Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Popular Science dice addio anche alla rivista digitale. Fine di un'era

28 Novembre 2023 10

Si chiude completamente un’era durata ben 151 anni. Popular Science, nota anche come PopSci, non avrà più una rivista, né in versione cartacea, né in forma digitale. La conferma è arrivata a The Verge tramite Cathy Hebert, direttore delle comunicazioni per Recurrent Ventures, proprietaria di PopSci, la quale afferma che l'outlet ha bisogno di "evolversi" oltre il suo prodotto magazine.

PopSci ha pubblicato il suo primo numero nel 1872 e nel tempo ha coperto una vasta gamma di argomenti legati ai campi della scienza, della tecnologia e della natura. Le cose sono cambiate molto nel corso degli anni, con la rivista che è passata a una pubblicazione trimestrale nel 2018 per poi eliminare del tutto le copie fisiche dopo il 2020. La copia digitale è rimasta attiva fino ad oggi, ma come annunciato ufficialmente dalla dirigenza, in futuro non sarà più disponibile e resteranno attivi solamente il sito e i contenuti premium a pagamento.

L'ex editor di PopSci, Purbita Saha si è espressa du LinkedIn in modo molto negativo sulla decisione, affermando di essere "frustrata, indignata e scioccata dal fatto che i proprietari abbiano chiuso una pubblicazione pionieristica che si è adattata a 151 anni di cambiamenti nello spazio di una videochiamata di cinque minuti".

Evidentemente il rammarico è altissimo, ma c’è da dire che i licenziamenti hanno colpito duramente molti giornalisti del settore scientifico nelle ultime settimane. Ad esempio il National Geographic, che ha tagliato gli ultimi membri del personale editoriale della rivista a giugno, seguendo le orme di altre realtà come Gizmodo e CNBC.

Anche la scelta di Popular Science è stata anticipata dal licenziamento di svariati dipendenti, in seguito al quale sono rimasti inella squadra solamente cinque membri dello staff editoriale e alcuni del team commerciale.

Quale sarà il futuro di Popular Science? A quanto pare continuerà ad offrire articoli sul suo sito web e manterrà anche l’abbonamento denominato PopSci Plus, che offre accesso a contenuti esclusivi e all'archivio della rivista, per la consultazione degli articoli più vecchi. Tuttavia, la chiusura della rivista in forma digitale segna la fine di un'era e la preoccupante tendenza ai tagli in altri settori del giornalismo scientifico non può che essere percepita negativamente dai tanti lettori che negli anni hanno scelta questa e altre realtà per restare aggiornati su questioni legate a scienze, tecnologia, clima e più di recente, anche l'intelligenza artificiale.

Nota: articolo aggiornato per chiarire che la versione cartacea era stata eliminata dal 2020.


10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sailand

Al di là delle opinioni una perdita per la cultura.

sailand

Non è proprio sferica.

comatrix
anche perché ormai gli studi sono pubblicati o finanziati solo se aderenti ai nuovi dogmi

Sconcertante, davvero -_-
Sono passati millenni, ci siamo evoluti ma ancora oggi....

Surak 2.05

Simpatico proprio!
Ti basta andare sul sito e leggere la roba ideologica nella sezione "clima" per non parlare poi del sempre maggior numero di articolo socio-politici (che a dispetto del nome di certe lauree fuffa, non hanno nulla di scientifico)

Sistox v2

La terra però non è sferica, basta pensare alle montagne. È un geoide e ricorda vagamente una patata con dei bozzi. Tutto questo perché non si deve lasciare spazio di manovra a quelli che parlano di dogma e non sanno nemmeno che significhi la parola

italba

Quali sarebbero questi "nuovi dogmi", che i vaccini funzionano e che la terra è sferica?

Freddy

Grazie della nota. Abbiamo reso più chiaro il titolo e il testo.

Surak 2.05

All'inizio c'è scritto, pure in grassetto, "rivista cartacea" ma come si legge in seguito quella era stata eliminata già dal 2020, mentre qui si parla di fatto di chiusura totale, quindi della versione digitale rimanendo per ora attivo solo l'archivio (il cui costo di gestione, essendo privo di produzione, dovrebbe essere modesto)
A breve ne seguiranno altro a cominciare dall'ex prestigiosa Le Scienze, ormai banalotta ecofanzina (anche perché ormai gli studi sono pubblicati o finanziati solo se aderenti ai nuovi dogmi)

Jotaro

La carta costa.

T. P.

peccato, spiace!

Tecnologia

Ericsson immagina lo stadio del futuro: le novità del MWC | VIDEO

Recensione

Recensione Corsair MP700, il prezzo dell'alta velocità

Tecnologia

AI PIN, abbiamo provato l'anti smartphone al MWC. Eccolo in VIDEO

HDMotori.it

Xiaomi SU7 Max, la supercar elettrica in mostra al MWC di Barcellona | Video