Fortnite è il gioco che incassa di più: oltre 3000 euro al minuto

23 Maggio 2020 363

Nel tempo che impiegate per leggere questa frase, Epic Games ha già guadagnato circa 250 dollari grazie a Fortnite. Il re dei battle royale è un free to play e macina più di 3000 euro al minuto, grazie a un'enorme base di utenti disposti ad investire soldi veri per aggiudicarsi oggetti o personalizzazioni.

MusicMagpie fornisce uno strumento (lo trovate al link in FONTE) che permette di visualizzare in tempo reale una simulazione degli incassi legati a vendita di copie, abbonamenti, microtransazioni, e qualsiasi acquisto in-game, incrociando vari dati.

All'interno di questa classifica troviamo proprio Fortnite sul trono, seguito dal picchiaduro Dungeon Fighter Online (che ha particolare seguito in Asia) con circa 2.800 euro al minuto: più di un gigante come League of Legends, che a quanto pare deve accontentarsi della terza piazza (2.600 euro al minuto). Interessante notare come si tratti di tre titoli free-to-play: questo potrebbe essere più di un indizio per ciò che ci aspetta nel futuro dell'industria videoludica. E non dimentichiamoci che proprio Epic Games ha reso tramite il suo Store disponibile al download gratuito (sebbene per un periodo di tempo limitato) un best-seller come GTA V, e da poco anche Civilization VI.


363

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
mattiaaloe

io però non riesco a vederlo completamente dalla tua prospettiva. Come ci sono persone che spendono di continuo per gratta e vinci o macchinette, ci sarebbero moltissime pippe che ci proverebbero tanto per.
Alla fine paghi nel tentativo di vincere più di quello che hai speso, ma se perdi per lo meno ti rimane l'esperienza di gioco e la consapevolezza di non aver sprecato totalmente il tuo tempo a tentar la fortuna.
Poi un sistema non ne nega un altro. Possono andare di pari passo con possibilità di scelta se fare tornei gratis o a pagamento. L'azienda guadagnerebbe in ogni caso solo che di più secondo me

Desmond Hume

Ma qui hai fatto come quelli che critichi

L0RE15

Sì, mi piace leggere a velocità ridotta almeno pongo attenzione alle cose invece di fare come quelli che leggono un libro in due ore e poi non sanno nemmeno farne il riassunto perchè in realtà han saltato righe e pagine.

Accapi

Comunque così per approfondire secondo me non è niente di stupefacente (il gioco è complesso decine di sviluppatori, grafici, creativi di ogni genere, solo mantenere i server costerà come il PIL di un piccolo stato) secondo me invece il gioco che ha la massima resa e minima spesa è Candy Crush (che fa ancora dopo anni quasi 700.000 dollari al giorno) che insomma un team di 5 persone potrebbe comunque svilupparlo e mantenerlo

makeka94

Si confermo, avevo contato tipo al secondo.

Accapi

Comunque a settimana sarebbero: circa 30 milioni di dollari (3000*60*24*7)

Accapi

è normale per i top player: fai conto che lordi (quindi fattutato): si stima che Clash of Clans faccia circa 1.000.000 di dollari al giorno

makeka94

Parlavo del fatturato non degli utili XD

LeoX

Sono stime basate sui risultati finanziari del publisher, quindi per definizione in eccesso ed al lordo delle tasse.

makeka94

Fortnite è chiaramente un gioco indirizzato ai bambini/ragazzini, ma non ci vedo comunque niente di male nel scegliere un modello di business basato sul:
"Il gioco è gratis poi se vuoi ti compri una maglietta in game a 20€."

makeka94

1'814'400'000 in una settimana? spero di aver sbagliato qualcosa

21

https://uploads.disquscdn.c... https://uploads.disquscdn.c... https://uploads.disquscdn.c...

LeoX

Adoro Fortnite, però devo dirlo, una volta comprato il pass battaglia non ci ho più speso un euro.
A dirla tutta è perché sono fortunato, nella cricca di amici siamo abbastanza tirchi, ma ci sono gruppi che ci mettono di brutto sui costumi!

LeoX

Dunque? Non capisco.

met

Da ormai quasi ex videogiocatore, rimasto sempre totalmente fuori dal giro dei multiplayer e ancor di più i free to play, ricordo ancora la prima volta che un mio collega mi ha descritto a parole lo "shoppare". Nello specifico di suo figlio che gioca a Fortnite.
Ecco, ci ho messo del tempo a farmi entrare in testa il concetto di spendere soldi veri per non avere nulla se non qualche vezzo estetico. Penso di aver chiesto conferma 10 volte, ma quindi non ti da nessun vantaggio in gioco? Ma quindi sono solo vestiti diversi?

gnafaccio

Non meno importante dei soldi il tempo trascorso giornalmente a friggersi il cervello con i videogiochi.
Una piaga di internet sono gli influencer, personaggi per lo più di basso cabotaggio epperò con quelle doti molto apprezzate nel settore: faccia da bronzo, parlantina spiccia e quella propensione a comportarsi come uno scemo in preda ai fumi dell'alcol.
Metti un adolescente a guardare uno di questi tizi che pubblicizza quel videogioco, i nuovi veicoli, la nuova giacca, il nuovo grattacielo, ed ecco che il conto inizia a salire.
Non solo per i videogiochi, vale per tutto

Ma assolutamente. Pure io ho un sacco di cose inutili, non l'ho mai negato. Rispondevo solo a chi dava del c0glione agli altri solo perché lui le cose initile le compra e e si giustifica, memtre tutti gli altri sono stupidi. La veritá e che in una certa misura lo siamo tutti, semplicemente in modo diverso

BRTsenzaimpegno

Non per criticare ma vorrei vedere a casa tua quante cose "inutili" hai...ognuno spende i soldi a modo suo, se io voglio farmi l estetica della mia macchina lo faccio perchè mi piace non per renderla più veloce. Ognuno ha la sua "fissa" per rendersi una persona felice, anche se sono soldi buttati a me rende felice l'estetica della mia macchina. Quindi penso che ognuno abbia bisogno di questo

Samuele Capacci

Fai l'abbonamento Disney plus a tua sorella. Non so se ci sia Dumbo ma prima o poi lo aggiungeranno.

Blackhat Dog

Anthem al 5-o posto.
Classifica del cavolo. Dov'è world of warcraft?

Actarus71

Come vuoi, lo immaginavo

PassPar2_

Dove hai letto i cinesi in questo post? Quindi vuoi negare la povertà in Pakistan?

Desmond Hume

"Anche il gioco è una cosa seria e va rispettato."

ah beh, direi che non sussistono le premesse per avere un dibattito serio.

Marcomanni

È lunga..

Cmq la tua stessa idea l'avevo ai tempi di halo 2. Ora non so se allora mi potevo definire un giocatore pro, ma qualche soldo lo feci. Poca roba, rapportata al tempo, per mezzo torneo in Europa mi sono qualificato e una foto sul giornale ci è finita. Per me il futuro era quello.di cui parli tu oggi, tornei a pagamento ma online con premio in denaro. Quasi 20 anni fa.

Quello che invece ho visto da allora è ben altro.
- uno skill cap che si è appiattito enormemente. Al tempo guardavo dal vivo i giocatori di unreal con gli occhi da cucciolotto. Oggi c'è cod...
- giochi come overwatch, troppo competitivi, che vengono abbandonati dopo una settimana da tutti quelli che non hanno ne mani ne testa per giocare.
- forme di tornei, che calzano ancora di più l'esempio, come le prove di Osiride che venivano giocate dal 5 per cento della mia lista amici perché l'altra ci prendeva schiaffi e basta tanto che non le aveva mai vinte.

In poche parole, alla gente non devi far capire che sono delle s3gh3 tremende, o smettono di giocare. In una situazione come quella che definisci tu, e che mi sognavo io al tempo, ci sarebbe un 90 per cento delle persone che si fermerebbe sempre, e dico SEMPRE, ben prima di arrivare ai premi. (Anche perché il 10 per cento restante giocherebbe 10 volte tanto loro).

Ti racconto altri due episodi di halo 2. C'era una classifica mondiale dei clan, fatta sulle vittorie. Eravamo nei primi 50. Molto bello. Non lho più vista in nessun videogioco questa cosa. Nessuno vuole giocare impegnandosi e scoprire che il proprio clan dopo un mese è al 576.632 esimo posto nel mondo.

Primo torneo italiano. Giochiamo contro 4 ragazzi che avevo in lista amici. Nei giorni prima erano fissi on line. Ci stava.... Probabilmente sentivano di avere una speranza. Nessuno ci conosceva... Non lo sapevano che ci eravamo fatti 4 anni del primo halo 10 ore al giorno collegati con un lag incredibile.
Prima partita 50 a 0. Seconda 50 a 1. Non so se puoi aver ben chiaro cosa vuol dire morire 100 volte e riuscire a fare una kill. Quei tizi non li ho più visti on line o quasi.

Quindi ti ripeto, scoprire di essere delle p1ppe assurde e che a cod riescono a fare una kill perché glielo permette il gioco, non piace a nessuno.

Actarus71

Mi sembri un pó 'padre padrone'... Anche il gioco è una cosa seria e va rispettato. Solo al mio cane tronco senza pensieri il lancio della palla.
Si pretende rispetto dai figli ma anche viceversa.
Ovviamente senza entrare nello specifico della situazione, poi in questo periodo internet è l'unico modo di comunicare coi compagni... Conosco tanti adolescenti in crisi che non vogliono più uscire di casa.. Bastoniamoli ancora

Flavio

Tu hai la fila che di ragazze che ti corrono dietro? ma chi ti crede

Flavio

E ti pareva che non facevi il tuo solito commento da sbruffone razzista! hai finito con gli insulti ai cinesi e passi ai pakistani?

Frankbel

Hanno rivisto il marketing e associato prodotti televisivi, quello ha fatto la differenza. Adesso sono molto lontani dalle difficoltà di quel periodo. Direi un incidente di percorso che non può gettare ombre su un marchio storico che ha visto diverse generazioni senza mai sostanzialmente cambiare.

Matteo Erbi

si ok ma non credo che nessuno meriti di esser chiamato ''pakistano puzzolente che gioca da una baracca'' non sono solo loro, ci sono anche tanti italiani che puzzano e giocano da una baracca. Stai mettendo diversità` tra persone in una frase dove commenti un gioco a cui giocano milioni di persone.

Paolo Rossi

Non so perché abbiano cancellato i suoi post, forse per una parola scurrile che aveva usato. Alla fine ci avevamo riso sopra. Per me era ovvio che stava trollando.

StadiaReborn

Al massimo li rubano ai loro genitori, mica lavorano i bimbiminkia.

c1p8HD

I giochi come tutto dovrebbero avere un prezzo chiaro, lo paghi e dopo però deve essere tuo. 3000 euro il minuto fa 1,5 miliardi l'anno di incasso e secondo te è normale si? La gente ha buon senso secondo te si?

JUDVS

No, non hai capito. Con "competitive" intendo di fattibile per dei tornei intrattenenti

Col tipo di gameplay che ha non sarebbe mai adatto per fare dei tornei che risultino anche intrattenenti

Io267

Appunto, tu praticamente paghi l’aggiornamento delle formazioni 60 euro ogni anno (è un tu generico non riferito a te), ma comunque non è solo quello, ormai chi compra fifa lo fa per giocare online e online è programmato malissimo, non importa se sei bravo o meno, appena dopo il fischio d’inizio il gioco ha già deciso se devi vincere o perdere per questo ho detto che gratis è l’unico prezzo corretto per quel gioco

Body123

Beh un libro motivazionale non lo definirei tecnico. Un film potrebbe darti molti più spunti di conversazione con la maggior parte delle persone che incontri, anche di età molto diversa, mentre un videogioco può dare uno spunto di conversazione solo tra gamer di quello specifico gioco. Una bella differenza direi.

Body123

Sono anni che ho smesso di giocare in generale, ormai gioco solo a Fifa con gli amici una volta l'anno a casa di qualcuno e a me pare sempre lo stesso, un anno più veloce, un anno più lento, poi di nuovo veloce ecc. ma non vedo sostanziali differenze.

Io267

“L’unico uomo che non sbaglia è l’uomo che non fa mai niente”

Ma anche io, però lo riconosco e non critico gli altri per sentirmi migliore. la verità è che siamo tutti umani e prendiamo pessime decisioni, siamo fatti così. Spero che coloro che leggeranno sta discussione lo capiranno

Io267

Vista la qualità del gioco “gratis” è l’unico prezzo corretto

Marco Longobardi

Ahahah me compreso in realtà, non ubriaco marcio, ma ne ho fatte di scemitá per cercare di apparire figo, il fatto è che credo che ognuno a modo suo l'abbia fatto, soprattutto nel periodo adolescenziale che guarda caso è proprio il targhet di questa tipologia di giochi

Esatto. Che poi chiariamoci, sono tutte putt4n4te, ma da quale pulpito si criticano quelle degli altri quando siamo i primi a farle. Ma a sto punto meglio le skin su fortnite di chi si fuma le sigarette o si ubriaca marcio per sembrare più figo. E sonosicuro che almeno il 99% di chi va contro le skin di fortnite lo ha fatto almeno una volta nella propria vita

Account Anniversario

Ecco si bravo, aria.

Marco Longobardi

Ma la società è fatta di parti, a me non frega nulla se chiara Ferragni mi nota per come sono vestito, ma esistono persone che sverrebbero per essere notate da lei. Poi ognuno secondo i suoi gusti trova delle cose sceme o belle, tipo io non riesco a vedere i ragazzini che vogliono emulare il modello americano con i cappellini a visiera, le felpe, il rap ed andare al fast food piuttosto che in pizzeria, preferisco addirittura chi compra le skin a questi, ma sono semplicemente diversi da me, io non sono nessuno per giudicare gli uni o gli altri.

Quello ostile al dialogo in un blog pubblico sei te, non io
Quello che ha espresso al mondo la sua opinione sei te, non io
Tra l'altro lo fai dando dei c=glioni agli altri ma ti comporti come tale
Detto ciò, appurato che non ha senso parlare con te, ti saluto e ti auguro una buoan giornata

perchè tu non vivi in quel mondo e tendi a giustificare gli acquisti inutili che fai. Che poi farei anche un discorso sulla qualità delle persone che nella vita reale vai ad attrarre comprando oggetti costosi e quant'altro, soprattutto sulle ragazze .. ma non voglio addentrarmi
La morale è che tendenzialmente entrambe le cose sono sbagliate: nella vita reale conta la personalità e nei videogiochi il talento di chi gioca, ma la percezione (sbagliata) porta la gente a comprare robe inutili solo per consolidare la propria posizione nella cerchia sociale di cui fa parte, giocatori virtuali o "amici" reali

Desmond Hume

Con la tua comprensione del testo ne avranno guadagnati molti di più in effetti

Mao Tze

Un libro tecnico è un conto, ma visto che siamo dentro una conversazione riguardante l'intrattenimento davo per scontato che si prendesse in considerazione solo quel lato delle cose.

Ma un libro di narrativa?
Un film?
Un quadro?

Tutte cose che non sono realmente tangibili, sono solo un mucchio di informazioni che risiedono dentro la nostra memoria.

Body123

Ma il punto è che per me c'è una enorme differenza tra sentirsi più fighi nei confronti della società nel suo complesso (e non solo della tua cerchia di amici che magari sono nerd come te) e sentirsi più fighi nei confronti dei gamer di quel gioco.

Esattamente, il concetto è questo: ogni persona vive "nel suo modno" e da importanza a persone e cose diverse, anche se ha amici che giocano a fortnite. Altrimenti i soldi non li spenderebbe (cosa che molti giocatori non fanno infatti)

Body123

Come no, il contenuto di quel libro ti potrebbe far apparire migliore agli occhi degli altri perché dimostri di essere una persona colta, che sa conversare di vari argomenti, potrebbe contribuire a far innamorare una persona di te, potrebbe spronarti a migliorare la tua vita in caso di un libro motivazionale, potrebbe farti acquisire nuove conoscenze e trovare un nuovo lavoro (ad esempio un libro che ti insegna a programmare) ecc.

La (mia) postazione da Rog Fan: dallo Smartphone al PC fino allo Zaino | Video

F1 2020 sta per arrivare: lo abbiamo provato, ecco le prime impressioni

Recensione Final Fantasy VII Remake: reinterpretare un classico

Nostalgia dei giochi di società? Ecco le alternative online per divertirsi insieme