Un mese con Samsung BeSpoke Jet: non chiamatelo (solo) aspirapolvere

06 Luglio 2022 90

Non ci sono più gli elettrodomestici di una volta, insinuano in molti. Per fortuna, obiettano altri. La verità è che la tecnologia, con i passi da gigante che ha compiuto negli ultimi decenni, non ha risparmiato neanche dispositivi di uso domestico come gli aspirapolveri, nel pieno di una nuova età dell'oro grazie alla ricca offerta che propone il mercato. Oltre alle prestazioni, oggi, c'è di più: la cura per i dettagli e l'estetica conferiscono un nuovo status alla scopa elettrica, che abbandona ora la clausura del ripostiglio per candidarsi a prezioso pezzo di design.

All'appello dei produttori che si impegnano da anni ad innalzare il pregio dei dispositivi per la casa non manca chiaramente Samsung, che con la BeSpoke Jet, nuovo membro dell'omonima famiglia (che ha tra i capostipiti i frigoriferi modulari noti per il design e la personalizzazione) si è davvero superata.

L'ultimo aspirapolvere top di gamma del catalogo ha fatto il suo debutto sul mercato italiano a inizio aprile e si è già conquistato un posto d'onore nell'Olimpo degli elettrodomestici. Dagli altri membri della famiglia BeSpoke non eredita solo il gusto per l'estetica - un po' meno per la caratterizzazione - ma soprattutto aspetti tecnologici notevoli. Abbiamo trascorso più di un mese in sua compagnia per testarne appieno funzionalità e prestazioni e non siamo affatto rimasti delusi, anzi (prezzo a parte).

SOMMARIO

DESIGN

Anche l’occhio vuole la sua parte, e nel caso della nuova scopa elettrica di Samsung, ne esce più che appagato: l’attenzione all’estetica, filo rosso dell’intera famiglia BeSpoke del marchio, consegna al prodotto il nulla osta per entrare a manico teso nel salotto di casa, dove si incastona decorosamente nell’arredo domestico. Le linee sono sinuose, accattivanti e aggraziate anche in presenza dell’imponente Clean Station cilindrica che, oltre a servire per lo svuotamento automatico, fa al contempo da supporto e da base di ricarica (si è affinata enormemente rispetto alla precedente proposta del marchio, peraltro da acquistare separatamente). Le colorazioni ammiccano agli esteti: il modello in nostra dotazione ha una finitura blu petrolio sobria e raffinata, ma si trova anche in verde scuro e bianco.

L’ingombro è tuttavia notevole e si percepisce soprattutto in metrature più ridotte, sebbene l'aspirapolvere ovvii al contempo l’eventuale assenza di ripostigli proprio per la sua vocazione intrinseca da oggetto da esporre, anziché da nascondere.

Colpisce il peso contenuto - di appena 1,44 chilogrammi - che batte a mani basse non solo quello della Jet 90, sorella “di punta” della famiglia (da ben 2,7 kg) ma anche della diretta concorrenza (Dyson V15 pesa circa 3 chili).

In vetta al manico scintilla un display LCD che mostra le informazioni principali, come il livello della forza aspirante (minimo, medio, massimo e Jet), l’autonomia residua della batteria, la presenza di eventuali problemi e le indicazioni su come risolverli. Quest’ultimo punto è un toccasana per chi, preso dall’entusiasmo, aspira indiscriminatamente qualsiasi cosa per poi ritrovarsi a lottare con gli oggetti incastrati nelle spazzole (alzi la mano chi non l’ha fatto almeno una volta).

SPECIFICHE TECNICHE

  • Forza aspirante di massimo 210 W
  • Autonomia fino a 120 min
  • Base di ricarica Clean Station all-in-one
  • Capacità contenitore della polvere: 0,5 litri
  • 2 batterie incluse
  • Accessori: spazzola lavapavimenti, spazzola Jet Dual, spazzola Mini Turbo, mini spazzola, lancia allungabile, accessorio flessibile

PRESTAZIONI E AUTONOMIA

Lode al design, sì, ma le prestazioni non sono da meno. Sotto la scocca della Bespoke Jet si muove un motore con una potenza di aspirazione a quattro livelli che varia dai 18 ai 210 W (in modalità Jet), e che fa davvero bene il proprio lavoro.

L’autonomia della batteria è commisurata, chiaramente, all’intensità di aspirazione: impostando la potenza minima, l’azienda promette fino a 60 minuti di utilizzo ininterrotto della scopa elettrica, che non sono del tutto veritieri ma comunque sufficienti (ci si affida in questo caso al timer che indica la carica residua). Alternando la modalità intermedia a qualche “botta” di Jet nei punti più critici si arriva a una ventina di minuti d’utilizzo, che diventano la metà se si utilizza solo la massima potenza. Il prodotto ha in dotazione una seconda batteria che porta, sempre stando a quanto dichiara l'azienda, a 120 minuti l'autonomia complessiva del dispositivo e che può essere ricaricata contemporaneamente alla principale in un’altra postazione di ricarica. A dirla tutta, torna davvero utile.

Quanto alle performance, bisogna ammetterlo, questa scopa elettrica aspira davvero bene: non si lascia intimidire da terra, peli di animali domestici, lana dei pioppi e neanche dalle infide foglioline che affollano il balcone nelle giornate ventose. In modalità Jet, poi, supera le attese.

ESPERIENZA D'USO E MANEGGEVOLEZZA

L’impugnatura a pistola della BeSpoke Jet la rende maneggevole ed ergonomica anche in assenza del “classico” grilletto: sul retro, sotto al display, è posizionato il pulsante d’accensione e spegnimento - scortato dai livelli di regolazione dell’intensità - che ha il pregio di non dover essere mantenuto premuto durante l’utilizzo. Una comodità da non trascurare, che paga soprattutto nelle sessioni prolungate di pulizia e non è affatto scontato da trovare sulla concorrenza.

La BeSpoke Jet, come anticipavo, è piuttosto leggera. In caso di attività intensa e di lunga durata, però, il polso ne esce leggermente affaticato, complice la difficoltà a cambiare traiettoria che si riscontra impugnando il manico con una sola mano. Il che non mi sorprende del tutto, in quanto denominatore comune di numerose aspirapolveri wireless con batterie rimovibili - la cui distribuzione del peso è spesso poco bilanciata - ma che non è ottimale per braccia esili come le mie, che necessiteranno qualche pausa defaticante in più.

Buona la flessibilità del manico, che le permette di spingersi con agilità sotto mobili, divani e letti eliminando anche la polvere più insidiosa. Degna di menzione anche la possibilità di estendere il tubo metallico principale, che si può regolare a seconda delle necessità e dell’altezza con sommo gaudio della nostra schiena.

TANTI ACCESSORI IN DOTAZIONE

La base di ricarica e svuotamento non è chiaramente l’unico elemento presente in confezione: al suo interno troviamo anche un piccolo supporto multifunzione che si abbina per design alla nave ammiraglia e raggruppa tutti gli accessori che la accompagnano. Tra questi, un caricabatterie secondario e differenti terminazioni, come la spazzola lavapavimenti con panni in microfibra che avevamo già visto con il Jet 90 e che non è affatto da sottovalutare, sebbene sia lontana dalle prestazioni del caro, vecchio mocio.

Si tratta di oggetti in più, è vero, ma l’ingombro dello stand è minimo e trova posto agilmente.

POLVERE, QUELLA SCONOSCIUTA

Con la promessa, strappata all’azienda sudcoreana, di dimenticarci della polvere una volta accolta la BeSpoke Jet tra le mura di casa, le aspettative erano al massimo. E non sono state disattese: al termine dell’aspirazione entra in gioco il dock polifunzionale, uno dei componenti più interessanti del prodotto, che “divora” la polvere accumulata nel serbatoio (da 0,5 litri) dopo aver ricevuto l’input in pochi secondi e senza che si debba avere il minimo contatto con essa (al netto di quello meramente visivo, essendo il contenitore trasparente), oltre a provvedere alla ricarica della batteria. Il sistema di filtri a cinque livelli promette, inoltre, di ridurre del 99,9% i batteri e gli elementi allergenici.

Non mi ha entusiasmato la presenza del sacchetto tradizionale usa e getta, che ha tuttavia una buona capienza (2 litri) e non necessita di essere sostituito costantemente. Nel mio caso, dopo un mese di utilizzo vigoroso dell’aspirapolvere, non è ancora arrivato quel momento.

PREZZO E CONCLUSIONI

Arriviamo ora al dunque, ovvero al temuto listino che, più che polveroso, è davvero salato: il prezzo di partenza dell'ultima arrivata di casa Samsung è di 1.149 euro (l’offerta di lancio, circoscritta alla settimana di pre-order, aveva levigato il costo portandolo a 999 euro con le Galaxy Buds Live in regalo, ora si trova più o meno a questa cifra su venditori terzi come Amazon, v. sotto). L'azienda concede ai consumatori anche l'opzione della rateizzazione (circa 38 euro al mese per 30 mesi), che ammortizza l'esborso ma che, alla fine, grava in egual modo sul conto. Chiaro, con la Bespoke Jet l'azienda ha voluto alzare ulteriormente l'asticella, rendendolo un aspirapolvere premium di grande pregio estetico e prestazionale. Un prezzo così elevato rischia però di diventare appannaggio di una categoria ristretta di consumatori.

Tirando le somme, chiamare "scopa elettrica" l'ultima proposta di Samsung per la categoria è riduttivo: è ottima, efficiente, precisa e anche molto gradevole esteticamente (i colori sono bellissimi). Non si tratta, chiaramente, dell'unico aspirapolvere wireless autopulente in circolazione, ma la Clean Station funziona molto bene e resiste più di un mese senza essere svuotata, oltre a sposarsi elegantemente con l'ambiente circostante. Non ho particolarmente apprezzato i sacchetti usa e getta per la raccolta dei rifiuti, una modalità tipica degli aspirapolveri più datati, ma si tratta pur sempre di un elemento di secondaria rilevanza e pressoché inevitabile in casi come questi. Se fosse stato riutilizzabile, diciamocelo, sarebbe forse stato più scomodo, ma più sostenibile.

Ottime le prestazioni in aspirazione, anche per pulizie meno accurate al minimo della potenza, un po' meno l'autonomia, che non è molta (soprattutto se "stressata" dalla modalità Jet) ma che viene compensata dalla seconda batteria. Faticoso, almeno per quel che mi riguarda, un suo utilizzo prolungato: il peso è sì contenuto, ma è pur sempre superiore a quello di molte proposte di fascia inferiore (penso alla Omni-Glide di Dyson), che si addicono maggiormente alla mia fisicità.

Al netto di questi cavilli, ci troviamo di fronte a una proposta davvero interessante e ben realizzata, anche se decisamente costosa, che mi ha dato soddisfazioni e mostra il chiaro intento del produttore: rivoluzionare la percezione degli elettrodomestici ed elevarli a qualcosa di più di semplici attrezzi per l'uso casalingo.

DESIGN PRESTAZIONI IN ASPIRAZIONEMANEGGEVOLEZZAFLESSIBILITÀ
PREZZO ELEVATOSACCHETTO USA E GETTAPESO CONTENUTO MA IMPATTANTE NELLE LUNGHE SESSIONI
Lo Smartphone 5G migliore rapporto qualità/prezzo? Redmi Note 9T, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 194 euro oppure da Amazon a 239 euro.

90

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Roberto

Che è sto partner rewards?

Yanav Jiqoike

Si.

andrewcai

vai nei ricambi del v15, compri corpo macchina, serbatoio, filtro, batteria e con circa 250€ hai il v15 usando le spazzole che hai già

uncletoma

quello si

massimo mondelli
L' Amore pensato

dimmi pure

SubSurfaceStuttering
TheAlabek

Cos'è vuoi un datasheet?

TheAlabek

Se vuoi la qualità devi spendere, costa meno di questo samsung

Si vero, ha un minimo senso solo perché si butta meno spesso.
Ho appena preso la Jet 75 Easy (e cerco disperatamente la spazzola motorizzata per divani/materassi che sembra introvabile in Europa)

Tranquillo non è un problema quello, un sacchetto lo cambi 1 volta ogni due mesi quindi "lo sbattimento" è infinitamente ridicolo. Parlo da possessore del modello precedente 75 Jet Premium. Una bomba. Pagato molto meno di tanti altri top di gamma.

andrewcai

se vuoi ti spiego il trucco per fare un upgrade a basso costo

andrewcai

si e poi?

andrewcai

avendo il serbatoio hai un sacchetto più grande, semplice

Carplay o CarlPei?

Vi giuro che non è sponsorizzato!!! Ve lo giuro!!!! Penche non mi credeteeeeee!!!!

uncletoma

che sui prodotti hoover non fa assistenza

uncletoma

costa moooooooooooolto di più.
pare non siano male le Xiaomi, ma poi l'assistenza?
perché il problema alla fin fine è quello :(

ADM90

Io comunque compro solo su Amazon.

uncletoma

Il problema delle Hoover è l'assistenza, io ho risolto scannando quelle di Amazon (mi faccio mandare il prodotto, prendo il pezzo che mi serve, metto dentro il pezzo guasto, faccio il reso)

Della_Morta

Ma la Jet75 non costa così tanto. Considera che su Samsung Partner Rewards ogni tanto fanno sconti ai prodotti già scontati, e ti permettono di aggiungerci pure coupon del 10/15%. E tutto questo è pure compatibile con le promozioni di Samsung Members. Se capiti nel momento giusto ti porti a casa veramente delle botte di ciulo pazzesche: nel mio caso entrambe le spazzole (parquet e turbo), altre volte regalavano il cesto autoaspirante. Le Bespoke ora stanno a 700€. https://uploads.disquscdn.c...

ZiuZiu

ultimamente non sanno più cosa fare...e ci propinano ste robe assurde!

ZiuZiu

wow chissà quante pulizie avrete fatto in un mese!!! La prossima volta avvisatemi prima che vi lascio il mio ufficio da pulire ahaahah

Sir Lipton Icetea

lo stanno chiamando in causa tutti...

Sir Lipton Icetea

ci fossero state anche delle motivazioni tecniche a quello che dici, avrei preso il tuo commento piu' seriamente

Sir Lipton Icetea

siamo in due

Sir Lipton Icetea

sembra la bombola dell'ossigeno

Ikaro

Non c'è solo la puttenza, ti consiglio un "test drive" per farti una idea... fermo restando che, ripeto, non parlo del singolo prodotto dell'articolo ma della categoria, poi ognuno è liberissimo di spendere i suoi soldi come vuole... 1000e per una aspirapolvere qualcuno può ritenerli ingiustificati, qualcuno no

eberg93
Della_Morta

Sito Partner Rewards, quando facevano il 10% di sconto sui prodotti già in promozione.

Gupi

aspira, lava e stira

Ikaro

Non parlo per il prodotto specifico ma per i prodotti a questi prezzi, se hai una casa grande che magari che si inzozza spesso (campagna, fuori dentro dal giardino) gestirla con una aspirapolvere di un certo livello è tutto un'altra cosa...

Ok questa non ha senso per via del prezzo, ma parliamo un attimo della clean station che si trova anche a 170€.
Io sono uno di quelli che la comprerebbe, perché so cosa vuol dire svuotare il serbatoio, con la bella nuvoletta delle polveri più sottili che tornano in circolo. Proprio quelle che era più importante eliminare.

Ma dico io, hanno tolto il sacchetto dagli aspirapolvere e te li ritrovi nella clean station, quindi dovendo pagare anche un coso in più. Assurdo.

L' Amore pensato

ma aspira anche lei?

Ma che tempo ti fa risparmiarmiare? Fosse un robot capirei.
Il tempo dello svuotamento? Basta la clean station che costa 170€.

Jet 75 a 210€ sul sito Samsung?? Quando e come?

Gupi

ci pago 100 ore di donna delle pulizie in nero

Giorgio

Ormai il marketing ed i marchettari che propinano gli articoli hanno fottuto il cervello alle persone :D

Franco Ricciardi

A quei livelli Dyson a mani basse

ADM90

Io avevo comprato la rowenta air force nel 2020 durante il lockdown. Per aspirare aspira ma la tecnologia è diversa rispetto a quella a traino (manca l’effetto ventosa).
Mia nonna ha una scopa elettrica hoover (tipo dyson) da due anni e si trova bene… anzi dopo due anni tiene ancora la batteria (inizialmente garantiva 30 min ora sta sui 20 min)

TheAlabek

Infatti direi che c'è dyson

HeySiri

La pigrizia si paga

L' Amore pensato

era in offerta dappertutto a 399 in questi giorni, lo posseggo anche io ma quasi quasi me prendevo un altro di scorta a quel prezzo

L' Amore pensato

c'è la dock per la ricarica ovviamente se intendevi questo , nel caso ci sono i ricambi per le batterie, ma la batteria del dyson v10 che b possiedo dopo 5 anni non ha perso potenza

uncletoma

hoover non è meglio, anzi ;)

uncletoma

io il contrario: da traino samsung a scopa elettrica hoover (che, poi, è in mano ai cinesi di Haier, il peggio del peggio)

Ansem The Seeker Of Lossless

Esatto, ero stato anni fa alla fiera millenaria di gonzaga. C'erano almeno due stand dedicati ai folletto di 20 anni fa.

Samsung Jet 75 Premium e vai col tango

Android

Recensione vivo X80 Pro: probabilmente il miglior camera phone Android del 2022

Alta definizione

Recensione Sony LinkBuds S: le cuffie TWS piccole e potenti

Android

Recensione Nothing Phone (1): buona la prima | Video

Android

Recensione OnePlus 10T: gaming e ricarica rapidissma su tutto