Vimar: come funziona l’impianto elettrico che rende tutta la casa intelligente

25 Maggio 2020 190

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Tutti o quasi hanno ormai scoperto le virtù della casa intelligente. Chi con una semplice lampadina connessa, chi grazie all’aiuto degli assistenti virtuali, chi ancora costruendo nel tempo un mosaico più articolato di apparecchi smart. All'approccio prodotto-centrico si sta affiancando negli ultimi tempi anche quello - per così dire più “olistico” - dell’impiantistica civile. Che ha fatto evolvere i suoi interruttori, le prese e tutte le varie soluzioni dell’infrastruttura elettrica verso un modello di intelligenza distribuita sui punti luce e sui vari apparecchi, anche quelli non connessi a Internet.

L’ultimo esempio in questo senso ci arriva da Vimar, società con sede a Marostica ben nota al pubblico di casa nostra, che ha appena annunciato una soluzione onnicomprensiva per dare all’illuminazione casalinga, ma anche agli apparecchi connessi alle prese elettriche, alle tapparelle e alle tende elettriche, la facoltà di essere comandate a distanza attraverso uno smartphone o, meglio ancora, mediante comandi vocali.

Tutto passa da una nuova famiglia di dispositivi digitali - interruttori per le luci (o per meglio dire deviatori), attuatori per tapparelle e tende, attuatori per prese connesse - accomunati dalla presenza a bordo di due protocolli ben conosciuti da tutti gli appassionati di smart home: Bluetooth e Zigbee.

In questo approfondimento vi spieghiamo come funzionano, quanto costano e in che modo si installano.

TRE PRODOTTI PIÙ UNO

I prodotti della nuova famiglia di dispositivi smart di Vimar sono sostanzialmente tre - deviatori, attuatori per tapparelle e tende e attuatori per prese comandate - più un gateway che di fatto svolge il ruolo di chiave di volta per il collegamento alla rete WiFi di casa e, da qui, all’applicazione mobile e agli assistenti virtuali. Quest’ultimo, va detto, è un componente opzionale; chiunque sia già in possesso di un hub Zigbee - basta ad esempio anche il nuovo Amazon Echo Plus - non necessita di un altro bridge per commutare il segnale WiFi da e verso il modem di casa.

  • Interruttore (deviatori) per la luce (36 euro + IVA)
  • Attuatore/rele per prese comandate (41 euro + IVA)
  • Attuatore per tapparelle/veneziane/tende (55 euro + IVA)
  • Gateway WiFi (85 euro + IVA)

Gli interruttori elettrici, o per meglio dire i deviatori, nascono per comandare i singoli punti luce, fungendo al contempo da relè. Per gestire l’intera illuminazione di casa da remoto, ci hanno spiegato i tecnici della casa, non serve un deviatore per ogni comando, ma uno per ogni punto luce, da collegare al capofila e non al finale. I deviatori (ma anche gli attuatori) sono corredati un led RGB utile per monitorare lo stato (l'intensità del segnale varia in base all'attività in corso) e da un contatto pilotato libero che può essere collegato a qualsiasi dispositivo esterno, ad esempio un antifurto o un sensore di vento/pioggia. In questo modo è possibile creare scenari composti: chiedendo ad esempio all’impianto di spegnere automaticamente le luci all’accensione dell’antifurto.


Gli attuatori per le prese comandate sono invece dei relè pensati per permettere l’accensione e lo spegnimento via smartphone degli apparecchi elettrici ad essi collegati, è il caso ad esempio delle piantane da terra. Oltre al comando on/off da remoto l’utilizzo dei nuovi attuatori Vimar permette di monitorare i consumi energetici degli apparecchi collegati, impostando - se necessario - delle soglie di blocco per evitare sovraccarico. Al momento, ci ha spiegato la società, i consumi possono essere visualizzati solo per singola presa comandata, ma fra qualche mese, presumibilmente già dall’estate, sarà possibile avere un bilancio complessivo di tutte le prese di casa, impostando una soglia massima cumulativa per interrompere la corrente ed evitare il fatidico scatto del contatore all’approssimarsi del limite dei kW.

Nella casa intelligente di Vimar c'è spazio anche per un attuatore destinato ad azionare tutti i principali sistemi con meccanismo elettrico di salita e discesa: tapparelle elettriche, quindi, ma anche veneziane elettriche e tende da esterno. Il comando, in questo caso, è costituito da un relè con due pulsanti fisici, configurabile all’occorrenza su posizioni personalizzate. Si può, ad esempio impostare la tapparella affinché si fermi a metà corsa a ogni doppio tocco sul singolo pulsante di salita/discesa.

C’è un ultimo accessorio intelligente proposto da Vimar, ed è un switch senza fili e senza batteria che lavora in radiofrequenza (Bluetooth) e che può essere applicato in qualsiasi punto della casa, senza forare. Questo comando, che si alimenta attraverso azione elettrodinamica molto simile al piezoelettrico, può tornare molto utile in tutte quelle zone di casa nei quali non sono previsti interruttori, ad esempio sopra la testata del letto, fungendo da comando sia per i singoli punti luce/elettrici, tapparelle che per gli scenari.

COME SI INSTALLANO

La soluzione intelligente di Vimar non richiede l’utilizzo di lampadine e altri apparecchi connessi, né di opere murarie. Inoltre, vantaggio non trascurabile, permette a chi è già in possesso di prese e interruttori Vimar di mantenere la stessa anima - leggasi placca e supporto portafrutto - cambiando solo i moduli attivi.

L’unico pre-requisito richiesto è dunque la presenza di una connessione Internet e, per chi non volesse acquistare il gateway, quella di un hub ZigBee. Al resto ci penserà il Bluetooth (5.0), protocollo chiave per realizzare una vera e propria rete mesh fra tutti i moduli Vimar.

Necessario, o perlomeno raccomandato, è invece l’intervento dell’elettricista o comunque di un installatore abilitato a lavorare su impianti elettronici: tutti i moduli in questione sono alimentati a 230V e richiedono un intervento conforme alla 37/08 per tirare il filo del neutro dalla scatola di derivazione.

L’installatore è anche colui che - attraverso un’apposita applicazione (differente da quella utilizzata dall’utente finale) - si occuperà di accoppiare i dispositivi (attraverso un semplici pairing Bluetooth), associarli al gateway (o ad altro hub ZigBee) e configurarli in modo appropriato, stanza per stanza.

Sempre e solo all’installatore compete anche la possibilità di creare soglie predefinite per i consumi energetici, nonché alcune personalizzazioni previste dalla soluzione: è possibile ad esempio impostare delle posizioni intermedie o predefinite per quanto riguarda il sollevamento e l'abbassamento delle tapparelle (per farlo è sufficiente calibrare la corsa in base ai secondi necessari per il completamento dello svolgimento della stessa) o configurare il colore dei LED RGB che equipaggiano i singoli attuatori, o eventualmente escluderne l’attività in tutti quei contesti (ad esempio in camera da letto) nei quali le luci possono dare fastidio.

LE NOSTRE IMPRESSIONI NELL'UTILIZZO PRATICO

Terminata l’installazione e la configurazione - nella nostra prova, guidata da un elettricista, abbiamo impiegato circa un’ora per installare un interruttore, una presa comandata, un attuatore per tapparelle, un gateway e completare la configurazione via app - è possibile gestire la casa attraverso l’app Vimar View, scaricabile gratuitamente su App Store o Google Play Store.

L’applicazione Vimar si presenta con un’interfaccia molto essenziale e schematica, pensata fin dall’origine per semplificare l’interazione con l’utente: da un lato c’è la casa con i suo ambienti (sala, camere, cucina, ecc) , dall’altro i punti luce, le eventuali tapparelle elettriche e gli apparecchi collegati alle prese comandate, denominati secondo la prima configurazione dell’installatore. Dall’app è possibile accendere spegnere i singoli punti luce o le singole tapparelle, o i gruppi di stesse, leggere consumi delle singole prese e creare scenari predefiniti. Ad esempio è possibile creare uno scenario uscita per effettuare in un sol colpo lo spegnimento di tutte le luci e l’abbassamento di tutte le tapparelle.

Non è possibile, invece, impostare soglie di consumo differenti rispetto a quelle selezionate nella prima configurazione. Per modificare lo status quo occorre infatti chiamare l’installatore che provvederà a ricalibrare la soglia dall’app dedicata.

Va da sé che il vero valore aggiunto di un impianto elettrico connesso risieda nella possibilità di sfruttare l’interazione vocale. Sotto questo profilo, la soluzione Vimar può interfacciarsi sia con Amazon Alexa, sia con Google Home, sia infine con Apple HomeKit. Nella nostra prova abbiamo sfruttato un semplice Amazon Alexa Dot per associare i vari punti elettrici all’interno dell’app di Amazon e utilizzare da subito alcuni set di comandi predefiniti - ad esempio Alexa accendi/spegni le luci, Alexa alza/abbassa tapparella, Alexa alza tapparella al 50%. Da notare la possibilità di importare in prima battuta anche gli scenari creati sull’app Vimar, ad esempio lo scenario notte o lo scenario uscita, il tutto senza bisogno di ulteriori configurazioni.

CONCLUSIONI

Creare una casa intelligente sfruttando un famiglia di componenti elettrici pensati fin dall’origine per lavorare in modo integrato ha dalla sua alcuni vantaggi, primo fra tutti l’indipendenza dai dispositivi finali: non servono lampadine, piantane e altre soluzioni IoT, ci penseranno gli interruttori e gli attuatori connessi a gestire la comunicazione verso l’app mobile e/o l’assistente virtuale.

Sotto questo profilo, la soluzione Vimar ha dalla sua una gamma già piuttosto completa - composta da deviatori, attuatori per le prese comandate e per tapparelle/veneziane/tende - che può essere facilmente installata, anche su un precedente impianto Vimar, senza bisogno di sostituire placca e supporto portafrutto. La presenza a bordo della connettività Bluetooth 5.0 e di quella ZigBee abilitano infatti la creazione di una rete mesh interna per l’interoperabilità fra i singoli componenti, nonché la possibilità di utilizzare un qualsiasi hub compatibile, anche un semplice Echo Plus di Amazon, come bridge per il collegamento a Internet.

Molto utile, anche in ottica futura, la possibilità di monitorare i consumi elettrici: ad oggi si possono vedere solo quelli delle singole prese comandate e impostare singole soglie di sblocco; più avanti sarà possibile farlo anche in modo cumulativo per evitare sovraccarichi di corrente.

Resta da capire se e quando la soluzione potrà dialogare anche con il resto dei componenti connessi Vimar, primi fra tutti i termostati WiFi. Al momento non ci sono date certe, ma la società ha già fatto sapere di essere al lavoro su un’integrazione più ampia con il resto della sua produzione propria.

Contenuto in collaborazione con Vimar

VIDEO


190

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Carlo Gavanelli

Vi chiedo aiuto. Sono un niubbo totale che sta rifacendo casa. Il mio elettricista vorrebbe montarmi questa serie smart della Vimar Plana, e stessa cosa anche nelle tapparelle.
Da quel che ho capito è tutto zigbee. Quindi vuol dire che posso collegare il tutto ad un hub smartthings e usare quello per integrare le luci e tapparelle in scenari routine, automazioni e quant'altro con le altre cose collegate a smartthings che ho in casa? E poi comandare il tutto con Google Assistant?
Oppure mi sto facendo un viaggio io e le cose non sono così semplici?

sagitt

Certo per 2 cagat1ne va bene, ma c’è gente che sì fa “impianti seri” con sta roba

Marco Arrigo

Non è questione di essere prila o meno, è questione di esigenze. Io ho un'intera casa già in vimar plana, mi interessa solo inserire qualche automatismo per qualche punto luce e qualche tapparella. È ovvio che questa soluzione è infinitamente più agevole per il mio caso rispetto ad un impianto knx. Sarei pirla a mettere un impianto knx vista la mia esigenza base e il mio impianto già interamente in vimar plana.

pacaldi

Prezzi fuori di testa, insensati!

sagitt

Vabbe il lavoro grosso lo fai 1 volta, al massimo agli aggiornamenti metti a posto 2 cag4te

Immagino... Passo ai prossimi 10 anni :D

sagitt

Io ho fatto tutto in 2 mesi, affinamenti fatti nel tempo ok ma non serve un grande studio. Poi dipende cosa devi fare

sagitt

Perché?

Boh solo a leggerlo mi passa la voglia di installarlo e mi godo gli interruttori e le tapparelle a corda. :DD

Squak9000

non fai nessuna modifica, cambi gli interruttori (che sono gli stessi ma con connessione wifi).

Non apri nemmeno le scatole.

Un interruttore si può anche cambiare o devi chiamare la NASA?

Nix87

Certo che devi ricertificare, non trattandosi di manutenzione ordinaria ma straordinaria...quando si vende casa o affitta si può richiedere...anche perché saresti penalmente perseguibile se dovesse succedere qualcosa dopo che hai fatto una modifica profonda all' impianto.

Squak9000

vendi casa...
certificato?

Apro la scatola di derivazione tiri via i fili e rimetti i vecchi interruttori.

Un'oretta di lavoro neanche (dipende da casa).

Nix87

In realtà no, perché stai modificando l impianto con dispositivi diversi da quelli che erano previsti nell'impianto, quando hanno redatto il certificato di conformità. Questa non é una manutenzione ordinaria. Poi naturalmente se ne sei capace li cambi te, senza farti rilasciare nulla, dato che in teoria ci vivi tu. Ma se in futuro vendi casa o l'affitti devi farti rilasciare il certificato.

sagitt

ma allora io ho un impianto knx, e comunque ho della roba zigbee, wifi ecc... non puoi fare tutto in knx, a meno che tu non abbia una casa progettata interamente su quel profilo, da un tuo architetto\geometra, con un budget illimitato.... io mi sono limitato alle cose principali quali luci, tapparelle, termostati, clima, controllo energia, integrazione antifurto e poco altro... chiaro che ho delle ventole in un rack ci ho messo un sonoff con sensore di temperatura..... ho accrocchiato la luce sulle scale e un sonoff.... cantina e garage ci ho portato un cavo ethernet e anche li un paio di sonoff..... per gli IR uso gli harmony, per le tv il plugin LG.... mica sì può fare tutto knx... l'unico sistema "a parte" sono le lampadine HUE zigbee ma perché non ho voluto le vele led che poi anche li gestirle col knx tra vela, led, controllori spendevo 5.000€ solo di quello......

Alessandro

inutile... se c'è chi pensa che si possa fare tutto con zigbee/bluetooth faglielo capire...

sagitt

per me tutti sulla stessa barca, wifi sicuramente è il migliore ma se hai pochi device.

sagitt

KNX

virtual

Quindi meglio Wi-Fi o Z-Wave?

Squak9000

chiedi a sagit sui é l'esperto.

TheBestGuest

Ok, ho capito, quindi non è stata proprio una scelta per miglior qualità prezzo? Riusciresti invece a consigliarmi un soluzione per domotizzare casa (soprattutto tapparelle, ma anche prese e lampadine), devo rifare l'impianto elettrico quindi sono aperto ad ogni possibilità. Inteso che non voglio spendere troppo

TheBestGuest

Tutti in campo con iotty

TheBestGuest

E cosa consigli tu, io devo rifare l'impianto elettrico, quindi sono aperto a tutto

MarcoCau

La casa potrà anche diventare intelligente, ma se il padrone è stùp1do, che si fa?

sagitt

sì ma non sei vincolato, puoi mettere quella che vuoi e cambiarla quando e con quale vuoi

sagitt

sì con le hue ambience hai tante tonalità

sagitt

puoi farlo da remoto senza problema

ericantona5

Ma perché te anche nei tuoi super impianti KNX le placchette non le usi?!!

ericantona5

Beh confermerai che con le hue puoi impostare un bianco fantastico. Avevo comprato lampadine rgb ma ho dovuto renderle perché facevano troppa poca luce.

Squak9000

si, quando sei in giro per l'Europa 20 giorni al mese e a casa hai due neonati...

considera devo trovare anche il tempo per andare al bagno.

sagitt

Bah

sagitt

Tutti hanno poco tempo, ma visto cue non va fatto tutti i giorni ma una volta sola, il tempo sì trova come per ogni cosa nella vita.

sagitt

Io infatti ho fatto knx e di accrocchi ne ho usati pochi soprattutto per cose esterne.

Squak9000

non ho paura non ho tempo.

Squak9000

io attacco... accoppiamento Homekit e deve funzionare subito.

sti smanettamenti una volta quando avevo 20/30 anni li facevo.

Pellizzo

Concordo, questa soluzione è un compromesso per chi ha già un impianto tradizionale. Io lavoro per un'azienda di impianti domotici su standard KNX, se l'impianto è pensato fin dall'inizio il risultato è ben diverso.

sagitt

comunque la cosa che ti sfugge è che tutti questi sistemi, sonoff, shelly e robe varie hanno tutti componenti pronti senza dover smanettare. l'unica è installare il sistema, che equivale a scrivere un .img su una SD con un software come balena etcher, poi configurare utente e password e premete aggiungi su integrazioni, se qualcosa non è ufficiale basta installare lo store non ufficiale e il componente non ufficiale, roba da perderci 1 ora, 2 se proprio sì è tardi.

sagitt

anche io uso il pi4 via Poe Hat, ci uso su OpenMediaVault, ma con HASS non è il massimo, soprattutto se usi una SD anche endurance che sia. comunque 5W di Pi4 e 30w di un nuc alla fine dell'anno saranno 20€ neanche di consumi..... ma anche molto meno. io ho Nuc8i3 e prima avevo nuc6celeron prima ancora Pi. al mese non noto differenze di costi. per quanto riguarda i cavi voglio dire non penso che il problema sia un cavo di alimentazione XD

Squak9000

a me serve solo i rolling shutter

lynx

beh, un conto sono 5w di Pi4, un conto 30w e passa di anche un NUC più scarso. Poi vuoi mettere che il Pi è alimentato via PoE e quindi meno cavi in mezzo? :)

sagitt

intendo dire che chi sì mette ste placchette vimar o living now, non fa altro che vincolare tutto il suo impianto casalingo al produttore, e non puoi neanche decidere di cambiare placchette, anche solo in una stanza volendo, o tutta la casa uguale.

Squak9000

in compenso sono riuscito da smartphone ad installare in 2 minuti il Hoamkit su Shelly2.5...

intendo... é un copia e incolla nel browser.

Così è ok... veloce

Squak9000

no ma che solo produttore... sono con Aqara, Fibaro (per i relè nelle scatole di derivazione), Shelly per i RollingShutter e Phililps qualche lampadina... tutti riuniti sotto Homekit.

Fred

Leggo commenti dubbiosi sull'utilità di questi sistemi. Io li reputo decisamente più utili di una lampadina smart per cui devo tenere l'interruttore sempre acceso e posso comandare solo da app o vocalmente. Con l'interruttore smart posso continuare ad utilizzare normalmente anche l'interruttore fisico senza perdere le altre 2 modalità.

sagitt
sagitt
sagitt

Per la cronaca ho hue

Davide

grazie per il suggerimento! ora studio cosa sia il rolling code..però almeno mi hai dato una strada..

Squak9000
Squak9000
ericantona5

Ovvio non sono un impiantista. L’unica cosa che mi interessa una ottima luce. Per il resto le reputo poco interessanti .

Android

Recensione Galaxy A51 5G, la porta d'ingresso per il 5G di Samsung

Android

Recensione Samsung Galaxy A21s: spender poco e avere il giusto

Mobile

Recensione Huawei Freebuds 3i: poche rinunce con meno di 100 euro

Alta definizione

In viaggio con Panasonic Lumix G100: più mirrorless che vlog camera | Recensione