Atari VCS, finalmente ci siamo: la console ibrida arriverà quest'autunno

03 Luglio 2020 15

Quando si dice meglio tardi che mai: per la nuova console Atari VCS ci sono finalmente buone notizie, soprattutto per gli oltre 11.000 sostenitori della campagna di Indiegogo che ancora non avevano ricevuto notizie certe in merito alla sua uscita.

Annunciata nel 2017 come una console ibrida ispirata all'iconico Atari 2600, in grado non solo di riproporre un vasto catalogo di titoli storici ma anche di affrontare giochi attuali grazie ad un hardware rinnovato, dopo uno sviluppo piuttosto travagliato che ha fatto temere il peggio Atari VCS arriverà in autunno.

Le prime unità hanno infatti fatto capolino sul listino della catena di negozi WalMart, offrendo la possibilità di preordinare la console con spedizioni a partire dal 27 novembre. Per quanto riguarda invece i finanziatori della campagna su Indiegogo, le console dovrebbero essere spedite a partire da ottobre.

PREORDINI
Atari VCS su listino di WallMart

Tra i titoli che prenderanno parte al lancio ci sarà anche Missile Command: Recharged, versione moderna dell'intramontabile titolo arcade riproposto di recente anche su Android ed iOS.

Atari VCS sarà disponibile in tre colorazioni: Black Walnut (venduta sul sito di Atari), Onyx (esclusiva GameStop) e Carbon Gold (esclusiva Walmart) ad un prezzo di partenza pari a 300 dollari. Il pacchetto completo di joystick classico wireless e controller moderno verrà invece proposto ad un prezzo di 389 dollari.

Ricordiamo che il nuovo hardware a bordo è costituito da un'APU Ryzen R1606G Raven 2 in grado di gestire flussi video 4K, e non mancano una USB 3.0 accompagnata da un'uscita HDMI e il supporto alle connettività WiFi, Ethernet e Bluetooth.


15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
JustSeph

Ma che schifo ahahahahahahahah

Sara Vignali

scheda tecnica confermata, solo mezzo TFlops. Un cesso a pedali placcato d'oro.

sbobon

Ne ero attratto un sacco soprattutto per il design ma poi ho visto alcuni dei doloro video dimostrativi su youtube e mi è passata completamente la voglia. La base è windows con sopra la loro interfaccia grafica, non è per forza un male ma l'integrazione non è delle migliori, basta guardare qui quando fanno partire Metal Slug, viene aperto coi bordi delle finestre di windows: https://www. youtube .com/watch?v=v1wHGgt5BbI
Sempre nello stesso video poi si vede che tutte le app tipo netflix, youtube e disneyplus non sono altro che dei collegamenti a schermo intero alla pagina web (probabilmente su chromium, fra l'altro installato), si nota quando apre l'app di Netflix e in alto compare la notifica di chrome/chromium riguardo il riaprire le pagine precedenti

boosook

Beh d'altra parte nel 1977 probabilmente costava così :D

Dark!tetto

Trecentoottantanovedollari ???

Giulk since 71'

E uno scherzo vero?

Nuanda

mi sa che non lo ha ancora capito manco chi l'ha progettata sta console...

DiRavello

bah

JustSeph

Se si rivelasse un mini pc da 2/3 TFlops, capace di far girare quindi tutti i giochi usciti su pc e con all’interno anche un emulatore per i vecchi giochi avrebbe il suo mercato, altrimenti non ha senso.
Però se dovesse realmente esistere Xbox Series S e dovesse essere venduta a 299/349€ non avrà il minimo mercato..

Coolguy

Possiamo gia' scrivere RIP!

Vive

e la vendi lo stesso periodo di PS5 e Series X? auguri.

Vinx
momentarybliss

Non ho ancora capito che tipo di giochi farà girare questa macchina

Ansem The Seeker Of Darkness

La vedessero come PC con una apu amd migliore sarebbe il nuc perfetto. Esteticamente mi piace tantissimo, peccato che sia inutile

JustATiredMan

questo e' piu bello per i nostalgici: http:// geoffg .net/maximite.html

Recensione Paper Mario: The Origami King: sulla carta, un GDR

Recensione Ghost of Tsushima: l'ultimo samurai (di PlayStation 4)

Recensione Deadly Premonition 2: A Blessing in Disguise. Che passo falso!

Recensione The Last of Us Parte II: l'oscurità dentro