Anthem Next al capolinea: BioWare cancella lo sviluppo e passa oltre

25 Febbraio 2021 14

Alla fine Anthem Next non ce l'ha fatta: BioWare ha ufficialmente annunciato la chiusura del progetto che avrebbe dovuto segnare la rinascita dello sfortunato titolo.

Lanciato originariamente all'inizio del 2019 - al tempo lo definimmo un titolo controverso ma con del potenziale - Anthem non è mai decollato (e dire che il volo è una delle meccaniche più divertenti e riuscite del gioco) per via di lacune letali per ogni titolo: meccaniche di base da rivedere, progressione non efficace, mancanza di un vero e proprio end game e assenza di chiari obiettivi che potessero spingere la community ad investire il proprio tempo nel gioco.

Tutti aspetti che BioWare aveva deciso di prendere in considerazione in occasione dell'annuncio di Anthem Next, ma che non verranno mai offerti ai giocatori che sino ad ora hanno dato fiducia ad Anthem. Tra le cause dell'abbandono del progetto figurano i soliti problemi tipici dello sviluppo di un titolo durante la pandemia: il team dedicato ad Anthem Next era molto piccolo (si parla di 30 persone) e il 2020 ha dato la mazzata finale ad un progetto già di per sé molto difficile da portare avanti.

I SALVATAGGI ANDATI A BUON FINE

Il rilancio era senza dubbio ambizioso e avrebbe previsto un completo rifacimento del gioco sotto i principali aspetti, probabilmente sin troppo impegnativo per un franchise che non ha mai fatto breccia nel grande pubblico. L'industria videoludica non è nuova ad operazioni di salvataggio in grado di cambiare radicalmente la qualità di un gioco, trasformando dei veri e propri disastri alla Final Fantasy XIV e No Man's Sky in prodotti rifiniti e di successo (specialmente nel caso di Final Fantasy).

Ma affinché ciò avvenga è necessario soddisfare delle condizioni, come ad esempio il fatto che debba effettivamente valere la pena investire nel salvataggio di quel titolo. Nel caso di Final Fantasy XIV, ad esempio, è stato messo a rischio sia il futuro del franchise che di Square Enix stessa - motivo per cui non poteva essere abbandonato -, mentre il fallimento di No Man's Sky avrebbe sicuramente distrutto Hello Games.

In questi casi le energie spese nel rilancio avevano lo scopo di preservare qualcosa di più che il titolo in sé, motivo per cui è stato fondamentale affrontare operazioni di così larga scala anche a fronte di costi di sviluppo importanti. Il prossimo gioco a ricevere un trattamento simile sarà senza dubbio Cyberpunk 2077, che ha il potere di risollevare o creare un danno irreparabile a CDPR.

LA FINE DI ANTHEM: SI GUARDA AL FUTURO

Con Anthem il discorso è molto diverso: non c'è un franchise storico da preservare e l'insuccesso del titolo non ha certo portato al tracollo di BioWare e EA, visto che gran parte del team è stato già spostato su altri progetti più importanti come il prossimo Dragon Age e sul ritorno di Mass Effect (che comincerà a tastare il terreno con la Legendary Edition). A tutto ciò aggiungiamo l'abbandono di figure chiave come il direttore generale Casey Hudson - avvenuto lo scorso dicembre -, ed ecco che il quadro della situazione è completo.

BioWare ha confermato che la versione attuale di Anthem continuerà ad essere accessibile per tutti i giocatori attuali, ma ormai è chiaro che le energie del team sono indirizzate su altri titoli - incluso il supporto a Star Wars: The Old Republic. Onestamente non ci aspettiamo che Anthem riesca a vedere la fine del 2021.


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Scoiattolazzo

c'è sul pass lo proverò per farmi del male

YamiCrystal

Io comprerò quasi certamente Mass Effect Legendary Edition e ricomprerei immediatamente Mass Effect Andromeda. Il primo però non lo comprerò al day 1, aspetterò 1 o 2 mesi per capire se vale veramente la pena, mentre il secondo lo ricomprerei, ma a metà di quei 70 euro che sborsai all'epoca.

Slade

Ma chi comprerà mai un altro gioco Bioware? Nessuno spero. E mi duole dirlo ma questo comportamento è stato scandaloso

Max

I GaaS non FTP non hanno molto futuro.
Per curiosità come definiresti un gioco tipo train simulator, l'ho acquistato per mera curiosità 5 anni fa in offerta, ora ogni anno mi ritrovo automaticamente la versione aggiornata, tipo TS 2016, TS 2017, e così via; GaaS SP?

Max

L'avevo provato e non mi era sembrato male, non troppo immediato nel gameplay e non ben bilanciato, ma giocabile.

Shalashaska

L'unica buona notizia è che sempre meno persone appoggeranno i GaaS di questo passo.

Castoremmi

Oh no
Anyway

Roberto

Mi sa che già è stato rimandato a tempo indefinito per ora.

MR TORGUE

Amen. Mi mancherà usare il Colosso.

Yui Hirasawa

Chi l'avrebbe mai detto

ErCipolla

Ricordo ancora i fanb0y BioWare, proprio su questo sito, come schizzavano male nelle notizie dell'annuncio di questo gioco, quando gli si faceva notare che la promessa di EA di supportare il gioco "per 10 anni" era totalmente ridicola e chi ci credeva era un pollo... la storia si ripete ma certa gente non impara a riconoscere il ripetersi della storia.

Fabios112

Lieta notizia. Il prossimo che fa caput è il remake di Prince of Persia.

Watta

Mi basta Destiny

Matteo

Sea of Thieves e Anthem. Entrambi partiti male ma il primo si è rilanciato, il secondo no.
Rare ha dato esempio che rimboccandosi le maniche e supportando il titolo tutto è possibile

Recensione Monitor MSI OPTIX MAG274QRF-QD: gaming al top e non solo

Twitch: storie di ban ambigui, streamer in "rivolta" e regolamenti poco chiari | Video

Super Mario 3D World + Bowser's Fury: prove tecniche di Open World | Recensione

Anteprima Bravely Default II: la nuova casa dei fan di Final Fantasy