Facebook pensa a una piattaforma di cloud gaming per rivoluzionare il VR con Oculus

22 Maggio 2020 18

Oculus ha da poco festeggiato il primo compleanno dei suoi due visori Quest e Rift S, celebrando con l'arrivo dell'atteso supporto all'hand tracking su Quest, e una serie di sconti e novità. Ed è stata anche l'occasione per tirare un po' le somme del progetto Oculus nel complesso, e parlare del futuro: a farlo è stato Jason Rubin, vicepresidente di Facebook Special Gaming Initiatives (che è proprietaria del marchio Oculus), in un'intervista rilasciata ai colleghi di Protocol.

La peculiarità di Oculus Quest, ciò che lo differenzia dagli altri visori, è il fatto di essere stand-alone, cioè capace di funzionare anche in maniera completamente indipendente da un computer o una console. Ovviamente la libreria di titoli che può eseguire contando sulle sue sole forze deve fare i conti con alcuni compromessi, come spiega Rubin:

Non accadrà presto che un dispositivo portatile abbia la stessa grafica di un PC, per semplici ragioni di fisica, batteria e dissipazione del calore.

Però assicura che i titoli tripla A arriveranno anche su Oculus Quest: il punto è definire cosa si intende per un titolo tripla A. Secondo Rubin, se si fa riferimento al solo aspetto grafico, allora non c'è discussione: non puoi mettere sulla faccia di un utente tutti quei complessi sistemi di dissipazione che permettono ad un computer da gaming di funzionare in maniera efficiente. Ma c'è pur sempre un modo per farlo che non richiede cavi:

"Lo si può fare tramite lo streaming wireless, e questo con ogni probabilità succederà relativamente presto. [...] Ma se lasciamo da parte la qualità grafica per un istante, e parliamo di profondità dell'esperienza, di longevità, di cura, allora in questo senso penso che arriveranno produzioni fantastiche sulla piattaforma Quest, e penso anche che sarà possibile giocarli nel prossimo anno, indicativamente"

Per Facebook, spiega Rubin, Oculus può rappresentare una grande opportunità per il cloud gaming (ricordate l'acquisizione a fine 2019 di PlayGiga?). Tuttavia, precisa anche che non si tratta di un progetto imminente, ma di qualcosa che richiede tempo e su cui però in azienda hanno già cominciato a ragionare seriamente, per capire come la tecnologia cloud potrà rivoluzionare la realtà virtuale (e non solo in termini di applicazioni ludiche).

"Alla fine metteremo tutto l'hardware in una server farm e trasmetteremo i contenuti in streaming direttamente sui visori. Molte persone potrebbero pensare che serva un milione di anni. Non serve un milione di anni. Ma neanche cinque anni. Diciamo una via di mezzo".

Nessuna indicazione precisa, quindi, con l'ironia che apre un ampio margine tra i due estremi temporali - il milione di anni, e poi i cinque. D'altra parte, proprio oggi vi abbiamo parlato di come Facebook stia già studiando il modo di integrare lo smart working tramite la mixed reality.


18

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Gianluka92

No, purtroppo non è solo un mio caso. Ho letto di tanti che hanno avuto problemi simili al mio.

Nuanda

Beh un cado sfortunato può capitare, io ho il Quest dal dayone e manco mezzo problema.... purtroppo capitano cadi sfortunati

Gianluka92

Io ho preso il Rift S e mi è rotto così dal nulla e sto da più di 2 settimane senza aver ottenuto alcun supporto reale se non chiacchiere via chat

Massimo Antonini

Una via di mezzo? inteso via di mezzo di 5 anni o tra 5 anni e un milione di anni? perché in quel caso la via di mezzo è 500.000 anni

GeneralZod
Nuanda

Sul fatto che sia scomodo hai perfettamente ragione

Riccardo Cucurullo

idem,una rivelazione...tanta tecnologia racchiusa purtroppo in un visore scomodo..ancora sto cercando la soluzione migliore per rendere migliore l indossabilità

Riccardo Cucurullo

con virtual desktop va una meraviglia! giocare senza fili magari in una stanza accanto a quella dove sta il pc,in estate potrebbe essere sacro santo..ma togliere il filo ti da una liberta incredibile.
pensa a chi ha un giardino e puo davvero entrare nel mondo virtuale,camminando ecc.

Riccardo Cucurullo

in verità da questa settimana si puo utilizzare anche un cavo usb 2.0 abbattendo i costi e la barriera d ingress

Riccardo Cucurullo

si si chiama shadow ma in italia ancora non è uscito

Simone de Falco

Grande jojo. Sto vendendo ultima stagione.

Nuanda

Si con l'ultimo aggiornamento puoi, ma molti dicono che la qualità sia migliore usando virtual desktop e wifi 5ghz...io non ho un pc per giocare, non ti saprei dire...

GeneralZod

Volendo si può usare anche un PC con TypeC Gen 2 (10 Gbps) e cavo buono, giusto?

Nuanda

In realtà già c'è gente che gioca ad Alyx su Quest con un pc in cloud e funziona pure a meraviglia, l'unica cosa è che economicamente costa tipo 3 euro l'ora...

Nuanda

Di grazia un cosa non sarebbe resistente o efficiente un Quest? É il miglior acquisto tecnologico che ho fatto l'anno scorso e che rifarei senza neanche pensarci zero volte...

Gianluka92

Pensassero a farli più efficienti e resistenti...

Andrej Peribar

Qui tutti parlano di rivoluzione e poi le montagne partoriscono i topolini.

Pip

"Non accadrà presto che un dispositivo portatile abbia la stessa grafica di un PC, per semplici ragioni di fisica, batteria e dissipazione del calore."

Mi è venuto un flashback della prima stagione di JoJo, quando ogni due secondi i vari personaggi perdevano due minuti per dare spiegazioni ovvie e assolutamente non necessarie su quello che era appena successo...

Comunque, sticaxxi dell'inutile cloud, quando tornerà disponibile il rift s? Possibile che stia vendendo così tanto da non riuscire neanche a produrne abbastanza?

The Last of Us Parte II: le nostre prime impressioni (senza spoiler!)

Xenoblade Chronicles Definitive Edition: la Monade torna su Switch | Recensione

La (mia) postazione da Rog Fan: dallo Smartphone al PC fino allo Zaino | Video

F1 2020 sta per arrivare: lo abbiamo provato, ecco le prime impressioni