LEGO, arriva il primo prototipo di mattoncino in plastica riciclata

24 Giugno 2021 8

LEGO ha presentato il suo primo prototipo di mattoncino in plastica riciclata: è una delle ultime iniziative indette per rendere le attività produttive dell'azienda più pulita e sostenibile per l'ambiente. Il prototipo, nello specifico, usa plastica PET proveniente dalle bottiglie di acqua e bibite; e per ora soddisfa tutti i rigorosissimi parametri di qualità, precisione e sicurezza che contraddistinguono da sempre la casa danese.

L'iniziativa è molto sentita da LEGO, e l'obiettivo è molto ambizioso: offrire solo prodotti sostenibili entro il 2030. Per il triennio dal 2019 al 2022, LEGO ha stanziato 400 milioni di dollari per il proprio programma di sostenibilità. Al momento il team che se ne occupa conta ben 150 persone: solo per arrivare fin qui, sono state testate ben 250 varianti di PET e "centinaia" di altre formule della plastica. La prossima fase richiederà circa un anno, e comprenderà ulteriori e ben più approfonditi test; poi sarà la volta dei primi tentativi di produzione di massa.

LEGO spiega che mediamente da una bottiglia da un litro si ricavano 10 mattoncini alti da 2x4; la società produce in media 36 miliardi di mattoncini l'anno. Già dal 2018, LEGO usa il bio-polietilene (o bio-PE) per realizzare i pezzi più piccoli e meno rigidi, come le foglie o i rami degli alberi e accessori per i personaggi (mantelli, copricapo e così via). Il bio-PE è prodotto partendo dalla canna da zucchero, ma non è adatto per i pezzi più rigidi.


8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Prancesco

E del portafoglio

asd555

Restano comunque il nemico numero uno dei piedi.
Ecologici, ma sempre nemici per natura.

Johnny

Ah grazie. Ricordavo male.

I-lorenzo

mi chiedo se dureranno quanto quelli di oggi

Alessio Ferri

La plastica ricliclata va benissimo. E' già presente, ce n'è tanta, bisogna assolutamente chiudere il ciclo, se no proprio la capacità della plastica di essere pressochè infinita ci si ritorce contro.

barneysmx86

Chissà nel tempo se l'aspetto rimarrà lo stesso e basterà un semplice lavaggio per farli tornare come nuovi

Aristarco

Già dal 2018, LEGO usa il

per realizzare i pezzi più piccoli e meno rigidi, come le foglie o i
rami degli alberi e accessori per i personaggi (mantelli, copricapo e
così via). Il bio-PE è prodotto partendo dalla canna da zucchero, ma non
è adatto per i pezzi più rigidi.
Johnny

Non usavano già plastica riciclata per i pezzi delle piante (foglie, fiori, ecc)?

Provato Nintendo Switch Oled: uno schermo che fa la differenza? | Video

FIFA 22 vs eFootball (ex PES): scontro tra diverse filosofie

The Witcher: Monster Slayer arriva su Android e iOS: lo abbiamo provato

WRC 10 arriva a settembre: tutte le novità e una breve anteprima