Airpeak S1, il drone di Sony che fa volare le Alpha a 90km/h (e che costa 7500 euro)

13 Giugno 2021 19

Sappiamo oramai da qualche tempo come Sony fosse al lavoro per realizzare una linea di droni, Airpeak, creati per portare in volo le fotocamere Alpha. Ora il primo modello di questa nuova linea di prodotti ad uso professionale è pronto per la commercializzazione: si chiama Airpeak S1 e, nonostante si ponga come l'entry level, quando uscirà a settembre 2021 costerà 9'000 dollari, circa 7'400 euro al cambio.

Le dimensioni sono piuttosto importanti in assoluto, 52.7 x 59.4 x 51.4 cm, con la circonferenza che arriva a 101.cm quando è in volo. Ciononostante Sony ha dichiarato che si tratta del drone più piccolo al mondo capace di montare una mirrorless della linea Alpha e, in particolare, l'Airpeak S1 è compatibile con i modelli 7S, FX3, 7R, Alpha 9 e Alpha 1, il che permette agli acquirenti di scegliere soluzioni in grado di girare video fino a 8K.


Sony ha realizzato per l'occasione un sistema di volo "unico, ad alta precisione" che combina i dati a infrarossi, le informazioni degli strumenti montati sul drone, come il barometro e l'unità di misura inerziale, per creare un'esperienza di volo stabile e dare la massima manovrabilità.

I sensori Sony montati davanti, dietro, a destra, sinistra e sotto all'AirPeak S1 aiutano ad avere la massima stabilità e, assieme ai sensori di distanza, a individuare eventuali ostacoli. Questo modello ha una velocità massima di 90 km/h, una velocità angolare di 180°/s e un'inclinazione massima di 55°. Può resistere a raffiche di vento fino a 70 km/h e passare da 0 a 80 km/h in 3.5 secondi senza carico. L'altitudine massima raggiungibile è di 2'500 metri.

Stando a quanto riportato, può volare senza carico per 22 minuti mentre, montando una Alpha 7S III e una lente FE 24mm F1.4 GM, l'autonomia scende a 12 minuti.

Il tutto viene fornito con un controller per poterlo manovrare al meglio ed è pensato per permettere di lavorare a due operatori contemporaneamente: uno che si occupa di far volare il drone, mentre l'altro che controlla il gimbal e la fotocamera. Per il momento sembra che la app fornita con l'AirPeak S1 supporti unicamente iOS e iPadOS, ma ci sarà anche una webapp, Airpeak Base, per creare i piani di volo, analizzare i dati e via dicendo.

Potete dare un'occhiata all'AirPeak S1 nel video qui sotto.


19

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giangiacomo

Per le macchine fotografiche il discorso è ben diverso. Ormai si vede molti avere macchine da 1000€ e oltre ma che non han fatto corsi o altro ma fanno un po' a caso. Come hai detto tu i due usi posson definirsi professionali, ma di certo chi usa una macchina da 50.000€ o oltre non si improvvisa fotografo e ha come minimo anni di esperienza e/o corsi seri alle spalle.

Ikaro

Basta sapere cosa significa professionale, non è che lo sto decidendo io...

Fammi capire per te una reflex da 1500 usata nei matrimoni non è professionale perché dall'altra parte nel mondo uno sta facendo foto con una hasselblad da 50k?

flagor

ho portato il mavic oltre i 4 km in altitudine, ed è un giocattolo da 1000 euro, perchè questo limite così assurdamente basso di 2500 m?

nicola ciapponi

Credo che per ora la soluzione migliore offerta da dji sia il matrice 300 rkt... può volare fino a 7000 m, trasportare carichi come la fotocamera Sony tranquillamente con una personalizzazione si arriva a 15000€ senza la possibilità di avere un controllo remoto sulla fotocamera..con una personalizzazione simile mi hanno sparato 2000€ in più.
Il problema è sempre legato al peso finale...ci vogliono corsi più avanzati, hai più limitazioni di volo ecc ecc..
Se dovessi scegliere comunque...io starei sull'ispire 2...costa circa 6000 con il corpo macchina che può riprendere fino a 6k.. altitudine massima sopra i 7000m ed una autonomia notevole...il prezzo è maggiore di quello base per le personalizzazioni.
Anche perché esistono aziende italiane che su misura ti fanno avere un drone con 10000€..con caratteristiche personalizzate e una qualità al pari del Matrice.. insomma..un bel risparmio.
I tempi variano notevolmente...ma circa in 3 mesi viene fornito.

Giangiacomo

Tra fare video pagati con drone Mavic (o anche GoPro) e gente che usa i droni per professione e per lavoro di altro calibro direi che il termine professionale assume due sfumature. Perché vedo molte persone fare video e anche carini senza però aver fatto corsi né su droni né con app di post produzione, cosa che di sicuro verrà impiegata da chi usa questo drone Sony. Se vuoi possiamo dire che è professionale pure il primo utilizzo, quello con il DJI, ma il secondo allora come lo possiamo classificare ? Professionale avanzato ?

ice.man

un elicottero ha altri problemi legati alla rarefazione dell'aria, e alla minor presenza di ossigeno, comburente necessario per reagire col combustibile
Questo problema non esiste nei droni alimentati da batteria

Ikaro
Giangiacomo

Il Mavic Pro lo usi per lo scopo che hai detto. Questo è tutta un'altra categoria, altro che ripresa aerea dell'agriturismo...

Davide

il problema non è la velocità ma proprio l'alzarsi da terra

gioboni

Non sopra i 2500m: neanche con un elicottero riesci ad arrivare a fare riprese sull'Everest, per dire.

Ikaro

Ma probabilmente ci volerà pure, loro però si parano il ciullo dicendontelo, visto il costo di attrezzo ed attrezzatura che ci metterai, se lo porti a più di 2500m son affaracci tuoi...

ice.man

mi aspetterei che possa volare con prestazioni ridotte (magari fa i 40km/h invece dei 90km/h di velocita' massima)
ma proprio non volare mi pare eccessivo

Ikaro

Perché un mavic non può essere usato a livello professionale? Se un agriturismo ti chiede una ripresa aerea è più probabile che ci vai con quello che con questo... Il "professionale" ha mille facce

Ansem The Seeker Of Lossless

direi che quando si arriva al prezzo si capisce che si parla di un prodotto professionale

Davide

le pale muovono un ceto volume d'aria, se la densità della stessa (che dipende anche dall'altitudine) non è sufficientemente alta allora il drone non riceverà abbastanza spinta per volare. Se il ghiacciaio è oltre i 2500m no, non volerà

ice.man

L'altritudine massima raggiungibile è di 2'500 metri.

significa che non possono essere usati per riprese estive su un ghiacciaio?

Giorgio Cremaschi

Però ci somiglia molto ad un Mavic.

Giorgio Cremaschi

All'inizio pensavo che riuscisse ad alzare delle automobili.

Giangiacomo

Potevate almeno scrivere nel titolo: "il drone professionale". Perché detta così sembra che sia un drone da comparare a un Mavic di DJI. Due cose completamente diverse sia per uso che per clientela a cui si riferiscono.

La street photography con lo smartphone: 5 consigli utili | Video

Bonus rottamazione TV, di cosa si tratta e come richiederlo - VIDEO

Europei di calcio: dove vederli in TV e i consigli per i settaggi ottimali

Recensione TV Sony OLED XR-65A90J: processore cognitivo per rimanere in vetta