iRobot OS è ufficiale: grandi ambizioni in ambito smart home

31 Maggio 2022 11

iRobot OS è ufficiale: si tratta del nuovo nome del sistema operativo degli elettrodomestici intelligenti della mitica azienda statunitense pioniera degli aspirapolvere automatizzati (e non solo, naturalmente). Non è solo una mossa di marketing: è l'indicatore di un'ambizione della società di "salire di livello" dal punto di vista software. Per usare le parole dell'amministratore delegato Colin Angle, i robot devono capire più a fondo l'ambiente in cui operano e le abitudini dei clienti, in modo da pulire meglio e in modo più intelligente.

Appena due anni fa iRobot aveva fatto una mossa analoga lanciando la iRobot Genius Home Intelligence. Il passaggio da una piattaforma e l'altra indica, sempre secondo la società, che "l'intelligenza è il primo fattore che distinguerà i vari robot casalinghi". In altre parole, ormai l'hardware ha raggiunto un livello eguagliabile (se non superabile) da un po' tutti i produttori che operano nel settore, per spiccare bisogna investire forte nel software. La società punta ad ampliare la comprensione di comandi vocali (allo stato attuale siamo a quota circa 600 fra Alexa, Assistant e Siri), di funzioni specifiche per gli animali domestici (cicli di pulizia ulteriori quando perdono il pelo, per esempio) e il riconoscimento di più oggetti.

iRobot punta a "evadere" dai confini delle categorie di prodotto per cui è diventata famosa (i robot per la pulizia, appunto), ed estendere il suo OS anche ad altri gadget smart home, come per esempio i purificatori Aeris che ha comprato l'anno scorso, ottenendo una comprensione più completa e approfondita della casa degli utenti. Un esempio pratico: il purificatore potrebbe sapere in che stanza è stato posizionato grazie alla mappatura fatta dal robot; e se sapesse che l'utente non è in quella stanza, potrebbe incrementare la potenza facendo un po' di rumore in più, per poi calmarsi quando nella stanza c'è qualcuno.

E dove non arriverà con i propri prodotti e il proprio OS, iRobot punta alla cooperazione con i dispositivi smart di altri produttori, che viene ritenuto un elemento mancante per contestualizzare e amalgamare tutte le informazioni ottenute dai vari gadget intelligenti. La società ritiene che le mappe delle case generate dai robot siano uno strumento chiave per semplificare la procedura di configurazione e attivazione di nuovi prodotti, dalla lampadina smart a un grande elettrodomestico.


11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tony bresaola

A me piace più la briscola

Dario Perotti

Ahhh Io, Robot!
Scusate non ci avevo minimamente pensato!

Gianni
Pistacchio
Nick126

Denuncia per plagio del film con Will Smith

asd555

Questi verranno denunciati da Apple per quella "i".

Squak9000

due anni... e tutti danno problemi...

Cicileu Ieu

Preferisco la scopa.

Luke

"Non è solo una mossa di marketing"

Plot twist è solo marketing

Dario Perotti

Non capisco che intendi?

Pistacchio

Prevedo un denuncia in 3.....2....1....

Android

Abbiamo provato i nuovi Galaxy Z Fold4 e Z Flip4, ecco le novità! | VIDEO

Android

Ecco i nuovi Galaxy Watch5, Watch5 Pro e Buds2 Pro! Le nostre prime impressioni

Android

Scattare foto alle stelle con lo smartphone, ecco qualche consiglio utile!

Android

Recensione vivo X80 Pro: probabilmente il miglior camera phone Android del 2022