Recensione DJI Action 2, il futuro è magnetico

04 Novembre 2021 23

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Chiunque si approcci ad una nuova action camera si pone probabilmente le stesse domande e viene assalito dai medesimi dubbi su budget, modello e caratteristiche da ricercare. La qualità video è ormai piuttosto allineata sui migliori modelli, a fare la differenza sono infatti stabilizzazione, funzioni e accessori, tre sfere che completano o meno l'esperienza d'uso e determinano la vera qualità di un prodotto simile. Ma DJI è voluta andare oltre con la Action 2.

Cambiare quasi completamente l'approccio significa ripensare al design e al tipo di fruizione, scardinando i classici pilastri. Ci vuole coraggio a farlo e devo riconoscere a DJI il merito di aver esplorato con piccoli ma decisi passi una nuova direzione, tutta incentrata sui magneti. La cosa di certo non mi dispiace, li ho apprezzati sul gimbal Osmo Mobile 4 e ancor di più sull'Action 2 che sto provando da una settimana. La sua modularità mi ha sorpreso, incuriosito e, soprattutto, facilitato nell'utilizzo in tutte le situazioni grazie agli accessori in dotazione.

COM'È FATTA

Quando ci si approccia alla Action 2 bisogna subito capire che non si è davanti ad un dispositivo singolo, per quanto possa possa tranquillamente portare a termine il suo lavoro senza l'ausilio di alcunché, mostra la sua vera natura se associata ai suoi moduli companion e vari accessori. Ne parliamo però fra un attimo, vi voglio innanzitutto raccontare di cosa sia capace.

Il piccolo cubo pesa meno di 60g (56g per essere esatti, cento in meno di una GoPro Hero 10 Black) e integra in pochi millimetri (39 × 39 × 22.3 mm per la precisione) tutto ciò che serve, compreso un luminosissimo display touch posteriore da 1,76 pollici che risponde bene ai comandi e permette un'interazione precisa. Sia quest'ultimo sia il vetro che sta davanti l'obiettivo sulla parte anteriore sono protetti da Gorilla Glass e promettono una buona resistenza agli urti, ma nessuno si aspetti miracoli. Per le riprese più avventurose il case protettivo è imprescindibile, per quanto lo chassis in lega di alluminio dia l'idea di robustezza, il vetro resta vetro.

Un singolo pulsante cliccabile in alto al centro per accensione/spegnimento e avvio/stop delle registrazione o scatti, per tutto il resto c'è il display o l'applicazione DJI Mimo, completissima e capace di connettersi velocemente per mostrare su un pannello decisamente più grande le immagini in tempo reale.

Al di sotto c'è poi un aggancio pogo pin (8 in tutto) con potente magnete annesso, fulcro del nuovo concetto di modularità che svela l'essenza stessa della Action 2. Basta trovare una superficie metallica per agganciare la piccola action camera e "dimenticarsene", la cosa può essere molto comoda se non si ha a disposizione un supporto o accessorio dedicato.


  • Sensore d'immagine: 12MP da 1/1.7” CMOS, FOV 155°, f/2.8
  • Stabilizzazione: Electronic Image Stabilization, RockSteady 2.0, HorizonSteady
  • Display: 1.76 pollici con densità di 350 ppi
  • Video:
    • 4K (4:3): 4096×3072 @ 24/25/30/48/50/60 fps
    • 4K (16:9): 3840×2160 @ 100/120 fps
    • 2.7K (4:3): 2688×2016 @ 24/25/30/48/50/60 fps
    • 2.7K (16:9): 2688×1512 @ 100/120 fps
    • 1080p: 1920×1080 @ 100/120/200/240 fps
  • Slow Motion:
    • 4K: 4x (120 fps)
    • 2.7K: 4x (120 fps)
    • 1080p: 8x (240 fps)
  • Foto: risoluzione 4000×3000 pixel, ISO range 100-6400
  • Batteria: 580 mAh (operatività di circa 70 min)
  • Connettività: WiFi ac dual-band 5GHz, BT 5.0
  • Resistenza all'acqua: 10m (60m con il case waterproof)
  • Dimensioni e peso: 39×39×22.3 mm, 56g

I MODULI, GLI ACCESSORI E L'APPLICAZIONE

L'Action 2 prende comunque vita quando si associa ad uno dei suoi componenti aggiuntivi, DJI la commercializza infatti in due diverse combo che prevedono un modulo "Dual-Screen" oppure uno denominato "Power". Sono due cubi altrettanto grandi, non impermeabili e quasi speculari a quello principale ma con funzionalità differenti: la prima vanta infatti un altro display da 1,76 pollici che, una volta agganciato, si pone frontalmente e mostra a chi sta registrando gran parte dell'inquadratura (non tutta, ricordiamoci che è quadrato). Ha anche una sua batteria (1.300mAh) che fornisce energia al modulo principale, una porta USB-C per la ricarica e lo slot microSD.

Il secondo funge invece da semplice powerbank (1.300mAh) e hub porte, le stesse appena citate; costa ovviamente meno e abbassa il prezzo della combo. I moduli sfruttano i magneti e lo stesso accade con gli accessori, dal supporto con testa sferica all'adattatore che permette l'aggancio ai vari manici, per concludere con il cordino magnetico e l'ottica macro da applicare in un istante.

Il touchscreen è preciso e il sistema gira sufficientemente bene, tuttavia in certi momenti rallenta leggermente anche a causa delle alte temperature che si raggiungono dopo qualche decina di minuti di registrazione. Uno dei limiti è proprio questo, mi è capitato che interrompesse almeno un paio di volte la registrazione dopo circa 15 minuti consecutivi (sia a 1080p sia in 4k). L'interfaccia del piccolo display è abbastanza chiara e completa, quando bisogna cambiare modalità di registrazione le cose si complicano un poco e passare da una all'altra non è sempre così scontato.


Decisamente più chiara e funzionale l'applicazione su smartphone (DJI Mimo), capace di fornire tutte le informazioni necessarie con la massima chiarezza e un lag praticamente azzerato delle immagini. Ciò che si vede infatti sul telefono è praticamente allineato alla realtà, la differenza è di qualche centesimo di secondo.

Si può anche lanciare un live streaming dalla stessa Action 2 quando connesso all'applicazione, al momento sono supportati tuttavia soltanto YouTube e Facebook.

LA QUALITÀ VIDEO

Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla stabilizzazione Rocksteady 2.0 e dal HorizonSteady, riescono infatti a compensare molto bene tremolii e movimenti bruschi ma con una doppia limitazione: l'EIS non è supportato infatti oltre i 100fps e l'HorizonSteady funziona soltanto a 1080p (16:9) e 2.7K (16:9). Niente 4K per quest'ultima funzione, cosa che invece ritroviamo sulla diretta concorrente Hero 10 Black. Questo non significa che alla massima risoluzione (4K a 120p) diventi inutilizzabile, semplicemente si ha una minore compensazione, a dimostrarlo anche le tante clip che ho realizzato con queste impostazioni come quella a seguire:

Sulla qualità pura delle immagini ci sono diverse valutazioni da fare: di default la Action 2 ha un profilo che definirei "flat", dunque colori poco vividi e maggior gamma dinamica in certe condizioni - vedi il controluce - e qualche dettaglio che si perde inevitabilmente quando va giù la luce ambientale. I file generati sono compressi e non certo editabili come se avessimo una fotocamera vera con profilo più neutro, nel confronto diretto con la Hero 10 Black perde poi qualcosa.

Quest'ultima mostra dei passaggi più fluidi ed una gamma dinamica maggiore in controluce, se dovessimo quindi decretare un vincitore su tale profilo (e anche sulla stabilizzazione ad alta risoluzione) non ci sarebbero molti dubbi, la Hero 10 Black è un passo avanti.

CONCLUSIONI

Mi piace il nuovo approccio, a mio parere DJI è riuscita a rendere questa categoria di prodotto più interessante anche ai meno sportivi e avventurieri. La Action 2 potrebbe essere un'ottima soluzione per chi bazzica nel mondo dei vlog o, semplicemente, per chi ama raccontare storie in movimento e non ama le attrezzature ingombranti; penso anche a chi desidera qualcosa di piccolo e portatile da utilizzare in ambienti interni, stando tuttavia attenti alle condizioni di luce (dalle action cam non ci si può aspettare troppo).

I problemi di surriscaldamento andranno risolti in qualche modo, la miniaturizzazione degli elementi e l'utilizzo di un case tanto bello e leggero, ma forse poco funzionale sotto il profilo della dissipazione lascia infatti qualche dubbio per chi desidera invece utilizzare le action cam per lunghi periodi. Se fate parte di quest'ultima categoria vi consiglio di guardare altrove al momento.

Purtroppo la mia prova è stata viziata dall'aver avuto solo e soltanto a disposizione la combo Dual-Screen, la migliore e più funzionale, non saprei quindi dare un consiglio oggettivo su cosa scegliere tra le due configurazioni: è innegabile che avere un display frontale è molto comodo e, personalmente, non ci rinuncerei.

PRO E CONTRO
DESIGN A CUBOPESO CONTENUTO AGGANCI MAGNETICI STABILIPREZZO BASE RISPETTO ALLA CONCORRENZAPOCO RUMORE DI FONDO IN NOTTURNAMEMORIA INTERNA DI 32GB
SURRISCALDA E INTERROMPE REGISTRAZIONEINTERFACCIA SU DISPLAY MIGLIORABILEMANCANZA JACK DA 3.5MM PER MICROFONI ESTERNI
VIDEO


23

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Matteo Rossi

Producila tu e vendila a meno

Squak9000

qualsiasi actioncam al buoi è nammerda...

uncletoma

Ok, fantastica, ma per runner, ciclisti. motociclisti, automobilisti, scalatori, eccetera?
Ma è un'idea geniale applicata ad mentula canis?
Chiedo.

Danylo

Se la si usa per sciare (o simili) il surriscaldamento non e' piu' un problema.

NEXUS

ah beh certo, una action cam ha una teconlogia troppo complessa, 500 euro va bene ahaah

Simone

GoPro voleva rubare il mercato dei droni a DJI, finirà con quest'ultima che sottrae alla prima quello delle action cam.

erone dalessandria (Brad Ip)

Al minuto 2:40 vengo inquadrato mentre cucino.

Matteo Rossi

Se certo, gratis

NEXUS

figata ma dovrebbe costare 200 eu

NEXUS

ma stai zitto

TheAlabek

Quindi abbiamo l'erede della gopro session?
Non sarebbe male

G.Crisci

Gabriele tu hai notato se aveva il buco passente per attaccare il classico laccetto da polso? (quello che si usa quasi sempre sulle macchine fotografiche compatte come sicurezza nel caso dovessero scivolare di mano per capirci )

Tiwi

preferisco la gopro

Marco Beda

assolutamente sì stavolta..

Marco Beda

è un aborto sta action 2 e lo scrivo da estimatore dei prodotti dji..... la prima osmo action l'ho usata tantissimo e continuerò ad usare lei al posto di sto sgorbio in alluminio e calamitata.

KenZen

ma 'sti qua oggi non dovevano presentare nuovi droni?
Saluti

WauMau

non credo, ci saltava piano con pure la catena con contromagnete...su acciaio a 200 Km con vento e scosse impossibile

ijskdldsad

Il magnete e' abbastanza potente per rimanere attaccato al serbatoio di una moto?

1984

come se la cava al buio?

Gabriele Arestivo

Ciao, ho chiarito e aggiunto qualche info nel pezzo in cui ne ho parlato, tuttavia bisogna considerare che sono in possesso di un primissimo modello e tali spegnimenti non sono stati identici, oltretutto il tempo di raffreddamento è anch'esso relativo. Se ci pensi, basta essere fuori al freddo per avere condizioni molto diverse da una stanza con 25°C

gino123456

bella l'idea di avere tutto chiuso con memoria interna così non da rischiare con gli sportellini.

della calamita non mi fido nemmeno se mi pagano, e pure chi ha fatto il video visto che non la metteva sulla maglia con il modulo aggiuntivo

BerlusconiFica

vai di gopro

Maurizio P.

Scusate, credo che manchi un pezzo nella recensione testuale. Alla fine vengono citati problemi di surriscaldamento senza che se ne parli nell'articolo. Dopo quanti minuti si surriscalda? A che risoluzione e fps? Quanto tempo bisogna aspettare prima che si possa riprendere ancora?

Recensione Sony Alpha 7 IV: l'evoluzione della specie | Video

Apple AirPods 3 ufficiali con Spatial Audio a 199 euro | Disponibili su Amazon

Recensione Fire TV Stick 4K Max: piccolo upgrade, solito ottimo prezzo | Video

Sky Glass, ecco il TV di SKY con Dolby Vision e soundbar Atmos | In Italia nel 2022