4N

Questo remake se lo azzeccano sarà un capolavoro

ErCipolla

Per quanto mi faccia schifo dare soldi a EA, soprattutto dopo che hanno chiuso proprio lo studio originale (Visceral) per poi battere cassa con sti remake... mi sa che non resisterò, ho adorato l'originale e ho già la scimmia.

biggggggggggggg

Spettacolare. Speriamo che da questo si riparta con una nuova serie. Ben fatta.

Bibbidibobbidibu

Se c'è stato un titolo che davvero mi ha "terrorizzato" (assieme a re2, ma in questo caso anche dato dall'età, ai tempi ero un bambino) è proprio Dead Space, soprattutto il primo...bellissimo!

Dunkirk

Quando lo presi scelsi in bundle uno stock di mutande nere, acquisto più che azzeccato.

LeoX

Spero lo porteranno anche su Stadia.

Recensione Metroid Dread: la serie si chiude con un capolavoro

Provato Nintendo Switch Oled: uno schermo che fa la differenza? | Video

FIFA 22 vs eFootball (ex PES): scontro tra diverse filosofie

The Witcher: Monster Slayer arriva su Android e iOS: lo abbiamo provato