Oscar 2021, modifiche al regolamento in ottica coronavirus

29 Aprile 2020 6

Agli Oscar 2021 potranno candidarsi film che sarebbero dovuti uscire al cinema ma che per cause di forza maggiore - vale a dire il coronavirus - sono stati rilasciati direttamente in streaming o più in generale nel mercato home video. L'ha annunciato l'MPAA nelle scorse ore, e il comunicato di accompagnamento mette bene in chiaro che questa regola eccezionale non è qui per rimanere.

L'Academy rimane fermamente convinta che non c'è modo migliore per godersi un film di andare al cinema. Tuttavia, la tragica pandemia di COVID-19 necessita di questa eccezione temporanea.

Il regolamento degli Oscar prevede che per candidarsi un film sia disponibile esclusivamente al cinema per almeno sette giorni consecutivi, con tre proiezioni al giorno, in una sala autorizzata di Los Angeles, e solo dopo arrivi nel mercato home video - che una volta significava videocassette e DVD, oggi vuol dire per lo più streaming, noleggio, download digitali e canali TV/via cavo/satellitari premium. Quest'anno, però, saltano gli schemi a causa di quarantene e divieti di assembramenti.

Questa regola è stata al centro di un dibattito piuttosto acceso negli scorsi mesi: alcuni nomi grossi di Hollywood, tra cui Steven Spielberg, ne volevano un inasprimento, per costringere le società di streaming a impegnarsi di più nella distribuzione cinematografica. Netflix e compagnia, infatti, fanno lo strettissimo indispensabile, proponendo i loro film aspiranti agli Oscar solo in una manciata di cinema in tutto il mondo, per pochissimi spettacoli e a orari di nicchia.

Alla fine il dibattito si è concluso in un nulla di fatto: l'MPAA ha deciso di mantenere il regolamento invariato. E possiamo aspettarci che finita la pandemia - speriamo vivamente già per il 2022 - tornerà ad essere quello di sempre. Con una piccola variazione: se prima, come dicevamo, il film doveva essere proiettato per forza a Los Angeles, in futuro potrà esserlo anche a New York, nella Bay Area, a Chicago, a Miami e ad Atlanta. Verranno anche riunite due categorie, ovvero Miglior sonoro e Miglior montaggio sonoro.

Il miglior Galaxy del 2020? Samsung Galaxy S20 Plus, in offerta oggi da Mobzilla a 679 euro oppure da Yeppon a 774 euro.

6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Desmond Hume

Rimane comunque più interessante di metà o 3/4 delle produzioni hollywoodiane. Ragazzi questi vogliono rifare mamma ho perso l’aereo e il principe cerca moglie...

The_Th

direi anche di no, andrebbero a vincere commedie che vendono per la semplicità, e non film di un certo livello.
Nulla contro le commedie, ma un film da oscar è altra cosa, e non sempre ha un enorme successo di pubblico, che preferisce film più di svago.

Davide Mosezon

Chissà se sarà un cambio regola definitivo

palladicuoio

Oppure considerare i film come le classifiche musicali basate su iTunes in base a quanto vengono scaricati\visti in streaming, su delle piattaforme legittime ovviamente.

LUCA_MT7, S6, MiA1,Mi9T

Non so, io avrei considerato l'idea di una premiazione al biennio.

Mobile

Recensione Google Pixel Buds 2: le vere rivali delle AirPods Pro per Android

Android

Recensione Samsung Galaxy A31: fa numero ma non graffia

Amazon

Fuori Tutto TV! Su Amazon tantissime offerte su TV da non perdere

Android

Recensione Galaxy A51 5G, la porta d'ingresso per il 5G di Samsung