La Polizia inglese scopre una "miniera" di Bitcoin collegata alla rete elettrica pubblica

28 Maggio 2021 36

Si aspettavano di stanare una serra clandestina di cannabis, invece gli ufficiali di polizia di Sandwell, cittadina a Nord di Birmingham, si sono ritrovati davanti a una schiera di cento computer intenti ad estrarre Bitcoin utilizzando l'elettricità pubblica.

La bizzarra scoperta risale allo scorso 18 maggio ed è avvenuta nel corso di un'irruzione degli agenti in un edificio di una zona industriale della città, dopo la denuncia di alcuni testimoni che avevano notato afflussi sospetti di persone che visitavano il lotto a ogni ora del giorno. Un drone delle forze dell'ordine ha in seguito rilevato una "notevole fonte di calore" provenire dall'unità, tipicamente associata agli impianti di illuminazione e riscaldamento utilizzati per la coltivazione della cannabis.

Le immagini della polizia, che al momento dell'arrivo nel luogo incriminato non hanno trovato nessuno, mostrano intere file di computer collegati a grandi condotti di ventilazione. Stando a quanto riporta la polizia, l'allaccio illegale della strumentazione dei minatori abusivi all'impianto elettrico è "costato" migliaia di sterline alla Western Power, l'operatore della rete di distribuzione di energia elettrica per le Midlands, l'Inghilterra sudoccidentale e il Galles meridionale.

Credits: West Midlands Police

“Certamente non è quello che ci aspettavamo - ha commentato il sergente Jennifer Griffin, a capo delle come riportato sul sito della polizia delle West Midlands - Aveva tutte le caratteristiche di un impianto di coltivazione della cannabis e credo che sia solo la seconda miniera di criptovalute che abbiamo incontrato nelle West Midlands. L'estrazione di criptovaluta non è di per sé illegale, ma utilizza chiaramente l'elettricità dalla rete di alimentazione per alimentarla".

Si sa, il processo di elaborazione delle criptovalute noto come "mining" provoca un forte impatto ambientale (uno dei motivi per cui Tesla ha sospeso la vendita delle sue automobili in Bitcoin) a causa del dispendio energetico prodotto dall'attività dei supercomputer e dai sistemi di ventilazione per evitare il surriscaldamento che vengono utilizzati.

Le stime più attendibili rivelano che l'intera rete Bitcoin utilizza la medesima quantità di energia di Paesi come Norvegia o Argentina a un ritmo di circa 143 terawattora (dati Finbold). Un consumo energetico che si somma alle emissioni di anidride carbonica che la stessa attività di estrazione di bitcoin comporta, le quali oscillano tra le 22 e le 22,9 tonnellate in un anno, stando a un report dell'Università di Cambridge e dell'International Energy Agency. Livelli che sfiorano quelli della Giordania o dallo Sri Lanka e che, se sommati alle emissioni prodotte da tutte le criptovalute esistenti (e non solo bitcoin) potrebbero risultare addirittura il doppio.


36

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Andrea

Beh tutto sommato credo siano felici anche i minatori di BTC hahahaha

Andrea

Ma lascia stare. Sono i repressi che non sono saltati sul carrozzone abbastanza presto per farci qualcosa.

Andrea

Il tuo ragionamento è anche corretto, ma è anche vero che esistono metodi ben consolidati per produrre energia in modo più o meno Green.

Lo stesso non penso si possa dire per gasolio e benzina.

Alex Neko

comunque non solo bitcoin anche le auto elettriche:

La bolletta della luce dei box auto di casa nostra è decuplicata in due anni perche' la gente si carica le auto e dobbiamo ora mettere i contatori in ogni box.

Se da noi siamo passati da 500 euro al mese a 4000 al mese figuramoci a livello planetario tra 10 anni quando peseranno i consumi delle elettriche

Giovanni Giorgi

Finché paghi non penso la compagnia elettronica si faccia problemi

Dan Morrison

Anche il numero di esordi psicotici e di sindromi da avolizione direi.

charlyk

Hai ragione, e' stato scritto male l'articolo. Se si vanno a vedere le fonti, tra cui due articoli del Guardian, parlano di 78-107 fino a 184 TWh/anno (cifra vicina al consumo totale di tutti i datacenter globali di 200TWh) e circa 90 milioni tonnellate/anno (480-500g/kW consumato) rispettivamente utilizzate e prodotte per fa funzionare la rete Bitcoin.

kiang lee

Se sei venuto in chat per dire verità lascia perdere il web/chat è solo paradiso delle minchiate....!!

Sandro

Ed ecco un cittadino napoletano ritenuto dalla cerchia dei suoi familiari "per bene", infangare il proprio popolo. Il solito disadattato a prescindere da dove vivi...COGLI1

Junior Lo

Meglio le banche vero? Hahahahahs

LuiD

Quando il mondo si deciderà a stoppare sta boiata delle criptovalute una volta per tutte sarà sempre troppo tardi.

Mattexx

Chissà che bollette salate dovrà sostenere il comune di Napoli ogni mese

Dark!tetto

Beh si, il thc è pur sempre una sostanza psicotropa che rende felici /rilassati chi ne fa uso ricreativo, aggiungi l'alto numero di coltivatori e rivenditori legali e illegali, quelli che usano il CBD a scopo terapeutico e palliativo direi che il numero di quelli felici di usarla è bello alto no?

RavishedBoy

"simpatico"?
Occhio agli ossimori!

edd

Rende felici dici?

bob sessanta

No, non è un pregiudizio.

Just.In.Time

Ancora con questi stupidi pregiudizi? #senzacervello

bob sessanta

Qualche simpatico minatore napoletano.

Samuele Maggioni
...che stando a un report dell'Università di Cambridge e dell'International Energy Agency, oscillano tra le 22 e le 22,9 tonnellate in un anno: livelli che sfiorano quelli della Giordania o dallo Sri Lanka...


non saranno milioni di tonnellate? mi pare poco 23 tonnellate di CO2 in un anno

Dark!tetto

Almeno la Ganja rende felici più persone ed è "green"...

RavishedBoy

Prima o poi bisognerà cominciare a stampare Bitcoin falsi.

pollopopo

dopo aver sequestrato il sistema verrà usato dall'inghilterra :P

supermariolino87

La gente non si fa mai i ca77i suoi!!!!

Lorenzo Milani

Il bello è che son stati beccati per le chiamate dei vicini, non per una denuncia della compagnia elettrica....

Chicco Bentivoglio

Davvero... Che poi non è che abbia scritto chissà cosa.

Mostra 1 nuova risposta

Non ho segnalato nulla ho risposto a tema. Ma oggi non si può più scherzare su nulla che si offende il creatore della storia infinita

Chicco Bentivoglio

Anche se segnalare un commento senza offesa Alcuna mi pare esagerato

Mostra 1 nuova risposta

Anche perchè se fossero state schede video sarebbe arrivata prima un orda di gamer affamati di sangue e cudacore

Mostra 1 nuova risposta

Rubare energia elettrica per mining non ti manda in galera, coltivare maria si. Ma ci sono posti in cui non si fanno problemi

L0RE15

Il risultato, se c'è Giustizia, in ambo i casi è lo stesso: la galera! Alla fine on han guadagnato un fico secco (a parte delle denunce), quindi forse era meglio se si dedicavano a qualcosa di legale (non che minare BTC sia illegale ma rubare la corrente, sì).

Mostra 1 nuova risposta

Coltivare maria rende di più, mica scemi

Chicco Bentivoglio

Strano che i partenopei non abbiano colto il business...

Gupi

Sono ASIC comunque

Andreunto

Io che avevo detto? ;)

Francesco Renato

Truffa chiama truffa, così Sandwell diventa come Napoli grazie alle criptovalute!

Alta definizione

Nuovo Digitale Terrestre e bonus TV: rispondiamo a tutti i dubbi | Replay

HDMotori.it

Come nascono le batterie: viaggio in fabbrica con Askoll e la stanza segreta

Economia e mercato

Cos'è la Blockchain: una guida semplice alla tecnologia che crea i Bitcoin | Video

Tecnologia

Recensione Xiaomi Dreame L10 Pro, il flagship killer degli aspirapolvere robot