Bleeding Edge di Ninja Theory va in pensione: stop ai nuovi contenuti

29 Gennaio 2021 3

Bleeding Edge, il gioco di Ninja Theory uscito un anno fa come esclusiva console per Xbox One, va in pensione: il team di sviluppo annuncia che non saranno più pubblicati nuovi contenuti.

Annunciato all'E3 2019, l'action in terza persona improntato sul multiplayer competitivo con scontri 4v4 non è riuscito a fare breccia nel cuore dei giocatori, di conseguenza Ninja Theory preferisce concentrare sforzi e risorse sui nuovi progetti: Senua's Saga, Project Mara e The Insight Project.

I fan di Bleeding Edge potranno comunque continuare a divertirsi con il titolo visto che continuerà ad essere giocabile sia sulle console della famiglia Xbox sia su PC. Si segnala che il prodotto di Ninja Theory è disponibile anche nel catalogo di Xbox Game Pass.

Bleeding Edge, per chi non lo conoscesse, è un picchiaduro a squadre 4v4 veloce e frenetico in cui ogni lottatore è potenziato meccanicamente per aumentare il potere distruttivo; per portare a casa la pelle è necessario il lavoro di squadra e sfruttare l'ambiente circostante a proprio vantaggio.


3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
AlphAtomix

non era neanche male, ma non funzionava nel suo insieme.

MavcoPisellonio

Nato troppo tardi, un gioco sulla falsariga di overwatch, paladins et similia quando però i giochi citati avevano già dato tutto quello che avevano da tanto tempo, con uno stile, secondo me, troppo forzatamente "finto originale"

Ken

noioso come gioco, troppo uguale a overwatch (diventato noioso pure lui per le continue modifiche ed abbandonato da tempo)

Recensione Pokémon Scarlatto e Violetto: alti e bassi di Paldea

LG OLED Flex LX3 da 42”: la curvatura è variabile, la qualità rimane quella del C2

Anteprima di Pokémon Scarlatto e Violetto: 4 cose che dovete sapere

Splatoon 3 ci ricorda perché i giochi Nintendo sono così speciali | Provato