Nioh 2, il titolo Team Ninja raccontato dal producer Yasuda. Per la co-op serve il sakè

02 Marzo 2020 4

Nioh 2 si mostra su Youtube in un video commentato dal producer Fumihiko Yasuda. L'ultima fatica di Team Ninja e Tecmo Koei debutterà il prossimo 13 marzo.

La demo del titolo è stata disponibile su Playstation Store dal 28 febbraio al 1° marzo: chi non fosse riuscito a provarla o a ultimarla, può farsi un'idea di come sarà il gioco tramite il "developer gameplay trailer" di circa otto minuti qui sotto, che ne evidenzia alcune delle meccaniche salienti.

Come vi avevamo anticipato circa un mese fa, quando avevamo avuto l'occasione di provare il gioco in anteprima, tra i punti forti del titolo annoveriamo la cornice narrativa e la sua ambientazione: un Giappone feudale dai toni molto scuri, corrotto dall'invasione dei demoni Yokai e acceso dagli effetti particellari degli scontri.

Il livello mostrato è lo stesso vista nello demo, il "Mount Tenno", ma con alcune differenze dal momento che si tratta della versione definitiva. La sessione di gameplay si concentra in particolare sulle battaglie e sull'approccio strategico che accompagna l'azione: ad esempio il terreno paludoso costringerà il giocatore ad adottare una tattica più conservativa, preferendo attacchi a distanza. Gli Yokai non saranno solo nemici, ma anche delle armi: sarà infatti possibile trasformarsi in battaglia nelle stesse creature demoniache che abbiamo affrontato, scagliando colpi letali.

In questo senso, come in qualsiasi soul-like che si rispetti, un aspetto cruciale sarà comprendere il pattern offensivo dei vari avversari in modo da poterne sfruttare le aperture e realizzare delle parate che ne interrompano la sequenza d'attacco. Un altro aspetto da considerare sarà l'uso di attacchi elementali a seconda delle debolezze dei nemici.


Ci sono poi due aspetti più curiosi. La prima è la presenza di una - citiamo Yasuda - "sorta di co-op" online che si può attivare offrendo idealmente del sakè a un compagno, e che permette di affrontare in due alcune sessioni impegnative. La seconda invece ha a che fare con uno Yokai "speciale", anomalo rispetto ai suoi cugini dalle forme partorite da un incubo: si chiama "Scampuss" ed è una sorta di gattino sferico con il quale interagire per ottenere alcuni effetti benefici, oltre al semplice fatto di poterlo ammirare a schermo mentre ci segue rotolando senza tema e senza posa.

Non manca molto: ancora qualche giorno e potremo provare tutte queste cose con mano.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giu P
Simone

la difficoltà era basata sul fatto che le sezioni di gameplay proposte erano a storia inoltrata.

BLOW

Non fa per me non ho più 100 ore come i final fantasy a disposizione

V1TrU

Demo provata, dovrebbero migliorare la curva di difficoltà e aumentare la grandezza dei font.

Nonostante tutto sarà un gran bel gioco

Xenoblade Chronicles Definitive Edition: la Monade torna su Switch | Recensione

La (mia) postazione da Rog Fan: dallo Smartphone al PC fino allo Zaino | Video

F1 2020 sta per arrivare: lo abbiamo provato, ecco le prime impressioni

Recensione Final Fantasy VII Remake: reinterpretare un classico