Cambiamenti climatici: l'Europa si sta riscaldando troppo velocemente

04 Novembre 2022 241

I cambiamenti climatici, in atto sotto gli occhi di tutti, stanno destando preoccupazione in tutto il globo e sempre più persone percepiscono la necessità di dare il proprio contributo al fine di mitigare il più possibile questa deriva. Il pianeta si sta riscaldando, l'Antartide si sta sgretolando e secondo un nuovo report dell'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), il continente più colpito da questo fenomeno appare proprio il nostro.

l'Europa si sta riscaldando più velocemente di qualsiasi altro continente al mondo. È questo il dato più allarmante che ci riporta con i piedi per terra, secondo il quale dal 1991 le temperature in Europa sono aumentate più del doppio rispetto alle temperature medie globali. Si ritiene che sia proprio questa tendenza ad aver dato origine a molti degli sbalzi meteorologici estremi a cui assistiamo, che come effetto collaterale hanno dato vita a inondazioni devastanti, incendi e settimane di caldo estremo senza controllo.

Il rapporto sullo stato del clima in Europa, prodotto in collaborazione con il Servizio Copernicus sui cambiamenti climatici dell'Unione europea, si ferma per ora all'anno 2021 e fornisce "informazioni sull'aumento delle temperature, ondate di caldo marine e terrestri, condizioni meteorologiche estreme, cambiamenti nei modelli delle precipitazioni e sul ritiro di ghiaccio e neve". Delinea in sostanza un quadro generale e complesso, con il quale tutti dovremo fare i conti in qualche modo.


Scopriamo così che le temperature in Europa sono drasticamente salite tra il 1991 e il 2021, a un tasso medio di circa +0,5 °C per decennio. Le conseguenze in molti casi sono sotto gli occhi di tutti, e come riferimento vi basti sapere che i ghiacciai alpini hanno perso 30 metri di spessore del ghiaccio dal 1997 al 2021. Tale fenomeno è coadiuvato dallo scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia, il cui contributo sta accelerando l'innalzamento dei livelli di mari e oceani. Anche qui non mancano gli esempi sul campo, come quanto accaduto nell'estate del 2021 nella stazione di Summit, in Groenlandia, dove per la prima volta ha piovuto sin da quando teniamo monitorata la situazione.

La stazione di Summit è situata sul vertice della calotta glaciale della Groenlandia ed è l'’unica stazione di osservazione così in alto da essere sempre rimasta permanentemente in mezzo ai ghiacci, o almeno lo era fino allo scorso anno. Queste le parole poco confortanti pronunciate da Petteri Taalas, segretario generale dell'OMM.

“L'Europa presenta un quadro dal vivo di un mondo in surriscaldamento e ci ricorda che anche le società ben preparate non sono al sicuro dagli impatti di eventi meteorologici estremi. Quest'anno, come nel 2021, gran parte dell'Europa è stata colpita da estese ondate di caldo e siccità, che hanno alimentato gli incendi. Nel 2021, inondazioni eccezionali hanno causato morte e devastazione"


La Terra ha la febbre ma il cambiamento sta arrivando più rapidamente in alcune parti del mondo. Dalla metà del 1800, quando le economie hanno iniziato a inquinare l'atmosfera bruciando grandi quantità di combustibili fossili, le temperature medie globali sono aumentate di 1,2 gradi Celsius. Eppure l'Europa sta registrando una media superiore di circa 2 gradi rispetto all'era preindustriale.

Ondate di caldo record, come quella sofferta dal Regno Unito lo scorso luglio, si accompagnano inevitabilmente a un'impennata dei morti tra le categorie più vulnerabili, ossia gli anziani. Le morti in eccesso in Inghilterra durante le ondate di caldo di questa estate hanno raggiunto 2.803 tra le persone di età pari o superiore a 65 anni, e come in molti ricorderanno le temperature sono salite sopra i 40 gradi Celsius per la prima volta nella storia in UK.

Il cambiamento climatico ha anche aumentato il rischio di inondazioni nell'Europa occidentale e, senza tirare in ballo eventi specifici, secondo una ricerca gli eventi piovosi nelle regioni colpite più duramente sono aumentati del 19% in intensità rispetto a come sarebbero senza gli effetti del cambiamento climatico causati dalle attività dell'uomo.

La cattiva notizia è che non si vedono miglioramenti e l'Europa è sulla buona strada per continuare a riscaldarsi a un ritmo più veloce rispetto al resto del pianeta. Qualcosa si è provato a fare e tra il 1990 e il 2020 l'Unione Europea è riuscita a ridurre del 31% le emissioni di gas serra, ma tale mossa appare davvero poca cosa rispetto all'evoluzione in negativo che stiamo riscontrando e appare evidente che gli interventi da attuare dovrebbero essere molto più profondi e radicati se vogliamo prevenire cambiamenti climatici ben peggiori.


241

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Black_Codec

Scusa era per il tizio sopra ho sbagliato e ho cliccato sul tuo commento... sorry

al3xb3rg

India e Brasile no, eh?

Developer

ma di cosa stai parlando? tornare nel medioevo? le attuali medicine usando internet?
Io parlo di spreco di risorse e inquinamento a favore dei soldi

Black_Codec

Illuminaci... Spiegami come il tuo non andare a scuola ci possa salvare... Ah si perché vi ricordo una cosa banale, le attuali medicine sono ottenute per mezzo di ricercatori cge hanno studiato in scuole recandocisi tutti i giorni e utilizzando internet e dispositivi inquinanti... Parlare senza cognizione di causa... Torniamo tutti nel medioevo dove le donne venivano regolarmente stuprate e i bambini erano costretti a fare la fame o peggio...

dicolamiasisi

se ne parla tanto ma nessuno fa niente

BlackLagoon

francamente chissene frega, il problema vero qui è il clima, non l'aria che respiri.

Rick Deckard®

Scusa ma non vedo come lavorare sull'industria escluda le auto...
Inoltre se l'Europa non è tra i paesi più inquinanti è solo perché siamo stati più bravi ad arginare le emissioni.
Comunque tieni conto che le emissioni delle auto sono quelle che respiri di più..

Rick Deckard®

In passato? Perché in passato c'erano già stati 400 anni di emissioni? Parli di Atlantide?

Davide

Non è quello il punto. Se l'alterazione da CO2 incide per l'1% sul cambiamento climatico, che ci sarebbe comune btw, non possiamo fare letteralmente nulla perché il 99% è dato da cause esogene.
Ora, siccome è altamente improbabile che la CO2 sia la componente primaria del cambiamento (perché ai livelli di oggi, in passato, si era a temperature molto più elevate), è il caso di iniziare ad abbandonare le ideologie e a guardare più in là della punta del proprio naso. La scienza vive di dubbi, non di fonte certezze.

Se ti si scalda casa, pensi sia più responsabilità del riscaldamento o del fornello accesso? Ecco. Esempio perfetto.

Alessandro

oddio, vuoi quel che vuoi ma dentro casa 18 gradi e un tasso di umidità abbastanza alto ti fanno sentire freddo oltre essere poco salutari. Ergo lo accendi eccome il riscaldamento. Non le classiche 12h, ma lo accendi.

BlackLagoon

Quello che dici non cambia il concetto che ho espresso: USA, India, Cina e Russia non solo inquinano ogni anno di più ma rappresentano loro 4 la maggior parte della CO2 immessa in atmosfera. Capisci che non è forzando gli europei a comprare auto elettriche che risolviamo il problema. Il grosso della produzione della CO2 arriva dall'industria, bisogna lavorare lì per risolvere il problema..

NotoriousNitro

Commenti interessanti oggi, l'articolo (e l'OMM) dice chiaramente che l'Europa si sta scaldando più di tutto il resto del mondo senza imputare colpe, l'utente "informato" dice che la causa sono USA e Cina... Che comunque è meglio di quello che sostiene che il cambiamento climatico è solo speculazione dei "poteri forti"

Jay

Che poi, no allevamenti intensivi, no coltivazione intensiva, ma che mangiamo?

Jay

Mado ricordo quando ci terrorizzavano per le bombolette spray e il buco Nell ozono. Poi di punto in bianco si é Smessodi parlare di buco Nell ozono

Rick Deckard®

In realtà anche la CO2 collabora al buco dell'ozono.
Ma a parte questo dettaglio anche tutte le altre conseguenze sono provate.
Ogni azione ha una conseguenza e non puoi pensare che alterare degli equilibri chimici non ne abbia..

Davide

non è un dubbio, è una reazione chimica. I CFC sottraggono un atomo di ossigeno alla molecola di ozono (O3) e scatenano una reazione a catena che dissolve appunto l'ozono.
Non ha nulla a che fare con la CO2, tant'è che i due gas sono inerti se messi assieme.

E ripeto, quella un'altra cosa che non ha nulla a che fare con l'argomento originale

Rick Deckard®

E dalla CO2 emessa..
Detto ciò anche lì c'erano e ci sono i dubbiosi.
Comunque ci sono tutte le prove, dai modelli, alle dimostrazioni matematiche, computerizzate, osservazioni satellitari, rilevamenti a terra...
Tra l'altro "profetizzati" e poi verificati negli anni.
Da dove nasce il tuo dubbio?

Davide

dimostrare ha un significato ben preciso e no, non è quello.

La correlazione è matematicamente chiara ma non dimostra assolutamente un nesso di causalità. Sarà la 100a volta che lo ripeto.

Se manca la terminologia di base non posso stare a ripetermi ogni volta, rileggi il thread

Davide

il buco nell'ozono dipenda dai CFC ed è una cosa a sè stante

Rick Deckard®

Sono studi scientifici quindi tutti dimostrano e dimostrano la stessa cosa da 30 anni.
Ci sono osservazioni satellitari, calcoli matematici e studi dei meteorologi, climatologi ecc che dimostrano la correlazione che è chiara e limpida.
Cosa non comprendi?

Rick Deckard®

Non se si parla di effetti climalteranti.
Comunque basta che guardi come cambiando alcuni gas e iniziando con le rinnovabili il buco dell'ozono abbia cominciato a ridursi lentamente..

https://uploads.disquscdn.c...

Davide

Concordare non significa dimostrare. Punto.

Rick Deckard®

Non è così.
Ci sono stati oltre 88000 studi scientifici e al 99,99% concordano sulla causa dell'inquinamento e qui parliamo di scienza. Poi ci sei tu e le tue convinzioni..

Gli unici studi scettici sono studi prodotti da non climatologi e legati alla filiera del petrolio e del gas.

Se non hai gli strumenti per filtrare le fonti e le informazioni il problema non è della scienza.

Davide

Nessuno degli studi ha definito un modello o ha capito quali variabili regolino il clima.
Se a te bastano elementi sommari per trarre una conclusione bene, ma non è scienza

Davide

L'inquinamento è una cosa, i presunti effetti a livello globale sul clima un'altra

Cyborg-N01

Ma se siamo ancora a inizio novembre e in alcune zone ha già nevicato, non viviamo in Antartide che a settembre deve fare -20°. Capita che un anno possa essere più caldo rispetto ad un altro, nulla di anormale.

Rick Deckard®

A parte che nessuno dice di tornare all'età della pietra, ma di cambiare abitudini e tecnologie...

Ad ogni modo la quantità di emissioni è calcolabile e ci sono dei modelli e simulazioni che sfruttano i big data... Insomma la cosa non è proprio empirica come credi.

Ma mettiamo anche che tu abbia ragione e tutti quelli che hanno studiato il fenomeno o mentivano o sono cialtroni, quale sarebbe la tua soluzione?
Inquinare come sempre e vedere se moriamo tutti?

Rick Deckard®

Dai ma sembri un terrapiattista.
Non è che solo tu hai fatto le elementari, ci sono dietro studi che hanno sia previsto che confermato il fatto.
Se poi tu vuoi negarlo perché ti fa comodo così è un altro discorso

P€ggiori55im0
Keep your profile private

"Siccome nel piantare alberi le multinazionali e i governi non guadagnano nulla"

GOMBLODDOH!!!!!!!

Keep your profile private
Keep your profile private
Keep your profile private
Keep your profile private
Keep your profile private
Keep your profile private
Rick Deckard®

Invece si, basta informarsi

max76

Una estate torrida come quella appena passata non c'è mai stata, la primavera e l' autunno non esistono più.
L' inverno è sempre più mite e corto.
Non puoi negare l' evidenza.

Developer

il problema é che siamo un cancro per questo pianeta. ci sono tante cose per risparmiare sulle fonti primarie e la produzione di inquinanti ma siamo animali stupidi che pensano solo al guadagno.

Giulk since 71' Reload

Puoi fare tutti i conti che vuoi, ma non puoi avere la certezza che il cambiamento climatico in atto sia dovuto solo a quello e non a causa naturali

TopperTop

certo che se per lavorare acceleri la fine del pianeta probabilmente c'è qualcosa di sbagliato.

ma son discorsi troppo grandi, io posso essere ligio sotto tutti i punti di vista ma se poi un aereo, una nave e una fabbrica in cina inquinano come 100000 persone allora sai che c'è? Me ne f0tt0

TopperTop

ovvio, si sta alzando la temperatura globale e non serve più accenderlo

TopperTop

termini e parole son sinonimi. quindi la tecnica è di cambiare le parole, o di cambiare i termini.
inoltre se si cambiano le parole (o i termini) queste poi sembreranno più innocue alle orecchie delle persone e non agli occhi essendo, per l'appunto, parole (o termini).

Davide

Te la giro diversamente: individuare un trend è facile, basta guardare ai dati. Capire quale ne sia la causa è tutt'altra cosa.

Se iniziassi a raccogliere dati sulla temperatura a dicembre scoprirei che ogni mese questa aumenta. Giusto? E che ad aprile ho temperature più alte. È quindi colpa dell'uomo? No, l'aumento è dovuto all'alternanza delle stagioni ma se non so ancora che le stagioni esistono perché i miei dati vanno da dicembre ad aprile, non posso arrivare a quella conclusione.

Ecco, uguale ma su scala più ampia.

E per la cronaca, i ghiacciai una volta nemmeno c'erano. Chi lo ha visti formarsi avrà pensato che per colpa dell'attività umana si stavano formando? Ne dubito.

Davide

Il punto non è che sia un fatto noto. Il punto è: quanto incide? Se fosse per lo 0.01% potresti anche tornare all'età della pietra e nulla cambierebbe. Finché non lo sai non puoi fare o dire nulla.

Rimanere ciecamente su un'unica strada, per quanto sbagliata si sia dimostrata finora date le previsioni sempre errare, ecco, quello è indice di ignoranza.

È come dire: la penso così e non accetto di poter pensare di avere torto. Ma questo è un approccio fideistico, non scientifico.

Rick Deckard®

Prova a chiudere il portone del garage con l'auto accesa.. soffochi in pochi minuti e non devi sgasare né stai consumando grandi quantità... Moltiplicalo per tutti
Comunque le emissioni sono scritte, basta fare i conti

Giulk since 71' Reload

Ok, ma rimane il fatto che 30 anni è un tempo piuttosto breve per avere una valutazione oggettiva, insomma ci sono metodi per riuscire a capire come era il clima anche 300 anni fà, ma di certo non sono cosi attendibili come dei sensori che monitori da 30 anni

Giulk since 71' Reload

Il punto è che non credo che l'essere umano posso fare qualcosa per evitare dei cambiamenti che magari sono naturali

Giulk since 71' Reload

Scusa ma il "non vedi" non mi sembra un metodo di paragone molto scientifico

Giangiacomo

Si, anni 70 i primi studi seri ma che non se li filava di striscio nessuno. E il problema serio sembra distante 100/200 anni.

Windows

Recensione Asus Zenbook S13, vale la pena comprare un notebook premium?

Apps

WhatsApp introduce ufficialmente gli avatar per tutti gli account

Articolo

Echo Show 15 ora è anche una Fire TV: aggiornamento disponibile in Italia!

Games

Lenovo, Legion fa sul serio! L'obiettivo è la vetta del mercato Gaming