Amazon eero è ora compatibile con Apple HomeKit per una smart home più sicura

26 Febbraio 2020 5

Eero, il sistema WiFi mesh acquisito da Amazon lo scorso febbraio e già disponibile all'acquisto in Italia da alcuni mesi, è ora compatibile anche con Apple HomeKit.

Uno dei vantaggi di questo tipo di soluzioni sta, oltre che nel fatto di garantire una copertura di rete ottimale in spazi anche molto estesi (grazie alla loro natura modulare),  proprio nella facoltà di migliorare l'esperienza della smart home e di aggiornarsi, incrementare nel tempo le prestazioni, le opzioni d'uso e quelle relative alla sicurezza.

E l'integrazione con Apple HomeKit va proprio in questa direzione, offrendo la possibilità di proteggere i dispositivi connessi ad HomeKit e di gestire le autorizzazioni relative. Il sistema eero è in grado di schermare tramite un firewall ciascuno degli accessori HomeKit supportati, impedendo a questi di comunicare con altri dispositivi collegati alla rete domestica e servizi Internet non autorizzati.


Sarà inoltre possibile modificare e personalizzare le impostazioni di sicurezza di ogni accessorio HomeKit, a seconda delle proprie preferenze. Come? Basterà utilizzare l'app Apple Home sul proprio dispositivo iOS per poter selezionare, relativamente ad ogni accessorio, uno dei tre diversi livelli di sicurezza:

  • Automatico: consente a un accessorio di comunicare con i dispositivi e i servizi approvati dal produttore, impedendo l'accesso da parte di servizi non autorizzati.
  • Ristretto alla Casa: consente a un accessorio di comunicare solo con HomeKit sui dispositivi Apple. Sarà possibile gestire i propri accessori tramite l'app Apple Home, ma ciò potrebbe ridurre alcune funzionalità, come gli aggiornamenti del firmware.
  • Nessuna restrizione: consente a ogni accessorio di comunicare con ogni dispositivo della casa e ogni sito web o servizio Internet, come altri dispositivi connessi alla rete di casa.

 

L'integrazione con HomeKit deve essere prima configurata tramite un semplice passaggio: sarà sufficiente aprire l'app eero per iOS e selezionare la tab Scopri per cominciare la configurazione, aggiungendo i propri dispositivi eero all'app Home e configurando poi la sicurezza di ciascuno degli accessori abilitati per HomeKit.

Questa nuova funzionalità è supportata da tutti i dispositivi eero e eero Pro con eeroOS 3.18.0 o successivi, e può essere configurato utilizzando eero iOS app 3.1.0 o successive.

Ovviamente per poterne fruire, oltre a un dispositivo eero occorrerà avere anche un iPhone o iPad e un HomePod, oppure una Apple TV o un iPad configurati come Home Hub.

Commento di HDblog -  Nonostante l'aggiornamento che introduce il supporto ad Apple HomeKit, teniamo a precisare che il sistema di Router Mesh non sembra aggiungere nulla a quello che già troviamo in commercio da anni e realizzato da Netgear (Orbi), Google (Wi-Fi), D-Link, Tp-Link, Asus e altre aziende. I nuovi Router eero non sono infatti Wi-Fi 6, non hanno una copertura migliore, sfruttano tecnologie non nuovissime e hanno un prezzo non particolarmente concorrenziale. In attesa di poterli comunque provare per capire le eventuali potenzialità software, difficile preferirli ad altre soluzioni analoghe già acquistabili a prezzi anche inferiori (e non di poco).


5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Srnicek

Alt, tu hai parlato di sveglia e notifiche, il parlato è un altro discorso.

Garrett

OK, prova a mettere della musica al massimo volume.
Poi prova a chiedere qualcosa e vediamo se l'audi del parlato segue o meno quello della musica.

Srnicek

Veramente lo sono, l'audio delle sveglie e delle notifiche è separato da quello multimediale, su tutti e tre gli Echo che ho in casa (normale, Spot e Input).

Garrett

Amazon echo.

Quello che ha la sveglia e le notifiche non differenziate dal resto dei contenuto(musica, info o altro)?
Un livello di audio per tutti.

Mi auguro che gli sviluppatori abbiano tra i 5 e i 10 anni.

Andrea Ciccarello

Speriamo che arrivi l’integrazione anche per altri router

Windows

Migliori Notebook, Portatili e UltrabooK: i top 5 fino a 600 euro | Luglio 2020

Tecnologia

Intervallo | Red Mirror: il futuro della tecnologia si scrive in Cina

Android

Recensione LG Velvet: il nuovo design ci piace ma serve un rinnovamento software

Motorola

Recensione Motorola Moto G PRO, tanta autonomia e pennino integrato!