Netatmo misura la qualità dell'aria delle nostre case: Italia maglia nera

07 Novembre 2019 70

Netatmo ha condotto uno studio tra gennaio e dicembre 2018 analizzando la qualità dell'aria all'interno delle abitazioni dei cittadini europei. In particolare, la ricerca è stata effettuata analizzando i dati raccolti da più di 1000 Stazioni Meteo Netatmo per ciascuno dei 12 Paesi coinvolti, ovvero

Francia, Norvegia, Svezia, Germania, Olanda, Spagna, Italia, Danimarca, Inghilterra, Repubblica Ceca, Polonia, Belgio

Ebbene, i risultati non sono particolarmente confortanti, specie per noi italiani, visto che nel 45% delle nostre case ogni giorno si è superato il limite di 1000ppm di CO2. Motivo? la mancata aerazione degli ambienti. D'ora in poi sarà però difficile trovare scuse per non cambiare aria ai nostri appartamenti: basterà chiedere informazioni a Siri e ad Alexa per scoprire cosa stiamo respirando (la compatibilità con Apple HomeKit è stata introdotta a fine ottobre): un incentivo in più per spalancare le finestre per qualche minuto.

LE CASE ITALIANE
L'Italia è il Paese con la peggior qualità dell'aria nelle case

L'Italia ha la maglia nera: 45 case su 100 superano almeno una volta al giorno 1000 parti per milione di CO2. La media europea è del 22%, e la più virtuosa è la Svezia con valori pari a 1/4 quelli del nostro Paese. In altre parole, in Italia le abitazioni non beneficiano di aerazione, né naturale, né meccanica.

LA QUALITA' IN BASE ALLE STAGIONI
D'inverno va peggio

La qualità dell'aria all'interno delle nostre case varia al variare delle stagioni:

  • estate: aria inquinata nel 25% dei casi
  • inverno: aria inquinata nel 57% dei casi

Ovviamente d'inverno si tende ad aprire meno la finestra (il desiderio di calore prevale sul bisogno di arieggiare), ma è stato dimostrato come aprire la finestra per 5 minuti 2-4 volte al giorno sia sufficiente per ottenere ottimi risultati senza disperdere il calore interno.

E qual è stato il giorno più inquinato di tutto l'anno? Il 7 gennaio 2018: 66 case italiane su 100 risultavano prive di aerazione, con livelli di inquinamento interno sopra la soglia.


70

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
WONDERBRAun
Horatio

Perché peggio?

Trhistan

Purtroppo solo il firmware V.3 è compatibile i v.1 e v.2 non lo sono

saetta

terrorismo ambientale per vendere 2 accrocchi, quando basta buon senso e informazione

saetta

per questo esite la norma UNI 7129-2015, cosa che tu non sai,
e quindi fai esperimenti del piffero da omino medio, ora, ovviamente mi dirai che sapevi cosa è previsto dalla norma ma che .....ect ect.
passo e chiudo

Andhaka

Beh, non c'era bisogno di fregarsene in senso stretto... si aprivano le finestre per cambiare aria e respirare meglio perchè... ci accorgevamo che c'era aria stantia. :D Senza igrometri, senza sensori e senza un voce che ce lo ricorda insieme al suggerimento di comprare il nuovo modello di incursore rettale per tutta la famiglia. :D

Cheers

asd555

Mille likes per te se potessi.
Totalmente d'accordo, soprattutto sull'ultima frase.

"[...]ma che ci si debba affidare ad uno spione elettronico per accendere o spegnere le luci o ricordarsi di aprire la finestra per respirare... ecco, quello non è supporto, ma solo indottrinamento da marketing selvaggio."

Il mercato crea infatti "un bisogno".
Prima dell'avvento della tecnologia, chi se ne fregava della qualità dell'aria in casa?

Andhaka

Ah, ok. Direi che non fa una piega.

Triste come siamo spesso fin troppo solerti (uso il plurale perchè non è che a me non capiti mai) ad accettare e giustificare questi bisogni indotti.

Cheers

CiKappa

O peggio, comprano cibo pronto.

Andrej Peribar

Creano bisogni per vendere prodotti

Andhaka

Ok, non ho capito. :D

Cheers

Andhaka

Il problema è che c'è la tecnologia che ti aiuta e ti supporta e c'è quella che sostituisce il buon senso di fare una cosa semplice e che richiede un minimo sforzo cerebrale o muscolare fino al punto che ti ritrovi ad essere una patata lessa al centro di una ragnatela di prodotti "intelligenti".

Capisco il termostato che puoi controllare da remoto (sicurezza, migliori consumi e risparmio, meno inquinamento), ma che ci si debba affidare ad uno spione elettronico per accendere o spegnere le luci o ricordarsi di aprire la finestra per respirare... ecco, quello non è supporto, ma solo indottrinamento da marketing selvaggio.

Cheers

walterzappa

Il problema è che in pianura padana fuori ti trovi pm10 a livelli altissimi, quindi se apri, ti entra tutto in casa

Matteo Fringuelli

Esatto, io con la VMC (ventilazione meccanica controllata) mi trovo benissimo e non ho dispersioni termiche né d' estate né d'inverno. Solo quando si cucina non basta.

Lu

Che poi all'estero i fornelli vengono usati poco. Molto cucinato al forno o, peggio, al microonde.

densou

togli '-rà' ;)

densou

meXicano a pranzo e cena e sai che aerazione poi faccio :°D

andrea mn

Io abito in pianura padana,inquinata e con scarsa circolazione d aria.aprire d inverno le finestre e far entrare freddo e aria comunque inquinata non cambia molto...vi consiglio di acquistare delle piante invece,come lo spatifillo,che purificano naturalmente l aria.ovviamente per un ambiente grande ne servirebbe una foresta,ma qualcosa fanno...

Felipo

Quindi i francesi sarebbero in testa, se la stazione misurasse anche la carenza di igiene personale

Marco Revello

Per esperienza personale, nelle case di 40 anni fa la prima finestra che marciva era quella del bagno.

Marco Revello

No. Il concetto di casa sigillata è un pelo più ampio e dovrebbe comprendere sistemi di ricambio dell'aria. Il più banale è spalancare le finestre per 15 minuti al mattino. Meglio ancora sarebbe aprire le finestre a ribalta (per quelle con apertura ad anta/ribalta) per 4 ore. Altro sistema è la microapertura per tempi più lunghi. Ci sono altri sistemi che non mi dilungo a elencare ma il concetto è poter controllare quando permettere il ricambio d'aria possibilmente in alternanza all'accensione del riscaldamento.
I sistemi migliori in assoluto sono le case ben chiuse con un sistema di trattamento e scambio dell'aria.

Marco Revello

Purtroppo si. Le vecchie generazioni sono abituate a spalancare le finestre al mattino con qualunque clima.

virtual

Ma l'igrometro non misura l'umidità (e non la CO2)?

virtual

Puoi vederla qui la copertura:
https://weathermap.netatmo.com/

PistacchioScemo
CAIO MARIOZ

Nelle impostazioni c’è il pulsante attiva HomeKit

MatitaNera

Nuove?

ghost

Se è la più costosa del negozio è compatibile

Trhistan

Come di riconosce se la stazione meteo è compatibile con homekit?

CAIO MARIOZ

C’è anche un motivo
In Italia la maggior parte delle case ha i fornelli, oltralpe la maggior parte ha le piastre ad induzione

Ho fatto il test, dato che possiedo questa stazione meteo, ho spalancato 10 finestre di 2 piani fino a raggiungere 400 parti per milione di CO2 (circa 10 minuti), poi ho cucinato 40 minuti, il valore è schizzato ben oltre quota 1000 ppm

La tradizione dice questo, ma le nuove generazioni, come la mia, sono tanto colte quanto dementi.

ghost

A livello medico mi sembra un non problema alla fine un eccesso di co2 provoca stanchezza appena uno se ne accorge apre le finestre xD

Un mucchio di idioti insomma.

Scrofalo

Questo perché gli italiani parlano troppo in casa e consumano tutto l'ossigeno

Ciroterrone

Ma se è nella cultura italiana aprire le finestre di primo mattina, in inghilterra sempre chiusi dentro e oltretutto la maggiorparte hanno moquette sul pavimento ed è igienicamente peggio delle mattonelle come abbiamo quasi tutti in italia...

antonio_ant

Battute a parte, l'isolamento termico serve per l'efficienza energetica. Basta aprire le finestre agli orari giusti e usare il riscaldamento nelle altre fascie orarie. Magari evitando di avere case con 35° dentro quando fuori fanno -10°.

Alex

Di sucuro le case con spifferi consumano di più ma sono più salubri

antonio_ant

I vecchi toner usavano metalli pesanti.

antonio_ant

Aprirle di mattina presto ed alla sera tarda evitando le ore trafficate.

antonio_ant

Esatto. Anche l'ozono è ben più grave della co2, che tra l'altro tutti devono emettere respirando. Quindi questi test lasciano il tempo che trovano

antonio_ant

Non me ne parlare, alcune case maleodorano da fuori

antonio_ant

In realtà conviene in media, visto che l'inquinamento interno è 10 > di quello esterno. Poi dipende: hai stampanti, fotocopiatrici? Probabile causa di inquinamento

antonio_ant

Quindi la mia è salubre ...

Kaixon
Rieducational Channel

L'omm adda puzza'.

Alex

La moda delle case ermetiche e senza spifferi......

Castiel

Non tutti.
Io la vedo come uno strumento qualsiasi, quelli svegli lo usano per accrescere le proprie capacità, quelli meno svegli per diminuirle.

Poi che che quelli svegli siano di meno non lo metto in dubbio.

asd555

Si è trovata una soluzione organica proprio perché quelli chimici erano cancerogeni...

Jiek

Ci credo, con tutti i termosifoni degli anni chissa quando che non riscaldano si deve perforza chiudere le finestre....

talme94

Se è organico non significa automaticamente che è innocuo. Se poi le cartucce siano veramente innocue non lo so (nel senso che non mi sono mai posto la domanda sinceramente)

DJI Mavic Mini ufficiale: pesa solo 249 grammi, prezzi da 399 euro

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Surface: tutte le novità presentate da Microsoft

Recensione Amazfit Verge Lite: ottimo smartwatch ma vale la pena comprarlo?