Gaming mobile: buona parte della crescita durerà anche dopo la pandemia

08 Giugno 2021 11

La pandemia e i conseguenti lockdown hanno costretto la popolazione mondiale a trascorrere più tempo in casa e, parallelamente, è aumentato anche il tempo dedicato all'intrattenimento. In questo scenario il gaming mobile ha registrato una forte spinta, talmente forte che la tendenza è destinata a durare anche nella fase del ritorno alla (nuova) normalità.

A fare luce sul fenomeno è un recente studio condotto da IDC in collaborazione con LoopMe: è basato su un sondaggio rivolto ad aprile scorso ad un campione di 3.850 utenti possessori di smartphone e residenti in USA, Regno Unito, Giappone, Germania, Brasile e Singapore. La scelta non è casuale: l'obiettivo era individuare un insieme comprendente Paesi più o meno colpiti dalla pandemia, per fare emergere con chiarezza i rapporti tra gli utenti e il gaming mobile, e valutare l'eventuale impatto che l'emergenza sanitaria ha avuto nell'incentivarlo.

I dati da cui partire sono due: il 63% dei partecipanti al sondaggio ha risposto che, da quando è iniziata la pandemia, ha incrementato il tempo dedicato al gaming mobile; si stima inoltre che circa il 75% dell'aumento delle attività dedicate al gaming mobile si manterrà inalterato nei prossimi due anni, a conferma che non si tratta semplicemente di una moda passeggera ma di un pratica che per tanti è diventata un'abitudine.

Non sorprende che ad essere maggiormente dediti a giocare ai videogiochi tramite smartphone siano stati propri gli utenti dei Paesi in cui il virus ha causato il maggior numero di morti e che sono anche quelli dai quali ci si attende una più marcata inversione di tendenza in futuro (quel 25% crescita che verrà meno tra 12-24 mesi). Altri utili indicatori emersi dallo studio possono essere così schematizzati:

  • nei 6 Paesi presi in esame oltre 2 utenti su 3 hanno dichiarato di aver giocato tramite smartphone negli ultimi mesi;
  • sulle ragioni che hanno portato a scegliere questa forma di intrattenimento:
    • 3 giocatori su 4 hanno dichiarato di averlo fatto per semplicemente per divertirsi e passare il tempo;
    • il 4% ha affermato di aver individuato nel gaming mobile - e in particolare nelle sessioni muliplayer online - uno strumento per intrattenere relazioni sociali senza esporsi a rischi;
  • il 6% dell'attuale community di videogiocatori mobile non si dedicava al mobile gaming prima della pandemia;
  • nel 2020 il numero complessivo di utenti che, ogni mese, ha giocato ai videogiochi tramite smartphone e/o tablet è aumentato del 12% rispetto al 2019 raggiungendo i 2,25 miliardi di utenti

Dati che trovano riscontro nelle cifre ragguardevoli relativi ai download dei giochi da App Store e Play Store: per avere un parametro di riferimento è sufficiente ricordare che ad aprile scorso il gioco più scaricato (Bridge Race) ha totalizzato ben 28 milioni di installazioni.


11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
pietro

Credo toccherà aspettare Nintendo

tulipanonero1990

Candy Crush non lo fai con gli stagisti.

NaXter24R

Tempi e costi ancora niente? Avevo letto di un probabile 399 ma sui tempi c'è chi parla subito, chi di Natale.. Non si capisce

Dark!tetto

E appunto, 200 dipendenti con un giro di miliardi è questo che voglio dire, non è che ci sia un treno su cui salire alla fine con 200 posti di lavoro non risolvi nulla. Senza poi contare che in Italia una realtà come King su 200 dipendenti avrebbe 150 stagisti o con contratti da tirocinante :D

tulipanonero1990

King ha oltre 200 dipendenti ;-) e fossero da due soldi riusciremmo a farne qualcuno anche in Italia, e invece....

Dark!tetto

Non vedo come, nel senso che i giochi che maggiormente trainano il settore sono sostanzialmente di 2 tipo, quelli dei colossi che comunque in italia non abbiamo (Epic/Tencent/Activision etc etc) e quei giochini da 2 soldi che monetizzano un sacco tipo candy crush o come si chiama che non necessitano di molte risorse umane.

pietro

Oled, 720p costanti in mobilità, fino ai 120fps (target 60). Docked, fino ai 1440p con dlss

Spelakkio

RISUKKIA RISUKKIA

E NEANCHE QUELLA -T-R-O-I-I-A- DI TUA MAMMA TI SALVA

RISUKKIA

AZZARDATI A CANCELLARMI ANCORA TUTTI I POST

SUKKIA STA M-I-N-K-K-H-I-A

SONTADO O COME C-A-T-Z-O TI CHIAMI

RISUKKIA

tulipanonero1990

Ecco perché il gaming mobile continuerà ad essere oggetto di pesantissimi investimenti. Il consolidamento di mercato continuerà ancora per qualche anno, peccato l'Italia perda l'ennesimo treno, su questo era veramente facile salire. Invece no, tutti a fare indie introspettivi e concettuali che non vendono una sega e che non gli permetteranno mai di assumere una persona che sia una.

CyberBug2070secce

In che senso dopo la pandemia?

NaXter24R

A proposito del mobile, di sta fantomatica Switch Pro non si sa ancora niente vero?

WRC 10 arriva a settembre: tutte le novità e una breve anteprima

Recensione Ratchet & Clank: Rift Apart. La next gen da un’altra dimensione

Horizon Forbidden West: c’è molto passato in questo futuro | Editoriale

Recensione Resident Evil Village: un ritorno in grande stile