Oggi è la Giornata Mondiale della Fotografia: perché proprio il 19 agosto?

19 Agosto 2022 45

Forse non tutti sanno che oggi, 19 agosto, si festeggia la Giornata Mondiale della Fotografia che, come ogni evento che si rispetti, ha il suo hashtag personale: #WorldPhotographyDay. Le origini risalgono al 1837: il 19 agosto di quell'anno Louis-Jacques-Mandé Daguerre inventò il dagherrotipo (immagine d'apertura, che realizzò con il contributo del suo amico e collega Joseph Nicèphore Nièpce), considerato il primo procedimento fotografico per lo sviluppo di immagini. La scelta del 19 agosto è stata presa nel 2010 su proposta del fotografo australiano Korske Ara.

CHI ERANO NIEPCE E DAGUERRE

Joseph Nicèphore Nièpce è nato nel 1765 a Chalon-sur-Saône, in Francia, ed è stato inventore, ricercatore e fotografo. Viene considerato l'autore del primo scatto fotografico di sempre, Le Point de vue du Gras (Vista dalla finestra a Le Gras, 1827). Si tratta di una eliografia storica, la foto più antica di sempre, e nonostante questo andò persa fino ad essere ritrovata nel 1952 dallo storico Helmut Gernsheim che riconobbe il valore dell'opera: non si trattava infatti di una copia di un'incisione, ma di una vera e propria eliografia originale ripresa tramite mirino.

Vista dalla finestra a Le Gras - Credits: Google Arts&Culture

L'immagine è impressa su una lastra di rame e argento ricoperta di bitume di Giudea e riprende il panorama fuori dallo studio del fotografo a Saint-Loup-De-Varennes (ora museo): ovviamente in bianco e nero, e con una qualità decisamente scarsa, così come la messa a fuoco. Ha richiesto un'esposizione di 8 ore! Nonostante ciò questo scatto risulta essere inestimabile. Da qui è nata la fotografia intesa come tecnologia ed arte.

Louis-Jacques-Mandé Daguerre (Cormeilles, Senna e Oise, 1787) era pittore e decoratore teatrale. A lui si deve lo sviluppo della camera oscura (antenata della fotocamera), nel 1837 - dopo aver collaborato con Nièpce - inventò la degherrotipia che consentiva di ridurre incredibilmente il tempo di esposizione (da diverse ore a una decina di minuti). Il dagherrotipo è un'immagine costituita da un'unica copia positiva e non riproducibile, impressa su un supporto in rame argentato tramite camera oscura (una scatola di legno con fessura per la lastra e obiettivo fisso), sviluppata con vapori di mercurio e lavata con sale marino per interrompere il processo di ossidazione.

Credits: Google Arts&Culture

Ora, a distanza di quasi 200 anni da allora, la fotografia è decisamente cambiata: meglio, sono cambiati gli strumenti e le metodologie, ma il concetto è rimasto sempre lo stesso, ovvero scrivere con la luce (photos, luce + graphia, scrittura). Oggi per fare una bella foto basta addirittura uno smartphone (QUI trovate qualche consiglio su come ottenere buoni risultati): mai Nièpce e Daguerre avrebbero pensato che si sarebbe arrivati a questo!

Quest'anno l'evento viene esteso ad una intera settimana (da oggi fino al 26 agosto). Sono tante le iniziative, alcune informazioni le trovate al link nel VIA.


45

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
NULL

Venditore farlocco, ha cancellato l'ordine. Falso allarme.

GuessWho'sGuest

A quanto era?

MatitaNera

E da lì inizio' la falsificazione della realtà

Sbagliata.
E non è l’unica presunzione che hai, spero che le altre siano motivate da professionismo e premi blasonati nel mondo della fotografia… Altrimenti visto che ti piace etichettare prova ad immaginare quale ti potrei dare. In ogni caso ciao.

Cloud387

Vabbeh ma qui sembra che tutti prima degli smartphone avessero solo macchine fotografiche reflex.

Ricordiamoci le mitiche usa e getta e classiche fotocamere con rullino manovella per arrotolare il rullino finito.

Sobotame Tanlistes
Il corpo di Cristo in CH2O

"sappi che non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace"

tutte le volte che leggo questa frase penso a come possa essere stata storicamente coniata per distruggere l'arte da chi l'arte la dovrebbe amare.
eh va beh, a distanza di anni i risultati sono palesi.

AC MILAN

Se mai un giorno dovrebbero cadere tutti i server…vuoi per una bomba atomica, vuoi per i meteoriti, vuoi perché succedere un’altra cosa…non rimarrà nulla…però è anche vero che se accadesse una di queste teorie non rimarrebbe nulla neanche in formato fisico…

HeySiri

A me cringia il "QUI trovate qualche consiglio su come ottenere buoni risultati"

E K

Concordo, ma rimane sempre la mano del fotografo quella che sancisce se una foto é bella o se é un purgante con "linee storte perchè artistiche"

Sobotame Tanlistes

1-sappi che non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace
2- ne consegue che secondo me le "belle foto" a cui ti riferisci sono per "noi" foto artistiche, noi ci accontentiamo di foto belle perchè rappresentano bei momenti e bei panorami

3-sappi che il "nativo digitale" che ha speso uno stipendio per comprare "inutili gadget" (smartphone, actioncam ecc) riesce a portare a casa foto e video brutti e belli, da mostrare ai parenti che magari non possono muoversi; foto da tenere in memoria perchè quando mesi/anni dopo si va al bar, basta un "gadget inutile" per "rivivere" bei momenti, per tutte queste cose non deve per forza essere una foto artistica.

Non tutti abbiamo quel gene dell'artista sbloccato nel nostro DNA, ma grazie alla tecnologia possiamo imitare voi artisti e a catturare bei momenti, ovvero belle foto.

Kodak

Quoto, tutto ed apprezzo l’articolo.
Per il resto, ci sono Smart che fanno foto incredibili, roba inconcepibile fino a qualche anno fa.

comatrix

Ero a conoscenza della storia avendo fatto grafica (è incluso nel marketing come segmento ovviamente), ma fa piacere che finalmente HDBlog pubblica articoli interessanti come questo, grazie mille, davvero (e dovreste farlo più spesso)

comatrix

Senza offesa, allora chiamiamoli scatti ma non foto, se si capisce cosa intendo

LaVeraVerità
Se lo dai ad uno capace

E' questo il punto, il manico non l'attrezzo.

Non vedo cosa ci sia di sbagliato.

Ikaro

Un tempo i limiti tecnici del mezzo smartphone erano evidenti, semplicemente era un terno al lotto avere una foto lontanamente guardabile e non potevi neanche ingegnarti "giocando" con gli evidenti limiti del mezzo e trasformarli in qualcosa di artistico, perché anche quelli producevano un effetto di merd@... Oggi non è così

E K

Difatti mi ha spiazzato. Non ci ho capito nulla io a quanto pare.

NULL

Grande Amazon! Sony Alpha 7 III a metà prezzo per la giornata della fotografia.

ikaro

E cosa c'è di sbagliato, c'è scritto bella foto non foto da mostra o da rivista (e ti dirò molti fotografi professionisti hanno potuto fare mostre col materiale che produce un cellulare)

rsMkII

Da amante della fotografia con reflex ti dico che stai esagerando e tirando su una polemica sul nulla, perché il significato di quella frase era tutt'altro. Non voleva dire "si ottiene una foto professionale da mettere in mostra", bensì che se lo dai a uno capace riesce a inquadrarti una scena in modo soddisfacente anche con uno smartphone. Ovvio, non andrai a stamparla su una parete, ma cerca di avere la mente elastica.

rsMkII

Invece è vero, la mano del fotografo può fare miracoli e la composizione è una delle cose più importanti. Se prendi una medio formato con ottiche da 10k euro o più e la dai a un cane, otterrà una foto peggiore.

rsMkII

Ottimo articolo, interessante! :)

LaVeraVerità

Semantica ed insiemistica non sono equivalenti, mescolarle porta a fraintendimenti. Rianalizza da principio e ritenta.

Andreunto

Eppure ha appena affermato che con lo smartphone non tiri fuori belle foto

LaVeraVerità

"Voi" è la presunzione che "tu" faccia parte della categoria citata.

E K

La sua critica non era all'oggetto ma alla frase di Bontempi che "basta" uno smartphone per fare belle foto...mi unisco a LaVeraVeritá del dire "stog4z!" ogni oggetto che scatta foto non garantisce una bella foto, "basta" un buon fotografo e ti fa una bella foto anche con un dagherrotipo.

Fabrizio

Sarebbe meglio "basta addirittura un bravo fotografo, a prescindere dall'attrezzatura"

LaVeraVerità

No, con lo smartphone puoi tirare fuori foto nitide, con colori plausibili, non belle foto.

Tu stai giudicando il fattore tecnico-artistico, che sicuramente ha senso.
Ma la fotografia non è solo quello esistono varie tipologie se esiste la fotografia di Duchamps esiste anche quella di Robert Capa e Gerda Taro.
Quello che si vuole dire è che Duchamps da un dagherotipo ti potrebbe tirare un capolavoro, la Taro forse no (esempio considerando tipo di fotografia/tempi).
Se la zia fa la foto del nipote che prima era incomprensibile mentre oggi la rende felice... allora SI, fa belle foto.
PS. Forse lo sai ma dare del "VOI" a chi non conosci se non è maiestatis è un offesa.

E K

E proprio oggi mie é arrivato il revuenon 50mm 1,4 della fine dei '50. Festeggerò alla grande!

T. P.

io attendo la fotocamera integrata nell'occhio!!! :)

Castoremmi

Beh è vero, basta essere capaci. Lo strumenti aiuta ma è l'abilità del fotografo e della post produzione a rendere "bella" una foto.

Andreunto

Esatto, ma questo va in contrasto diretto con la tua prima affermazione. Con lo smartphone puoi tirare fuori belle foto. Dipende sempre più cosa cerchi di fotografare.

Se vuoi fotografare la luna senza strumenti aggiuntivi, è ovvio che non verrà mai fuori qualcosa di nemmeno accettabile.

LaVeraVerità

Già, perchè una "bella foto" è una foto nitida e con i colori a posto. Così hanno fatto credere a voi nativi digitali per convincervi a comprare inutili gadget.

Che il soggetto, l’inquadratura, l’esposizione è ridicolo non si sta valutando la capacità artistica-tecnica della singola foto ma solo l’aspetto del potenziale tecnologico.

LaVeraVerità

E' una sciocchezza quanto evidente.

Con un buono smartphone oggi fai belle foto. È relativo quanto evidente.

LaVeraVerità
Dallo in mano a mia suocera e vedi che non sarà in grado di tirar fuori qualcosa di accettabile nemmeno con una reflex

E' esattamente ciò che intendo. Una bella foto implica cultura specifica e senso estetico, oltre che un notevole bagaglio tecnico. Non basta lo strumento, nè cellulare, nè reflex.

Jotaro
Andreunto
Andreoid
LaVeraVerità
Oggi per fare una bella foto basta addirittura uno smartphone

Mamma come mi sale il crimine quando leggo cose come questa!

Davide Mosezon

Quasi niente,
se non ci fossero Google Photo e Facebook che mi ricordano gli anniversari delle foto sarebbero nel dimenticatoio.

ale676

Come tutte le cose del passato ,avendo una forma fisica concreta si conservano per decenni/secoli e sono per loro natura facilmente intelligibili, mi chiedo cosa rimarrà di tutto quello prodotto solo in forma digitale e "conservato nel cloud " .

Tecnologia

Recensione Ecovacs Deebot X1e OMNI: tanto potenziale ma occhio al prezzo!

Curiosità

Youtube e il mistero del video più antico della piattaforma: ecco cosa è successo

Articolo

Netflix, tutte le novità in arrivo a febbraio 2023

Apple

Macbook Pro M1 Max 15 mesi dopo: durata e consigli alla luce dei nuovi M2 | Video